ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Judy

    JUDY

    Il 22 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Il 21 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - Dal .... [continua]

    Honey Boy

    HONEY BOY

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella .... [continua]

    Drowning

    DROWNING

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Il 19 Ottobre in anteprima alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    The Aeronauts

    THE AERONAUTS

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Pavarotti

    PAVAROTTI

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Leviathan

    LEVIATHAN: ANDREY ZVYAGINTSEV (THE RETURN-IL RITORNO) CI PRESENTA IL GIOBBE DELLA CONTEMPORANEITA' NEL NUOVO CALVARIO CHE VEDE L'INDIVIDUO NELLA IMPARI LOTTA CONTRO IL POTERE CORROTTO. E NON SOLO DELLO STATO

    Dal 7 MAGGIO - RECENSIONE - NOMINATION agli OSCAR 2015 come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' (Russia); NOMINATION ai BAFTA 2015 come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' (Russia) - VINCITORE del GOLDEN GLOBE come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' (Russia); Premio per la 'MIGLIORE SCENEGGIATURA' al Festival di Cannes 2014

    "Quando un uomo si sente stretto in una morsa di ansia di fronte alla necessità e all’incertezza, quando si sente sopraffatto da immagini fosche del futuro, quando è spaventato per i suoi cari e timoroso che la morte sia vicina, che cosa può fare se non rinunciare alla sua libertà e ai propri diritti naturali e consegnare questi beni preziosi, stringendo un patto con gli altri individui, ad una singola persona di fiducia in cambio di sicurezza e protezione sociale o addirittura dell’inserimento in una illusoria comunità.
    La visione di Thomas Hobbes dello Stato è quella di un filosofo sul patto dell’uomo con il diavolo: lo vede come un mostro creato dall’uomo per evitare la guerra di 'tutti contro tutti' e per il suo comprensibile bisogno di ottenere sicurezza in cambio della propria libertà, l’unico vero proprio bene. Proprio come siamo tutti dalla nascita macchiati dal peccato originale allo stesso modo siamo nati tutti in uno Stato. Il potere spirituale dello stato sull’uomo non conosce limiti. L’alleanza tra l’uomo e lo stato è sempre stato un tema molto discusso in Russia. Se il mio film è radicato in Russia è perché io non sento nessuna parentela, nessun legame genetico con nessun altro paese. Ma sono anche profondamente convinto che in qualsiasi società ognuno di noi vive, dalla più arcaica alla più sviluppata, tutti dovremmo confrontarci un giorno con questa alternativa: vivere come uno schiavo o vivere come un uomo libero. E se ci illudiamo che possa esistere una sorta di potere dello stato che ci possa sollevare da questa scelta, stiamo sbagliando. Nella vita di ogni uomo esiste un momento in cui ci si trova ad affrontare il sistema, il Mondo e a decidere di lottare per il proprio senso di giustizia, per il proprio significato di Dio sulla terra. È ancora legittimo fare queste domande allo spettatore, cercare ancora un eroe su questa terra, un figlio di Dio, ed è questa la ragione per cui la mia terra non ha ancora perso me o quelli che hanno realizzato questo film
    ".
    Il regista e co-sceneggiatore Andrey Zvyagintsev

    (Leviafan; RUSSIA 2014; Drammatico; 140'; Produz.: Non-Stop Productions; Distribuz.: Academy Two)

    Locandina italiana Leviathan

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Leviathan

    Titolo in lingua originale: Leviafan

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Andrey Zvyagintsev

    Sceneggiatura: Oleg Negin e Andrey Zvyagintsev

    Soggetto: PRELIMINARIA - GENESI e SVILUPPO del FILM:

    L’idea di Leviathan risale al 2008. Sul set del cortometraggio Apocrypha di Zvyagintsev, un episodio dell’antologia New York, I love you, Inna Braude, la sua traduttrice e assistente, gli racconto la storia di un saldatore del Colorado, Marvin John Heemeyer, che fu tormentato dai nuovi proprietari del terreno dove aveva la propria officina perché la vendesse. Quando Heemeyer rifiutò la loro offerta, i proprietari del terreno fecero erigere una recinzione attorno a tutta la proprietà. Avendo perso la speranza di vincere la lotta per difendere i propri diritti, dopo aver tentato inutilmente tutti i passaggi burocratici e giudiziari, si procurò un gigantesco bulldozer con una blindatura antiproiettile, si sedette dentro la cabina e lo condusse fuori dalla sua officina. Distrusse tutti i palazzi della proprietà, distrusse completamente la recinzione che era stata costruita intorno alla sua officina e che lo aveva isolato dal mondo e si diresse verso il paese. La polizia fece di tutto per fermarlo, spararono oltre 200 proiettili contro il bulldozer e usarono vecchi rimorchi come ostacoli per bloccare la sua corsa, ma riuscì ad entrare in città dove iniziò a demolire una dozzina di edifici pubblici. Avendo ottenuto la sua vendetta, dichiarò a un megafono che “prima nessuno aveva voluto ascoltarlo e adesso dovevano ascoltarlo tutti”. Poi si suicidò nella cabina del bulldozer. Nessuno, eccetto Heemeyer stesso, fu ferito nell’incidente.

