ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Hustlers

    HUSTLERS

    New Entry - Jennifer Lopez spogliarellista a New York secondo la visione 'sportiva' di .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    New Entry - Ecco lo spin-off de Il Grande Lebowski (1998) dei Fratelli Coen .... [continua]

    Hope Gap - Le cose che non ti ho detto

    HOPE GAP - LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    New Entry - TIFF 2019 - Prossimamente .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Storie pazzesche

    STORIE PAZZESCHE: UNA ESILARANTE 'DIMOSTRAZIONE' DI COME 'POSSIAMO TUTTI PERDERE IL CONTROLLO' E DI COME, VISTO DA FUORI, LO SI POSSA PURE TROVARE DIVERTENTE!

    Dal XXIV edizione del Courmayeur Noir in Festival - RECENSIONE - Dall'11 DICEMBRE

    "Le storie di questo film sono frutto dell’immaginazione più sfrenata. Mentre lavoravo ad altri progetti - spesso scoraggiato dal fatto che sembravano impossibili da realizzare - ho cominciato a scrivere una serie di racconti per dare libero sfogo alle mie frustrazioni. Quando li ho raccolti in un volume, mi sono reso conto che erano legati da alcuni temi comuni: parlavano tutti di catarsi, vendetta e distruzione. E dell’innegabile piacere di perdere il controllo. Spesso penso alla società capitalista occidentale come a una specie di gabbia trasparente che ci rende insensibili e distorce i nostri rapporti con gli altri. Questo film racconta le storie di alcuni individui che vivono dentro questa gabbia senza esserne consapevoli. E quando arrivano al punto di rottura, anziché reprimersi - o deprimersi - come facciamo quasi tutti, partono in quarta senza riuscire più a fermarsi".
    Il regista Damián Szifrón

    (Relatos Salvajes; ARGENTINA/SPAGNA 2014; Commedia; 122'; Produz.: El Deseo S.A./Kramer & Sigman Films, in associaz. con Corner Producciones, col supporto di Instituto Nacional de Cine y Artes Audiovisuales (INCAA)/Instituto de la Cinematografía y de las Artes Audiovisuales (ICAA), co-prodotto da Televisión Federal (Telefe); Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Storie pazzesche

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Storie pazzesche

    Titolo in lingua originale: Relatos Salvajes

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Damián Szifrón

    Sceneggiatura: Damián Szifrón

    Cast: Erica Rivas (Romina [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Liliana Ackerman (Tía Ariel [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Gustavo Bonfigli (Disc Jockey [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Claudio Delan (Bocha [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Miguel Di Lemme (Amico di Ariel [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Ángel Frega (Cameraman Néstor [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Paula Grinszpan (Amica di Romina [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Diego Gentile (Ariel [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Margarita Molfino (Lourdes [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Horacio Nin Uria (Maître [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Marcelo Pozzi (Cuoco [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Liliana Weimer (Cuca [Episodio: Hasta que la muerte nos separe])
    Ricardo Darìn (Simón [Episodio: Bombita])
    Alejandro Angelini (Diariero [Episodio: Bombita])
    Pablo Chao (Controllore del traffico [Episodio: Bombita])
    Cast completo

    Musica: Gustavo Santaollata

    Costumi: Ruth Fischerman

    Scenografia: María Clara Notari

    Fotografia: Javier Julía

    Montaggio: Pablo Barbieri, Carrera e Damián Szifrón

    Effetti Speciali: Federico Ransenberg (supervisore effetti speciali)

    Casting: Javier Braier

    Scheda film aggiornata al: 13 Gennaio 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Le ineguaglianze, l’ingiustizia e le pressioni del mondo in cui viviamo generano stress e depressione in molte persone. Alcune, però, esplodono. Questo film parla di loro.
    Vulnerabili di fronte a una realtà che cambia continuamente che all’improvviso può diventare imprevedibile, i protagonisti di Storie pazzesche oltrepassano il sottile confine tra civiltà e barbarie. Il tradimento di un marito, il ritorno a un passato sepolto e la violenza che si insinua negli incontri di tutti i giorni, portano alla follia i personaggi del film, che si abbandonano all’innegabile piacere della perdita del controllo.

    Nel cast di Storie pazzesche recitano divi di prima grandezza che non avevano mai lavorato fianco a fianco con attori del cinema indipendente, del teatro d’avanguardia e della televisione.

