ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Ottobre 2019) - Il grande ritorno al cinema di .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella Città - .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Ancora al cinema - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Walesa. L'uomo della speranza

    WALESA. L'UOMO DELLA SPERANZA: LECH WALESA NEL RACCONTO DI JANUSZ GLOWACKI E NELLO SGUARDO CINEMATOGRAFICO DI ANDRZEJ WAIDA

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dalla 70. Mostra del Cinema di Venezia e Dal Festival di Toronto 2013 - Dal 6 GIUGNO

    (Walesa. czlowiek z nadziei (Walesa, Man of Hope); POLONIA 2013; Drammatico; 127'; Produz.: Akson Studio/Canal+ Polska/Telewizja Polska (TVP); Distribuz.: Nomad Film Distribution)

    Locandina italiana Walesa. L'uomo della speranza

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Walesa. L'uomo della speranza

    Titolo in lingua originale: Walesa. czlowiek z nadziei (Walesa, Man of Hope)

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Andrzej Wajda

    Sceneggiatura: Janusz Glowacki

    Soggetto: Janusz Glowacki.

    Cast: Robert Wieckiewicz (Lech Walesa)
    Agnieszka Grochowska (Danuta Walesa)
    Zbigniew Zamachowski (Nawislak)
    Iwona Bielska (Ilona)
    Maria Rosaria Omaggio (Oriana Fallaci)
    Marcel Glogowski (Bogdan Walesa)
    Kamil Jaworski (Przemyslaw Walesa)
    Cezary Kosiñski (Majchrzak)

    Musica: Paweł Mykietyn

    Costumi: Magdalena Biedrzycka

    Scenografia: Magdalena Dipont

    Fotografia: Pawel Edelman

    Montaggio: Milenia Fiedler e Grazyna Gradon

    Makeup: Waldemar Pokromski e Tomasz Matraszek

    Casting: Ewa Brodzka

    Scheda film aggiornata al: 15 Giugno 2014

    Sinossi:

    Wałęsa è la storia di un eroe contemporaneo, Lech Wałęsa. Oriana Fallaci, una delle giornaliste più famose del mondo, intervista il futuro Premio Nobel. La conversazione, piena di emozioni, costituisce il tessuto narrativo del film. L’italiana rivolge delle domande che nessun altro ha mai osato fare al leggendario leader di Solidarnosc. Emerge l'indole di un uomo dotato di un grande carisma e di un eccezionale fiuto politico.
    Le scene che mostrano il percorso di un eroe verso la maturità politica vengono intrecciate con quelle della vita familiare di Wałęsa. La relazione tra Lech e la moglie Danuta, la loro casa piena di bambini e i problemi quotidiani sono importanti tanto quanto la dimensione politica.
    Al pensiero di una vita normale da realizzare insieme si oppongono eventi politici importantissimi che richiedono una presa di posizione. Alle spalle di un uomo forte, come viene fuori, c’è una donna ancora più forte di lui, sua moglie.
    A volte bisogna lottare per la libertà e proteggere la propria patria. La politica e l’amore, la paura e il senso di sicurezza, l’esigenza di sottomettersi e la voglia di ribellarsi: il film, esattamente come la vita di Wałęsa, è ricco di contrasti. Il suo senso del dovere verso la nazione si mescola con quello privato verso la famiglia, l’amore per la moglie e figli con l’amore per il Paese. È giusta la scelta di Lech? Qual è il prezzo che dovrà pagare?

