ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Hustlers

    HUSTLERS

    New Entry - Jennifer Lopez spogliarellista a New York secondo la visione 'sportiva' di .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    New Entry - Ecco lo spin-off de Il Grande Lebowski (1998) dei Fratelli Coen .... [continua]

    Hope Gap - Le cose che non ti ho detto

    HOPE GAP - LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    New Entry - TIFF 2019 - Prossimamente .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Partisan

    PARTISAN: IN UN MONDO CLAUSTROFOBICO SI SCEGLIE UN CODICE MORALE DEFORMATO MENTRE LO SGUARDO SI APRE SU VISUALI SCONCERTANTI E IL RESPIRO VIENE A MANCARE. IN QUESTO MONDO BRILLANO VINCENT CASSEL E L'ESORDIENTE JEREMY CHABRIEL SOTTO LA SORPRENDENTE REGIA DEL DEBUTTANTE ARIEL KLEIMAN

    Premio della Giuria al Sundance Film Festival, Biogram Film Festival - Dal 27 AGOSTO

    "Non ho mai compreso il motivo per cui decido di raccontare certe storie piuttosto che altre, ho sempre seguito un percorso più istintivo. Ragionandoci a posteriori, ho capito che ogni film che ho girato è nato a partire da un’immagine surreale. All’inizio del 2010, mi sono imbattuto in un articolo del New York Times che parlava della compravendita di bambini assassini in Colombia, i cosiddetti 'sicarios'. Al di là della natura orrorifica delle storie e delle azioni commesse da questi bambini, non saprei dire perché mesi dopo
    l’immagine di un bambino che sparava a un uomo adulto fosse rimasta nella mia testa così ostinatamente. Finché ho letto per caso una citazione di uno dei miei eroi del mondo del cinema, Luis Buñuel, il maestro del surrealismo, che aveva detto una frase tipo 'non riesco a immaginare un’immagine più surreale di un uomo che spara a un altro uomo'. Era una dichiarazione piuttosto semplice ma più ci pensavo, più sentivo la profonda sensazione che avrei dovuto trasformare in un film ciò che sentivo nelle mie viscere. Sapevo sin dall’inizio che non volevo raccontare una storia che parlasse specificamente dei sicarios colombiani. Volevo liberare la loro storia di tutti i fattori economici e socio-politici inerenti a quella precisa realtà. Volevo raccontare una storia molto semplice e umana; qualcosa di universale, ambizioso e mitico sulla relazione tra ragazzini e adulti; sugli adulti che vedono il mondo in un certo modo e cercano di trasmettere la loro visione ai loro figli. Una storia sul potere del pensiero indipendente e sulla tragedia di bambini a cui non è permesso vedere il mondo attraverso occhi sereni e ottimisti. Mentre scrivevamo 'Partisan', io e Sarah abbiamo spesso pensato al film come fosse una fiaba; e sotto diversi punti di vista effettivamente si tratta della fiaba del Pifferaio Magico. Nella nostra versione, lo strumento ipnotico di Gregori non è un piffero ma la sua bocca. Gregori è arrabbiato, infuriato con il mondo intero e, quasi per vendicarsene, allontana dalla società queste madri e i loro figli. È un po’ come se PARTISAN riprendesse la storia dal momento in cui i bambini sono
    stati portati nella caverna del Pifferaio. Lì, il Pifferaio elargisce insegnamenti e li incoraggia a odiare la gente esattamente quanto la odia lui. Gregori ottiene questo risultato con la scusa che la vita in questa 'caverna' è più felice e sicura, ma tutto deriva dalla sua stessa anima danneggiata. L’undicenne Alexander è in quel momento della sua vita in cui inizia a pensare indipendentemente
    e 'Partisan' è in gran parte narrato dal suo punto di vista emotivo. Il pubblico si unisce ad Alexander nel suo viaggio fuori dall’infanzia, condivide la sua adorazione e il suo amore per Gregori, il suo benessere all’interno della struttura, la sua paura per il mondo esterno e coloro che vi abitano e la sua confusione nel momento della presa di coscienza. Vorrei che ogni film che giro portasse il pubblico a fare un viaggio. Adoro quando un film ci lancia in un mondo strano, estremo e imprevedibile. Nonostante questo mondo sia ben distante dalla nostra vita di tutti i giorni, ci connettiamo e ci mettiamo in relazione immediatamente con le emozioni che si dipanano sullo schermo. È questa esperienza la cosa che in assoluto amo più del Cinema
    ".
    Il regista e co-sceneggiatore Ariel Kleiman

    (Partisan; AUSTRALIA 2015; Drammatico; 98'; Produz.: Warp Films Australia/Protagonist Pictures/Film Victoria e DDP Studios; Distribuz.: I Wonder Pictures)

    Locandina italiana Partisan

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Partisan

    Titolo in lingua originale: Partisan

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Ariel Kleiman

    Sceneggiatura: Ariel Kleiman & Sarah Cyngler

    Cast: Vincent Cassel (Gregori)
    Nigel Barber (Karaoke Detective)
    Jeremy Chabriel (Alexander)
    Florence Mezzara (Susanna)
    Timothy Styles (Gary - 'The Hardest Thing To Do')
    Sapidah Kian (Maria)
    Oscar Dahlberg (Oscar)
    Anastasia Prystay (Ariana)
    Zsofia Stavropoulos (Bella)
    Katalin Hegedus (Magdalena)
    Alexander Kuzmenko (Elis)
    Natalia Gorbacheva (Sylvia)
    Daniel Vernikovski (Andre)
    Alexander Dahlberg (Nicholas)
    Samuel Eydlish (Ruben)

