ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Forrest Gump

    FORREST GUMP

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Vincitore di [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Cannes 72. - Concorso - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained .... [continua]

    A Hidden Life

    A HIDDEN LIFE

    New Entry - Cannes 72. - Concorso - Terrence Malick, il regista più .... [continua]

    Juliet, Naked - Tutta un'altra musica

    JULIET, NAKED-TUTTA UN'ALTRA MUSICA

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2018 - Tratto dall'omonimo romanzo di Nick .... [continua]

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    New Entry - 72. Cannes - Concorso

    "Dopo 'Io, Daniel Blake', mi ....
    [continua]

    I morti non muoiono

    I MORTI NON MUOIONO

    72. Cannes - Dal 13 Giugno .... [continua]

    The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    New Entry - Cannes 72. - Quinzaine des Réalizateurs .... [continua]

    Stanlio e Ollio

    STANLIO E OLLIO

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema (18 ottobre-28 ottobre 2018) - Selezione Ufficiale .... [continua]

    Ma cosa ci dice il cervello

    MA COSA CI DICE IL CERVELLO

    Ancora al cinema - Nuova commedia per la coppia, di vita e di lavoro, .... [continua]

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 24 Aprile

    "È stato ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > La grande scommessa

    LA GRANDE SCOMMESSA: LA GRANDE SCOMMESSA DI BRAD PITT, PRODUTTORE E INTERPRETE IN UNA STORIA IN CUI C'E' CHI DALLA CRISI ECONOMICA MONDIALE CI HA GUADAGNATO MILIONI SU MILIONI

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2016' - Tra i più attesi!!! - VINCITORE dell'OSCAR alla 'MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE' (CHARLES RANDOLPH e ADAM MCKAY) - 4 NOMINATIONS ai GOLDEN GLOBE 2016: Miglior Film Commedia e/o Musical; Miglior Sceneggiatura, Miglior Attore Protagonista Commedia/Musical (Christan Bale e Steve Carell) - RECENSIONE - Dal 7 GENNAIO

    "... E’ essenzialmente una storia sul come fare soldi, sul crollo del sistema bancario, sulla corruzione e sulla complicità, ed è straordinariamente divertente e drammatica allo stesso tempo... La gente deve conoscere il linguaggio della finanza per poter seguire la storia, ma appena uno sente termini come 'obbligazioni con copertura di rischio' o 'credit default swap', si sente subito stupido e si annoia. Gli esperti di finanza fanno di tutto per far sembrare tali operazioni davvero complicate, e quindi ci è venuta l’idea di utilizzare delle celebrità che entrano in scena nel bel mezzo del film e spiegano le varie cose al pubblico... Questo film esplora come un'intera cultura può rimanere vittima di un sistema corrotto. Nei miei sogni immagino che, vedendo questo film, la gente si arrabbi veramente ed, uscita dal cinema, chieda al proprio rappresentante al Congresso come abbia votato in merito alla riforma bancaria. Questo è il mio sogno. Il mio sogno sarebbe che tutti dicessero ai politici che li rappresentano 'Se non siete pronti a smembrare le grandi banche, non mi importa se siete destra o di sinistra – non avrete il mio voto'".
    Il regista e co-sceneggiatore Adam McKay

    "Ho iniziato a leggere di come le grandi banche simili a quella in cui avevo
    lavorato io avessero perso centinaia di miliardi di dollari negli investimenti in obbligazioni di mutui subprime. Le banche erano diventate i 'polli' al tavolo da gioco e perdevano enormi quantità di denaro ... così mi sono chiesto: 'Ma come può succedere una cosa simile?'... Ho scoperto che c’erano questi tipi stravaganti che si muovevano ai margini del mondo della finanza che hanno intuito quanto fosse corrotto il sistema. Questi sono i ragazzi che hanno fatto di 'The Big Short – Il grande scoperto' un libro e non solo un saggio giornalistico. I ragazzi che hanno scommesso contro le banche e hanno fatto i soldi - erano quelli i personaggi che mi interessavano
    "
    L'autore del best seller che ha ispirato il film Michael Lewis

    (The Big Short; USA 2015; Drammatico; 130'; Produz.: Plan B Entertainment/Regency Enterprises; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana La grande scommessa

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: La grande scommessa

    Titolo in lingua originale: The Big Short

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Adam McKay

    Sceneggiatura: Adam McKay e Charles Randolph

    Soggetto: Basato sul best seller di Michael Lewis sulla storia degli uomini che hanno fatto i milioni dalla crisi economica mondiale.

