ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Duke

    THE DUKE

    New Entry - 2020 .... [continua]

    AnneFrank - Vite parallele

    #ANNEFRANK - VITE PARALLELE

    Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne Frank, con l'aiuto .... [continua]

    Zombieland-Doppio colpo

    ZOMBIELAND-DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (13 Novembre 2019) - Dal 14 Novembre .... [continua]

    A Special Relationship

    A SPECIAL RELATIONSHIP

    New Entry - Rachel Weisz indossa i panni di Elizabeth Taylor in un biopic .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James Cameron torna in veste .... [continua]

    Il segreto della miniera

    IL SEGRETO DELLA MINIERA

    Dal 31 Ottobre

    "Il segreto della miniera è un’opera bella e preziosa che, attraverso ....
    [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Inferno

    INFERNO

    Dall'XI. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre 2016) - RECENSIONE ITALIANA e Preview in English by Guy Lodge (www.variety.com) - Dal 13 OTTOBRE

    "Nel film ci sono personaggi che adoro come Robert Langdon, anche se io ho sempre voluto fare cose diverse. Credo sia più interessante che ripetersi ma c’è una cosa che mi affascina nei film tratti dai libri di Dan Brown, ognuno è diverso dall’altro e lui affronta sempre temi diversi in ogni avventura. Inferno è anche il più diverso dal punto di vista. Per questa serie, devo guardare al passato e rivisitare il personaggio che amo, pur continuando a dirigermi verso nuove direzioni... La mente allucinata di Langdon è tormentata da un uomo ossessionato da Dante. Viene costretto a mettere insieme i pezzi del puzzle e dare un senso agli indizi che gli si presentano di volta in volta".
    Il regista Ron Howard

    "Ho pensato che sarebbe stata una grande idea avere un malvagio che ha scoperto che la popolazione del pianeta è triplicata negli ultimi 80 anni, e che decide di risolvere il problema ritenendola una grande idea. Ho studiato Dante da ragazzo, sia alle superiori che all’università, ma ho dovuto leggerlo di nuovo diverse volte, per capire come un poema del tredicesimo secolo potesse diventare applicabile ad un thriller".
    Lo scrittore Dan Brown

    (Inferno; USA/GIAPPONE/TURCHIA/ITALIA 2016; Thriller del mistero; 122'; Produz.: Imagine Entertainment; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Inferno

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Inferno

    Titolo in lingua originale: Inferno

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Ron Howard

    Sceneggiatura: David Koepp

    Soggetto: Dall'omonimo romanzo di Dan Brown, con l'adattamento di David Koepp.

    Cast: Tom Hanks (Robert Langdon)
    Felicity Jones (Dr. Sienna Brooks)
    Ben Foster (Bertrand Zobrist)
    Sidse Babett Knudsen (Dr. Elizabeth Sinskey)
    Irrfan Khan (Harry Sims 'The Provost')
    Omar Sy (Christoph Bruder)
    Ana Ularu (Vayentha)
    Kata Sarbó (Gate Keeper)
    Ida Darvish (Marta)
    Wolfgang Stegemann (Agente Bouchard)
    Attila Árpa (Agente)
    Jon Donahue (Richard Savage)
    Christian Stelluti (Agente Rogue Bruder)
    Björn Freiberg (Affarista)
    Xavier Laurent (Antoine)

    Musica: Hans Zimmer

    Costumi: Julian Day

    Scenografia: Peter Wenham

    Fotografia: Salvatore Totino

    Montaggio: Tom Elkins e Daniel P. Hanley

    Effetti Speciali: David Watkins (supervisore effetti speciali); Jody Johnson

    Makeup: Csilla Blake-Horváth (supervisore)