    Questa vicenda impressionò molto Zviagsetsev, tanto da pensare seriamente di realizzare una versione per il cinema in Unione Sovietica, con un racconto dettagliato degli eventi. Tornato in patria condivise il racconto con il suo amico e co-sceneggiatore Oleg Negin, suggerendogli di scrivere una storia su questo. Poco dopo, il regista si imbatte in un racconto scritto da Heirinch von Kleist, Michael Kohlhaas, un testo nel quale una storia molto simile alla vicenda di Heemeyer è raccontata come una cronaca medievale ambientata ai tempi di Martin Lutero.

    È una storia eterna, l’origine della quale può essere cercata nella storia biblica del calvario di Giobbe. La storia del conflitto tra l’individuo e l’autorità è universale. Ma è visibile anche un altro riferimento, il lavoro del filosofo del XVII secolo Thomas Hobbes. È da questi racconti e da queste idee che si è sviluppata la struttura di Leviathan.
    Nell’inverno del 2010 Oleg Negin ultimò la prima bozza della sceneggiatura intitolata Dad. Questa versione è ambientata in Russia ma ripropone la tragica vicenda americana inclusa la furia del protagonista. Ma la sceneggiatura era piena di parolacce non gradite al produttore del film che impedì al progetto di proseguire.

    La seconda versione del progetto, intitolata Leviathan, fu completata durante il 2012 e prende spunto contemporaneamente dalla vicenda americana, dalla storia biblica di Giobbe e dal trattato di filosofia di Thomas Hobbes, Leviathan or the Matter, Forme and Power of a Common Wealth Ecclesiasticall and Civil.

    Zvyagintesv ha utilizzato per Leviathan molti più attori che in qualsiasi altro suo film. Sono presenti otto personaggi principali, quindici personaggi in tutto, tutti coinvolti nella dramma del film. Il casting è durato circa un anno.
    Per trovare il set per il film il team creativo ha valutato circa 70 paesi e città in un arco di 600 chilometri da Mosca, viaggiando da Pskov a Vladimir, da Yaroslavl a Orel, fino a Belarus. La scelta finale è caduta su il villaggio di Teriberka, collocato sulla costa del Mare di Barents ( nel Mar Glaciale Artico).
    Trovata la location si è proceduto a costruire il set, la casa di Kolya, una costruzione a due piani in legno, con un’officina e una veranda.
    Lo scheletro della balena blu, pesa una tonnellata e mezza e misura 24 metri. È stata costruita dagli attrezzisti intorno ad una struttura metallica su indicazioni dello scenografo Andrey Ponkratov. È stata assemblata nella baia vicino Teriberka in 6 giorni.

    Cast: Elena Lyadova (Lilya)
    Vladimir Vdovichenkov (Dmitri)
    Aleksey Serebryakov (Kolia)
    Anna Ukolova (Angela)
    Roman Madyanov (Vadim Cheleviat)
    Aleksey Rozin (Pacha)
    Sergey Pokhodaev (Roma)
    Lesya Kudryashova (Yulya)
    Aleksey Pavlov (Konvoir)
    Sergey Bachurskiy (Stepanych)

    Musica: Philip Glass; Andrey Dergachev (suono)

    Costumi: Anna Bartuli

    Scenografia: Andrej Ponkratov

    Fotografia: Mikhail Krichman

    Montaggio: Anna Mass

    Makeup: Galiya Ponomareva

    Casting: Elina Ternyaeva

    Scheda film aggiornata al: 26 Maggio 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Kolia vive in una piccola città sul Mare vicino a Barents, nel nord della Russia. Gestisce un'officina vicino alla casa in cui vive con la sua giovane moglie Lilya e il figlio Roma avuto da un precedente matrimonio. Vadim Cheleviat, il sindaco della città vuole acquistare il terreno di Kolia, la sua casa e il suo negozio, ma Kolya non può sopportare l'idea di perdere tutto ciò che possiede, non solo il terreno, ma anche la bellezza che lo circonda fin dalla nascita. Allora Vadim Cheleviat diventa più aggressivo...