    Cast: Brad Pitt (L'ex banchiere Ben Rickert)
    Christian Bale (Michael Burry)
    Ryan Gosling (Il broker della Deutsche Bank Jared Vennett)
    Selena Gomez (Selena Gomez)
    Marisa Tomei (Cynthia Baum)
    Steve Carell (Steve Eisman)
    Melissa Leo (Georgia Hale)
    John Magaro (Charlie Geller)
    Finn Wittrock (Jamie Shipley)
    Jeremy Strong (Analista della FrontPoint Vinnie Daniel)
    Hamish Linklater (Analista della FrontPoint Porter Collins)
    Rafe Spall (Analista della FrontPoint Danny Moses)
    Margot Robbie (Margot Robbie)
    Jeffry Griffin (Chris l'assistente di Jared)
    Byron Mann (Mr. Chau)

    Musica: Nicholas Britell

    Costumi: Susan Matheson

    Scenografia: Clayton Hartley

    Fotografia: Barry Ackroyd

    Montaggio: Hank Corwin

    Makeup: Annabelle MacNeal

    Casting: Francine Maisler

    Scheda film aggiornata al: 15 Agosto 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Quando quattro outsider esperti in finanza si accorgono di ciò che le grandi banche, i media e le autorità di regolamentazione del governo si rifiutano di vedere – l’imminente crisi economica globale – decidono di fare La Grande Scommessa. I loro coraggiosi investimenti li conducono negli oscuri meandri della moderna industria bancaria portandoli a mettere in discussione tutto e tutti.

    IN DETTAGLIO:

    Nel 2005, Michael Burry (Christian Bale), eccentrico manager di fondi di San Jose appassionato di musica heavy-metal, esamina migliaia di prestiti individuali legati ad obbligazioni di mutui ad alto rischio e fa una scoperta sorprendente: i prodotti finanziari sono costituiti perlopiù da mutui non standardizzati destinati al default nel giro di pochi anni. Mentre i banchieri di Wall Street e le agenzie di regolamentazione governative ignorano questa bomba a orologeria, Burry inventa uno strumento finanziario chiamato credit default swap (derivato di copertura) per mandare in tilt il mercato immobiliare in forte espansione - con grande disappunto dei proprietari e degli investitori coinvolti nella speculazione.

    Quando il giovane e rampante banchiere di Wall Street Jared Vennett (Ryan Gosling) intuisce la strategia di Burry, cerca di convincere il manager dei prodotti finaziari ad alto rischio, l’irascibile Mark Baum (Steve Carell), che anche lui dovrebbe investire milioni nei credit default swaps. Inizialmente lo scettico Baum e il suo team di giovani e scaltri analisti (Jeremy Strong, Hamish Linklater e Rafe Spall) indagano per conto proprio. Ricercando il mercato immobiliare in Florida, intervistano broker di mutui immobiliari non standardizzati che abitualmente ottengono prestiti per i loro clienti senza garanzie, come una spogliarellista che si è impegnata nell’acquisto di svariate proprietà senza versare acconti.

    Nel frattempo, Jamie Shipley (Finn Wittrock) e Charlie Geller (John Magaro), manager poco più che ventenni, si rendono conto della bolla immobiliare. Sperando di poter entrare nel giro dell’alta finanza, si accorgono però che ai loro 30 milioni di dollari devono aggiungerne almeno ancora un altro miliardo e mezzo per potersi sedere al tavolo degli adulti. Decidono quindi di unirsi al banchiere divenuto ambientalista BEN RICKERT (Brad Pitt), che utilizza i suoi contatti per aiutarli a scommettere contro Wall Street.

