ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Greatest Showman

    THE GREATEST SHOWMAN

    Aggiornamenti freschi di giornata! (17 Dicembre 2017) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Ore 15:17 - Attacco al treno

    ORE 15:17 - ATTACCO AL TRENO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (17 Dicembre 2017) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    The Post

    THE POST

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Dicembre 2017) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    A Rainy Day in New York

    A RAINY DAY IN NEW YORK

    New Entry - Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova .... [continua]

    La signora dello zoo di Varsavia

    LA SIGNORA DELLO ZOO DI VARSAVIA

    Ancora al cinema - Uno zoo può rappresentare una via di salvezza, soprattutto quando .... [continua]

    Flatliners - Linea mortale

    FLATLINERS-LINEA MORTALE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - In teoria si sarebbe dovuto trattare di un .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Suburbicon

    SUBURBICON

    Tra i più attesi!!! - Dal 6 Dicembre - RECENSIONE - Dalla 74. Mostra del Cinema di Venezia - Commedia nera per il regista George Clooney e co-sceneggiatore con Grant Heslov e i fratelli Coen. Al centro della storia c’è una famiglia consumata dal ricatto, dalla vendetta e dalla violenza che vede protagonisti Matt Damon, Julianne Moore e Oscar Isaac

    "George e io abbiamo sviluppato la sceneggiatura basandoci sugli avvenimenti che si verificarono a Levittown, Pennsylvania. Nel corso delle nostre ricerche, George ha scoperto un documentario del 1957 intitolato 'Crisis in Levittown', la vera storia di quello che successe quando William e Daisy Meyers divennero la prima famiglia afroamericana a trasferirsi a Levittown"
    Il co-sceneggiatore Grant Heslov

    "Il Governo aiutava i veterani ad acquistare una bella casetta con un garage e un giardino. Potevi trovare un buon lavoro, avere un bel vicinato e crearti una famiglia, se eri bianco. La cosa divertente è rimuovere quella patina della perfetta vita casalinga e vedere quanto le cose possono degenerare... Il giorno stesso in cui i Meyers arrivarono, il postino credette che la sig. Meyers fosse la domestica e le chiese se la sig. Meyers era in casa. Quando lei rispose di essere proprio la sig. Meyers, il postino continuò il suo giro casa per casa chiedendo a tutti. ‘Avete incontrato i vostri nuovi vicini?’ Prima di sera si erano radunate circa 500 persone che gridavano insulti razziali, sventolavano bandiere confederate e davano fuoco a una croce... Tutti guardano nella direzione sbagliata. Vogliono credere al mito che non è mai successo niente di male prima che arrivassero le minoranze. Quando guardiamo indietro nel tempo, quando l’America era grande, dobbiamo ricordare che non era così grande per molta gente. Questo è un discorso sempre attuale"
    Il regista, co-sceneggiatore e co-produttore George Clooney

    (Suburbicon; USA 2016; Black Comedy; 105'; Produz.: Silver Pictures/Smokehouse Pictures/Black Bear Pictures; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Suburbicon

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Suburbicon

    Titolo in lingua originale: Suburbicon

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2017

    Regia: George Clooney

    Sceneggiatura: George Clooney, Grant Heslov, Ethan e Joel Coen

    Soggetto: Un misterioso noir ambientato negli anni Cinquanta. Ovvero, "le azioni di un gruppo di persone apparentemente comuni arrivano a rispecchiare spiritosamente il lato migliore e quello peggiore della natura umana".

    Al centro della storia c’è una famiglia consumata dal ricatto, dalla vendetta e dalla violenza.

    Cast: Matt Damon (Gardner Lodge)
    Julianne Moore (Rose Lodge/Margaret)
    Oscar Isaac (Roger)
    Glenn Fleshler (Ira Sloan)
    Megan Ferguson (June)
    Michael D. Cohen (Stretch)
    Jack Conley (Hightower)
    Carter Hastings (Peterson)
    Gary Basaraba (zio Mitch)
    Noah Jupe (Nicky)

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Jenny Eagan

    Scenografia: James D. Bissell

    Fotografia: Robert Elswit

    Montaggio: Stephen Mirrione

    Effetti Speciali: Brendon O'Dell (supervisore)

    Makeup: Julie Hewett (direttrice); Randi Mavestrand, Richard Redlefsen e Ellen Vieira

