ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Hustlers

    HUSTLERS

    New Entry - Jennifer Lopez spogliarellista a New York secondo la visione 'sportiva' di .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    New Entry - Ecco lo spin-off de Il Grande Lebowski (1998) dei Fratelli Coen .... [continua]

    Hope Gap - Le cose che non ti ho detto

    HOPE GAP - LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    New Entry - TIFF 2019 - Prossimamente .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Hunger Games: Il canto della rivolta - parte 2

    HUNGER GAMES: IL CANTO DELLA RIVOLTA - PARTE 2

    RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by PETER DEBRUGE (www.variety.com) - Dal 19 NOVEMBRE

    "In questo film Katniss prende in mano la situazione ed affronta Snow personalmente. Il film ci porta in profondità tra le vie di Capitol City, e va a chiudere il cerchio del viaggio di Katniss iniziato proprio lì nel primo film. C'è più azione, più estensione, più emozione e, ancor più di tutto questo film porta la storia alla sua toccante conclusione".
    Il regista Francis Lawrence

    "Nei primi tre film Katniss ha come la sensazione che qualcun altro stesse scrivendo la sceneggiatura della sua vita, e non ha altra scelta se non seguire o reagire a quello script. In quest’ ultimo film, prende una sua decisione: che Snow deve morire, e per questo va ad affrontarlo. Il suo personaggio ora ha pieno controllo, ed è totalmente realizzato".
    La produttrice Nina Jacobson

    (The Hunger Games: Mockingjay Part 2; USA 2015; Avventura; 136'; Produz.: Color Force/Lionsgate coprodotto da Studio Babelsberg; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Hunger Games: Il canto della rivolta - parte 2

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Hunger Games: Il canto della rivolta - parte 2

    Titolo in lingua originale: The Hunger Games: Mockingjay Part 2

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Francis Lawrence

    Sceneggiatura: Peter Craig e Danny Strong

    Soggetto: Dal romanzo di Suzanne Collins.

    Cast: Jennifer Lawrence (Katniss Everdeen)
    Josh Hutcherson (Peeta Mellark)
    Liam Hemsworth (Gale Hawthorne)
    Woody Harrelson (Haymitch Abernathy)
    Elizabeth Banks (Effie Trinket)
    Julianne Moore (Presidente Alma Coin)
    Philip Seymour Hoffman (Plutarch Heavensbee)
    Stanley Tucci (Caesar Flickerman)
    Sam Claflin (Finnick Odair)
    Jena Malone (Johanna Mason)
    Elden Henson (Pollux)
    Natalie Dormer (Cressida)
    Robert Knepper (Antonius)
    Evan Ross (Messalla)
    Gwendoline Christie (Comandante Lyme)
    Cast completo

    Musica: James Newton Howard

    Costumi: Kurt and Bart

    Scenografia: Philip Messina

    Fotografia: Jo Willems

    Montaggio: Alan Edward Bell e Mark Yoshikawa

    Effetti Speciali: Gerd Nefzer (supervisore effetti speciali); Charles Gibson e Dinesh K. Bishnoi (supervisori effetti visivi)

    Makeup: Ve Neill e Nikoletta Skarlatos (capi dipartimento makeup); Camille Friend (capo dipartimento acconciature)

    Casting: Debra Zane

    Scheda film aggiornata al: 21 Dicembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Katniss Everdeen, diventata ormai la Ghiandaia Imitatrice della rivolta contro il presidente Snow, con il sostegno dei suoi amici si ritrova ad affrontare la battaglia finale contro la tirannia di Capitol City per la salvezza di un'intera nazione.
    Ormai, tutti i distretti sono in rivolta e soltanto il distretto 2 rimane fedele al presidente Snow. Per questo motivo, il primo obiettivo degli insorti della presidentessa Alma Coin è la conquista della distretto 2, roccaforte delle forze militari di Panem.
    Peeta Mellark, pur essendo stato salvato da Capitol City e portato al sicuro nel distretto 13, continua a subire le conseguenze del depistaggio subito durante la sua detenzione. Ciononostante la Coin lo invia assieme a Katniss ed ad una squadra d'assalto in una missione militare contro Capitol City. Il fragile stato mentale di Peeta, gli innumerevoli pericoli, i nemici e le trappole mortali nascoste nella capitale di Panem renderanno questa battaglia finale molto più ardua di qualunque altra prova affrontata durante gli Hunger Games.