    Casting: Nina Gold

    Scheda film aggiornata al: 23 Novembre 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Le avventure del simbolista di Harvard non sono finite. Il professor Robert Langdon (Tom Hanks) si risveglia in un ospedale di Firenze, vittima di una profonda amnesia, dopo che alcuni uomini misteriosi hanno tentato di ucciderlo e sembrano voler portare a termine il lavoro.
    Alla base di tutto c'è un genio della genetica che ha deciso di salvare l'umanità dalla sua altrimenti inevitabile dissoluzione diffondendo un virus che riduca drasticamente il numero degli abitanti della Terra.
    Robert Langdon si affida così al medico Sienna Brooks (Felicity Jones) per recuperare i suoi ricordi e svelare ancora una volta i misteri che si annidano intorno all’opera immortale di Dante, le cui immagini criptiche sembrano non voler abbandonare la mente dello studioso. Il Consortium, un’organizzazione segreta, sarà il nuovo nemico da sconfiggere.
    Un ritmo ricco di tensione in una battaglia tra il bene e il male che sembrano avere confini molto sottili.

    SHORT SYNOPSIS:

    After waking up in a hospital room in Florence, Italy, with no memory of what has occurred for the last few days. Robert Langdon suddenly finds himself the target of a manhunt. With the help of Sienna Brooks, a doctor, and his knowledge of symbology he will try to escape whilst they have to solve the most intricate riddle Langdon ever faced.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Che la razza umana si sia fatta una brutta reputazione, soprattutto di questi tempi, non è un mistero per nessuno! Figuriamoci se lo è per Dan Brown, scrittore che sa come cavalcare l'onda del momento affilando ogni volta i ferri del mestiere, avanzando sulle sue intriganti mappe del mistero tra leggende popolari, fonti apocrife e dogmi accreditati o presunti. La fantasia non gli ha mai fatto difetto e quand'anche gli venisse a mancare sa bene dove andare a pescare. Così dopo Il codice da Vinci ed Angeli e demoni Dan Brown ha lasciato per un momento gli anfratti del Vaticano e le radici della cristologia per tastare il lato più laico - si fa per dire! - pescando nella cornucopia dell'imperatrice delle fonti storico-letterarie per eccellenza. E' difatti Dante Alighieri, e non solo con la sua Divina Commedia, a dettare legge nell'Inferno di Dan Brown, naturalmente un altro best seller

    di natura popolar-popolareggiante (o forse persino populista?!). Eh si, perché non c'è mai alcuna difficoltà sui suoi generosi lastricati di parole a seguire l'intrigo. E dire che l'intrigo è davvero intrigato, ma sempre molto raggiungibile, finanche prevedibile, ideale a sfamare il palato poco esigente delle folle di lettori della domenica.

    Dan Brown fa dunque sempre più strada con la sua crociata di parole mascherate da enigmi attraversando religione, storia, tallonando le orme del 'noir light' e, soprattutto in questo caso - ma già Il codice da Vinci aveva fatto da apripista - di storia dell'arte. E Ron Howard sempre appresso. Tom Hanks pure. Come dar loro torto!? Immancabile, puntuale, quanto speculare, il successo della trasposizione cinematografica della pagina scritta. Dunque perché non seguire la corrente?! E come i salmoni, difatti, il solidale trittico Brown-Howard-Hanks risale quella stessa corrente, tanto fruttuosa da risultare irrinunciabile.

    Ora, conclusa la pruriginosa premessa, sembrerebbe che mi

    contraddicessi dicendo che gli inizi e gran parte della prima parte del film non solo risultano di grande impatto, ma sono pure senz'altro rivestiti dal velo di un'estetica ammaliante, forgiata nella fucina di un intrigante e affascinante montaggio. E' in quei paraggi che si intrecciano tra loro con notevole maestria diversi registri visivi: la visione carica di pixel e linee orizzontali tipica di un video a bassa frequenza come quello del monologo del famigerato Bertrand Zobrist di Ben Foster - individuo che avrebbe sicuramente fatto strada nelle file più blasonate di marca nazista ("Che c'è di male a sfoltire il gregge?") - con la realtà netta e cruda del risveglio traumatico in un ospedale di Firenze del medesimo professor Robert Langdon, il famoso simbolista di Harvard di nuovo incarnato da Tom Hanks, con rafforzata verve, e sempre più sofisticata ed incisiva intensità introspettiva, a cavallo di un trauma cranico che

