ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Gli invisibili

    GLI INVISIBILI: TEMPO IMMEMORABILE PER L'HOMELESS RICHARD GERE

    RECENSIONE - Al 62. Taormina Film Fest 2016 l'11 Giugno - Dal Taormina Film Fest 2015 - Dal IX. Festival Internazionale del Film di Roma - Dal Giffoni Film Festival 2014 - Toronto Film Festival 2014 - Dal Dal 15 GIUGNO

    "È probabilmente il film di cui vado più fiero, è stato a lungo in gestazione poi ho letto la storia di un senzatetto newyorkese, che ha firmato la propria biografia, 'Land of the lost souls: my life in the streets', con il nome di Cadillac Man. Il film si ispira molto alla sua vita... il budget era ridottissimo, avevamo al massimo ventuno giorni di riprese. Ma ho deciso da subito che io avrei fatto l'homeless, dovevo essere invisibile io e anche le macchine da presa e tutto ciò che serve per girare un film. Anche dal punto di vista visivo ne è uscito un prodotto innovativo, quasi sperimentale, molte immagini sono riflesse nelle vetrine dei negozi, le riprese sono state fatte da molto lontano. Nessuno mi ha riconosciuto, nessuno ha osato avvicinarmi. Ho girato in luoghi, come Il Greenwich Village e Gran Central Station, in cui come Richard Gere non potrei mai passeggiare tranquillamente. Per il film ha funzionato a meraviglia, per me è stata un'esperienza molto forte".
    L'attore Richard Gere

    (Time Out of Mind; USA 2014; Drammatico; 117'; Produz.: Lightstream Pictures; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Gli invisibili

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Gli invisibili

    Titolo in lingua originale: Time Out of Mind

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Oren Moverman

    Sceneggiatura: Oren Moverman

    Soggetto: Storia di Jeffrey Caine.
    Il film si ispira molto alla vita di un senzatetto a New York che ha firmato la propria biografia, Land of the lost souls: my life in the streets, con il nome di Cadillac Man.

    Cast: Jena Malone (Maggie)
    Richard Gere (George)
    Danielle Brooks (Assistente)
    Abigail Savage (Donna dai capelli corti)
    Brian d'Arcy James (Mark)
    Jeremy Strong (Jack)
    Yul Vazquez (Raoul)
    Geraldine Hughes (Maire)
    Ben Vereen (Dixon)
    Tonye Patano (Ms. Jackson)
    Colman Domingo (Mr. Oyello)
    Thom Bishops (Ameer)
    Marian Volk (Membro della Band)
    Dominic Colón (Felix)
    Lisa Datz (Laura)
    Cast completo

    Costumi: Catherine George

    Scenografia: Kelly McGehee

    Fotografia: Bobby Bukowski

    Montaggio: Molle DeBartolo

    Makeup: Suzy Mazzarese-Allison

    Casting: Jodi Angstreich e Laura Rosenthal

    Scheda film aggiornata al: 06 Luglio 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Un newyorkese decide di entrare in un centro di accoglienza quando si rende conto di aver esaurito qualsiasi altra opzione di alloggio. Comincerà con qualche difficoltà a rimettere di nuovo insieme i pezzi della sua vita e ad aggiustare il rapporto travagliato che ha con la figlia.

    SHORT SYNOPSIS:

    A homeless man tries to reconnect with his estranged daughter.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    QUANDO ARTE E VERITA' SI METTONO IN AFFARI PUO' USCIRNE FUORI UNO FRA I RITRATTI PIU' NOBILI DELL'ANIMO UMANO, UNO FRA I TANTI (TROPPI) SCIVOLATI SULLE SPONDE DELLA DERIVA. E LA SOCIETA' NON STA NEPPURE A GUARDARE. NON VEDE, NON SENTE, NON PARLA, SEMPLICEMENTE ... GUARDA OLTRE I GUARD RAIL CITTADINI DOVE STAZIONANO 'GLI INVISIBILI'. ECCELSA PROVA DI REGIA PER OREN MOVERMAN E DI RECITAZIONE NO FICTION PER RICHARD GERE