    Nel 2008, quando il mercato alla fine crolla, questi contro-investitori guadagnano miliardi ma restano per sempre segnati dalla loro esperienza. E, mentre le istituzioni finanziarie il cui comportamento sconsiderato è stato alla base della crisi vengono salvate con il denaro dei contribuenti americani, milioni di quegli stessi americani perdono la casa, il lavoro e i fondi pensione, travolti da una catastrofe economica i cui effetti si fanno sentire ancora oggi.

    SHORT SYNOPSIS:

    Four outsiders in the world of high-finance who predicted the credit and housing bubble collapse of the mid-2000s decide to take on the big banks for their lack of foresight and greed.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    "Non è ciò che conosci che ti mette nei guai,
    è ciò che dai per certo che non lo è
    "
    Mark Twain

    Sua Maestà 'La Finanza' si direbbe ormai una veterana nel ruolo di 'prima donna' sulla celluloide: partendo da lontano, con la doppietta di Oliver Stone (Wall Street, 1987 e Wall Street il denaro non dorme mai, 2010), attraversando i cunicoli più sinistri nell'intrigante Margin Call (2012) di J. C. Chandor, raggiunge i tempi a noi più vicini con Il lupo di Wall Street incarnato da Leonardo Di Caprio per Martin Scorsese. L'abbiamo vista più volte imboscarsi, giocare a nascondino e fare tana con nonchalance, abbindolare i giocatori d'azzardo, gli scommettitori più o meno avveduti, più o meno esperti e blasonati in materia, con tiri mancini tali da far ritornare bambini, non per gioia ma per disperazione. Quella che si traduce in lacrime amare e che ha portato non pochi, sull'orlo di

    un baratro in cui l'unica via d'uscita intravista è stata, ahimé, il suicidio. L'abbiamo vista indossare guanti immacolati per nascondere la lurida sporcizia della frode sempre pronta a spiccare il volo sulle ali nere di un corvo della malora. Insomma, quel che si dice, una gran figlia di puttana, incomparabile nello spalare, per poi sparare, merda su chi si era magari illuso di entrare in competizione con lei e i suoi sepolcri imbiancati di agghindati assistenti: istituti bancari, finanzieri d'alto bordo... e... astuti investitori denudati di ogni, sia pure sottile, sottoveste fiorita di scrupoli morali. Si può dire una raffinata volgare? Nel caso della finanza d'alto bordo direi che l'epiteto lo indossa come un guanto: raffinata nell'esteriorità estetica, epidermica, volgare dentro nel più profondo. e, soprattutto, implacabile spietata. Giocare con una 'prima donna' di questo calibro è da sempre pericoloso, e non è da tutti. Ma se si è guadagnata

    tale reputazione nel corso della sua lunga carriera di attrice sui set dei mercati internazionali, si deve non tanto ai suoi sbalzi di umore quotidiani, quasi fosse da sempre sull'altalena della menopausa, piuttosto ad episodi clamorosi, in cui si è resa prima responsabile di crolli apocalittici. Bolle finanziarie sanguinarie come lupi famelici in pieno inverno.

    La grande scommessa del regista e sceneggiatore Adam McKay - fino ad oggi noto più per per le commedie blockbuster di Will Ferrell (Fratellastri a 40 anni e Anchorman - La leggenda di Ron Burgundy oltre allo show di Broadway candidato al premio Tony You’re Welcome America - racconta la storia vera di uno di questi crolli, peraltro ancorato alle fondamenta della nostra contemporaneità, tentando di farci capire che cosa realmente sia successo, ponendo la lente di ingrandimento su quella pelle apparentemente di velluto, dai pori dilatati e alquanto acneica ad un incontro ravvicinato: i punti

