ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    New Entry - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 anni dalla sua .... [continua]

    Terminator: Destino oscuro

    TERMINATOR: DESTINO OSCURO

    New Entry - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James .... [continua]

    Tutto il mio folle amore

    TUTTO IL MIO FOLLE AMORE

    New Entry - Il nuovo film di Gabriele Salvatores ispirato ad una storia vera .... [continua]

    Arrivederci professore

    ARRIVEDERCI PROFESSORE

    Anteprima all'Italy Sardegna Festival (13-16 giugno) - Johnny Depp professore di 'sregolatezze' questa volta per .... [continua]

    Rapina a Stoccolma

    RAPINA A STOCCOLMA

    Dal 20 Giugno .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Selma - La strada per la libertà

    SELMA - LA STRADA PER LA LIBERTA'

    2 NOMINATION agli OSCAR 2015 come 'MIGLIOR FILM' e 'MIGLIOR CANZONE' e 4 NOMINATION ai GOLDEN GLOBE 2015 tra cui 'MIGLIOR FILM' e 'MIGLIOR REGIA' - Dal 12 FEBBRAIO - RECENSIONE IN ANTEPRIMA

    "Selma è la storia di una voce; la voce di un grande leader, la voce di una comunità che trionfa nonostante i tumulti e la voce di una nazione che ambisce a diventare una società migliore. Spero che il film ci ricordi che tutte le voci hanno un valore e meritano di essere ascoltate... Trovo alquanto sorprendente e meritevole di discussione che, nei 50 anni dalla morte del Dr. King, non ci sia mai stato un film incentrato su di lui come protagonista. È uno shock. È piuttosto strano e anche spiacevole, ma sono contenta che siamo qui adesso... Siamo portati a pensare a King come a una statua, un discorso o una vacanza, ma lui era un uomo, un uomo che aveva relazioni complicate, che era molto umano; un uomo che è morto all’età di 39 anni combattendo per libertà di cui tutti noi oggi beneficiamo. Penso che se smonti il suo mito, ti rendi conto che la sua forza interiore è qualcosa che tutti noi abbiamo. Se solo fossimo in grado di accederci potremmo fare grandi cose".
    La regista Ava DuVernay

    (Selma; UK/USA 2014; Biografico/Storico; 128'; Produz.: Pathé/Paramount; Distribuz.: Notorious Pictures)

    Locandina italiana Selma - La strada per la libertà

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Selma - La strada per la libertà

    Titolo in lingua originale: Selma

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Ava DuVernay

    Sceneggiatura: Paul Webb

    Soggetto: PRELIMINARIA - IL PERCHE' DI UNA STORIA COME QUESTA:

    Nella primavera del 1965 una serie di eventi drammatici cambiò per sempre la rotta dell’America e il concetto moderno di diritti civili, quando un gruppo di coraggiosi manifestanti, guidati dal Dr. Martin Luther King Jr., per tre volte tentò di portare a termine una marcia pacifica in Alabama, da Selma a Montgomery, con l’obiettivo di ottenere l’imprescindibile diritto umano al voto.
    Gli scontri scioccanti, la trionfante marcia finale e il passaggio del Voting Rights Acts del 1965 che seguirono sono ora un’incancellabile parte della storia. Ma la storia assolutamente rilevante e umana di Selma – dalle battaglie politiche negli uffici del potere, alla determinazione e alla fede della gente nelle strade, alla battaglia interiore che il Dr. King ha dovuto affrontare nel privato – non è mai stata raccontata sullo schermo...

    PRELIMINARIA - Cronologia: Le Marce di Selma

    1964, Dic: Martin Luther King Jr riceve il Premio Nobel per la Pace

    1965, Gen: Martin Luther King Jr. e la Southern Christian Leadership Conference pongono la loro attenzione a Selma, in Alabama, dove solo il 2% dei cittadini neri era registrato per votare e dove le registrazioni al voto erano ostacolate da lungo tempo

    2 Feb: King è arrestato con centinaia di altre persone durante una protesta per il voto a Selma

    5 Feb: Il Governatore George Wallace proibisce le dimostrazioni notturne a Selma e Marion

    18 Feb: Agenti di stato attaccano i manifestanti a Marion in Alabama, e il manifestante Jimmie Lee Jackson, un diacono di 26 anni, viene ucciso mentre tenta di proteggere sua madre, Viola Jackson e suo nonno Cager Lee

    7 Mar: Il primo tentativo di marciare da Selma a Montgomery, condotto da John Lewis e HoseaWilliams, è bloccato da poliziotti statali e locali al ponte di Edmund Pettus. 600 dimostranti vengono severamente picchiati e respinti con gas lacrimogeni , con il risultato di trasformare questo evento nella giornata conosciuta in tutto il mondo come “Bloody Sunday.”

