ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Go with Me

    GO WITH ME

    Dalla 72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia - RECENSIONE - Dal 13 OTTOBRE

    "Ritengo che 'Go With Me' sia simile a un western classico. In effetti, ha tutti gli elementi di questo genere. Persone buone e cattive. Un momento che rappresenta un punto di non ritorno per tutti i protagonisti. E non ci sono assolutamente situazioni concilianti. Sono sempre stato un grande ammiratore di Cuore di tenebra di Joseph Conrad. Per come la vedo io, i nostri eroi si trovano vicini all’oscurità più totale. Ed è per questo che ho deciso di fare il film.
    Oltre ai quattro protagonisti, considero il territorio e gli ambienti in cui abbiamo girato (in Canada) come il quinto personaggio di 'Go With Me'
    ".
    Il regista Daniel Alfredson

    (Blackway; USA/CANADA/SVEZIA 2015; Thriller; 90'; Produz.: Enderby Entertainment/Gotham Group; Distribuz.: Microcinema)

    Locandina italiana Go with Me

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOSPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Go with Me

    Titolo in lingua originale: Blackway

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Daniel Alfredson

    Sceneggiatura: Joe Gangemi e Gregory Jacobs

    Soggetto: Da un romanzo di Castle Freeman Jr.

    Cast: Julia Stiles (Lillian)
    Alexander Ludwig (Nate)
    Anthony Hopkins (Lester)
    Taylor Hickson (Caposcuola Meth)
    Ray Liotta (Blackway)
    Lochlyn Munro (Murdoch)
    Hal Holbrook (Whizzer)
    Aleks Paunovic (Skell)
    Chris Gauthier (Chris)
    Aaron Pearl (Scotty Cavanaugh)
    Glenn Beck (DB)
    Audrey Smallman (Heidi)

    Musica: Anders Niska e Klas Wahl

    Costumi: Jenni Gullett

    Scenografia: James Hazell

    Fotografia: Rasmus Videbæk

    Montaggio: Håkan Karlsson

    Makeup: Kim Collea (per Ray Liotta)

    Casting: Candice Elzinga e Julia Kim

    Scheda film aggiornata al: 06 Novembre 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Lilian (Julia Stiles), una giovane donna, nel momento in cui fa ritorno nella sua casa natale, viene importunata da Blackway (Ray Liotta), un ex poliziotto diventato un violento criminale. Chiede l'aiuto di un ex-taglialegna (Anthony Hopkins) e del suo braccio destro (Alexander Ludwig), un ex taglialegna, gli unici due abitanti della cittadina così coraggiosi - o forse folli - da mettersi contro Blackway.

    In altre parole:

    Lillian, una giovane donna da poco tornata a vivere nella sua città natale, una comunità di taglialegna ai limiti della foresta, è vittima delle persecuzioni di Blackway, un ex poliziotto diventato un potente criminale, libero di spadroneggiare impunemente in questo luogo ai confini della civiltà. Dopo essere stata abbandonata dagli abitanti, in particolare dallo sceriffo (che le consiglia di lasciare la città), Lillian decide invece di combattere il pericoloso stalker, grazie all’aiuto di un ex taglialegna e del suo giovane assistente, gli unici due uomini tanto coraggiosi (e folli) da mettersi contro Blackway.

    SYNOSPSIS:

    An ex-logger comes to the aid of a woman who returns to her hometown in the Pacific Northwest and finds herself harassed and stalked by a former cop turned crime lord.

    A modern fable set against the rugged backdrop of a Pacific Northwest logging community, GO WITH ME tells the story of Lillian, a young woman newly returned to her hometown who becomes the subject of harassment by a man named Blackway, an ex-cop turned violent crimelord who operates without impunity in this small community on the edge of the wilderness. Forsaken by the local townspeople, advised by the Sheriff to leave town, Lillian decides instead to take a stand against her sociopathic stalker, and enlists the help of an ex-logger Lester (ANTHONY HOPKINS) and his laconic young sidekick Nate-the only two men in town brave enough, or crazy enough, to go with her, and go up against Blackway.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Il sottotitolo promozionale "quando la legge non può nulla, devi farti giustizia da solo" potrebbe trarre in inganno. A meno che non riflettiamo un momento sul fatto di chi è al timone di Go with Me. E' il regista svedese Daniel Alfredson, al suo primo film americano dopo la doppietta di Millennium (La ragazza che giocava con il fuoco, La regina dei castelli di carta), a dirigere questa pellicola marcatamente nordica, fredda e oscura come ammiccato dal nome del famigerato protagonista Blackway, che è poi anche il titolo originale del film. Blackway: 'Black' (nero) è la prima parola di questo nome, essenziale ma composto. Che poi alla seconda parola, 'way', le si dia il significato di modo, abitudine, via, strada, maniera, percorso, direzione, verso, parte, tragitto, possibilità o passaggio, la sostanza della metafora non cambia. Un nome che emana dunque alla lettera oscurità, onorata in pieno da Ray Liotta calato

    fino in fondo nel personaggio. Blackway, per l'appunto. Vale a dire il lato oscuro della forza nel senso più pieno del termine.