    neri di un linguaggio incomprensibile, magari fatto di sigle, con il corpo e l'anima di un sebo invadente e ben alimentato. Là dove la parola merda trova per l'appunto il significato più pieno. Ve lo dico così sarete preparati quando nel film sarà di frequente chiamata in causa per essere associata ora al contenuto dei CDO, magari del tipo sintetico, o di altri contenitori finanziari più o meno tossici, comunque altamente dannosi alla salute: senza alcun dubbio per la salute morale, in caso si riuscisse a curare quella delle tasche. La cosa straordinaria è vedere - per sapere già lo sapevamo - toccare quasi con mano, come ci siano individui in grado di ficcare le mani in questa merda come fosse marmellata, provando l'eccitazione di un bambino che si pregusta il sapore del dolce nettare. Questi individui sono irrimediabilmente contaminati da quella 'febbre dell'oro' per la quale non è stata

    ancora scoperta la cura e come in delirio per l'alta temperatura camminano sul cornicione di un grattacielo con il rischio incombente di cadere nel vuoto. Se d'altra parte riescono a tenersi in equilibrio - privilegio di pochissimi - i quintali di merda si trasformano davvero in quintali di marmellata. E non per l'intervento di Mary Poppins. Che se fosse stato per un suo magico intervento non avrebbe lasciato nelle mani di un diabetico tanta marmellata, l'avrebbe distribuita tra i milioni di bambini affamati o tra le persone in calo di zuccheri. La metafora serve a scoprire l'acqua calda dei ricchi che chiamano ricchezza e del domino fraudolento di operazioni che, arrecando ricchezza a pochi, lasciano in mutande la maggior parte della gente che confida in un finanziamento bancario per una casa e una dignità di vita quotidiana. Così, mentre un manipolo di pochi gongola sotto una pioggia di milioni, la

    marea dei comuni mortali affoga nella famosa merda di cui sopra. Ed è una tragedia. Quella realmente vissuta da milioni di persone e raccontata nel best seller di Michael Lewis, The Big Short-Il grande scoperto cui il film di McKay si ispira. Il primo ad aver gettato uno sguardo a raggi laser sulle circostanze che hanno portato alla nostra crisi economica globale.

    Se al centro morale della storia de La grande scommessa c’è il rabbioso - anche per drammi personali difficili da metabolizzare e indubbiamente impossibili da dimenticare - gestore di investimenti ad alto rischio Mark Baum di Steve Carell (che qui mantiene l'alto spessore già evidenziato in Foxcatcher – Una storia americana), il primo ad entrare in scena è quell'eccentrico, focale, dottor Michael Burry, outsider d'alta finanza con un fiuto sopra le righe tanto quanto il suo modo di essere - un occhio di vetro e l'abitudine di presentarsi al

    lavoro scalzo non la dicono tutta - plasmato da un Christian Bale in particolare stato di grazia. Ad aiutare Baum/Carell nella sua crociata sono gli insostituibili analisti della FrontPoint Danny Moses (Rafe Spall), Porter Collins (Hamish Linklater) e Vinnie Daniel (Jeremy Strong). Giovani sarcastici e disincantati, se non proprio cinici, che partecipano alla causa di Baum macinando numeri, andando in giro a fare domande scomode e facendo ricerche sul campo. Sollevando il sipario sul marcio di Wall Street, Baum e suoi protetti si presentano come un improbabile manipolo di crociati brutalmente onesti. Ci sono poi l’astuto broker della Deutsche Bank Jared Vennett (Ryan Gosling al quadrato nel doppio ruolo di attore e di narratore), e i giovani investitori, gestori di fondi finanziari Jamie Shipley e Charlie Geller, interpretati rispettivamente da Finn Wittrock e John Magaro. Sono loro ad assmere l’ex banchiere Ben Rickert, indossato camaleonticamente da Brad Pitt (anche produttore

    del film), per poter stabilire un accordo ISDA (ISDA Master Agreement), l'unico garante in grado di consentire loro di bypassare i broker e trattare direttamente con le grandi banche. Penso che già da questa sintesi risulti abbastanza chiaro che ci troviamo di fronte ad un'autentica matassa di lana caprina.

    Così La grande scommessa di McKay, con sottobraccio il bestseller di Lewis, scopre questa latrina, questa immensa cloaca a cielo aperto, usando però una tavolozza inedita rispetto ai precedenti quadri sul tema, facendo ricorso a pennelli e colori davvero insoliti, per ritrarla nel modo più comprensibile, giacchè il punto di forza è per sua natura incomprensibile. Ed ecco che allora, trattandosi di tragedia, la tragedia greca, venata degli umori di quella commedia cui è avvezzo e da cui si è preso una pausa, deve essergli sembrata la struttura narrativa più consona.