    SYNOPSIS:

    In a Russian coastal town, Nikolai is forced to fight the corrupt mayor when he is told that his house will be demolished. He recruits his old Army friend to help, but the man's arrival brings further misfortune for Kolya and his family.

    On the outskirts of a small coastal town in the Barents Sea, where whales sometimes come to its bay, lives an ordinary family: Nikolai (Aleksey Serebryakov), his wife Lilya (Elena Lyadova) and their teenage son Romka. The family is haunted by a local corrupted mayor (Roman Madyanov), who is trying to take away the land, a house and a small auto repair shop from Nikolai. To save their homes Nikolai calls his old Army friend in Moscow (Vladimir Vdovichenkov), who has now become an authoritative attorney. Together they decide to fight back and collect dirt on the mayor.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Marine come quelle che troneggiano in apertura di questo sofisticatissimo e filosofico spaccato individuale, familiare e socio-politico, venato di una spiritualità altra che oltrepassa il dogma - non prima di aver sferrato diversi fendenti in punta di legittima ed aspra critica - se ne vedono raramente anche nelle migliori pinacoteche che conservano sempre qualcosa di spiccatamente nordico. Qui, nel Leviathan (Golden Globe per il 'Miglior Film Straniero' 2015) di Andrey Zvyagintsev (già Leone d'Oro alla 60. Mostra del Cinema di Venezia per The Return-Il Ritorno), a darci l'idea in celluloide di un sito ubicato nella Russia del Nord, il villaggio di Teriberka sulla costa del Mare Barents nel Mar Glaciale Artico, i cui scorci 'austeri', quasi 'monastici', con scogliere a picco sul mare, spettacolari giochi di luci e ombre di marca 'crepuscolare' anche nelle migliori albe mattutine, sono immortalati in un 'maquillage al naturale' dalla fotografia di Mikhail Krichman. Uno

    scenario protagonista a tutto tondo, in intima comunione con il primo personaggio Kolia (un immenso Aleksey Serebryakov) e con gli altri che gli ruotano attorno, tutti, nessuno escluso, assolutamente padroni di quel genere di levatura attoriale semplicemente superba, tale da lasciare senza parole. In quegli scorci di incantevole natura, rude e ispida come i caratteri dei suoi abitanti, fin dai primi fotogrammi scorgiamo alcuni relitti di imbarcazioni. E di lì a poco quell'imponente scheletro di balena blu arenato nella baia vicino Teriberka, assurto ad emblematico simbolo nella locandina del film. Non si tratta solo di veri e propri quadri d'autore, di una bellezza ammaliante che inquieta, ma di simboli metaforicamente connessi a quel che resta dell'umanità di un individuo privato della sua libertà. Reso schiavo da un sistema di Stato. Simboli della sconfitta in lotte impari. E di bei sogni infranti sugli spigoli più acuminati di quelle stesse scogliere.

    Uomo

    e Stato. Vivere come uno schiavo o vivere come un uomo libero. Misura del raggio del Potere. Senso di giustizia e significato di Dio. Il proprio senso di giustizia e il proprio significato di Dio. Sono queste le ambiziosissime coordinate tracciate da Andrey Zvyagintsev nell'emisfero Leviathan. Una storia eletta a simbolico portavoce di molte altre. Una storia eterna che sgorga primigenia dal biblico calvario di Giobbe, come espresso a chiare lettere in una delle sequenze più potenti e significative del film, e che si consuma nel breve scambio di battute tra Kolia e il sacerdote di fede ortodossa del luogo. Una di quelle conversazioni, tra le varie in Leviathan, che danno legittimo credito al Premio come Migliore Sceneggiatura vinto a Cannes 67, scritta a quattro mani dallo stesso regista Andrey Zvyagintsev con Oleg Negin. La storia universale del conflitto tra Individuo e Autorità che si intreccia con fonti altre, come

    il trattato del filosofo del XVII secolo Thomas Hobbes Leviathan or the Matter, Forme and Power of a Common Wealth Ecclesiasticall and Civil, e quella contemporanea di un saldatore del Colorado (vedi i dettagli alla voce 'Soggetto' nella Scheda Film). Così, attraverso il moderno calvario di Kolia, Andrey Zvyagintsev misura l'idea di libertà dell'individuo di restare padrone della propria vita. Nello specifico, costruita negli anni non senza sacrificio in quel preciso luogo, in quella precisa casa: una costruzione in legno, eretta su due piani, corredata di officina e veranda. Con un figlio a carico (il Roma di Sergey Pokhodaev) e una nuova moglie (la Lilya di Elena Lyadova) dopo aver perduto la prima. Idea di libertà destinata a trasformarsi in relitto tanto quanto il suo ideatore. Procedendo sicuro e implacabile, Andrey Zvyagintsev avanza senza falsi pudori per offrirci un vero e proprio, esemplare, distillato dello scontro ripetuto ad oltranza su