    8 Mar: King chiama i leaders religiosi ad unirsi ai dimostranti di Selma

    9 Mar: King conduce una seconda marcia, ma questa volta la folla si ritira al ponte di Edmund Pettus, temendo la violenza degli agenti statali. Questa giornata sarà poi nota come il “Turn Around Tuesday.”

    9 Mar. 9: A seguito delle marce, il sacerdote di Boston James Reeb, dopo aver cenato, viene picchiato in maniera orribile da segregazionisti bianchi armati di mazze. Muore due giorni dopo per ferite alla testa.

    15 Mar.: Il Presidente Johnson parla al Congresso e agli americani, dicendo “È sbagliato, terribilmente sbagliato negare a qualsiasi dei nostri concittadini americani il diritto di votare in questo paese.” e annuncia che introdurrà molto presto una legislazione sui diritti di voto. Il suo discorso fu poi celebrato come uno dei discorsi Presidenziali più potenti della storia.

    17 Mar.: I dimostranti di Selma vincono la loro causa quando il Giudice del Distretto Federale Frank M. Johnson stabilisce che hanno il diritto di poter marciare per difendere le loro idee

    18 Mar.: Il Governatore Wallace condanna la sentenza del Giudice davanti alla legislatura dell’Alabama

    20 Mar.: Il Presidente Johnson emette un ordine esecutivo che rende federale la Guardia Nazionale dell’Alabama

    21 Mar.: Circa 4.000 dimostranti lasciano Selma scortati dalle truppe federali per la marcia di 50 miglia verso Montgomery

    25 Mar.: I dimostranti raggiungono Montgomery ma ora il loro numero è sceso a 25.000. King pronuncia un discorso storico sugli scalini dello State Capitol

    6 Aug.: Il Presidente Johnson firma lo storico Voting Rights Act del 1965

    Cast: David Oyelowo (Martin Luther King jr.)
    Carmen Ejogo (Coretta Scott King)
    Tim Roth (Gov. George Wallace)
    Giovanni Ribisi (Lee White)
    Cuba Gooding Jr. (Fred Gray)
    Lorraine Toussaint (Amelia Boynton)
    Oprah Winfrey (Annie Lee Cooper)
    Common (James Bevel)
    Tessa Thompson (Diane Nash)

    Musica: Jason Moran

    Costumi: Ruth E. Carter

    Scenografia: Kim Jennings, Elizabeth Keenan

    Fotografia: Bradford Young

    Montaggio: Spencer Averick

    Effetti Speciali: Scott Anderson

    Makeup: Char Coats-Crump

    Casting: Aisha Coley

    Scheda film aggiornata al: 10 Marzo 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Ambientato negli Stati Uniti, durante la presidenza Johnson, il film racconta la marcia di protesta che ebbe luogo nel 1965 a Selma, Alabama. Guidata da un agguerrito Martin Luther King, questa contestazione pacifica aveva lo scopo di ribellarsi agli abusi subiti dai cittadini afroamericani negli Stati Uniti e proprio per la sua natura rivoluzionaria venne repressa nel sangue.

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Salta subito all’occhio che, escludendo una miniserie del 1978 con Paul Winfield e Cicely Tyson, unica regia dello sceneggiatore premio Oscar di Vincitori e vinti Abby Mann, e un dimenticato e forse dimenticabile film per la tv del 1986 con Howard E. Rollins Jr., mai un intero film era stato realizzato sulla figura del padre dei diritti civili Martin Luther King Jr. È quindi Ava DuVernay, regista donna afroamericana, a compiere il miracolo costruendo, su fine sceneggiatura di Paul Webb, un’ottima prospettiva narrativa sia sulla figura di Martin Luther King, non mitizzato, ma con le sue debolezze, le sue fallibilità, che sul movimento dei diritti civili, nonché sulle marce pacifiste svolte da Selma a Montogomery dai partecipanti. Sullo sfondo di questa storia abbozzati - alcuni più, altri meno - tutti i protagonisti coinvolti, a favore e non, dalle protagoniste femminili della marcia, da Amelia Boynton (tuttora vivente, ha 103 anni),

