ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Le verità

    LE VERITA'

    Aggiornamenti freschi di giornata! (14 Settembre 2019) - Film d' Apertura alla 76. .... [continua]

    Turn of Mind

    TURN OF MIND

    New Entry - Annette Bening e Michelle Pfeiffer le protagoniste di questo psycho-thriller tratto .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76Tra i più attesi!!! - Dal 3 .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Risorto

    RISORTO: STORIA DELLA RESURREZIONE DI GESÙ ATTRAVERSO GLI OCCHI DEL TRIBUNO ROMANO CLAVIUS (JOSEPH FIENNES)

    RECENSIONE - Dal 17 MARZO

    "Volevamo fare qualcosa di completamente diverso, perciò per Risorto ho valutato l’idea di un romanzo a tratti poliziesco. Volevamo ottenere un film epico su larga scala, ma narrato secondo il punto di vista di un singolo personaggio... Una delle sfide dell’interpretazione di Yeshua è che non ha molti dialoghi sul copione. Ecco perché avevamo bisogno di qualcuno che potesse manifestare la presenza di Gesù senza necessariamente farlo verbalmente... Cliff (Curtis) proviene dalla scuola di Robert De Niro, e parte della sua performance in 'Risorto' era priva di dialoghi. Tacendo sul set, Curtis ha sviluppato qualcosa interiormente che ha catturato i personaggi degli Apostoli: e credo che appaia sullo schermo"
    Il regista e co-sceneggiatore Kevin Reynolds

    (Risen; USA 2015; Biblico; 108'; Produz.: LD Entertainment/Patrick Aiello Productions/Affirm Films/Columbia Pictures; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Risorto

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Risorto

    Titolo in lingua originale: Risen

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Kevin Reynolds

    Sceneggiatura: Kevin Reynolds e Paul Aiello

    Soggetto: Storia di Paul Aiello.

    Storia della Resurrezione di Gesù attraverso gli occhi del tribuno romano Clavius.

    Cast: Joseph Fiennes (Clavius)
    Tom Felton (Lucius)
    Maria Botto (Maria Maddalena)
    Cliff Curtis (Jeshua-Gesù)
    Stephen Hagan (Bartolomeo)
    Peter Firth (Ponzio Pilato)
    Frida Cauchi (Maria)
    Antonio Gil (Giuseppe di Arimatea)
    Mark Killeen (Antonio)
    Jan Cornet (Tommaso)
    Mish Boyko (Giovanni)
    Stewart Scudamore (Pietro)
    Andy Gathergood (Quinto)

    Musica: Roque Baños

    Costumi: Maurizio Millenotti

    Scenografia: Stefano Maria Ortolani

    Fotografia: Lorenzo Senatore

    Montaggio: Steve Mirkovich

    Effetti Speciali: Stefano Corridori (supervisore)

    Makeup: Rubén Samos

    Casting: John Hubbard, Camilla-Valentine Isola ed Edward Said

    Scheda film aggiornata al: 08 Aprile 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Risorto è l’epica storia a sfondo biblico della Resurrezione, raccontata attraverso gli occhi di un non credente. Clavio (Joseph Fiennes), un potente tribuno militare romano, e il suo aiutante, Lucio (Tom Felton), hanno il compito di risolvere il mistero di ciò che è accaduto a Gesù (Yeshua il nome ebraico nel film) nelle settimane seguenti la crocifissione, al fine di smentire le voci che il Messia sia risorto, ed evitare una rivolta a Gerusalemme.

    SYNOPSIS:

    Follows the epic Biblical story of the Resurrection, as told through the eyes of a non-believer. Clavius, a powerful Roman Military Tribune, and his aide Lucius, are tasked with solving the mystery of what happened to Jesus in the weeks following the crucifixion, in order to disprove the rumors of a risen Messiah and prevent an uprising in Jerusalem.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    "L'idea del film è che c'è assoluta necessità da parte dei romani di recuperare il corpo di Cristo per dimostrare che la storia della Resurrezione è un imbroglio. Caifa conosce la verità, ossia che le guardie sono state sorprese da un evento straordinario e cerca di cambiarla e controllarla con Pilato. Forse è una novità rispetto alle Scritture ma a me interessa molto il fatto che Crocifissione, Resurrezione e Ascensione vengano viste attraverso lo sguardo di un non credente".