    Ma come dicevo, "il farsi giustizia da solo", nelle mani di questa regia, non poteva certo tradursi in un western classico. Un classico si, ma solo per quanto attiene ad uno stile tipicamente nordico. Lo tradiscono quel paesaggio boschivo innevato, già sinistro ed oscuro di per sé, e l'apertura in notturno del prologo, la desolazione ambientale a ridotto tasso demografico, testimoniato da un camion di passaggio carico di legname, laddove imperano ampie distese boschive. Paesaggio e musica sono i primi protagonisti ansiogeni di questo 'percorso di risanamento': una sorta di concime a lenta cessione come fertilizzante di una ricerca 'on the road' che va ad occupare gran parte del film. Un percorso essenziale, denudato di orpelli, così come essenziali sono i protagonisti, e non soltanto dal punto di

    vista numerico. Presenze fugaci in poche scene che esprimono un mondo. Un mondo in cui non è affatto facile difendersi, soprattutto se si è donne. Ne basta una, la Lillian di Julia Stiles, il simbolo di un presente che parla anche in nome del passato. E bastano poche mosse, poche parole, una manciata di incontri, per capire chi abusa di un potere paradossalmente legato alla giustizia, per esercitare l'opposto con un'oscura, violenta sopraffazione, tenendo stretta nella morsa della paura la gente del territorio. E con la paura, quella vera, si sa, si tende a collaborare poco con la vera giustizia: persino lo sceriffo nega il proprio aiuto demandando ad altri ogni genere di doverosa responsabilità.

    Le strade tra i boschi, una segheria con un manipolo di vegliardi taglialegna, i loro rapidi scambi di vedute e informazioni su certe vicende del luogo, tracciano l'ipotetica mappa di una 'missione impossibile': "l'unica persona

    che può parlare con quel maiale è una persona che non può comprare" osserva il Lester di Anthony Hopkins (magnifico come sempre!). E poi l'unione fa la forza, anche per tre persone apparentemente sprovvedute come il vecchio Lester/Hopkins, il suo giovane assistente Nate, un pò tardo ma all'occorrenza forte ed efficiente (Alexander Ludwig) e la vittima di stalking in odore di stupro Lillian/Stiles. Unite dal vincolo degli stessi principi morali e dalla stessa naturale tendenza e determinazione a vederli rispettati, rifiutando l'intimidazione o i continui consigli a lasciar perdere e scegliere un altro posto dove vivere. Niente concessioni alle losche vie del latitante Blackway, invischiato fino al midollo in traffici di droga e prostituzione e avvezzo a mezzi e strumenti da boss mafioso a tutti gli effetti. Personaggio protagonista pur essendo di fatto ben poco in campo, se non per come se ne parla in giro e per quell'alito di

    fangosa minaccia che alita ovunque. In particolare sui chilometri percorsi dal pick-up con a bordo il desueto trio, lanciato sulle sue tracce con tutta la consapevole flemma e la soppesata razionalità che trasudano da tutti i pori del Lester di Hopkins, benefattore per scelta alla luce di una non trascurabile motivazione personale. Non è un caso se a chiarire un percorso lastricato per lo più da silenziose aspettative e laconici scambi di idee intervengono frammenti di ricordi di ognuno dei tre. Pochi indizi sulla vita personale di ciascuno, centellinati qua e là poco alla volta, sono sufficienti a rendere credibile e più che motivata questa ostinata avanscoperta sulle tracce del ricercato. Senza corse, né forsennati inseguimenti, né esasperate scene di colluttazione. Tutto è misurato e sotto controllo nel percorso in cui Lester/Hopkins conduce quasi mellifluamente la sua 'inchiesta-caccia'. Alcuni incontri chiave poco inclini ad aprirsi ad illuminanti rivelazioni, ritardano l'inevitabile

    incontro, lasciando nel frattempo tutto lo spazio necessario ai pensieri che oramai pungolano mente e anima di ciascuno dei tre, alimentando in loro, come benzina sul fuoco, il senso dell'urgenza e dell'importanza ad agire. Percorsi nel percorso. Scorci di tracciati introspettivi che valgono esperienze di vita ferite, di cui ci è concesso scoprire sul grande schermo solo le cicatrici più evidenti, rilasciando poche intime gocce. Le classiche gocce che fanno traboccare il vaso e che muovono questo inconsueto trio ad uscire allo scoperto quando nessuno osa farlo.

    Uno sguardo obliquo dunque, essenziale quanto profondo su quale giustizia possibile in circostanze come queste. Facile a dirsi, difficile a farsi, a dispetto delle apparenze. E anche se si ha la sensazione che in ogni modo giustizia debba esser fatta, fa riflettere lo sconcertante, insistito, piano sequenza appuntato sullo smarrimento mentale di Lester, trionfalmente celebrato da Anthony Hopkins con lo sguardo sospeso, come perso

    nel nulla, eppur orientato verso le trasparenze vitree di quella finestra con cui guadagna l'obiettivo della macchina da presa. Il riflesso di uno smalto traslucido per un'intensa sceneggiatura dell'anima.

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Microcinema e Ornato Comunicazione.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di GO WITH ME

    Links:

    • Anthony Hopkins

    • Ray Liotta

    • Julia Stiles

    • Hal Holbrook

    1 | 2

    Galleria Video:

    Go with Me - trailer

    Go with Me - trailer (versione originale) - Blackway

    Go with Me - clip 'Sulle tracce di Blackway'

    Go with Me - clip 'Lillian chiede aiuto'

    Go with Me - clip 'Veniamo con te!'

    Go with Me - clip 'Il segreto di Lester'

    Go with Me - clip 'Trudy'

    Go with Me - clip 'La tana di Blackway'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]