    più fronti, tra il nostro protagonista (l'individuo) con l'Autorità, il sistema giudiziario, politico ed ecclesiastico del luogo. Tutti solidali a danno del protagonista, nel modo più sleale, illecito e illegale, proprio nel cuore della legge e delle istituzioni che l'individuo dovrebbero tutelare. Scenario in cui si fa presto largo un altro simbolo del potere che in Leviathan fa capo al Vadim Cheleviat di Roman Madyanov, quello che, ossessionato dall'essere rieletto a nuove elezioni, trova sempre in modo e maniera di trovarsi nella privilegiata condizione di far la voce grossa. Non fa differenza se in condizioni di parziale sobrietà o in grave stato di ubriachezza.

    Sull'autentica schiettezza di Andrey Zvyagintsev non si discute. Senza troppi peli sulla lingua pone alle spalle del famigerato simbolo del potere Vadim, nel proprio ufficio, un quadro che ritrae l'attuale Presidente della Repubblica federale Russa Vladimir Vladimirovič Putin, mentre ai ritratti dei politici del passato riserva

    un servizio speciale, con il 'tiro al bersaglio' nel bel mezzo di un picnic. Qui gli è sufficiente l'ammiccamento dopo la raffica di spari alle bottiglie. Ma vi sono momenti, dove dell'ammiccamento non sa che farsene, e che per celebrarne tutta la tagliente potenza drammatica muove la macchina da presa dall'interno, ora mirando alla visione appannata e trasversa che si traduce dal vetro di un'auto con i tergicristalli in funzione in una grigia giornata di pioggia nordica, Talaltra facendo perno sul montaggio serrato a stretto giro di posta tra l'ispezione di polizia nella casa del protagonista e il successivo sventramento di quella stessa abitazione con il braccio della gru che irrompe spaventosamente nel ventre del prezioso scrigno di famiglia, fatto di stanze abitate da mobili, suppellettili, foto ricordo, e di momenti personali resi spettrali nel giro di pochi istanti. Immagini potenti tanto quanto i silenzi che dominano primi e primissimi

    piani di protagonisti - il versante femminile brilla di una luce propria 'verista' tanto quanto quello maschile - e scorci paesistici. Proprio quelli che hanno aperto e che alla fine chiudono le cortine di questo palcoscenico dove è andata in scena una lotta che fin dalle premesse si era rivelata impari ed indegna. E se è vero che Dio vede proprio tutto, anche all'occhio dell'innocenza non sfugge granché. Soprattutto quando, in Chiesa per la Santa Messa, secondo la fede ortodossa, alzando lo sguardo, legata e appesa ad una corda alla volta della cupola absidale, scorge la cosa più improbabile e inattesa in un luogo sacro: un'arma. Per l'appunto sulle note climax del sermone che tuona 'Dio non sta nella forza ma nella Verità. La Verità è il patrimonio di Dio'. Le vie del Signore sono infinite ma quelle del Potere mirano al cuore in un modo solo e infallibile.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Academy Two e Laura Poleggi (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO di LEVIATHAN

    Links:

    • Andrey Zvyagintsev (Regista)

    • LEVIATHAN - INTERVISTA al regista ANDREY ZVYAGINTSEV (Interviste)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Leviathan - trailer

    Leviathan - trailer (versione originale sottotitolata in inglese) - Leviafan

    Leviathan - clip 'La rabbia di Kolia'

    Leviathan - clip 'Il rapimento'

    Leviathan - clip 'Ogni potere viene da Dio'

    Leviathan - clip 'Il perdono'

    Leviathan - clip 'Appesi al muro'

    Leviathan - clip 'Una brutta sorpresa'

    Leviathan - clip 'Forse non è troppo tardi'

    Leviathan - intervista video al regista Andrey Zvyagintsev (versione originale sottotitolata)

    Leviathan - altra intervista video al regista Andrey Zvyagintsev (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Il mio profilo migliore

    IL MIO PROFILO MIGLIORE

    Dalla Berlinale 2019 - Juliette Binoche si sente libera di sondare un personaggio sofisticato e .... [continua]

    The Informer - Tre secondi per sopravvivere

    THE INFORMER - TRE SECONDI PER SOPRAVVIVERE

    Dal 17 Ottobre .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Ecco .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Ancora al cinema - Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Ancora al cinemaDa -Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]