ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Ottobre 2019) - Il grande ritorno al cinema di .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella Città - .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Ancora al cinema - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza

    FRANCESCO DA BUENOS AIRES - LA RIVOLUZIONE DELL'UGUAGLIANZA: UN DOCUFILM BIOGRAFICO SULLA VITA DI JORGE MARIO BERGOGLIO, OGGI PONTEFICE

    RECENSIONE - Dal 28 APRILE: solo il 28, 29 e 30 APRILE

    "Papa Francesco ci ha fatto pensare a Giovanni XXIII dentro la Chiesa, mentre per quanto riguarda il mondo politico a Gandhi e Mandela. Un uomo della Storia. Un contemporaneo, un compatriota. Insomma, rappresenta un insieme di cose che hanno emozionato tutta la nostra squadra di lavoro"
    Il regista Miguel Rodríguez Arias

    (Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza; ITALIA 2014; Docufilm Biografico; 70'; Produz.: Metropolis e 39 Films in associazione con Barter produzioni multimediali. Film riconosciuto di interesse culturale dal Ministero per i beni e le attività culturali; Distribuz.: Microcinema Distribuzione)

    Locandina italiana Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza

    Titolo in lingua originale: Francesco da Buenos Aires - La rivoluzione dell'uguaglianza

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Miguel Rodríguez Arias e Fulvio Iannucci

    Sceneggiatura:

    Soggetto: Il film, girato da Miguel Rodriguez Arias e Fulvio Iannucci, narra la vita di Papa Francesco dall’infanzia all’età adulta, da quando era arcivescovo a Buenos Aires fino all’elezione al Soglio Pontificio, toccando i punti nevralgici e più complessi della sua vicenda umana, religiosa e civile, in particolare le tante persone che ha salvato durante la dittatura argentina.

    La pellicola narra la vita di un uomo dall’ineguagliabile capacità di stare sempre al fianco del popolo, di un cristiano al servizio dei poveri e dei più deboli, che ha fatto della lotta alla discriminazione la sua missione umana. Realizzato attraverso un’attenta ricerca e selezione di materiali d’archivio e filmati inediti girati tra Città del Vaticano, Roma, Buenos Aires, Chiusi della Verna e Assisi, il documentario mette in luce non solo la personalità carismatica e al tempo stesso profondamente umana di Bergoglio, ma anche la sua determinazione nel voler rinnovare gli aspetti più obsoleti dell’istituzione ecclesiastica, e la sua ferrea volontà di combattere tutte le forme di corruzione.

    Con INTERVISTE a:

    Jorge Mejia
    Monsignor Dario Viganò
    Elisabetta Piqué
    Yago de la Cierva
    Nello Scavo
    Maria Elena Bergoglio
    Bruno Ballardini
    Juan Pablo Cafiero
    Abraham Skorka
    Francesca Ambroghetti
    Sergio Rubin
    Daniel Goldman
    Omar Abboud

    Cast:

    Fotografia: Alessandro Minestrini

    Scheda film aggiornata al: 06 Maggio 2014

    Sinossi:

    Un docufilm biografico sulla vita di Jorge Mario Bergoglio: Dall'infanzia sino all'età adulta, passando per quel fatidico 1976 quando decise di salvare centinaia di vite umane opponendosi alla dittatura militare argentina.

    La lotta contro la diseguaglianza che ha caratterizzato la sua vita, con una forza e una fede senza limiti, è mostrata nel film grazie alle immagini di repertorio in Argentina e a quelle girate in esclusiva in Italia.

    Un uomo che è sempre stato vicino alle persone che vivono ai margini della società.

    Jorge Mario Bergoglio oggi è vescovo di Roma, Papa della Chiesa cattolica, e a capo dello Stato della Città del Vaticano: tutte istituzioni secolari che sta trasformando con un lavoro quotidiano e progressista.

