ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Forrest Gump

    FORREST GUMP

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Vincitore di [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Cannes 72. - Concorso - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained .... [continua]

    A Hidden Life

    A HIDDEN LIFE

    New Entry - Cannes 72. - Concorso - Terrence Malick, il regista più .... [continua]

    Juliet, Naked - Tutta un'altra musica

    JULIET, NAKED-TUTTA UN'ALTRA MUSICA

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2018 - Tratto dall'omonimo romanzo di Nick .... [continua]

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    New Entry - 72. Cannes - Concorso

    "Dopo 'Io, Daniel Blake', mi ....
    [continua]

    I morti non muoiono

    I MORTI NON MUOIONO

    72. Cannes - Dal 13 Giugno .... [continua]

    The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    New Entry - Cannes 72. - Quinzaine des Réalizateurs .... [continua]

    Stanlio e Ollio

    STANLIO E OLLIO

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema (18 ottobre-28 ottobre 2018) - Selezione Ufficiale .... [continua]

    Ma cosa ci dice il cervello

    MA COSA CI DICE IL CERVELLO

    Ancora al cinema - Nuova commedia per la coppia, di vita e di lavoro, .... [continua]

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 24 Aprile

    "È stato ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Pan - Viaggio sull'isola che non c'è

    PAN - VIAGGIO SULL'ISOLA CHE NON C'È: ECCO UNA NUOVA RILETTURA DEL PERSONAGGIO SENZA TEMPO DI PETER PAN, IL RAGAZZO CHE NON VUOLE DIVENTARE ADULTO, NATO DALLA PENNA DI J. M. BARRIE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 12 NOVEMBRE

    "Come tutti i bambini del mondo sono cresciuto con la storia di Peter Pan, poiché è una favola che stimola e celebra l’immaginazione. Da grandi abbiamo da affrontare le bollette da pagare e i temi universali come la morte, ma Peter Pan ci incoraggia a preservare la magia dell’infanzia, è ciò che ci permette di vivere la vita in maniera più gioiosa. Poi ricordiamo che tutta la storia inizia in un orfanotrofio, così da quando ho adottato i miei figli me la sento addosso più di prima. Come potevo dire di no ad un progetto simile? È stata una grande occasione... Pan si sviluppa durante il regno di Barbanera, un’epoca diversa rispetto a quella che tutti conoscono. Raccontiamo l’arrivo di Peter, ma anche come Capitano Uncino è diventato il personaggio dell’immaginario comune. Joe ha immaginato la storia partendo da una frase precisa all’inizio del romanzo di J.M. Barrie, che indica chiaramente Uncino come un servitore di Barbanera... Joe ha dunque ricamato un punto di vista sorprendente su una storia che tutti pensano di conoscere. È partito dal principio che l’Isola che non c’è può essere reinventata all’infinito, per questo ha fuso insieme diversi stili e generi, toccando la commedia musicale per arrivare fino a 'Smells Like Teen Spirit' dei Nirvana. Tutto è visto con gli occhi dei bambini, per questo motivo gli adulti sono terrificanti e ridicoli"
    L'attore Hugh Jackman

    (Pan; USA 2015; Avventura Fantasy; 111'; Produz.: Berlanti Productions/Dune Entertainment; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italy)

    Locandina italiana Pan - Viaggio sull'isola che non c'è

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Pan - Viaggio sull'isola che non c'è

    Titolo in lingua originale: Pan

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Joe Wright

    Sceneggiatura: Jason Fuchs e J.M. Barrie

    Soggetto: Personaggi di J.M. Barrie.

    Cast: Levi Miller (Peter Pan)
    Hugh Jackman (Barbanera)
    Garrett Hedlund (Uncino)
    Rooney Mara (Giglio Tigrato)
    Amanda Seyfried (Mary)
    Kathy Burke (Madre Barnabas)
    Adeel Akhtar (Spugna)
    Cara Delevingne (Sirena)
    Paul Kaye (Mutti Voosht)
    Nonso Anozie (Vescovo)
    Emerald Fennell (Comandante)
    Anastasia Harrold (Guerriera SPACT)
    Julian Seager (Livingston)
    Bronson Webb (Steps)
    Ruolan Zhang (Ragazza della tribù Pan)
    Cast completo

    Musica: John Powell

    Costumi: Jacqueline Durran

    Scenografia: Aline Bonetto

    Fotografia: John Mathieson e Seamus McGarvey

    Montaggio: William Hoy e Paul Tothill

    Effetti Speciali: Mark Holt (supervisore effetti speciali); Chas Jarrett, Kyle McCulloch, Thomas Schelesny, Marc Varisco e Joseph A. Zaki (supervisori effetti visivi)

