ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Principessa Mononoke

    PRINCIPESSA MONONOKE: TORNA IN SALA L'EPICO FILM CAVALLERESCO CREATO NEL 1997 DAL MAESTRO HAYAO MIYAZAKI

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 8 MAGGIO

    "Il Giappone dell'era Muromachi (1392-1573), periodo in cui si svolge la nostra storia, era un mondo in cui il caos e il cambiamento costituivano la norma. Successiva all'era Nambokucho (1336-1392), durante la quale due corti imperiali si erano fatte la guerra per la supremazia nel Paese, l'era Muromachi è stata un'epoca piena di ardimento, di clamoroso banditismo, di nuove forme d'arte e di ribellione contro l'ordine stabilito. E' stata l'epoca in cui ha cominciato a prendere forma il Giappone di oggi. E' stata diversa sia dall'era Sengoku (1482-1558), quando eserciti professionisti combattevano in guerre organizzate, sia dall'era Kamakura (1185-1382) quando i potenti samurai si scontravano per il dominio sul territorio.
    E' stata un'era più fluida, in cui non c'erano distinzioni tra contadini e samurai, in cui le donne erano più libere e audaci, come è possibile capire guardando le 'shokuninzukushie', immagini dipinte di donne dell'epoca intente a compiere i lavori più diversi. In quel mondo il confine tra la vita e la morte era più netto. La gente viveva, amava, odiava, lavorava e moriva senza le ambiguità di oggi.
    In ciò risiede, credo, il significato di fare un film come questo in anni di caos mentre ci accingiamo ad entrare nel XXI° secolo. Con questo film non pensiamo di risolvere problemi globali. Non ci può essere un lieto fine dello scontro tra gli dei della foresta e gli uomini. Ma anche nel bel mezzo di odio e carneficine resta un po' di quell'amore per cui vale la pena di vivere. Incontri meravigliosi e cose bellissime accadono ancora.
    Nel film abbiamo messo in scena l'odio, ma solo per mostrare che ci sono cose più importanti. C'è una maledizione, ma solo perché volevamo mostrare la gioia della salvezza. Cosa ancora più importante, mostriamo come un ragazzo e una ragazza arrivino a comprendersi, e come la ragazza mostri il suo cuore al ragazzo. Alla fine del film la ragazza dice al ragazzo: “Ti amo Ashikata, ma non posso perdonare gli esseri umani”. Il ragazzo sorride e le risponde: “Cerchiamo di convivere in pace”.
    Questa scena riassume l'idea di film che volevamo fare
    ".
    Il regista e sceneggiatore Hayao Miyazaki

    (Mononoke-Hime; GIAPPONE 1997; animazione; 135'; Produz.: DENTSU Music And Entertainment/Nibariki/Nippon Television Network (NTV)/Studio Ghibli/TNDG/Tokuma Shoten; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Principessa Mononoke

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Principessa Mononoke

    Titolo in lingua originale: Mononoke-Hime

    Anno di produzione: 1997

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Hayao Miyazaki

    Sceneggiatura: Hayao Miyazaki

    Soggetto: Hayao Miyazaki

    Cast: Billy Crudup (Ashitaka)
    Yôji Matsuda (Ashitaka)
    Lorenzo De Angelis (Ashitaka)
    Claire Danes (San)
    Yuriko Ishida (San)
    Joy Saltarelli (San)
    Minnie Driver (Madame Eboshi)
    Yûko Tanaka (Madame Eboshi)
    Alessandra Cassioli (Madame Eboshi)
    Billy Bob Thornton (Bonzo Jiko)
    Kaoru Kobayashi (Bonzo Jiko)
    Pino Insegno (Bonzo Jiko)
    John DeMita (Kouroku)
    Masahiko Nishimura (Kouroku)
    Gianluca Crisafi (Kouroku)
    Cast completo

    Musica: Joe Hisaishi

    Fotografia: Atsushi Okui

    Montaggio: Hayao Miyazaki e Takeshi Seyama

    Casting: Jack Fletcher (per le voci inglesi)