    si presenta esso stesso come un enigma da risolvere. L'intreccio visivo si arricchisce poi con quel che sulla scia della plausibile amnesia temporanea di Langdon/Hanks, dà il là ad un trotterellante ed estremamente sfrangiato montaggio di frammentarie visioni, declinate in una fotografia patinata calda e dai tratti sensibilmente sfocati. Schegge di rigurgiti di memoria, personale e di fonti figurativo-letterarie, elette a ricomporre le tessere mancanti di un puzzle non ancora ben definito. E' questa indubbiamente la fase più riuscita di tutto il film prima che pian piano scivoli sui gradini già calpestati in molti altri film, magari attraverso le consolidate dinamiche narrative e visive di Indiana Jones e di James Bond. Questa volta attraversando brani di Storia dell'Arte già di per sé di clamoroso fascino e di grandissima notorietà, tra Firenze (la mappa dell'Inferno dantesco dipinta da Sandro Botticelli, il corridoio vasariano nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio con

    La battaglia di Marciano, il calco maschera del volto di Dante), Venezia ed Istanbul. Indizi, tracce, simboli e un bel colpo di scena tra il grappolo dei più scontati che si lega al personaggio femminile della Dottoressa Sienna Brooks di Felicity Jones. Così, mentre per Indiana Jones il diktat 'cerca-trova' si appuntava sull'Arca dell'Alleanza, nell'Inferno di Ron Howard si impone all'attenzione la cassa stagna di vetro atta a sigillare un virus letale creato da chi aveva pensato ad una sorta di epurazione della razza umana. Una novella peste del terzo millennio diffusa di proposito per 'sfoltire' il genere umano, a beneficio di pochi sopravvissuti. Della serie abbasso il sovrappopolamento con tutto quel che ne consegue.

    Detto questo, ammettiamo pure che nessuno qui manchi di talento per far scorrere il tutto verso la foce senza intoppi, in un'aura di appagante intrattenimento - effettivamente tradurre un poema del tredicesimo secolo, e non

    solo, in un thriller poteva non essere così facile - peraltro orgogliosamente farcito di citazioni d'autore, tra Hitchcock (La donna che visse due volte) e Il fuggitivo appuntato sempre sulla gettonatissima sequenza di imboscamento del protagonista in una manifestazione di piazza (sono ormai in molti a riprenderne il motivo per adattarlo ad altri, diversi, contesti filmici). Un talento d'altra parte pari, si direbbe, all'arroganza che tracima da un passo raggelante. Come non accorgersi di quella clamorosa caduta di stile!? Di quelle che proprio non si riesce a mandar giù. A un certo punto, inoltrati ormai abbondantemente nella matassa di fughe e controfughe in un variegato inseguimento 'al gatto e topo', come si suol dire, arriva, inatteso, impensabile, il fendente. Del tutto gratuito, offensivo, inconsulto: quello che a un certo punto ferisce improvvisamente lo spettatore (italiano) dalle righe di una sceneggiatura come contaminata da una folata di scelleratezza. E' come una

    pugnalata sferrata senza motivo (ma un motivo ci sarà sicuramente!), a tradimento, che sopraggiunge una battutaccia sugli italiani, appiccicata come un post it a lunga tenuta, a proposito dell'incoerenza di una cosa ma che "... per gli italiani andrà bene". Ecco, questo è l'unico enigma che per me è rimasto irrisolto di tutto l'infernale 'rebus' allestito dall'evidentemente supponente trittico, se non permaloso per qualche rospo sconosciuto che sia sopraggiunto a far loro visita magari proprio sul set italiano. E, come il gorgoglio delle battute e sequenze nell'approssimarsi di un finale sin troppo gigione, devo dire che non mi è piaciuto. E ancora mi chiedo quale sotto testo si nasconda dietro le cortine di quello zotico colpo basso.

