ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Duke

    THE DUKE

    New Entry - 2020 .... [continua]

    AnneFrank - Vite parallele

    #ANNEFRANK - VITE PARALLELE

    Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne Frank, con l'aiuto .... [continua]

    Zombieland-Doppio colpo

    ZOMBIELAND-DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (13 Novembre 2019) - Dal 14 Novembre .... [continua]

    A Special Relationship

    A SPECIAL RELATIONSHIP

    New Entry - Rachel Weisz indossa i panni di Elizabeth Taylor in un biopic .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James Cameron torna in veste .... [continua]

    Il segreto della miniera

    IL SEGRETO DELLA MINIERA

    Dal 31 Ottobre

    "Il segreto della miniera è un’opera bella e preziosa che, attraverso ....
    [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > The Dressmaker - Il diavolo è tornato

    THE DRESSMAKER - IL DIAVOLO E' TORNATO

    Dal 33. Torino Film Festival; Dal Toronto Film Festival 2015 - RECENSIONE - Dal 28 APRILE

    '12 NOMINATIONS agli AACTA AWARDS'

    "Mia madre faceva la sarta a Jerilderie. Era divorziata, e questo all’epoca aveva sollevato un piccolo polverone. Da figlia, notavo la differenza tra lei e le altre donne. Volevano tutte i vestiti che cuciva lei... Tilly torna a Dungatar con un netto senso di inferiorità, ma con una bellezza e un’abilità sartoriale che la rendono superiore a qualsiasi altra donna: ecco, era questo che volevo esprimere"
    La scrittrice Rosalie Ham

    "Prima di tutto, la storia è irresistibile. L’idea di questo tipo di vendetta mi piace molto, è il sentimento che spinge una donna come Tilly a voler punire chi le ha fatto del male in passato. Mi piace molto il personaggio di Tilly, una donna fortissima avvolta dal mistero e da un passato tragico. La relazione madre-figlia che Tilly instaura con Molly è stato un altro elemento determinante. La storia d’amore, infine, passionale ma anche ironica e oscura, con il giocatore di football, ha delle caratteristiche che puntano dritto alle emozioni... Volevo creare, nella sceneggiatura e sullo schermo, un’atmosfera quasi ‘western’, un paesaggio archetipico, difficile, duro da affrontare, un paesaggio in cui uomini e donne devono lottare per sopravvivere, ma in cui, al tempo stesso, sono accompagnati da un sottile senso dell’umorismo e, soprattutto, dello stile. Per questo, ho pensato a un’atmosfera quasi da leggenda, un piccolo, anonimo paesino con un segreto, che cerca di scacciare un angelo sceso dal cielo per scatenare la propria vendetta".
    La regista Jocelyn Moorhouse

    (The Dressmaker; AUSTRALIA 2015; Drammatico; 118'; Produz.: Apollo Media/Film Art Media/Screen Australia; Distribuz.: Eagle Pictures)

    Locandina italiana The Dressmaker - Il diavolo è tornato

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: The Dressmaker - Il diavolo è tornato

    Titolo in lingua originale: The Dressmaker

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Jocelyn Moorhouse

    Sceneggiatura:

    Soggetto: Tratto dall’omonimo romanzo best-seller di Rosalie Ham, The Dressmaker, è ambientato interamente in Australia, nello stato di Victoria, nel 1950, ed è diretto dalla regista australiana Jocelyn Moorhouse. Il film è appena uscito in Australia con un successo di pubblico e critica senza precedenti e un incasso da record. Una pellicola tutta al femminile, dall’autrice del romanzo, alla regista, alla protagonista Premio Oscar che interpreta l’affascinante personaggio di Tilly, una giovane e bella donna che, dopo aver trascorso molti anni in Europa, torna nella sua piccola città natale.

    Cast: Kate Winslet (Myrtle 'Tilly' Dunnage)
    Liam Hemsworth (Teddy McSwiney)
    Hugo Weaving (Sergente Farrat)
    Sarah Snook (Gertrude 'Trudy' Pratt)
    Judy Davis (Molly Dunnage)
    Caroline Goodall (Elsbeth)
    Kerry Fox (Beulah Harridiene)
    James Mackay (William Beaumont)
    Rebecca Gibney (Muriel Pratt)
    Gyton Grantley (Barney McSwiney)
    Shane Bourne (Evan Pettyman)
    Sacha Horler (Una Pleasance)
    Julia Blake (Irma Almanac)
    Barry Otto (Percival Almanac)
    Shane Jacobson (Alvin Pratt)

    Musica: David Hirschfelder

    Costumi: Marion Boyce; Margot Wilson (Costumi designer per Kate Winslet)

    Scenografia: Roger Ford

    Fotografia: Donald McAlpine

    Montaggio: Jill Bilcock

    Makeup: Ivana Primorac

    Casting: Christine King

    Scheda film aggiornata al: 21 Maggio 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Tilly (Kate Winslet), è una giovane e bella donna che, dopo aver trascorso molti anni in Europa, torna nella sua piccola città natale. Dalle più importanti case di moda parigine a un contesto quasi rurale, Tilly rivoluzionerà la sua vita, ritroverà la madre (Judy Davis), si innamorerà inaspettatamente di Teddy (Liam Hemsworth) e si vendicherà per esser stata cacciata dalla sua terra. Grazie alla sua professionalità e alla bravura maturata con anni di esperienza, Tilly riuscirà a trasmetterà alle donne di Dungatar il suo incredibile senso del bello e dello stile.