    Musica: Daniel Lopatin; Matt Biffa (supervisore colonna sonora); Robert Mackenzie (sonoro)

    Costumi: Maria Pattison & Sarah Cyngler

    Scenografia: Steven Jones-Evans APDG & Sarah Cyngler

    Fotografia: Germain McMicking

    Montaggio: Jack Hutchings Chris Wyatt

    Makeup: Angela Conte

    Casting: Allison Meadows e Mullinars Consultants

    Scheda film aggiornata al: 04 Settembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Gregori eÌ il leader carismatico di un gruppo di donne e bambini maltrattati, il loro protettore e il loro mentore. Tra le attivitaÌ ordinarie e quotidiane che insegna ai bambini, c’eÌ anche l’omicidio. I problemi sorgono quando Alexander, figlio adottivo prediletto di Gregori, mette in discussione la sua autoritaÌ. Il piccolo Alexander eÌ come ogni altro bambino: ingenuo, curioso, sveglio. Ma eÌ anche un assassino perfettamente addestrato.

    Con ritmo incalzante, Partisan cattura lo spettatore dentro un mondo claustrofobico, governato da un codice morale deformato, dove lo sguardo si apre su visuali sconcertanti e il respiro viene a mancare.

    IN DETTAGLIO:

    Alexander è il maggiore di numerosi bambini che vivono in una struttura situata nella periferia di una piccola cittadina. Tra le mura di questa struttura, Alexander è stato cresciuto da un patriarca solitario di nome Gregori (Vincent Cassel), sua madre Susanna e un gruppo di donne – madri degli altri bambini e tutte parte della sua famiglia estesa.

    Gregori è una figura misteriosa, carismatica e affascinante. Ha creato un porto sicuro e nel corso degli anni ha ampliato la sua famiglia estesa, offrendo ai vari “reclutati” un’alternativa idilliaca alla realtà infernale che secondo lui si trova al di là delle mura della struttura. È un mondo colorato ed energico, dove la libertà di espressione e la creatività sono incoraggiati tramite educazione aperta e notti al karaoke. Ma è anche un ambiente completamente e totalmente chiuso in se stesso.

    Alexander è come ogni altro ragazzino: giocoso, curioso e un po’ ingenuo. Ma è anche un killer perfettamente addestrato. Educati a fare affidamento solo sugli insegnamenti dei loro genitori, Alexander e i suoi coetanei abbandonano la tranquillità e la sicurezza della loro comunità per eseguire gli ordini di Gregori. Nonostante la loro naturale freddezza, ai loro occhi le loro missioni da assassini hanno sempre avuto un’apparente innocenza e i bambini non hanno mai compreso appieno la gravità delle loro azioni. Atletico, sveglio e il preferito di Gregori, Alexander festeggia il suo undicesimo compleanno.

    Pochi giorni dopo, Gregori torna alla struttura con Rosa, una fragile e giovane madre che è stata isolata dal mondo esterno. Rosa si unisce alla comunità insieme al suo figlio appena nato e al suo figlio undicenne, Leo.
    È chiaro sin dal primo momento che Leo è diverso dagli altri bambini, sia a livello emotivo che sociale. Ha passato molto tempo nel mondo esterno e disobbedisce a ogni singola parola di Gregori. Posto di fronte a un atto spregevole, Leo reagisce e si ribella a Gregori di fronte all’intera comunità. Non avendo mai assistito a un simile comportamento, Alexander è sia stupito che incuriosito dall’accaduto. Quando Leo nei giorni successivi scompare, Alexander si sente tradito e confuso. Cominciando a ragionare autonomamente, inizia a mettere in discussione gli insegnamenti di Gregori – comprese le sue missioni da killer. All’avvicinarsi del suo dodicesimo compleanno, Alexander vede gli insegnamenti di Gregori su cosa è giusto e cosa sbagliato sotto una luce completamente nuova, finché la tensione tra i due non porta Alexander a compiere un atto tragico e irrevocabile.

    Alexander who, raised to see the world through Gregori's eyes, is starting to think for himself.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano I Wonder Pictures e Claudia Tomassini (Press Office)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di PARTISAN

    Links:

    • Vincent Cassel

    1 | 2

    Galleria Video:

    Partisan - trailer

    Partisan - trailer (versione originale)

    Partisan - clip 1

    Partisan - clip 2

    Partisan - clip 3

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Tutta un'altra vita

    TUTTA UN'ALTRA VITA

    Dal 12 Settembre .... [continua]

    Vox Lux

    VOX LUX

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 12 Settembre

    "Il mio ....
    [continua]

    It - Capitolo 2

    IT - CAPITOLO 2

    RECENSIONE - Dal 5 Settembre

    "La prima volta che ho interpretato Pennywise nessuno sapeva ....
    [continua]

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    La fattoria dei nostri sogni

    LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI

    Tra i più attesi!!! - Realizzare il sogno di una vita si può? Si. .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained si .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]