    Secondo commento critico (a cura di Guy Lodge, www.variety.com)

    Ron Howard's third Dan Brown adaptation holds true to the letter and spirit of its source, though that's not necessarily a compliment.

    In the long and spotty history of movie taglines, there have been few quite as noncommittal as the one dreamed up for “Inferno,” the third in director Ron Howard’s series of schlockbusters drawn from the nominal literary oeuvre of Dan Brown. “‘The Da Vinci Code’ and ‘Angels & Demons’ were just the beginning,” proclaim the posters — pretty inarguably, since “Inferno” is nothing if not a continuation of what they started. But there’s a hint of threat in those words too: If you found the first two films soulless and joyless, they imply, prepare for things to have gotten a little bit worse this time. And so it largely proves in the latest installment of perennially endangered symbologist Robert Langdon’s cryptic-lite adventures. As the addled professor dashes

    around Europe trying to prevent a humanity-culling plague cooked up by a Dante-spouting madman, the film more or less goes through the popcorn motions, but with less technical finesse (and even less mischievous irony) than one might expect from the Howard imprint.

    It’s left to a refreshingly diverse international cast of consummate professionals — led, once more, by an increasingly disconsolate-looking Tom Hanks — to breathe what conviction they can into this hoary material, but the result still gives the lie to the old industry maxim that great cinema can spring from trash literature. Sometimes film and novel can be alike in half-heartedly following a template; perhaps the most glowing thing that can be said about “Inferno” is that reliable screenwriter David Koepp (returning from 2009’s “Angels & Demons”) has fully captured the essence of its source. Brown acolytes and adult audiences starved for non-supernatural genre fare might respond in sufficient

    numbers to greenlight another jaw-clenched jaunt for Langdon, though it has been 10 years since “The Da Vinci Code” thudded onto screens — and seven since its follow-up suffered a notable dip in box office.

    Already a long time in Hollywood years, that gap feels, if anything, even longer as “Inferno” gradually — very gradually — gets into gear. Now we’re past its pop-cultural zenith, Brown’s brand of cod-educational, cloak-and-dagger storytelling feels slightly dated, while Koepp’s script shows some self-awareness in this regard: “That’s quaint, I use Google,” responds early-millennial doctor Sienna Brooks (Felicity Jones), when Langdon cites a particular reference book. Howard, for his part, appears to have shot proceedings through a slightly yellowed 1990s filter: The tone and aesthetic here often recall that era’s odd spate of gaudily portentous, pseudo-theological thrillers in the vein of “End of Days” and “Stigmata.”

    Howard kicks things off, however, with a more incongruous “Vertigo”

    reference — one of a couple, in fact — as crazed billionaire geneticist Bertrand Zobist (Ben Foster) falls to his death from the top of a bell tower in Florence. We already know he’s a deranged megalomaniac: A pre-credits sequence flashes through YouTube footage of one of his public addresses on the evils of over-population, in which he none-too-encouragingly advises that “pain can save us.” (In case viewers need additional visual shorthand, he’s also played by a sharply bearded Foster in his signature mode of unblinking intensity.) Days later, across town, Langdon is admitted to hospital with an apparent gunshot wound to the head; when he comes to, he has no recollection of how he came to be in Florence at all, let alone with the Carabinieri seemingly out for his blood.

    In place of these more useful reserves of memory, however, he’s tormented by copious gungy CGI hallucinations rooted in

    the eponymous first part of Dante’s “Divine Comedy” — rendered by Howard, d.p. Salvatore Totino and the effects team as a glossy, bile-hued disco Inferno in which assorted demonic beings gather to gurn, baby, gurn. “I’m having visions!” he pleads to assigned medic Brooks, who whisks him away from hospital when his pursuers arrive; “It’s the head trauma,” she replies helpfully. “Inferno’s” lurching, character-heavy plot is rife with supposedly brilliant minds being under-tested in this manner. Once more, Langdon’s reputedly unrivaled puzzle-solving skills are called upon as he traces the circumstances behind his peril, though they don’t get more challenging than picking and arranging letters out of a modified print of Boticelli’s “Map of Hell” — a game of Florentine Wheel of Fortune, if you will.