    Non vi è dubbio che Gli invisibili (Time Out of Mind, ovvero 'tempo immemorabile') di Oren Moverman (The Messenger-Oltre le regole) includa una sorta di 'One Man Show'. E a caratteri cubitali. Ma è una visione rovesciata rispetto alla concezione comune del termine. E soprattutto incredibilmente abile nel padroneggiare primissimi piani altri. Quasi mai di faccia, piuttosto di sghembo, da tergo, scorci laterali su cui troneggia il profilo. Il profilo di un senzatetto mai scisso dall'ambiente che lo circonda. O, per

    meglio dire, dai fazzoletti ambientali che occupa in un incessante 'mordi e fuggi': che siano essi un angolo di strada, una panchina o una vasca da bagno. Già, una vasca da bagno. Perché è proprio lì che facciamo la conoscenza del clochard George attraverso Richard Gere, che qui ha letteralmente surclassato la recitazione per assumere temporaneamente la dimensione del personaggio in una conduzione a presa diretta. Al punto che non sarebbe improprio intravedere ne Gli invisibili un 'docu-reality'. Sicuramente un qualcosa che va oltre le coordinate del racconto, della storia, della denuncia, semplicemente per filmarne l'essenza reale dall'interno, attraverso una visione in soggettiva diretta ma allo stesso tempo indiretta e per questo più piena. E mi spiego.

    Ci si avvia fin dall'inizio su binari di ripresa elettivi, speciali. Una panoramica di città sfuma dietro la cortina di lettere a caratteri cubitali: Gli invisibili del titolo. Appena pochi istanti prima

    che una carrellata a campo strettissimo su un interno rimarchi oggetti vari appesi alle fatiscenti pareti, ipotizzabili di un appartamento in disuso. Il disgusto per il degrado in cui versa l'immobile verrà declamato di lì a poco dagli addetti alla ristrutturazione, finché non salta fuori l'imprevisto inquilino accartocciato, mentre dorme vestito, nella vasca da bagno. Un letto della provvidenza come un altro per un senzatetto. E farlo uscire dalla sua 'location di sopravvivenza' non sarà facile. Ecco, questa è la chiave di volta dell'intero sguardo su questo mondo, fatto di continui dibattimenti per non farsi buttar fuori, di nuovo in strada, soprattutto quando fa freddo, da un posto come da un altro, rigorosamente abusivo, non certo autorizzato. Un mondo però in cui dominano i silenzi, i vagheggiamenti o gli stop di una mente annebbiata e confusa, e non solo dall'alcol in cui si rifugia.

    Ma a dominare il film, è l'essenza

    dell'espressione dello sgomento e della solitudine del personaggio di strada come soggettiva indiretta, straordinariamente filtrata attraverso vetrine di negozi, di esercizi pubblici, di finestre o di finestrini di mezzi di trasporto pubblico. Superfici riflettenti anche la vita cittadina con auto che sfrecciano e luci che lampeggiano, e voci di altri che vivono la loro vita al centro della società che conta. Scorci compressi, frammenti dell'intorno, con voci e rumori cittadini, piccoli siparietti di un quotidiano altro, diventano allora l'idea, la percezione più profonda, dell'indifferenza della città che non ha più occhi, o, per meglio dire, ha scelto la cecità come 'guardia del corpo' preposta alla protezione personale. I protagonisti di questi scorci, loro, sono quelli visibili, e anche spesso oggetto di interesse per George/Gere: fugaci sguardi più o meno compiaciuti, più o meno malinconici, schegge della vita che è stata, e che non è più. E' questo come un pulviscolo

    di soggettiva che volteggia costantemente in un respiro contratto ma regolare dentro tutto il film.

    Sono questi i toni con cui Moverman prosegue l'implacabile tallonamento di questo personaggio, icona elettiva dell'abbandono, a se stesso prima ancora che dagli altri. E' una nota languidamente costante che persevera in un cangiantismo di situazioni e di umori spiazzante, per come riesce ad esprimere tutta la ricca pienezza, in sapienti riprese a campi strettissimi e silenzi altisonanti, gli aciduli olezzi dell'indigenza. Lo sguardo avanza e penetra poi dentro i ricoveri di accoglienza, i rifugi per senza tetto organizzati da associazioni preposte ad arginare, almeno per quel che è possibile, una piaga sociale dilagante in ogni città del mondo. Ed ecco allora una fauna umana passata al setaccio di controlli e regole da osservare, spesso da parte anche di una sorda burocrazia. Fanno eccezione quei frammenti di buon cuore, comprensione e solidarietà dimostrati da parte di