    IN DETTAGLIO:

    1951. Tilly Dunnage (KATE WINSLET), affascinante e talentuosa stilista, dopo aver lavorato per anni per i più grandi atelier parigini di haute couture, decide di far ritorno a Dungatar, un piccolo paesino nel sud est dell’Australia. Dopo quasi 20 anni di assenza, Tilly, che - ancora bambina - ha dovuto abbandonare la città natale in seguito a un tragico evento, torna per stare accanto all’eccentrica madre, Molly (JUDY DAVIS), e affrontare un passato scomodo e doloroso. Nel cuore di Tilly matura un desiderio di vendetta. A Dungatar tutti conoscono Tilly. Ottusi, curiosi, scontrosi e poco socievoli, gli abitanti di Dungatar difendono un equilibrio precario, consapevoli che nessun segreto è davvero al sicuro. Il ritorno di Tilly in città fa vacillare questo labile equilibrio. La minaccia si veste di strane ed esotiche stoffe, giunte dalla Francia fino a Dungatar a bordo di cassapanche cariche di tessuti.
    Il sergente Farrat (HUGO WEAVING) è il primo a notare con quanta grazia e passione Tilly dia vita alle proprie creazioni, fatte di seta e fili pregiati. È lui a giocare il ruolo di interfaccia tra Tilly e gli altri abitanti del paese, che non hanno dimenticato la tragedia di cui hanno sempre creduto colpevole Tilly – tanto da indurla a partire e ad esiliarsi in Francia.
    Tilly sente di essere stata ingiustamente accusata, ma non ha un chiaro ricordo di quanto accaduto. Gli abitanti di Dungatar, attratti dalle sue incredibili abilità sartoriali, la aiuteranno più o meno consapevolmente a ricostruire il mosaico della verità, tessera dopo tessera. Gli abiti meravigliosi che Tilly sa creare diventano un’arma contro i suoi detrattori. Ma la vendetta si paga a caro prezzo.
    La posta in gioco si fa alta quando Evan Pettyman (SHANE BOURNE), che nutre nei confronti di Tilly e Molly un odio viscerale, assume Una Pleasance (SACHA HORLER), una stilista di Melbourne, perché metta in difficoltà Tilly e decreti la fine della sua carriera.

    In questo percorso, tuttavia, Tilly impara anche ad aprire il cuore e a dispetto di ogni idea precostituita si innamora del più grande giocatore di football del luogo, Teddy McSwiney (LIAM HEMSWORTH). Cosa ancora più sorprendente, riesce a riannodare quel sottile e fragile filo che la lega teneramente alla madre Molly.
    In una spietata competizione a colpi di ago e filo, la trasformazione degli abitanti di Dungatar passa dai loro piccoli e grandi difetti, rivelando quanto siano aridi e vuoti i loro cuori.

    SYNOPSIS:

    Based on Rosalie Ham's best selling novel, The Dressmaker is the story of femme fatale Tilly Dunnage who returns to her small home town in the country to right the wrongs of the past. A stylish drama with comic undertones about love, revenge and haute couture.

    A glamorous woman returns to her small town in rural Australia. With her sewing machine and haute couture style, she transforms the women and exacts sweet revenge on those who did her wrong.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    LA VENDETTA E' TORNATA AVVOLTA DAL GLAMOUR DI ALTA MODA ED HA IL VOLTO E L'ANIMA ATTORIALI DI KATE WINSLET

    Il soggetto è ruvido e urticante come la lana di vetro. Un soggetto che ha il suo cuore accoccolato in un formicaio di lingue biforcute. Gentucola di provincia si direbbe. Un popolino a predominanza femminile ma non solo. Malelingue e cattiveria, a cavallo di accuse micidiali e di una grettezza umana e morale senza pari, partorita da pregiudizi ed etichettamenti gratuiti. Là dove la 'diversità' viene isolata prima di essere azzannata e annientata. Gente che non è mai entrata in contatto neppure con l'ombra di un pizzico di buon senso e di altruismo. E là ha un ubicazione ben precisa: una cittadina di provincia con catapecchie e negozietti a gestione familiare in stile western a valle e una sulla collina: ed eccoci arrivati a Dungatar, nello stato Victoria in Australia,

    negli ottusi anni Cinquanta. E' quanto si leggeva, con tutte le lacune e le semplificazioni del caso, nell'opera prima The Dressmaker di Rosalie Ham, assurta agli scranni di best-seller prima che approdasse sul grande schermo diretto dalla regista australiana Jocelyn Moorhouse. L'Italia, che non possiede la stessa dote della sintesi anglosassone, come è ben noto, ha sempre bisogno di rimarcare - quando non di distorcere ma non è tanto questo il caso - il concetto, così il titolo si è amplificato nella formula The Dressmaker - Il diavolo è tornato. Volendo proprio rinvigorire il nervo di questa infausta vicenda, riassemblata nel film smussandone gli angoli letterari più affilati e scomodi (come ad esempio le frequenti molestie sessuali ai danni della protagonista in età scolare) sarebbe stato perfetto La vendetta è servita. Ad ogni modo, quel che importa è che, dettaglio più, dettaglio meno, The Dressmaker abbia mantenuto una sola

    anima, e che nella rilettura per la celluloide non sia stata snaturata, solo un tantino rivisitata.