    Cito da Wikipedia: "La tragedia greca è strutturata secondo uno

    schema rigido, di cui si possono definire le forme con precisione. La tragedia inizia generalmente con un prologo (da prò e logos, discorso preliminare), che ha la funzione di introdurre il dramma; segue la parodo, che consiste nell'entrata in scena del coro attraverso dei corridoi laterali, le pàrodoi; l'azione scenica vera e propria si dispiega quindi attraverso tre o più episodi (epeisòdia), intervallati dagli stasimi, degli intermezzi in cui il coro commenta, illustra o analizza la situazione che si sta sviluppando sulla scena; la tragedia si conclude con l'esodo (èxodos)".

    Ecco, focalizzate l'attenzione sulla parola 'intermezzi', perché quella sta alla struttura narrativa del film La grande scommessa come Virgilio sta al fianco di Dante nel 'mezzo del cammin' della sua Divina Commedia. E non si dice della voce fuori campo del personaggio narratore, bensì degli innumerevoli interventi degli altri protagonisti che si voltano verso la platea e, sguardo in macchina,

    si rivolgono allo spettatore in sala con commenti di conferma o smentita su se stessi e/o sugli episodi narrati nel film. Vivaci siparietti conditi con fermo immagine a grappolo, raccolti per lo più in primissimo piano ed esaltati da una fotografia sgranata da fumetto o fotoromanzo, allegoria dell'eccentricità delle vicende apparentemente romanzate, incorporate ad una realtà di fatto austera e seria, per quanto incredibile. Ad alleggerire ulteriormente i toni di per sé gravi, con le migliori intenzioni di rendere accessibile l'inaccessibile lessico dell'alta finanza, a far le veci di wikipedia, Mckay chiama in causa celebrità popolari come Margot Robbie (già star de Il lupo di Wall Street) per chiarire il significato di titoli garantiti da ipoteca bevendo champagne in una vasca da bagno piena di schiuma. Mentre, per illustrare il rovinoso effetto domino innescato dal crollo del cosiddetto "CDO sintetico" (crediti coperti da ipoteca), McKay fa intervenire Selena Gomez al

    fianco del Dottor Richard Thaler, economista comportamentale, in una scena ambientata in un casinò. E mentre Thaler spiega il concetto di "Pregiudizio di valutazione" – cioè la tendenza a credere che qualcosa che sta accadendo ora continuerà ad accadere – la Gomez è seduta ad un tavolo di blackjack con una pila enorme di fiches. "E 'una sorta di dinamica degli alti e bassi, in cui Selena gioca a blackjack mentre alcuni spettatori, di volta in volta, cercano di indovinare se la sua sarà o meno una mano vincente", spiega McKay. "Sono stati gli investitori che hanno fatto un simile tipo di scommessa sui guadagni o sulle perdite dei titoli garantiti da ipoteca che hanno portato l'intera economia mondiale al collasso". Persino lo chef della TV Anthony Bourdain viene chiamato all'appello, e sarà alquanto convincente nel paragonare il pesce avanzato alle attività finanziarie tossiche.

    Eppure, sull'onda degli 'intermezzi', a go-go, ad

    oltranza, idea indubbiamente originale da rendere nel complesso La grande scommessa una pellicola outsider in seno alla rosa delle precedenti in materia, la scommessa nella scommessa risulta vinta a metà. Ed è anche vero che se la recitazione è eccelsa, le trovate di regia particolarmente illuminate, la cornice di una vicenda particolarmente interessante perchè spicchio avvelenato della mela tratta dall'albero del nostro Eden contemporaneo, si stringe, come un laccio intorno al collo, alle radici fermamente fissate nel profondo di un terreno arido e roccioso, sprigionando i gas tossici di un ritmo troppo serrato e a tratti più vorticoso della stessa vicenda e del lessico finanziario che qui si intende dipingere dall'interno, con una pennellata più acquerellata possibile. L'impressione è che, intermezzo dopo intermezzo, si smarrisca il filo di Arianna, persi dietro alla girandola dei virtuosismi di estetica cinematografica, qui profusi fin troppo generosamente e che si rincorrono l'un l'altro in