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Con il suo cinema rigoroso, Andrezej Wajda ha raccontato in oltre sessant’anni il suo Paese, la Polonia. Terra piegata da ogni invasore: dal nazismo, dal comunismo, da Napoleone, da chiunque. Nel suo ultimo film, Wałęsa – L’uomo della speranza, si focalizza sul ritratto biografico di uno dei leader che ha contribuito al disgelo e alla fine del comunismo nel suo Paese, Lech Wałęsa, sindacalista cattolico fondatore del movimento Solidarnos, futuro presidente fra il 1990 e il 1995 della Polonia post-comunista. Wajda si sofferma sugli anni giovanili dell’uomo arrivando fino alla vittoria del premio Nobel per la pace attraverso una serie di flashback narrati attraverso un’intervista che il leader, che combatté per i diritti dei lavoratori, rilasciò alla giornalista Oriana Fallaci dopo aver vinto il premio Nobel per la pace nel 1983, il resto viene affidato nel finale ad una serie di video di repertorio con le immagini del vero

    Wałęsa.

    Il film possiede a tratti la forza della ricostruzione storica tipica dell’integrità intellettuale del suo autore, ma questo viene fuori più nella ricostruzione della violenza del potere comunista, del periodo storico, piuttosto che in quella del personaggio, la cui vera forza resta nelle braccia della prova attoriale del protagonista Robert Wieckiewicz (già recentemente apprezzato con In Darkness di Agnieszka Holland). Questo perché più il film si addentra all’interno del potere politico acquisito come sindacalista da Wałęsa, più il film di Wajda diventa un’opera agiografica, un santino qualunque che mal si allinea con una figura storicamente contraddittoria, che ha sì fatto tanto per il suo Paese per la lotta contro il regime Sovietico, ma ha stretto anche alleanze ambigue con la Chiesa, è stato amico personale di Wojtyla, ed è storicamente omofobo e per questo spesso sulle pagine di tutti gli organi di stampa internazionale. L’ombra del suo rapporto

    con la Chiesa, Wajda la evidenzia leggermente all’interno della pellicola, ma non la mette in discussione, non tratta per niente di tutte le contraddizioni della sua figura, che a conti fatti risulta un santino bello e buono di stampo televisivo anni Ottanta. Wajda non mette in discussione la figura di potere di Walesa degli anni successivi alla fine del comunismo, non racconta i paradossi di un Paese che è passato da una dominazione all’altra, quella della Chiesa, per quanto non ufficiale, è stata piuttosto evidente negli anni del papato di Wojtyla.

    La grana dell’opera stessa diventa sempre più grossa a causa dell’eccessiva ridondanza narrativa, della mancanza del solito rigore di sceneggiatura, che contraddistingue molte delle opere di Wajda, della bidimensionalità che man mano mantiene il personaggio, che finisce col diventare un buontempone capace solo di mettere incinta la moglie e amico di tutti i bisognosi. Inoltre, la parte del film

    che mette in scena il confronto fra il leader politico e Oriana Fallaci (eccezionale mimesi di Maria Rosaria Omaggio) diventa solo mero elemento strumentale per la struttura in flashback del film. L’opera non mette a confronto davvero due delle figure più ambigue e popolari del Novecento come quella di un Presidente di un Paese dell’ex-cortina di ferro e una delle giornaliste di destra più rabbiose che la storia del nostro di Paese ricordi. Wałęsa è stato davvero questo? L’incontro fra quell’uomo e quella giornalista è stato davvero così? Certo il film di Wajda non è paragonabile al rigore di Frost/Nixon di Ron Howard – certo più commerciale ma quantomeno meglio riuscito - di un altro grande incontro – scontro fra un altro più discusso capo di stato e un giornalista “divo” raccontato dal mondo del cinema: Richard Nixon e David Frost.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Nomad Film e Reggi&Spizzichino Communication.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di WALESA. L'UOMO DELLA SPERANZA

    Links:

    • Andrzej Wajda (Regista)

    • Robert Wieckiewicz

    • Agnieszka Grochowska

    1| 2

    Galleria Video:

    Walesa. L'uomo della speranza - trailer

    Walesa. L'uomo della speranza - trailer (versione originale sottotitolata in inglese) - Walesa. czlowiek z nadziei (Walesa, Man of Hope)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Report

    THE REPORT

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Dal Sundance Film Festival 2019; dal .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni .... [continua]