    Casting: Ellen Chenoweth

    Scheda film aggiornata al: 14 Dicembre 2017

    Sinossi:

    In breve:

    A Suburbicon, comunità periferica di sorridenti e giovani famiglie nel cuore degli Stati Uniti, nel 1957 i Lodge vivono un'esistenza tranquilla fino a quando un'irruzione domestica degenera e provoca la morte della madre del piccolo Nicky. Da quel momento in poi una serie di eventi scatena una catena di tradimenti, adulteri e ricatti, che portano Nicky a tentare di dare un senso alle macchinazioni strane ed egoistiche degli adulti. La sua curiosità però minaccia i tentativi del padre di riportare ordine in casa, facendo passare quasi in secondo piano la mobilitazione dell'intera comunità contro l'arrivo della prima famiglia nera.

    Short Synopsis:

    A crime mystery set in the 1950s.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Si riconosce subito una black comedy in 'stile Coen'. E Suburbicon non fa eccezione. Il fatto che sia diretta da George Clooney (Good Night and Good Luck, Le idi di Marzo, Monuments Men) non contraddice il punto, semmai lo rafforza. Non è certo un mistero che l'asse Clooney-Coen si collochi da tempo sulla stessa armonica lunghezza d'onda. Si dice di punti di vista condivisi, in amicizia tanto quanto nel tocco di stile di un certo cinema. Amano incrociarsi sui vari progetti, sia sul piano della recitazione che su quello dell'elaborazione, stilistica e di confezione. Nel poker d'assi in e per la celluloide rientra anche Grant Heslov da tempo memorabile in coppia fissa con George Clooney, in particolare per sceneggiatura e produzione. Un sodalizio in carne ed ossa, sostenuto dalla spina dorsale della Smoke House Pictures, la loro casa di produzione che cavalca gli anni inanellando un successo dopo l'altro. Perciò

    non sorprende affatto vedere in Suburbicon una sceneggiatura firmata ad otto mani: George Clooney qui anche regista, appunto, l'immancabile Grant Heslov, con gli inossidabili Ethan e Joel Coen. Un progetto 'in famiglia' dunque, per così dire. Una famiglia peraltro allargata, che vede primo protagonista un altro amico e collega e non solo dell'entourage degli Ocean's, come Matt Damon, mai calato prima d'ora in un personaggio della stazza tanto squallidamente torbida come il suo Gardner. Un personaggio si direbbe psicopatico, ferocemente crudele e cinico, a dispetto del suo ferreo autocontrollo e compresso comportamento. Un personaggio del tipo 'la quiete prima della tempesta', insomma, che dà il là allo humour nero di Suburbicon.

    Suburbicon, appunto. La cittadina ridente e tranquilla, ordinata e... 'socialmente amabile', di quelle raccomandabili a chiunque, in ogni dove. Con una piccolissima clausola a fondo pagina: basta solo essere di pelle bianca. Il che giustifica il tocco leggiadro degli

    inizi cavalcato in una sorta di corto animato, per l'appunto su carta - trattasi ovviamente di una scelta stilistica ben precisa, nel senso 'su carta ma non di fatto' - mentre la suadente voce narrante di un ipotetico agente immobiliare decanta le meraviglie della location. Quel che più tardi scopriremo essere un immenso paradosso, per altri versi e in altri tempi già scoperto nella Seahaven del The Truman Show di Peter Weir che qui aleggia sulla Suburbicon di George Clooney & Co. come una citazione sotterranea, sull'onda di una condivisione concettuale. L'apparente patina di perfezione è costruita difatti, in entrambi i casi, sulla finzione, sulla mancanza di autenticità. Nel caso di Suburbicon basta veder spuntare una nuova famiglia di vicini per dare inizio allo scoperchiamento di vere e proprie pentole in ebollizione. Eh si, perché i Meyers, una coppia con un bambino, sopraggiunti ad abitare lì, hanno un difetto inaccettabile

    per gli abitanti di Suburbicon. Sono di pelle nera e ci troviamo all'altezza degli anni Cinquanta, là dove le annose diatribe interraziali montavano come la panna. Il The Help(2012) di Tate Taylor docet. E dunque neppure riguardo a questo, purtroppo, si è trattato di finzione, ma di una realtà dei fatti: Suburbicon si ispira per l'appunto agli eventi occorsi nella cittadina di Levittown nel 1957 con il trasferimento della prima famiglia afroamericana. Ovvio il sottotesto di marca politica che ammicca a certe decisioni e scelte nei confronti dell'innalzamento di muri-argine per le attuali ondate migratorie con tutto quel che ne consegue.