    Di gran fascino l'inizio, con il campo lunghissimo in ripresa dall'alto di quel che solo più tardi riconosceremo come un autobus. Schegge di ricordi d'infanzia in bianco e nero accompagnano quel che per la protagonista non può classificarsi altrimenti se non nei termini di un vero e proprio evento: il ritorno a casa dopo anni di esilio. Che possa essersi trattato di un esilio forzato lo si potrà intuire dalla prima frase pronunciata in tono sprezzante dalla protagonista appena scesa dall'autobus dopo un breve silenzio: "Sono tornata, bastardi". Ora, tu metti a vestire i panni della protagonista Myrtle 'Tilly' Dunnage un'attrice del calibro di Kate Winslet e sei a cavallo. La Winslet ha 'confezionato' questa sua Tilly solo un pò più sfrontata e sicura di sè dell'originale e si è regalata una memoria scolorita della

    incresciosa vicenda che le ha valso l'allontanamento in età infantile con l'accusa dell'omicidio di un suo coetaneo. Ma il suo ritorno a casa è desolato sulla pagina scritta tanto quanto sulla celluloide: una madre folle e abbandonata a se stessa tanto quanto la casa in cima alla collina in cui si è isolata, non dà segni di conoscerla e le darà del filo da torcere prima di recuperare gradualmente la ragione. Ma "la pazza Molly" ritratta in una sconvolgente eccellenza da Judy Davis, diventa l'ago della bilancia in e per la verità, in punta di quel sarcasmo umoristico che la dice lunga, mescolando tra loro le carte di follia, saggezza, bontà d'animo, amarezza per le infamie e i soprusi subiti nel passato e nel presente, fatte poche eccezioni.

    Fantastica anche la trovata di presentare uno per uno i personaggi della cittadina, sull'onda del rimembrare per ritrovare la memoria esatta dell'accaduto,

    chiedendo alla madre 'ti ricordi...'. Ce li troviamo così davanti, come sul palcoscenico di quel teatro che l'entourage culturale di marca anglosassone, e l'Australia non fa eccezione, non manca occasione di omaggiare come si deve, celebrandone la supremazia sulle arti. Fittissima la folla di concittadine sempre pronte a spiare ad ogni angolo, a spettegolare costruendo visionari castelli di menzogne in aria e a guardare di sbieco la pazza Molly e sua figlia Tilly, tornata nel fiore dello splendore, operatrice di design sartoriale 'le grand chic' acquisito in giro per l'Europa. Rari come i campanili gli alleati, tra cui il Sergente Farrat di Hugo Weaving, il Teddy di Liam Hemsworth e suo fratello Barney (Gyton Grantley), altra icona di diversità tenuta a distanza da questo manipolo di vipere, unica inconsapevole alcova della propria imminente maledizione. In questa selva piena di rovi, tra lo sbocciare di un amore stroncato sul nascere, quella

    manciata di ricordi poi finalmente ritrovati, così come la offuscata verità, tanto lavoro ed altri dolori, tra orgogliose provocazioni e dimessi tentativi di ricucire rapporti impossibili, a cavallo di una farsa satirica intinta nel noir inquinata con sporadiche lungaggini un po' sciape, la più cinica e spietata vendetta sarà servita - eccome se sarà servita! - e avrà tutto il sapore pieno di una meritata giustizia.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Eagle Pictures e l'Ufficio Stampa Echo.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di THE DRESSMAKER - IL DIAVOLO E TORNATO

    Links:

    • Kate Winslet

    • Caroline Goodall

    • Hugo Weaving

    • Liam Hemsworth

    • Sarah Snook

    • The Dressmaker - Il diavolo è tornato (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - trailer

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - trailer (versione originale) - The Dressmaker

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - clip 'Occhi sulla palla'

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - clip 'Teddy'

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - clip 'Dior'

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - featurette 'I costumi' (versione originale sottotitolata)

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - featurette 'La storia' (versione originale sottotitolata)

    The Dressmaker-Il diavolo è tornato - featurette 'Kate Winslet' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) .... [continua]

    Attraverso i miei occhi

    ATTRAVERSO I MIEI OCCHI

    Kevin Costner presta la voce al cane Enzo, protagonista in questa storia che scommette su .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo in coppia nel nuovo .... [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 anni dalla sua terrificante permanenza .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - RECENSIONE - Dal .... [continua]