    IN DETTAGLIO:

    Nel capitolo finale della saga Katniss Everdeen (Jennifer Lawrence) si rende conto che non deve più combattere solo per la sopravvivenza, ma per il futuro della nazione. Con l'intera nazione di Panem in guerra totale, Katniss affronta il Presidente Snow (Donald Sutherland) per la resa dei conti finale. Insieme ai suoi più cari amici - inclusi Gale (Liam Hemsworth), Finnick (Sam Claflin) e Peeta (Josh Hutcherson) - Katniss va in missione con la squadra del Distretto 13, rischiando la vita per liberare i cittadini di Panem ed attentare alla vita del Presidente Snow, sempre più intenzionato a distruggerla. Le trappole mortali, i nemici e le scelte morali che aspettano Katniss la metteranno alla prova più di qualsiasi arena in cui abbia mai combattuto negli Hunger Games.

    La storia prende il via col ritorno di Katniss (Jennifer Lawrence) nei bunker del Distretto 13, ancora incapace di gestire emotivamente il lavaggio del cervello subìto da Peeta, mentre osserva la nazione di Panem scivolare in una guerra apocalittica. Anche se Katniss ha cautamente accettato il suo ruolo di Ghiandaia Imitatrice, icona della ribellione, nota che il simbolismo non è più sufficiente a cambiare il corso degli eventi contro Capitol City. Letteralmente in fiamme, decide di agire. Insieme a Gale (Liam Hemsworth), all’imprevedibile Peeta (Josh Hutcherson), a Finnick (Sam Claflin), ed alla cosiddetta "Squadra 451", si dirige verso Capitol City - un tempo scintillante, ora trasformata in una città in pieno caos sotto attacco sia dai ribelli che dalle forze di pace - in una missione segreta con l’obiettivo di assassinare il Presidente Snow. Snow è ancora ossessionato dall’idea di poter superare in astuzia Katniss ed annientarla, mentre invece la nostra eroina non è più la pedina di nessuno, e di fatto non è più coinvolta in una competizione. Si tratta invece di una battaglia per i propri ideali e per le persone che ama. Una battaglia per la pace futura.

    SHORT SYNOPSIS:

    As the war of Panem escalates to the destruction of other districts by the Capitol, Katniss Everdeen, the reluctant leader of the rebellion, must bring together an army against President Snow, while all she holds dear hangs in the balance.

    Commento critico (a cura di FRANCESCO ADAMI)

    In Hunger Games : Il Canto della rivolta parte 2. Katniss affronta il Presidente Snow andando in missione con la squadra del Distretto 13 ed insieme ai suoi più cari amici inclusi Gale (Liam Hemsworth), Finnick (Sam Claflin) e Peeta (Josh
    Hutcherson) ed i superstiti vincitori degli Hunger Games, rischia la vita per liberare i cittadini di Panem. Gli ostacoli e le trappole mortali sono dietro l'angolo, i nemici e le valutazioni di enormi sacrifici fanno diventare Katniss una vera eroina in lotta con le sue scelte morali. La ragazza si è trasformata da inerme a lottatrice, poi in eroina ribelle profondamente riluttante ed infine leader forte e determinata a distruggere una società spietata per il bene di tutti.

    Il lungometraggio è denso di scene d'azione più degli altri film, lo scenario si è spostato dal crudele intrattenimento da gioco olimpico con trappole tecnologiche ad un realistico scenario di guerriglia urbana

    a cui non mancano ostacoli e spietate sorprese. La tematica più interessante di tutta la saga e di questo film è il rapporto tra la tecnologia volta all'informazione, il protagonismo e l'esibizionismo sfrenato rivolto alla pura spettacolarizzazione della vita e dell'identità collettiva. La sequenza del lungometraggio che convince di meno é quella durante la quale Katniss e la sua squadra affrontano gli Ibridi, una sorta di uomini anfibi. Sembra quasi di non essere nelle tipiche ambientazioni di Hunger Games bensì in quelle di film come Resident Evil o Blade, dove Katniss e la sua squadra assomigliano a supereroi che si scontrano con bestie soprannaturali.