    E' quanto dichiarato da Joseph Fiennes a Roma in occasione della presentazione alla stampa del Risorto diretto da Kevin Reynolds (Robin Hood-Principe dei ladri, Waterwold, Montecristo). Presentazione cui ha avuto seguito l'incontro in Vaticano con Papa Francesco. E come poteva essere diversamente? In prossimità della Pasqua un film su Crocifissione, Resurrezione e Ascensione non passa inosservato. E stranamente, ma molto opportunamente, Jeshua - Jeshua ben Joseph è il nome originale in aramaico

    di Gesù, come tutti ben sanno - è un personaggio poco presente nel film, fisicamente parlando. Precisarlo è fondamentale, perché questo Risorto esce dalle coordinate di tutti i precedenti biblici che conosciamo, pur mantenendone le assi portanti, evitando comunque ogni possibile deragliamento. E di licenze se ne prende parecchie. A dire il vero non tutte con una logica ben precisa (vedi il Barabba ucciso da Clavius/Fiennes per strada con la spada), se non quella, credo, di sfumare i contorni di dettagli narrativi ininfluenti rispetto al focus della pellicola: l'Illuminazione. L'illuminazione cristiana, si intende bene! E se c'è un comun denominatore in questa pellicola intimista quasi da 'cinema di nicchia', dalla fotografia desaturata, dai paesaggi pietrosi e scarni, è proprio la Luce. Tutto inizia con la Luce. Fin dall'effetto visivo di grande impatto, dal sapore anticheggiante, applicato sulle lettere del titolo del film nei titoli di testa: quello sgretolarsi polveroso da

    cui escono schegge di Luce sempre più grandi fino ad invadere completamente il grande schermo con una dissolvenza in bianco. Come non cogliervi una raffinata metafora della stessa Resurrezione? Con la pietra del sepolcro che si apre e si sgretola lasciando campo libero alla Luce accecante del Cristo Risorto? Luce che tornerà protagonista più avanti, finale compreso: altrettanto straordinariamente raffinato, giocato in controluce con la 'complicità' del sole, strumentale alla resa della Potenza Divina in un modo incisivo ma non artificioso, il più naturale e semplice possibile.

    Anche il punto di vista è obliquo, per così dire. Ritratteggiare - costeggiandone i margini - la Resurrezione attraverso lo sguardo di un non credente per eccellenza come un tribuno romano, il Clavius di Joseph Fiennes, al diretto servizio di Ponzio Pilato, volontariamente succube dell'imperatore, non è esattamente la lettura biblica più ricorrente. Per inciso, trovo alquanto curioso quanto il problema della 'manipolazione della

    verità' a proprio uso e consumo, incroci tratti condivisibili con storie contemporanee dei nostri giorni, per l'appunto anche di giornalismo investigativo, come illustrato nei recenti film Il caso Spotlight e Truth-Il prezzo della verità. Sembra un genere di problema nato con il mondo, con il formarsi delle società e della loro, pur necessaria, amministrazione politica, cavalcando l'onda della supremazia del potere ad ogni costo da parti avverse. Nel Risorto di Reynold protagonista assoluto di questa 'manipolazione di verità' è un Ponzio Pilato (Peter Firth) cinico e spietato, che vede nel Cristo e nei suoi seguaci una minaccia al potere di Roma. E proprio tramite il suo 'braccio destro' operativo, il tribuno Clavius/Fiennes, agisce nel più bieco dei modi. Annose storie di cieche ambizioni e di scalate al successo e al benessere. Un obiettivo condiviso indubbiamente anche da Clavius, d'altra parte sempre più riluttante e quasi schifato da quello che si

    vede costretto a fare ogni giorno, scattando sull'attenti ad ogni convocazione, asservito alle disposizioni di Pilato. Curioso anche quanto abbiano in comune il Deckard di Harrison Ford in Blade Runner e il Clavius di Joseph Fiennes in Risorto, entrambi in qualche modo affetti da una sorta di 'nausea di uccidere' ma per ragioni diverse quasi costretti a farlo. Straordinario il lavoro introspettivo in bilico tra durezza implacabile d'obbligo e riluttanza, fino alla trasformazione interiore, elaborata da Joseph Fiennes (degno fratello di sangue e d'arte di Ralph) in Clavius. Così il Risorto di Reynolds accarezza il nervo scoperto di questa sua parabola evolutiva abbracciando la classica struttura circolare: con un inizio in cui il suo sconvolgimento lascia intendere che tutto è già successo, e una fine che vi si ricongiunge dopo che si è compiuto il lungo flashback della sua memoria, cavalcando per l'appunto il cavallo in corsa sull'acciottolato, quasi labirintico,

    sentiero, dell'investigazione dei fatti e della ricerca della verità. Non quella che fa comodo raccontare. La verità dissepolta da menzogneri insabbiamenti di testimoni corrotti. La 'verità' che poi altri non risulterà essere che la 'Verità'!