    Scheda film aggiornata al: 17 Maggio 2014

    Sinossi:

    Giappone, periodo Muromachi. Il Paese è ancora selvaggio, coperto di foreste, ma il progresso tecnologico comincia a turbare l'equilibrio ecologico. L'ordine gerarchico che regna da millenni comincia a crollare.
    Nel nord dell'Arcipelago vive una tribù pacifica, quella degli Emishi, il cui futuro capo è il giovane principe Ashitaka. Un cinghiale selvatico posseduto da una divinità malvagia attacca il suo villaggio. Ashitaka lo uccide ma resta ferito ad un braccio e colpito da una maledizione che potrebbe portarlo alla morte. La grande sacerdotessa del villaggio gli consiglia allora di partire verso Ovest dove potrebbe trovare il modo di neutralizzare la maledizione.
    Durante il suo viaggio Ashikata incontra Jiko, un avido bonzo. Questi gli rivela l'esistenza di una foresta in cui vive un Dio-Bestia, creatura mitica che regna sul mondo animale e vegetale, dotata di poteri soprannaturali. Ashikata arriva al villaggio dei Tatara, una comunità di fabbri, guidata con pugno di ferro da Madame Eboshi. Trincerata nella sua fortezza, Madame Eboshi accoglie gli ammalati, le donne perdute e i contadini senza terra, per difenderli dai clan vicini. Ma Madame Eboshi è odiata da San, una ragazza selvatica allevata dai lupi, che ritiene i Tatara responsabili della distruzione della foresta per alimentare le loro fucine ed estendere il loro dominio. E' soprannominata Principessa Mononoke, “la principessa degli spettri”.
    Una sera San si introduce nel villaggio per uccidere Madame Eboshi, ma Ashitaka glielo impedisce. Gravemente ferito, lascia i Tatara per riportare la principessa svenuta nel folto della foresta. Lì incontra il Dio-Bestia e un gigantesco combattimento ha inizio tra le forze contrapposte presenti.
    Ashitaka riuscirà alla fine a raggiungere il suo scopo: far vivere in pace gli uomini, gli animali e gli dei.

    Commento critico (a cura di FRANCESCO ADAMI)

    Principessa Mononoke è un cartoon fantastico diretto dall'autore d'animazione giapponese Hayao Miyazaki. La vicenda narrata nel lungometraggio è ambientata in Giappone durante l'era Muromachi (1392-1573), periodo in cui la realtà giapponese si divideva tra il caos e il cambiamento diretto verso nuove forme d'arte e di ribellione contro l'ordine stabilito nelle precedenti ere come la Nambokucho (1336-1392), durante la quale due corti imperiali si erano fatte la guerra per la supremazia nel Paese e la Sengoku (1482-1558), quando eserciti professionisti combattevano in guerre organizzate. In questa era fluida senza distinzioni tra contadini e samurai, nella quale le donne sono libere ed audaci, come afferma il regista, si apre uno sguardo su una realtà mitica che si connette alle origini della vita e dei sentimenti e su un piccolo villaggio nel nord dell'Arcipelago, nel quale vive una tribù pacifica, quella degli Emishi, il cui futuro capo è il giovane principe Ashitaka.

    Tutta la tranquillità della tribù viene scossa da un evento improvviso, ossia un gigante cinghiale selvatico appartenente ad un gruppo di spiriti della natura, posseduto dalla malvagità e pertanto divenuto una divinità malvagia, che cerca di abbattere il villaggio. Ashitaka lo abbatte prima che giunga a destinazione ma nell'azione il giovane viene ferito al braccio dalla divinità prima di spirare, ma il tocco del male gli provoca una maledizione mortale. Così Ashitaka decide di lasciare il villaggio per recarsi ad Ovest in cerca di guarigione: nel viaggio incontra Jiko, un avido bonzo, questi gli rivela l'esistenza di
    una foresta in cui vive un Dio-Bestia, creatura mitica che regna sul mondo animale e vegetale, dotata di poteri soprannaturali. Ashitaka, continuando il suo viaggio, si ferma a Tarara Ba o la Città di Ferro, dove fa la conoscenza di una comunità che trascorre le giornate a lavorare il ferro e costruire archibugi; la

