ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    Aggiornamenti freschi di giornata! (14 Dicembre 2019) - Da 72. Cannes - Dal .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Timbuktu

    TIMBUKTU

    VINCITORE del Premio CÉSAR 2015 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 12 FEBBRAIO

    (Timbuktu; FRANCIA/MAURITANIA 2014; Drammatico; 97'; Produz.: Les Films du Worso/Dune Vision/Arches Films/Arte France Cinéma/Orange Studio; Distribuz.: Academy Two)

    Locandina italiana Timbuktu

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Timbuktu

    Titolo in lingua originale: Timbuktu

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Abderrahmane Sissako

    Sceneggiatura: Abderrahmane Sissako e Kessen Tall

    Cast: Ibrahim Ahmed (Kidane)
    Abel Jafri (Abdelkerim)
    Toulou Kiki (Satima)
    Layla Walet Mohamed (Toya)
    Mehdi A.G. Mohamed (Issan)
    Hichem Yacoubi (Djihadista)
    Kettly Noël (Zabou)
    Fatoumata Diawara (La cantante)
    Adel Mahmoud Cherif (L'Imam)
    Salem Dendou (Il cuoco djihadista)
    Mamby Kamissoko (Djihadista)
    Yoro Diakité (Djihadista)
    Cheik A.G. Emakni (Omar)
    Zikra Oualet Moussa (Tina)
    Weli Cleib (Giudice)
    Cast completo

    Musica: Amin Bouhafa

    Scenografia: Sebastian Birchler

    Fotografia: Sofian El Fani

    Montaggio: Nadia Ben Rachid

    Effetti Speciali: Stephane Bidault (supervisore effetti visivi)

    Casting: Elisabeth Guthmann

    Scheda film aggiornata al: 03 Marzo 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Ispirato alla storia vera di una coppia islamica non sposata del nord del Mali. Il loro crimine? Non erano ufficialmente sposati e quindi criminali per la legge divina. Furono lapidati nel 2012 davanti a centinaia di persone.

    Commento critico (a cura di FRANCESCO ADAMI)

    Timbuktu è un lungometraggio diretto da Abderrahmane Sissako, noto regista mauritano, che propone una visione particolare della realtà del Mali e della confinante Mauritania. La sceneggiatura scritta da Sissako insieme a Kessen Tall presenta una struttura classica con tratti documentaristici sulle usanze e sul terrore vissuto dalle popolazioni viventi a Timbuctù. Filo conduttore della narrazione è il personaggio di Kidane (Ibrahim Ahmed), un uomo umile e sorridente che cerca di vivere in tranquillità con sua moglie Satima (Toulou Kiki) e la loro figlia Toya (Layla Walet Mohamed). Proseguendo la visione del lungometraggio, l'attenzione si sposta
    in modo efficace verso altri personaggi che trovano spazio in una caratterizzazione dai lati superficiali ma utili alla comprensione della storia di Kidane e del loro microcosmo narrativo. Veri antagonisti della popolazione, che vive nelle territori in cui si sviluppa la storia, sono un gruppo di commilitoni jihadisti, che impone delle regole crudeli ma viste in

    modo positivo per coloro che credono in quel tipo di jihad. Si sviluppa così un interessante dialogo tra uno degli esponenti maggiori dei jihadisti e un religioso islamico, attraverso il quale si notano in chiave pacifica e colta, molte delle duplici visioni ed interpretazioni dei testi sacri.

    L'evento che fa progredire la ritmica degli avvenimenti narrati avviene quando GPS la mucca appartenente a Kidane, viene uccisa accidentalmente da Amadou, il pescatore, creando un ribaltamento nella vita di Kidane, che si ritrova coinvolto in una situazione tra la vita e la morte. Questo evento diventa il pretesto principale per mostrare le atrocità delle torture, le condizioni costrittive e le discriminazioni attuate da parte degli oppressori di popoli e di tutte le forme di tirannia. La scelta di raffigurare questa realtà è
    avvincente, anche se non è sviluppata in modo efficace: dal punto di vista della storia non c'è un vero e proprio

    fattore innovativo. Diventa coinvolgente nel momento in cui si nota la sofferenza personale di Kidane, come uomo libero e padre, attraverso il rapporto con la famiglia e il destino, strettamente connesso alle sue consenzienti azioni. Vi sono punti di partenza per una approfondita analisi della vita vissuta da questo popolo sofferente e soffocato dalla realtà, ma si limitano ad immagini circoscritte connesse solo in parte con una linea guida principale.

    Dando uno sguardo alla linea generale della storia esposta, questa poteva anche essere rapportata ad epoche e ambientazioni diverse, dove sono o sono state presenti dittature, che reprimono ogni azione attraverso la totale denigrazione dell'essere umano. Un grande elogio va a Ibrahim Ahmed che mostra una capacità espressiva e interpretativa notevolmente elaborata, rendendo vivo il personaggio di Kidane in tutte le sfumature caratteriali e sentimentali. Dal punto di vista tecnico, l'elaborazione visiva offerta è ottima e molto curata: in molte

    sequenze sembra di osservare fotografie in movimento di reportage
    come quelli del Nation Geographic, attraverso un'attenzione particolare alla paesaggistica raffigurata sempre in chiave molto realista. Lo stile delle riprese è ben elaborato riportando una predominante accentuazione al linguaggio cinematografico pur mantenendo una linea visiva fotograficamente vicina al naturalismo
    documentaristico.

    Un film la cui tematica sensibilizza gli animi, mostrando le atrocità che vivono i popoli africani ed una realtà che sicuramente deve essere conosciuta nel mondo. Condizione che poteva essere resa stilisticamente più accattivante e meno
    radicata nelle caratteristiche della classica dicotomia tra buoni e cattivi tipici di un certo stile di cinema.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di TIMBUKTU

    Links:

    1| 2

    Galleria Video:

    Timbuktu - trailer

    Timbuktu - trailer (versione originale)

    Timbuktu - clip 'Guanti'

    Timbuktu - clip 'Pescatore'

    Timbuktu - clip 'La partita di calcio'

    Timbuktu - clip 'Genitori e figli'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 12 Dicembre

    "È un ritratto ....
    [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]