    Ricardo Darín interpreta un ingegnere specializzato in demolizioni;
    Julieta Zylberberg e Rita Cortese sono la cameriera e la cuoca di una tavola calda frequentata da camionisti; Darío Grandinetti è il protagonista di una storia enigmatica che si svolge a bordo di un aereo;
    Erica Rivas è una sposa sconvolta, in un matrimonio che sfiora il dramma;
    Oscar Martínez interpreta un miliardario che conduce trattative clandestine per evitare una tragedia familiare;
    Leonardo Sbaraglia è un uomo che all’improvviso si ritrova intrappolato in un insolito thriller stradale.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    QUANDO I MAESTRI BEN INSEGNANO, GLI ALLIEVI INTELLIGENTI IMPARANO IN FRETTA LA LEZIONE E CREANO A LORO VOLTA QUALCOSA DI NUOVO. L'INTRAMONTABILE ARTE DEL RACCONTO GUADAGNA LA SPONDA CONTEMPORANEA CAVALCANDO L'UMORISMO NERO CHE ESORCIZZA NUOVE MOSTRUOSITA'. UN PUZZLE ESASPERATO, SURREALE, GROTTESCO, EPPURE SORNIONE E DIVERTENTE, CON STILE!

    E' lo stesso regista e sceneggiatore argentino Damián Szifrón (già la sua serie TV Hermanos & Detectives si è fatta strada in vari paesi tra cui l'Italia, tradotta in Fratelli detective, con Enrico Brignano), a tradire le fonti di Storie pazzesche. Si tratta di tutta una serie di antologie che titolano I racconti: ... dei maestri del crimine, ... dei maestri del mistero, ... dei maestri del terrore. Racconti che avrebbero in seguito avuto la loro buona fortuna con le Storie incredibili della serie tv prodotta da Steven Spielberg, con quel prologo di natura atavica a rammentarci il genere di racconto 'favolistico-surreale' da

    trasmettere intorno ad un fuoco e, al contempo, la necessità dell'uomo fin dai suoi primordi, di nutrire anche la mente e l'anima oltre al corpo, creando storie fantastiche, spesso surreali, eppure apparentate con la vita e con quel pizzico di morale che va a forgiare l'etica, facendo tesoro della memoria, del passato, man mano che si attraversano il Tempo, le Epoche, la Storia. Ed è ancora Szifrón - a quanto ci è stato dato di poter constatare, una giovane promessa per il futuro della celluloide - a rivelarci di aver proseguito la sua pesca nella personale cornucopia delle meraviglie con New York Stories, il film ad episodi diretto nientemeno che da Martin Scorsese, Francis Ford Coppola e Woody Allen, oltre alle Nove storie di J. D. Salinger.

    Ecco, è da queste 'letture' che nasce un nuovo puzzle di 'ordinaria follia' declinato in commedia. Chi, come la sottoscritta, avesse ricevuto dalla propria

    mente l'avviso di chiamata per Un giorno di ordinaria follia (1993) di Joel Schumacher, può toglierselo dalla testa. Falso allarme! Eppure lo straniante richiamo - la storia è solo una ed è un dramma a tutto tondo con il nostro Michael Douglas come punta di diamante - non è del tutto fuori luogo: vi accorgerete ben presto (addirittura fin dal prologo) che in Storie pazzesche a dar di matto sono in parecchi, ognuno per motivi diversi! La familiarità si appunta così sul movente, dell'ordinaria, o per meglio dire, straordinaria, follia: vale a dire il fatidico 'punto di rottura' che potenzialmente può spingere ciascuno verso autentici cataclismi individuali con i devastanti effetti collaterali che possiamo ben immaginare sulla collettività. Di queste Storie pazzesche si potrà dire di tutto: che sono surreali, portate all'eccesso, grottesche, talora volgari, un pò 'trash', un pò splatter, ma dietro l'esasperazione che non disdegna sniffare nella nebulosità

    dell'assurdo, ci stanno problematiche concrete di società ed individui. E' un pò come guardarsi allo specchio con una buona dose di cinismo, senza aver paura di sporcarsi le mani, e tirar fuori dal cilindro tutte le magagne - pure loro assurde ma purtroppo vere, reali, autentiche - che proliferano sul fondo del fondo, emergendo in superficie come un rigurgito inatteso.

    Un puzzle che si affida dunque a svariate precedenti 'storie incredibili', tenendo altresì uno sguardo fermo sulle molte disfunzioni, discrasie ed ipocrisie della nostra società contemporanea. E se nella migliore tradizione della commedia all'italiana, proprio percorrendo un genere di narratività frammentata in episodi, a portare sulla ribalta del grande schermo un vero e proprio caleidoscopio di mostruosità sociali, familiari ed individuali, avevano già provveduto in punta di fantasioso cinismo Dino Risi (I mostri, 1963), lo stesso Risi con Monicelli e Scola (I nuovi mostri, 1973) e più tardi - sia

    pure di gran lunga meno illuminato - Enrico Oldoini (I mostri oggi, 2009), ora si rispolverano altrove, con rinnovata inventiva ed estetica, novelle mostruosità contemporanee. Perchè? A che scopo? Centra il bersaglio ancora l'acuminato Szifrón: "Spesso penso alla società capitalista occidentale come a una specie di gabbia trasparente che ci rende insensibili e distorce i nostri rapporti con gli altri. Questo film racconta le storie di alcuni individui che vivono dentro questa gabbia senza esserne consapevoli. E quando arrivano al punto di rottura, anziché reprimersi – o deprimersi – come facciamo quasi tutti, partono in quarta senza riuscire più a fermarsi".