    Una strepitosa interpretazione é quella di Josh Hutcherson nel ruolo di Peeta che, nell'ultima parte delle sue avventure, é divenuto un personaggio mentalmente squilibrato. Peeta deve ritrovare se stesso per annullare quell'odio totale per Katniss, innestatogli da Capitol City. L'attore evidenzia le sue capacità mostrando un'interpretazione

    intensa ed espressivamente convincente ed una maturità recitativa che porterà l'attore a ruoli sempre più consolidati e non solamente radicati allo stile teenager.

    Il film è stato girato in digitale con Alexa XT anche se alcune sequenze sono state realizzate in IMAX, inoltre, la maggior parte del film è stata girata in Europa. A Château de Voisins, vicino Versaille, sono rappresentate alcune porzioni della villa del Presidente Snow, mentre una sequenza importante è stata girata in Francia attorno ai palazzi post-moderni di Noisy-Le-Grand, chiamati "L'espace Abraxas". Questi palazzi sono costituiti da massicce
    strutture in pietra squadrate, circondate da pilastri, piazze e archi trionfali che richiamano l'epoca dell'Impero greco, dando la sensazione di una città futuristica e perfettamente pianificata. Nell'insieme il lungometraggio mantiene uno stile coerente con i precedenti capitoli e con il mondo degli Hunger Games. Pur non essendo accattivante come il primo capitolo, non delude le aspettative, anche se
    può risultare

    banale al livello di storia. La suddivisione dell'ultima parte della saga in due film sembra avere un'impronta commerciale rispetto ad una dettagliata trasposizione del romanzo stesso. Una visione non può mancare per coloro che hanno seguito la storia e per coloro che vogliono avere una visione totale e approfondita del personaggio di Katniss Everdeen. Ultima imperfezione è forse il finale dai sentori sdolcinati che poteva essere approfondito e sviluppato meglio.

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)

    THE FUN AND GAMES GROW DARKER STILL AS SUZANNE COLLINS' DYSTOPIAN SCI-FI SERIES REACHES ITS GRIM CONCLUSION.

    What started as a game culminates in deadly serious terms with a full-scale overthrow of the system itself in “The Hunger Games: Mockingjay – Part 2,” which counters the meager helpings offered by most teen-driven entertainment with one of the heartiest character arcs ever afforded a young female protagonist. After being forced to hunt other innocent children for sport, Katniss Everdeen rallies her fellow rebels to rise up against the Capitol, and that’s not even the most revolutionary thing about this fourth and final installment in Suzanne Collins’ dystopian adventure series, which continues to implicate its own fan base in the bloodlust even as it kills off many of their favorite characters. Though domestic B.O. dipped some 20% for the previous feature, this ultra-dark, deliberately paced climax should recover somewhat even as it

    ventures down bleaker channels still, paying off the gamble of having stayed true to its source.

    Katniss may be 17 years old as “The Hunger Games” reaches its long-awaited finale, but in the hands of director Francis Lawrence (who took the reins from Gary Ross after the first film), the series has veered far from the realm of traditional young-adult entertainment. For all intents and purposes, “Mockingjay” is a war movie, albeit one starring an iconic, athletic Joan of Arc-like heroine (once again played by Jennifer Lawrence) and featuring battle scenes that feel suspiciously like extensions of previous Hunger Games — those arena death matches where sadistic dictator Coriolanus Snow (Donald Sutherland, that master of the menacing grin) unleashed high-tech and bioengineered weapons, which have since been tucked away into booby-trapped “pods” all over the Capitol streets.

    Though these inventive challenges make for an entertaining Capture the Flag-style obstacle course, Collins (who

    once again earns an “adaptation” credit) and returning screenwriters Peter Craig and Danny Strong are clearly more concerned with the mass-media manipulation of combat footage than the are in what actually transpires in the trenches. Modern warfare, Collins suggests, is literally a “show of force,” complete with all the theatricality that implies, and her dystopian Oz will ultimately be ruled by the showman — or woman, since Snow’s worthiest rival is Alma Coin (a severe if somewhat less interesting Julianne Moore) — with the most compelling narrative to share over the airwaves.