    un gioco infinito, aggrappandosi ai fili di una corda che, per non intricarsi oltre, alla fine formano una treccia più lunga di quella di Raperonzolo. E non tutti dispongono dell'agilità di un balzante giovane per inerpicarvisi a cuor leggero. In caso non si fosse dotati di tanta prestanza resta sempre la scorciatoia della scala antincendio con la riassuntiva didascalia finale.

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Universal Pictures International Italy e Xister Pressplay.

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO de LA GRANDE SCOMMESSA

    Links:

    • Adam McKay (Regista)

    • Christian Bale

    • Brad Pitt

    • Margot Robbie

    • Melissa Leo

    • Steve Carell

    • Ryan Gosling

    • Marisa Tomei

    • Selena Gomez

    • Jeremy Strong

    • La grande scommessa (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook

    1 | 2

    Galleria Video:

    La grande scommessa - trailer 2

    La grande scommessa - trailer

    La grande scommessa - trailer (versione originale) - The Big Short

    La grande scommessa - spot TV

    La grande scommessa - spot 'Il cast'

    La grande scommessa - spot 'Il business va alla grande'

    La grande scommessa - spot 'Non volevate diventare ricchi?'

    La grande scommessa - spot 'Tutti fregati'

    La grande scommessa - spot 'Una scoperta interessante'

    La grande scommessa - spot 'Un'opportunità'

    La grande scommessa - spot 'Vincitori'

    La grande scommessa - spot 'Volete sapere come hanno fatto l'affare del secolo?'

    La grande scommessa - spot 'Volete vedere Margot Robbie in una vasca da bagno?' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - spot 'La finanza, con Selena Gomez, non è mai stata così sexy' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - spot 'A bordo piscina con Karen Gillan' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - spot 'Chi devi incolpare'

    La grande scommessa - spot 'Ryan Gosling è eccitato'

    La grande scommessa - spot 'Un grande cast, una grande storia...'

    La grande scommessa - clip 'Confronto in ufficio'

    La grande scommessa - clip 'Non devi usare questa linea'

    La grande scommessa - clip 'Tu odi il tuo lavoro'

    La grande scommessa - clip 'Profumo di soldi'

    La grande scommessa - featurette 'Sul set col regista Adam McKay' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il grande lavoro del regista Adam McKay' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'I protagonisti' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Dietro le quinte' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il cast parla del lavoro col regista Adam McKay' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il personaggio di Jared Vennett interpretato da Ryan Gosling' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il personaggio di Mark Baum interpretato da Steve Carell' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il personaggio di Ben Rickert interpretato da Brad Pitt' (versione originale sottotitolata)

    La grande scommessa - featurette 'Il personaggio di Michael Burry interpretato da Christian Bale' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cannes 2019 - Concorso - Dal .... [continua]

    John Wick 3 - Parabellum

    JOHN WICK 3 - PARABELLUM

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 16 Maggio

    Si vis pacem, para bellum (Se vuoi ....
    [continua]

    Attenti a quelle due

    ATTENTI A QUELLE DUE

    Anne Hathaway e la 'strabordante' Rebel Wilson (Pitch Perfect, Le amiche della sposa, Single ma .... [continua]

    Pokémon Detective Pikachu

    POKÉMON DETECTIVE PIKACHU

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Maggio

    "Sono davvero nervoso, voglio che sia fatto ....
    [continua]

    Pet Sematary

    PET SEMATARY

    RECENSIONE - Il ritorno al cinema di Stephen King - Dal 9 Maggio .... [continua]

    Red Joan

    RED JOAN

    RECENSIONE - 40 anni sotto copertura. Ha tradito per cambiare il nostro destino. Un’incredibile storia .... [continua]

    I fratelli Sisters

    I FRATELLI SISTERS

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'argento - Miglior regia alla 75. Mostra del .... [continua]