    pochi. La voglia di isolamento è grande ma quando viene a mancare anche il forzato affiancamento del logorroico sedicente jazzista di colore, per George le cose vanno anche peggio. E la fragilità emotiva prende il sopravvento. Non lo vediamo mai piangere o lamentarsi. Solo la figlia Maggie (Jena Malone) riesce a farlo cedere sul piano emotivo. Ed è un cedimento congiunto. Della loro complicata storia veniamo a conoscenza in seno alle domande rivolte man mano al personaggio ai vari sportelli per accedere alla tessera sanitaria o allo stesso centro di accoglienza. Una brutta e tristissima storia. Una storia che resta dietro le quinte del ritratto intimo e sociale di un personaggio tratteggiato con nuance declinate su una intensa e ricca gamma di grigi. Dissolvenza sul finale compresa. E non poteva essere altrimenti! E' questo il caso in cui Arte e Verità si sono messe in affari per poter ritrarre il

    lato nobile - proprio quello che non riusciamo a vedere e che invece esiste - di un'umanità scivolata sulle sponde della deriva, suo malgrado.

    Gli invisibili galoppa nella sua lenta corsa, anche a cavalcioni di sequenze forti, come quella dell'entrare in chiesa in cerca di un cappotto, o come l'altra in cui troneggia la risata di spalle, l'unica, e puramente sarcastica, in tutto il film, quando George/Gere, ritratto di spalle su una panchina, sente un predicatore per strada che cantilena "Dio ci aiuterà". Gli echi di una vita, anche ipocrita, cui non appartiene e dalla quale resta deliberatamente fuori senza la pretesa di interagire con essa. Premura, nel senso della fretta di appropriarsi dell'indispensabile per non morire, insofferenza, silente sopportazione, suo malgrado, di situazioni poco tollerabili e disagevoli, smarrimento mentale, sono invece le suppellettili del suo piccolo mondo, fatto di niente. E quando il logorroico compagno di sventura lo incalza

    con i suoi fiumi di moralismo condensati in "Tu devi combattere i tuoi demoni" il nostro George/Gere che l'unica cosa che difende a spada tratta sono proprio i suoi spazi silenti e dormienti meglio se innaffiati dall'alcol, si sente punto nel vivo e gli intima il silenzio che finisce in un mandarsi a quel paese a oltranza. Quel che basta a far estromettere il compagno dal centro di accoglienza. Ed ecco che la concessione a se stesso del lusso di un'infinitesimale intemperanza ha subito le sue amare conseguenze. Devastanti per chi non ha niente cui aggrapparsi come lui. Gli invisibili si fa così strada aprendosi un ampio varco, breccia dopo breccia, sul grande schermo e nelle nostre coscienze, che iniziano una imprevista graduale dilatazione.

    E' questo uno di quei film che non ti aspetti. Una regia ed una performance che non ti aspetti. E, purtroppo, anche una distribuzione che non

    ti aspetti. In che condizioni versi la nostra società è testimoniato anche da questo. Gli invisibili è una coraggiosa ed inedita pellicola - da ogni punto di vista, anche negli speciali intermezzi musicali - messa sul mercato apposta per scuotere la parte più sopita delle nostre coscienze, affinché gli 'invisibili' possano tornare 'visibili', almeno un pò, se non proprio del tutto. Ma se la stessa distribuzione rende invisibile il film su Gli invisibili, questo significa una sola cosa: che domina l'interesse al che tutto rimanga così com'è, consolidando, e persino rafforzando, l'indifferenza dilagante. Lo conferma la perpetua operazione di accordare alle masse solo 'cibo' in celluloide da fast-food. Quello che riempie le sale dei cinema e i portafogli di produttori e distributori. Così Gli invisibili possono rimanere tali.

    Perle di sceneggiatura


    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO de GLI INVISISBILI
    ENGLISH PRESSBOOK of TIME OUT OF MIND

    Links:

    • Oren Moverman (Regista)

    • Richard Gere

    • Jena Malone

    • Jeremy Strong

    • RICHARD GERE PRESENTA 'GLI INVISIBILI' AI SENZATETTO (Speciali)

    • GLI INVISIBILI (TIME OUT OF MIND), l'indipendente film-reality di Oren Moverman, con RICHARD GERE tradotto in un senza tetto a New York, approda nelle sale italiane il 15 Giugno (Anteprime)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Gli invisibili - trailer

    Gli invisibili - trailer (versione originale) - Time Out of Mind

    Gli invisibili - clip 1

    Gli invisibili - clip 2

    Gli invisibili - clip 3

    Gli invisibili - clip 4

    Gli invisibili - clip 5

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]