    Needless to say, it would be unwise for anyone not yet versed in the series’ mythology to jump in at this late stage, as “Mockingjay — Part 2” is no mere sequel, but the finale of an ambitious narrative in which the tragedy of each fatality relies on connections established in previous films. While hardly unique to “The Hunger

    Games,” this cumulative-storytelling approach feels perfectly consistent with sophisticated, serialized TV and film franchises (“Harry Potter” in particular) that respect viewers’ ability to track multiple individuals and intrigues over a span of years — which is to say, there’s no “Previously in Panem … ” catch-up sequence to situate newcomers here.

    That said, director Lawrence does allow enough room for audiences to process what’s unfolding before them, working at a classical pace that’s become increasingly rare among breakneck modern blockbusters. One could argue that “Mockingjay” didn’t really merit being split in two (and surely a single three-hour movie could be made of it), but we benefit from the fact that the film has been given room to breathe, which allows for subtle character moments — including a nice bonding scene between Katniss and standoffish fellow victor Johanna (Jena Malone) that substitutes for their having been roommates in the book — and

    the gradual building of suspense during the actual siege in the Capitol.

    For those who don’t clearly remember all that has come before, the film opens immediately after Katniss has been reunited with Peeta (Josh Hutcherson), who spent nearly the entirety of “Part 1” under Snow’s control, tortured and “highjacked” (brainwashed with tracker-jacker venom) into hating Katniss, only to end the film rescued and returned to District 13. But in what state? Or to echo Peeta’s distress in his own words, borrowing a line that may as well apply to the entire media-managed revolution: “Real or not real?”

    Such questions hover over nearly everything in “Part 2,” where what remains of Katniss and Peeta’s always ambiguous romance becomes still more complex, now that the purity of his love has been cast in doubt. In the past, Peeta’s feelings for her were always sincere, whereas Katniss was the one who performed her part

    exclusively for the cameras’ benefit, guarding her heart for childhood sweetheart Gale (Liam Hemsworth). Now, Katniss fears that Peeta has been programmed to assassinate her, but also discovers that Gale isn’t the man she once believed, but rather a ruthless battle strategist willing to sacrifice innocent lives in his attacks on District 2 and the Capitol.

    From the very outset of the series, Katniss has been faced with difficult moral questions. Nearly always, she acted out of a naive sense of what was right, starting with her decision to take younger sister Prim’s place in the Hunger Games. In the intervening time, she has gained an audience with Panem’s top power mongers, her cynicism steadily growing as she comes to recognize how such individuals operate. By this point, Coin is as much a figure of suspicion as Snow, and Katniss disobeys her orders (to function as rebel-alliance cheerleader in “propos,” or

    propaganda spots, directed against the Capitol) and decides to hunt Snow down herself — an easier choice to understand than the pic’s subversive final twist, which spectacularly re-establishes Katniss’ defiant individuality.

    As demonstrated in an early scene, when a P.O.W. from District 2 holds her at gunpoint and demands one good reason he shouldn’t pull the trigger, Katniss considers her life no more valuable than those around her, refusing to buy into her own mythology. Though she has allies — and indeed reteams with a squad of familiar faces, including Gale, newly wed Finnick Odair (Sam Claflin) and former bodyguard Boggs (Mahershala Ali) for the Capitol assault — Katniss’ latest moral dilemmas leave her feeling more alone than ever. Like little Frodo Baggins, crushed and corrupted by his heavy burden over the course of three films, she’s not the same person she was when her adventure began.

    Similarly, Jennifer Lawrence isn’t the

    same actress, having grown from the hardy yet resourceful child of “Winter’s Bone” to the assertive adult seen in “American Hustle.” That evolution serves her character well, and Lawrence (the director) engineers the film to replicate the effect of Collins’ first-person narration. We experience much of “Mockingjay” from a relatively subjective point of view, either seeing things over her shoulder or processing how the resulting emotions register on her face, which the actress controls with a subtlety befitting the widescreen pic’s Imax proportions.