    Eccome, se partono in quarta! Per avere un'idea dell'aria che tira, satura di quell'umorismo nero che ne ha reclamato di diritto la partecipazione al 24. Courmayeur Noir in Festival, dopo esser passato per la croisette di Cannes, sospinto dall'autorevole firma di produzione, nientemeno che di Pedro Almodovar, basta fermarci all'episodio

    Pasternak, ambientato su un aereo, che fa da apripista ai seguenti: 'an entrée' che mentre anticipa persino i titoli di testa, già flirta con lo spettatore stuzzicando il lato più cinico ed oscuro del suo naturale bagaglio di humour. E non è che il tiepido inizio, d'altra parte condito con l'originale cornice zoologica che, mentre scandisce l'ordine dei protagonisti nei titoli di testa - occhio agli sguardi! - riecheggia tanto nell'aria come una metafora della 'bestia' che c'è in ognuno di noi. Di lì a poco ci si avvia senza troppo timore a girare il coltello nella piaga delle piaghe, con la spedita padronanza di chi alle didascalie informative, per il passaggio da un episodio all'altro, preferisce la punteggiatura intuitiva, il naturale scorrere delle immagini che guadagnano ognuna i territori di proprietà, con nuovi personaggi e nuove situazioni, mentre su un binario parallelo, per contrasto, si levano le note di

    motivi musicali e canzoni che aggiungono pepe allo humour già abbastanza nero di per sè. Con qualche ventata innovativa come lo spaccato di cronistoria di stampo giornalistico verso la conclusione dell'episodio Bombetta (con l'ingegnere specializzato in demolizioni di Ricardo Darín).

    In mezzo, ci stanno l'uomo che si ritrova intrappolato (mai lasciarsi andare alla provocazione in auto!) in un insolito thriller stradale (vagamente ispirato allo spielberghiano Duel?), la cameriera e la cuoca di una tavola calda frequentata da camionisti (Julieta Zylberberg e Rita Cortese), il miliardario (Oscar Martínez) che conduce trattative clandestine per evitare una tragedia familiare de La proposta - indecente! - per arrivare ad un matrimonio da favola in odore di dramma, simpatizzante della carneficina, soprattutto se trattasi di potenziale rivale all'orizzonte: cornice in cui eccelle l'attrice Erica Rivas nelle vesti candide - almeno per un pò - della sposa felice prima di essere sconvolta, e di sconvolgere a

    sua volta, i numerosi intervenuti alla festa. E che festa! Il suo monologo inviperito sulla terrazza del palazzo è da manuale! E che dire del seguito?! Se le bugie hanno le gambe corte, la gelosia galoppa sulla spuma della furia che acceca e del desiderio di vendetta che incendia! Ma niente paura, se ogni episodio guadagna la sua 'dark end', non sarà la fine di tutto. Vi potrà sembrare incredibile, più delle stesse storie qui inscenate, che dopo un simile percorso si possa approdare anche solo ad un qualcosa di lontanamente abbordabile dall'happy ending. Eppure...!

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Lucky Red e Alessandra Tieri (Ufficio Stampa Lucky Red)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di STORIE PAZZESCHE

    Links:

    • Damián Szifrón (Regista)

    • Ricardo Darìn

    • XXIV edizione del Courmayeur Noir in Festival (9 - 14 dicembre 2014) - NOIRFEST 2014 APRE CON LE 'STORIE PAZZESCHE' AMATE DA ALMODOVAR (Speciali)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Storie pazzesche - trailer

    Storie pazzesche - trailer 1 (versione originale) - Relatos Salvajes

    Storie pazzesche - trailer 2 (versione originale) - Relatos Salvajes

    Storie pazzesche - spot TV

    Storie pazzesche - clip 'Finché morte non ci separi' (episodio: Hasta que la muerte nos separe)

    Storie pazzesche - clip 'Sosta vietata' (episodio: Bombita)

    Storie pazzesche - clip 'Una multa ingiusta' (episodio: Bombita)

    Storie pazzesche - clip 'Il veleno per topi' (episodio: Las ratas)

    Storie pazzesche - clip 'Incontri sfortunati' (episodio: El más fuerte)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Tutta un'altra vita

    TUTTA UN'ALTRA VITA

    Dal 12 Settembre .... [continua]

    Vox Lux

    VOX LUX

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 12 Settembre

    "Il mio ....
    [continua]

    It - Capitolo 2

    IT - CAPITOLO 2

    RECENSIONE - Dal 5 Settembre

    "La prima volta che ho interpretato Pennywise nessuno sapeva ....
    [continua]

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    La fattoria dei nostri sogni

    LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI

    Tra i più attesi!!! - Realizzare il sogno di una vita si può? Si. .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained si .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]