    Annie Lee Cooper (bellissimo cameo di Oprah Winfrey), la stessa moglie di King, Coretta, a quelli maschili, il pastore Ralph Abernathy, il reverendo Hosea Williams, Jimmie Lee Jackson, attivista barbaramente ucciso con un colpo di pistola. Senza dimenticare le figure del potere, a cominciare dall’allora presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson, al discusso governatore dell’Alabama George Wallace. Al centro la dolorosa vicenda per l'ottenimento del diritto di voto. Una storia lunga e complessa, piena di sfaccettature e logiche politiche, meccanismi della storia americana di quel periodo messi in scena su ampi spazi di pubblico e privato e che Ava DuVernay concentra in poco più di due ore con una rara limpidezza di forma e contenuti e attraverso un’opera dal taglio classico, a tratti lirica, a tratti onirica, capace di sfruttare tutti gli elementi migliori del genere biografico e storico e sintetizzarli in un melodramma, retorico il giusto, capace di infiammare

    la coscienza dello spettatore pur concentrandosi molto sui dettagli e sull’aspetto visivo, sulla capacità di far comprendere un tempo e una memoria fondamentali per tutti i diritti umani, capace di fornire una lettura più universale dell’evento in sé.

    La forza commovente della lotta, il coraggio e la determinazione non vengono definiti sul grande schermo con i soliti meccanismi narrativi, ma fuoriescono da un perfetto apparato storiografico e filologico, ripreso dai file dell'FBI, dai dettagli delle conversazioni trascritte, dagli incontri fra il Dr. King e Johnson, quelli fra quest’ultimo e il governatore dell’Alabama George Wallace. Ava DuVernay riesce a focalizzarsi sui fatti senza mai cadere nelle maglie dell’agiografia, in primis nella figura di Martin Luther King, non raffigurato come il solito “santino”, ma come un uomo politico capace di comprendere i meccanismi più complessi della macchina economica che si nasconde dietro certe scelte di intolleranza, non a caso basta leggere nemmeno troppo

    fra le righe del suo noto discorso fatto alla fine della marcia in quell’ormai leggendario 25 marzo 1965.

    Un film così, non un capolavoro certo, ma semplicemente un ottimo prodotto, è costruito sulla forza della storia che da sola avrebbe trascinato fior di candidature, stranamente sfumate, tranne in due casi - miglior film e miglior canzone originale, la straordinaria Glory di John Legend – e sulla eccezionalità della forza mimetica dell’attore inglese David Oyelowo che ripercorre la figura di Martin Luther King sotto ogni angolazione, dalla modulazione della voce alla “costruzione” del corpo passando, non ultimo, per la spiritualità della sua figura. Insomma, una prova da Oscar che non ha visto nemmeno una candidatura. E in un anno con un film così, il cinema afro-americano brilla per una quasi totale assenza. Da qui le varie polemiche. Giuste. Relativamente all’importanza che possono avere questi premi, ma fondamentali per ripercorrere ancora una

    volta le contraddizioni di un’America ormai multiculturale e differente che ha candidato venti attori caucasici su venti. Polemica ancor più grossa è che Ava DuVernay, che costruisce davvero una regia solida, si è vista fuori dalla cinquina dei migliori registi: sarebbe stata la prima donna afroamericana della storia a riceverne una. Due mancanze gravissime. Indipendentemente dalle polemiche.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di SELMA - LA STRADA PER LA LIBERTA'

    Links:

    • Ava DuVernay (Regista)

    • Cuba Gooding Jr.

    • Giovanni Ribisi

    • David Oyelowo

    • Tim Roth

    • Common

    • Tessa Thompson

    • Carmen Ejogo

    1 | 2

    Galleria Video:

    Selma-La strada per la libertà - trailer

    Selma-La strada per la libertà - trailer (versione originale) - Selma

    Selma-La strada per la libertà - spot 1 TV

    Selma-La strada per la libertà - spot 2 TV

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Give Us'

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Malcom'

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Next Great Battle'

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Join us'

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Courthouse'

    Selma-La strada per la libertà - clip 'Application'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    I morti non muoiono

    I MORTI NON MUOIONO

    72. Cannes - Dal 13 Giugno .... [continua]

    X-Men: Dark Phoenix

    X-MEN: DARK PHOENIX

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Giugno

    "La saga di Fenice Nera è una ....
    [continua]

    Juliet, Naked - Tutta un'altra musica

    JULIET, NAKED-TUTTA UN'ALTRA MUSICA

    Dal Sundance Film Festival 2018 - Tratto dall'omonimo romanzo di Nick Hornby, ecco una commedia .... [continua]

    Aladdin

    ALADDIN

    Ancora al cinema - Nella versione live-action del classico Disney (1992) Will Smith nel .... [continua]

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cannes .... [continua]

    John Wick 3 - Parabellum

    JOHN WICK 3 - PARABELLUM

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 16 Maggio

    Si vis ....
    [continua]

    Pokémon Detective Pikachu

    POKÉMON DETECTIVE PIKACHU

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Maggio

    "Sono davvero ....
    [continua]