    cittadina è gestita da Madame Eboshi, una donna che accoglie gli ammalati, le donne perdute e i contadini senza
    terra, per difenderli dai clan vicini. Madame Eboshi però è alla caccia di San, una ragazza selvatica allevata dai lupi, soprannominata Principessa Mononoke, "la principessa degli spettri", che ritiene i Tatara responsabili della distruzione della foresta per alimentare le loro fucine ed estendere il loro dominio. Ashitaka si ritrova coinvolto in uno scontro mortale tra la natura selvatica, l'affascinante prodezza guerriera di San e la ostinata violenza regale di Madame Eboshi che vuole a tutti i costi affermare la supremazia totale del genere umano.

    Miyazaki propone una visione poeticamente sublime della diaspora tra la natura e l'uomo, tra l'amorevole sentimento del bene e la morbosa mostruosità della malvagità, attraverso l'espediente narrativo mitologico che attornia una realtà rurale densa di personaggi sfaccettati e sentimentalmente incisivi. Nel vasto pantheon delle divinità giapponesi, si rivolge

    lo sguardo particolare verso i Kodama, gli spiriti degli alberi, Moro, una dea lupa che ha ben più di 300 anni, ed il Dio- Bestia, la divinità della natura. In particolare i Kodama, hanno un riscontro mitologico ampio, si possono paragonare alle driadi o amadriadi greche, ossia delle divinità legate agli alberi, capaci di spostarsi da un albero all'altro, ma possono essere viste anche sotto forma di suono, visto che si pensava che si divertissero ad imitare le voci umane nelle foreste. I Kodama nell'immaginario hanno avuto molte sembianze ed interpretazioni: potevano essere visti come uomini, giovani, vecchi o folletti, Miyazaki ne offre una visione peculiare raffigurandoli come piccoli omini bianchi dai tre occhi e testa ruotante.

    Dal punto di vista tecnico per la prima volta in un film di Miyazaki sono stati inseriti elementi di computer grafica all'interno di frame dipinti a mano, collaborando strettamente con Yoshinori Sugano, capo

    del settore della computer grafica alla Ghibli. Miyazaki ha utilizzato i computer per creare sequenze tridimensionali come quelle in cui riccioli a forma di serpente spuntano dal corpo del dio demone, o i maestosi spostamenti del gigantesco dio che viaggia nella notte. Tutte le sequenze high-tech si integrano perfettamente con quelle disegnate a mano per dare ai personaggi una consistenza quasi umana e per tale scopo è stato sviluppato un nuovo software in grado di
    emulare le pennellate, le sottili linee di contorno e tutte le altre caratteristiche dell'animazione realizzata con i disegni tradizionali. Il perfetto connubio di tecnologia ha reso maggiore fluidità dei movimenti e un maggior realismo rispetto ai tradizionali anime, ed è quasi visibilmente impossibile distinguere la differenza dato che la
    computer grafica si integra alla perfezione in tutte le sequenze del film.

    La Principessa Mononoke, è un film epico, edito nell'estate del 1997, esce di nuovo nelle sale

    solo per un breve tempo in una versione restaurata con un nuovo doppiaggio. Un capolavoro da vedere che ha già riscosso successo incassando nella sua terra d'origine oltre 150 milioni di dollari e un premio come miglior film all'equivalente giapponese
    della cerimonia degli Oscar.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di PRINCIPESSA MONONOKE

    Links:

    • Hayao Miyazaki (Regista)

    • Gillian Anderson

    • Jada Pinkett Smith

    • Keith David

    • Billy Crudup

    • Claire Danes

    • Billy Bob Thornton

    1 | 2

    Galleria Video:

    Principessa Mononoke - trailer

    Principessa Mononoke - trailer (versione originale) - Mononoke-Hime

    Principessa Mononoke - Original Fan Trailer (versione originale) - Mononoke-Hime

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]