    Such clues wind up leading Langdon and Brooks on the posthumous trail of Zobist, which threatens to end in the dead man’s rather drastic solution

    to the global population crisis: a global plague of advanced design and Medieval proportions. As this apocalyptic treasure hunt leads them from Italy to Switzerland to Turkey, assorted parties of ambiguous allegiance join the race: World Health Organization director Elizabeth Sinskey (Sidse Babett Knudsen), who has some manner of history with Langdon, her French consort Christoph (Omar Sy) and the enigmatic Provost (a ripe Irrfan Khan, having the most fun of anyone here), head of a shady consulting group on no one’s exact side. The ensuing tangle of crossings and double-crossings is convoluted but not exactly complicated, while there’s a stern, let’s-get-to-work air to the film’s craft and conception that hampers whatever thrill of the chase “Inferno” has to offer. Fundamentally silly the film may be, but it never graduates to spryness.

    It says a lot about the multiple blank spaces in Brown’s conception of Robert Langdon that Hanks, the ultra-genial

    Jimmy Stewart of our day, hasn’t managed in three films to make him any less of a stiff; even with the fate of humanity at stake, it’s hard to work up much emotional investment in this humorless human composite of mansplaining and flannel. Jones, at least, provides some peppery zip to their scenes together, but it’s only the reliably worn-in (and currently, happily, ever-present) Knudsen who projects the blueprint here of an actual person. Her quiet exasperation and steely smarts might even mildly sweeten the prospect of a fourth film in this fusty franchise — that tagline may claim the first two films were the beginning, but promises nothing about “Inferno” being the end. “I need better from everyone! Better!” Knudsen barks at her orderlies in one scene of lukewarm pursuit. You heard the lady, folks.

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warner Bros. Pictures Italia e Silvia Saba (SwService)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di INFERNO

    Links:

    • Ron Howard (Regista)

    • Tom Hanks

    • Omar Sy

    • Felicity Jones

    • Ben Foster

    • OMAGGIO ‘NOIR’ a Via col vento: VIA DELL'INFERNO di PAOLA ALBERTI (CineSpigolature)

    • LE CROCIATE di RIDLEY SCOTT - PRESS CONFERENCE: 20 APRILE 2005 - ROMA, Cinema Fiamma (Interviste)

    • L'ULTIMA MISSIONE: INTERVISTA al regista OLIVIER MARCHAL, e all'attore protagonista DANIEL AUTEUIL (Interviste)

    • XI. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 13-23 ottobre 2016) - Ottobre con la Festa del Cinema: in Preapertura 'Inferno' di Ron Howard (Speciali)

    • SE LA GUERRA E' L'INFERNO, COSA VIENE DOPO? (Anteprime)

    Altri Links:

    - Sito Warner Bros.
    - Pagina Facebook

    1| 2 | 3

    Galleria Video:

    Inferno - trailer 2

    Inferno - trailer

    Inferno - trailer (versione originale)

    Inferno - spot 1 TV

    Inferno - spot 2 TV

    Inferno - featurette 'Esperienza a 360° - La discesa agli inferi'

    Inferno - featurette 'Lo spettacolare Water Screen a Ponte Vecchio'

    Inferno - featurette 'Speciale: Langdon' (versione originale sottotitolata)

    Inferno - featurette 'Speciale: Locations' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) .... [continua]

    Attraverso i miei occhi

    ATTRAVERSO I MIEI OCCHI

    Kevin Costner presta la voce al cane Enzo, protagonista in questa storia che scommette su .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo in coppia nel nuovo .... [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 anni dalla sua terrificante permanenza .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - RECENSIONE - Dal .... [continua]