    Un Papa al servizio dei più poveri, dei più deboli e dei più piccoli.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Poteva non iniziare e finire con San Francesco?! Terrence Malick sembra alitare il suo respiro sui primi fotogrammi di Francesco da Buenos Aires di Miguel Rodriguez Arias e Fulvio Iannucci, prima che si aprano i battenti del Santuario francescano per eccellenza: il Santuario della Verna, là dove del 'poverello di Assisi' si conservano peraltro anche alcune reliquie che il documentario non manca di offrire in visione allo spettatore. La conversazione su Papa Francesco, non poteva decollare in modo migliore e il Frate Minore che argomenta sulla scelta del nome, sulle motivazioni di fondo, si flette velocemente verso l'unico modo di essere e fare Chiesa. Una scelta con un peso specifico e un'unica misura. Ma ben presto gli umori distesi di una conversazione pacata e lenta cedono il passo ad un asserragliato mosaico di interventi, fatto di opinioni, di esposizioni di fatti, di testimonianze storiche in cui si aprono anche contenute

    cortine di video di repertorio, di affettuosi ricordi di famiglia, di amici, di compagni, di figure istituzionali che istruiscono su quelle che sono e che saranno le coordinate spirituali ma anche socio-politiche di Papa Francesco. E perché non può essere altrimenti.

    Confesso che mi è sorto spontaneo un punto di domanda: perché? Perché a così poca distanza dall'elezione al Soglio Pontificale del Cardinale gesuita latino-americano Jorge Mario Bergoglio, già Arcivescovo di Buenos Aires e Primate dell'Argentina, un documentario a sfondo biografico con un caleidoscopio di voci tra le più eterogenee che si levano per dire ognuna qualcosa sul suo conto? Dalle voci familiari e intimiste, come la sorella Maria Elena, un compagno di studi o una cara amica, ad altre, altisonanti sul piano pubblico istituzionale, cui si aggrega lo stesso autore del libro La lista di Bergoglio Nello Scavo, che ha ispirato lo stesso documentario Francesco da Buenosaires. Voci che tutte

    insieme si accordano sulla stessa nota corale di grande aspettative sull'operato di papa Francesco, perché, a vario titolo, a conoscenza di quelli che sono diventati i nuovi pilastri fondanti della Chiesa, già ammaccata come non mai, sotto il peso di una vera e propria crisi interna, ferita nel profondo da tutte quelle disdicevoli spine che l'hanno incoronata, in tempi recenti, protagonista sui media di tutto il mondo. I nuovi pilastri che scelgono le origini della Chiesa povera di Francesco, congiunta al rigore della formazione gesuita, come base per ricominciare.

    Che cos'è un gregge senza il suo pastore? Ma quale pastore? E' lo stesso Papa Francesco nel film a considerare che il bravo pastore deve avere l'odore delle sue pecore addosso, alludendo al genere di vicinanza che una guida spirituale deve avere nei rispetti del suo popolo. Ma "passata la festa gabbato lo Santo", come si suol dire, così, per quanto, si

    sia trattato di un'elezione papale in acclamazione mondiale, e per quanto nell'intero corso della sua vita Bergoglio abbia dimostrato grande capacità nel relazionarsi in svariate complesse situazioni, c'è sempre evidentemente qualcuno interessato a cercare motivi di discredito: così ad esempio, pare che Bergoglio sia stato accusato di non essersi impegnato abbastanza negli anni della dittatura militare argentina, malgrado le sue testimonianze nei processi di Lesa Umanità abbiano rivelato il contrario. Se questo documentario risolve in una sola battuta - ancora una dichiarazione di intenti concisa ma chiarissima - l'incresciosa faccenda dello IOR, l'inchiesta condotta sul campo, in Argentina, sul modo di muoversi di Jorge Mario Bergoglio negli anni dei desaparecidos - racchiusa nel succitato volume di Nello Scavo, La lista di Bergoglio - sembra invece fare piena luce sulla verità, confortata da filmati di repertorio e da testimonianze che nel film tendono a convincere l'opinione pubblica di come l'allora Cardinal

    Bergoglio, in molte occasioni, abbia messo a rischio la sua vita per salvare i perseguitati.