    That same subtlety doesn’t necessarily extend to James Newton Howard’s score, which fluctuates from soap-opera-style piano accents to full-blown action-movie bombast (with a lovely Celtic wedding ballad on the occasion of Finnick’s marriage). Even so, Howard’s music becomes downright vital during the film’s most claustrophobic sequence, as Katniss’ squad comes face-to-face with a herd of ferocious mutants in the Capitol’s underground sewer system, resulting in a “mutt” attack

    more intense than any of the demon or zombie nastiness the helmer conjured in “Constantine” or “I Am Legend.”

    All three of his “Hunger Games” assignments benefit from the world-building talents the director developed on those earlier sci-fi thrillers, and here, he delivers the most complete evocation of Panem yet — although some may be disappointed to see the battle for District 2 reduced to a CGI firebombing glimpsed over Katniss’ shoulder. The film makes up for that with impressive Capitol action, building the city above and below ground through a combination of heavy-concrete German locations and digital trickery, best showcased in a terrific set piece in which Katniss and her crew work out personal differences amid a rising tide of black oil.

    The nasty liquid swallows a few of her friends, while others die in even more horrifying ways later on, but there’s no fun left in killing, either for Katniss

    or her fans. In fact, some of the deaths are downright devastating, underscoring how much more profound Collins’ political critique has become by this stage. Just think: It was Katniss’ instinct to protect Prim (Willow Shields) that drew her into the center of Snow’s madness, and by the end, she’s in a position to take revenge upon the evil president, while her younger sister has joined the front lines.

    The one death no one could have foreseen, that of actor Philip Seymour Hoffman, adds welcome resonance to his scenes as gamemaster Plutarch Heavensbee, while leaving him sorely missing from a crucial emotional moment in which Woody Harrelson’s Haymitch arrives with a letter containing the character’s final words. Though the script adheres to Collins’ novel, everything that follows feels extraneous, with a succession of endings straining the patience somewhat. While the series remarkably managed to sustain its cast and credibility across four

    increasingly ambitious features, Francis Lawrence doesn’t quite recognize when it’s game over.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Universal Pictures International Italy e Silvia Saba (SwService)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di HUNGER GAMES: IL CANTO DELLA RIVOLTA - PARTE 2
    ENGLISH PRESSBOOK of THE HUNGER GAMES: MOCKINGJAY PART 2

    Links:

    • Francis Lawrence (Regista)

    • Julianne Moore

    • Jennifer Lawrence

    • Philip Seymour Hoffman

    • Donald Sutherland

    • Stanley Tucci

    • Jeffrey Wright

    • Jena Malone

    • Natalie Dormer

    • Woody Harrelson

    • Toby Jones

    • Elizabeth Banks

    • Josh Hutcherson

    • Liam Hemsworth

    • Mahershala Ali

    • Sam Claflin

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Capitol City
    - Revolution
    - Pagina Facebook
    - Pagina Twitter- # Partecipa alla conversazione
    - Pagina Instagram

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11

    Galleria Video:

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - trailer 3

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - trailer

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - trailer 2

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - trailer 'Per Prim'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - trailer (versione originale) - The Hunger Games: Mockingjay Part 2

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - spot 'Unisciti a noi'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - spot 'Ho smesso di fare la pedina'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - spot 'Faremo cadere Capitol'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - clip 'La squadra di stelle'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - clip 'Vero'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - clip 'Vecchi amici'

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video al regista Francis Lawrence (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Jennifer Lawrence 'Katniss Everdeen' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Julianne Moore 'Presidente Alma Coin' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Natalie Dormer 'Cressida' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Josh Hutcherson 'Peeta Mellark' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Liam Hemsworth 'Gale Hawthorne' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - intervista video a Sam Claflin 'Finnick Odair' (versione originale sottotitolata)

    Hunger Games: Il canto della rivolta-parte 2 - featurette 'Il Fenomeno Hunger Games' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Tutta un'altra vita

    TUTTA UN'ALTRA VITA

    Dal 12 Settembre .... [continua]

    Vox Lux

    VOX LUX

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 12 Settembre

    "Il mio ....
    [continua]

    It - Capitolo 2

    IT - CAPITOLO 2

    RECENSIONE - Dal 5 Settembre

    "La prima volta che ho interpretato Pennywise nessuno sapeva ....
    [continua]

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    La fattoria dei nostri sogni

    LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI

    Tra i più attesi!!! - Realizzare il sogno di una vita si può? Si. .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained si .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]