    Casting: Dixie Chassay e Jina Jay

    Scheda film aggiornata al: 09 Dicembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Peter (Levi Miller) è un dodicenne birichino con una insopprimibile vena ribelle, ma nel triste orfanotrofio di Londra dove ha vissuto tutta la vita queste qualità non sono ben viste. In una notte incredibile Peter viene trasportato dall’orfanotrofio dentro un mondo fantastico, popolato da pirati, guerrieri e fate, chiamato Neverland. E lì si ritrova a vivere straordinarie avventure e a combattere battaglie all’ultimo sangue nel tentativo si svelare l’identità segreta di sua madre, che lo aveva abbandonato tanto tempo prima, ed anche il suo posto in questa terra magica. In una squadra formata dalla guerriera Tiger Lily (Rooney Mara) e dal suo nuovo amico di nome James Hook (Garrett Hedlund), Peter deve sconfiggere lo spietato pirata Blackbeard (Hugh Jackman) per salvare Neverland e scoprire il suo vero destino—diventare l’eroe che sarà conosciuto per sempre con il nome di Peter Pan.

    SHORT SYNOPSIS:

    The story of an orphan who is spirited away to the magical Neverland. There, he finds both fun and dangers, and ultimately discovers his destiny -- to become the hero who will be forever known as Peter Pan.

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Dopo la Anna Karenina con Keira Knightley il suo regista Joe Wright probabilmente verrà ricordato come l’adattatore infedele di capolavori letterari. Compie la stessa operazione con le vicende immortali di Peter Pan, spostando la storia dall’inizio del Novecento alla seconda guerra mondiale, quando il dodicenne Peter vive in un orfanotrofio londinese prima di essere catapultato nel mondo dell’isola che non c’è. Molti gli elementi cambiati: viene per esempio del tutto tagliata la famiglia Darling, facendo di questo Pan, pertanto, una sorta di prequel della storia originale. Ma ogni cambiamento di questo genere, per essere apprezzato, deve avere una sua profonda originalità, che qui ovviamente manca.

    Il film si concentra su tanti effetti speciali, che sono di fatto posticci, come tutte le altre idee sviluppate. Sempre che di idee si possa parlare… I dialoghi sono banalissimi, ridicoli, e il cast, Hugh Jackman e Rooney Mara soprattutto, non funziona: nemmeno il piccolo

    Levi Miller pare particolarmente ispirato (in genere questi bambini sono bravissimi, questo è così così). Il Peter Pan di James M. Barrie, viceversa, è stato oggetto di straordinari film e adattamenti teatrali: l’ultimo, abbastanza apprezzato, è un live televisivo trasmesso lo scorso anno dalla NBC, con Allison Williams nel ruolo di Peter e Christopher Walken in quello di Capitan Uncino. E il fatto che Peter sia stato interpretato da una donna, per inciso, è cosa che nel passato è accaduta piuttosto di frequente, quasi per convenzione. Pertanto, dopo aver visto questa infelice versione di Wright, tornano alla mente le precedenti, persino quell’Hook – Capitan Uncino di Spielberg con il compianto Robin Williams, altrettanto infedele, ma forse, per via delle reminiscenze d’infanzia di chi scrive, un ricordo cinematografico molto positivo, anche se all’epoca fu abbastanza screditata. Ma quest’ultima rilettura è troppo banale per gli adulti e troppo noiosa per i più

    piccini. E si deve andare molto più indietro nella memoria per trovare il vero senso dell’opera di Barrie. Sono infatti il bianco e nero e il silenzio del muto a dare la forza emotiva della rappresentazione visiva di Peter Pan. Perché la storia del bambino senza ombra al cinema rielabora e costruisce alcuni prototipi del genere fantasy e i trucchi visivi già praticati a teatro avvalendosi di illusioni ottiche. Ancor prima dell’edizione Disney del 1953, Peter Pan fu oggetto di una versione cinematografica che rimanda alla visualità di Méliès, diretta nel 1924 da Herbert Brenon, che traeva spunto proprio dall’impostazione della versione teatrale realizzata da J.M. Barrie stesso (magari Wright fosse all’altezza di entrambi), che attraverso la raffinata allegoria della nascita irrituale, della perdita dell’ombra e dell’Isola che non c’è, dove Peter conduce i tre bambini Darling, tra cui la piccola Wendy, che vuole che faccia da mamma ad

    altri bimbi sperduti come lui, racconta il suo passato e la sua storia di infanzia negata. E alla fine sono i Darling a scoprire in quel nuovo mondo l’immutabilità dell’infanzia lontana dalla sfera degli adulti che frenano le loro purezze.