    Ma non è solo uno l'argomento. In Francesco da Buenosaires Miguel Rodriguez Arias e Fulvio Iannucci avanzano a ritmo incalzante, di voce in voce, procedendo per argomenti, questioni, sfiorando vari aspetti del modo di muoversi e di essere di Bergoglio, attraversandone alcuni anelli esistenziali, spirituali e socio-politici, che per lo più hanno preceduto l'Elezione a Santo Padre, e che si direbbe, lo abbiano preparato e forgiato nella tempra umanissima, per quanto decisa sul da farsi, con cui si rivela oggi. Una tessitura alquanto complessa, fatta di continue e diverse testimonianze alternate a diretti interventi dello stesso Papa Francesco: un frammento che quasi rincorre l'altro, nella volontà congiunta di porgere un profilo autentico, incontaminato da voci false e tendenziose eventuali. Il profilo, d'altra parte, con cui stiamo familiarizzando da non molto, e che pure ci ha già

    travolto come uno tsunami di grande speranza, e ben al di là di questo film documentario, per quanto indubbiamente interessante ed utile. Un terremoto che sconquassa fino ad azzerare cliché e convenzioni anche in seno alla Chiesa istituzionale e gerarchica per poi ripartire facendo attenzione a non ripetere errori che hanno già lasciato nel mondo abbondanti strascichi di perplessità. Frammenti e schegge di interventi, ma anche immagini e filmati di repertorio in Argentina, suo Paese d'origine, che lambiscono i trascorsi di Bergoglio in mezzo alla gente, in strada, nei labirinti diroccati delle favelas, così come nelle piazze di fabbriche che lo vedono a tu per tu con gruppi di operai, cui stringe calorosamente la mano, uno per uno.
    Frammenti e schegge che lambiscono certe problematiche senza affrontarle, potremmo obiettare, ma è anche più che evidente che i tempi e i modi per essere più esaustivi su particolari questioni avrebbero dovuto

    dilatarsi in misura incontenibile per un documentario come questo, che pure dal basso dei suoi 70', si percepisce già molto denso. E se a tratti si può rimpiangere che i vari frammenti non siano stati cuciti ad una maggiore distanza l'uno dall'altro, a tutto vantaggio di una prospettiva più piena e chiara, si deve anche ammettere che bastano e avanzano per servire lo scopo di screziare il profilo di una dichiarazione di intenti che non dia adito a malintesi o polemiche, sul passato, sul presente e sul futuro della Chiesa sotto il Pontificato di Bergoglio: dichiarazione di intenti riconducibile sotto l'egida della sua determinazione nel voler rinnovare gli aspetti più obsoleti della ecclesia istituzionale, e la sua ferrea volontà di combattere tutte le forme di corruzione. Umanissimo sì, ma alquanto deciso a svecchiare di ogni patina asfittica l'immenso polmone ecclesiastico, bisognoso di rinvigorimento e attualizzazione: ecco la cura imprescindibile ed

    obbligata prescritta da Papa Francesco per restituire al mondo contemporaneo un nuovo respiro, cristiano nel senso più ampio del termine. E' dalla vite del dialogo interreligioso che i germogli ancora giovani e freschi promettono grandi e succosi frutti.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Microcinema Distribuzione, Ornato Comunicazione e Maria Rosaria Giampaglia (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di FRANCESCO DA BUENOS AIRES - LA RIVOLUZIONE DELL'UGUAGLIANZA

    Links:

    • Miguel Rodríguez Arias e Fulvio Iannucci (Regista)

    1

    Galleria Video:

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - trailer

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'Il Papa peccatore'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'Il Papa e i gay'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'Il ruolo di Papa'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'La ricerca della pace'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'L'elezione'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'In mezzo alla gente'

    Francesco da Buenos Aires-La rivoluzione dell'uguaglianza - clip 'Il marketing'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Report

    THE REPORT

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Dal Sundance Film Festival 2019; dal .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni .... [continua]