    Persino il breve cameo di chi ha ascoltato, mostra un'evidente partecipazione allo sconvolgimento (il visibile tremito della guancia). Persino la breve 'ritrattazione' della verità, quella non manipolata nel racconto imposto da Pilato e Caifa come copertura, da parte della seconda guardia preposta al sepolcro, evidenzia tratti emotivamente forti e inconsueti. Anzi, sono proprio quelli a far riconoscere a Clavius la 'vera verità' tra le due versioni. Tutti tratti minimalisti di cui si nutre questa piccola grande pellicola. Tratti in cui rientra a pieno titolo la scelta dell'interprete di Cristo (Cliff Curtis, Rapa Nui), fisionomia orientaleggiante per eccellenza (in realtà richiamata sull'onda della diretta discendenza dell'interprete Curtis dai Maori, gli indigeni della Nuova Zelanda). Il Jeshua di

    Curtis è di poche parole e per di più pronunciate senza alcuna enfasi, ma con i sorrisi e gli abbracci dell'amico, del fratello, che ognuno di noi vorrebbe almeno aver sognato di avere. E quella gioia poi! Quella gioia, alle volte anche un pò sempliciotta - ai nostri occhi - di alcuni discepoli, come il burbero Simon Pietro (Stewart Scudamore) o il giovane Bartolomeo (Stephen Hagan), invade l'atmosfera facendo dimenticare per qualche momento quell'unico fotogramma del volto di Cristo morto sulla Croce. Un solo fotogramma, richiamato alla memoria da Clavius una volta che se lo ritrova davanti vivo in mezzo ai discepoli, è sufficiente per ricreare visivamente - di una bellezza drammatica sconvolgente, eppure non idealizzata! - il volto di una morte fisica, umana. Non lo vediamo mai quando la sua morte sortisce i ben noti effetti dell'oscuramento del cielo e dei crolli pietrosi di un improvviso terremoto. Bisognava dirlo

    a Mel Gibson quando andava preparando La Passione di Cristo! Quando si dice un'ottica diametralmente opposta!

    Ma, visto che lo sguardo è quello del tribuno romano Clavius, credente nel dio Marte eppur evidentemente non pienamente pago né della sua laicissima fede né del suo lavoro al servizio di Pilato e di Roma, viene da chiederci: che cos'è che vuole? E' la domanda che gli rivolge Pilato prima, ma è anche la domanda che gli rivolge Jeshua alla fine della sua investigazione nella seconda parte del film. E dopo tutto quello che ha visto e 'verificato' con i suoi occhi e quello che va sentendo di nuovo nel cuore cavalcando lo scompiglio e lo sgomento tipico di chi è stato letteralmente colto di sorpresa cancellando per sempre ogni certezza del suo immediato passato - "Io non riesco a conciliare tutto questo con il mondo che conosco" - Clavius se ne vede fare

    un'altra di domande, che incrocia l'unica risposta possibile e definitiva. La domanda mossa da parte di un oste di taverna dell'epoca, diciamo così, che non ha raccolto la risposta implicita nel saldo del conto da pagare per le vivande consumate con l'anello di tribuno:

    "Tu credi veramente a tutto questo?"
    "Io credo che non sarò più lo stesso"

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warner Bros. Pictures Italia e Marcello Bisceglie (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di RISORTO

    Links:

    • Joseph Fiennes

    • Cliff Curtis

    Altri Links:

    - Pagina Facebook

    1 | 2

    Galleria Video:

    Risorto - trailer

    Risorto - trailer (versione originale) - Risen

    Risorto - clip 'Lettera di Clavio'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Tutta un'altra vita

    TUTTA UN'ALTRA VITA

    Dal 12 Settembre .... [continua]

    Vox Lux

    VOX LUX

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 12 Settembre

    "Il mio ....
    [continua]

    It - Capitolo 2

    IT - CAPITOLO 2

    RECENSIONE - Dal 5 Settembre

    "La prima volta che ho interpretato Pennywise nessuno sapeva ....
    [continua]

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    La fattoria dei nostri sogni

    LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI

    Tra i più attesi!!! - Realizzare il sogno di una vita si può? Si. .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained si .... [continua]