    Questa versione cinematografica per la sapiente regia di Brenon è sicuramente, fra tutte quelle realizzate, la più interessante nella sua struttura visiva, ricca di una scenografia e di una fotografia che mettono in evidenza la forma e il mistero di una storia straordinaria con effetti speciali per l’epoca davvero, in quel caso, innovativi, anche se possono apparire teneramente primordiali più che sorprendenti ai nostri occhi postmoderni. La magia in realtà infatti sta tutta nell’impianto visivo e nella ricostruzione fedele di animali interpretati da esseri umani, e scenografie che riprendono i fondali teatrali delle origini. La poesia risiede tutta, in quel caso, nel tocco elegiaco che viene dato alla

    confezione della favola, e nella sua palese ricostruzione in studio diventa paradossalmente più veritiera di una ricostruzione da terzo millennio come il Pan di Wright, perché paradossalmente è con la cartapesta degli interni che meglio si assapora la verità dell’illusione. Come da tradizione per l’epoca anche in questo film il giovane bambino viene interpretato da una donna adulta, nella fattispecie Betty Bronson, e il gioco affettivo e l’attrazione di Wendy (la deliziosa Mary Brian) creano un facile, ma interessante, riferimento lesbico, con tutto il sottotesto subliminale che ciò comporta. Nel film di Brenon viene raccontata un’infanzia che in qualche modo il mondo adulto non può accettare e comprendere. Quel cinema silenzioso urla l’indipendenza di una generazione che vuole affermare se stessa e il suo valore, fedele di conseguenza ai temi degli autori, del teatro e della settima arte, attraverso l’emblema stesso dei generi che la rappresentano, il cinema

    americano con i suoi effetti visivi, la condizione ludica e d’intrattenimento, a cui autori come Spielberg e Lucas saranno debitori (e non è certo un caso che il primo, come abbiamo già detto, ha realizzato una sua personale versione della storia del bambino che aveva perso l’ombra con il già citato Hook – Capitan Uncino).

    Siamo nel pieno degli anni Venti e le strutture cinematografiche sono già ampiamente definite e armoniche nel loro stile e nelle loro tematiche. Centrale ovviamente è il ritratto della figura materna che si scontra in una visione di reciproca negazione: Wendy e sua madre sono angeliche e positive figure materne, la cui bontà viene raffigurata canonicamente dall’iconografia della bellezza, anche se come ben sappiamo dalla storia la figura della madre è mancante per Peter e i bimbi sperduti che non ce l’hanno e per questo ne vedono una in Wendy. Quel Peter Pan era il

    racconto di un mondo elegiaco e fantastico scomparso. La poesia, differente, è connaturata in ciascun fotogramma dalla determinazione dello spettatore attraverso un’esperienza filmica al di là dell’immaginazione. Bellissima. Il Peter Pan di Brenon, insomma, è il Peter Pan come dovrebbe essere. Bellissimo. Ma Wright non deve averlo visto, probabilmente. Il suo Pan, infatti, al contrario, pur con tutte le possibilità del terzo millennio, sin dal titolo è monco. Qui l’esperienza filmica è come l’isola della vicenda. Non c’è.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warner Bros. Pictures Italia e Silvia Saba (SwService)

    Links:

    • Joe Wright (Regista)

    • Amanda Seyfried

    • Hugh Jackman

    • Rooney Mara

    • Garrett Hedlund

    • Cara Delevingne

    • Ruolan Zhang

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook

    1 | 2 | 3 | 4 | 5

    Galleria Video:

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - trailer 3

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - trailer

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - trailer 2

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - trailer (versione originale) - Pan

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Il tuo fascicolo'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Se non voli precipiteremo'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Non sono io il prescelto'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Ti spiace se mi intrometto?'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Voi siete a casa'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Tic toc'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Pan'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - clip 'Sapeva volare'

    Pan-Viaggio sull'isola che non c'è - featurette 'Un magico 3D' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cannes 2019 - Concorso - Dal .... [continua]

    John Wick 3 - Parabellum

    JOHN WICK 3 - PARABELLUM

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 16 Maggio

    Si vis pacem, para bellum (Se vuoi ....
    [continua]

    Attenti a quelle due

    ATTENTI A QUELLE DUE

    Anne Hathaway e la 'strabordante' Rebel Wilson (Pitch Perfect, Le amiche della sposa, Single ma .... [continua]

    Pokémon Detective Pikachu

    POKÉMON DETECTIVE PIKACHU

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Maggio

    "Sono davvero nervoso, voglio che sia fatto ....
    [continua]

    Pet Sematary

    PET SEMATARY

    RECENSIONE - Il ritorno al cinema di Stephen King - Dal 9 Maggio .... [continua]

    Red Joan

    RED JOAN

    RECENSIONE - 40 anni sotto copertura. Ha tradito per cambiare il nostro destino. Un’incredibile storia .... [continua]

    I fratelli Sisters

    I FRATELLI SISTERS

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'argento - Miglior regia alla 75. Mostra del .... [continua]