    Eppure, tutto questo non rappresenta che la carta regalo che avvolge tutto il pacchetto. Dentro il pacchetto ci sta la famiglia di cui il Gardner di Matt Damon è a capo, con moglie, bambino e una cognata in aiuto alla complessa situazione. Situazione di cui verremo messi a conoscenza

    in circostanze come dire, non di ordinaria amministrazione. E' qui che entra in campo una superlativa Julianne Moore giocando straordinariamente al raddoppio con la complicità dei miracoli della digitalizzazione. La vediamo sbucciare fagioli sotto il porticato di casa, mentre interpreta contemporaneamente nello stesso fotogramma, nel contrastante look, in biondo e in castano scuro, le due sorelle gemelle protagoniste di questa 'black, black, comedy'. La bionda è la madre del bambino, e l'altra, opposta anche nel carattere oltre che nel look, è l'amorevole sorella che ha motivo di starle vicino per più ragioni, come di lì a poco abbiamo modo di scoprire. Anche il black gioca al raddoppio qui, dominando indubbiamente la comedy, ma il divertimento serpeggia sottile e discreto mentre apporta il vitale flusso sanguigno a quella irresistibile dinamica portante per cui 'facciamo che i loschi e indegni figuri si facciano fuori da soli'. Se solo ricordate il Burn After

    Reading - A prova di spia (2008) - per il quale i fratelli Coen avevano chiamato a raccolta per l'appunto George Clooney, in quel caso come interprete, affiancato dal blasonato staff di star tra cui Brad Pitt, Tilda Swinton, Frances McDormand, John Malkovich, Richard Jenkins, J. K. Simmons, che non hanno disdegnato fare gli scemi divertendosi a loro volta da matti - riconoscerete senza alcuna difficoltà il marchio di fabbrica: 'lasciamo che si annientino da soli'. Ed è questa la parte più divertente anche di Suburbicon che chiude alla grande con un finale immenso per sfumature, significati e bellezza, estetica e di sentimenti. Una 'bomba atomica' fatta esplodere sulla finta patina apparente di ipocrisie e preconcetti che non misconoscono feroce violenza, per far sopravvivere tutta l'innocenza e la verità a cui il Suburbicon di George Clooney vuole lasciare l'ultima parola nell'ultimo, straordinario fotogramma. Che dire! Il tandem Clooney-Coen colpisce ancora

    e centra il bersaglio senza sentire la necessità di reinventarne lo stile. Uno stile d'altra parte più che consolidato e pur sempre efficace.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)

    Trailer (versione originale):

    Pressbook:

    Pressbook Completo in Italiano di SUBURBICON

    Links:

    • George Clooney (Regista)

    • Matt Damon

    • Julianne Moore

    • Oscar Isaac

    1 | 2

    Galleria Video:

    Suburbicon - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La ruota delle meraviglie

    LA RUOTA DELLE MERAVIGLIE

    Nel nuovo film di Woody Allen per la prima volta anche Kate Winslet, affiancata da .... [continua]

    Suburbicon

    SUBURBICON

    Tra i più attesi!!! - Dal 6 Dicembre - RECENSIONE - Dalla 74. .... [continua]

    Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive

    BAD MOMS 2 - MAMME MOLTO PIÙ CATTIVE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Dicembre

    "Nel primo film l'idea era: mi piace ....
    [continua]

    Loveless

    LOVELESS

    Dal 70. Festival del Cinema di Cannes - Dal 6 Dicembre .... [continua]

    Seven Sisters

    SEVEN SISTERS

    RECENSIONE - Dal 35° Torino Film Festival - L'attrice Noomi Rapace si fa in .... [continua]

    Assassinio sull'Orient Express

    ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS

    RECENSIONE - Kenneth Branagh dirige e interpreta (il mitico investigatore belga Hercule Poirot) il remake .... [continua]

    Gli eroi del natale

    GLI EROI DEL NATALE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 30 Novembre .... [continua]