ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Under the Silver Lake

    UNDER THE SILVER LAKE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 febbraio 2019) - Dal 71. Festival del Cinema .... [continua]

    Cocaine: La vera storia di White Boy Rick

    COCAINE: LA VERA STORIA DI WHITE BOY RICK

    New Entry - La vera storia di Richard Wershe Jr, 'White Boy Rick' (Richie .... [continua]

    Un uomo tranquillo

    UN UOMO TRANQUILLO

    Come Hans Petter Moland, alias 'il Ridley Scott della Norvegia', e Liam Neeson hanno creato .... [continua]

    Copia originale

    COPIA ORIGINALE

    Dal 36. TFF - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    The Front Runner - Il vizio del potere

    THE FRONT RUNNER - IL VIZIO DEL POTERE

    Dal 36. Torino Film Festival - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    Mia e il leone bianco

    MIA E IL LEONE BIANCO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 17 Gennaio

    "Ho incontrato Gilles de ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Snowpiercer

    SNOWPIERCER: 'ANNO 2031. CHI CONQUISTA IL TRENO, CONTROLLA IL MONDO'. ECCO LA FUTURIBILE 'ARCA DI NOE', ISPIRATA ALLA GRAPHIC NOVEL 'LE TRANSPERCENEIGE', CREATA DAL REGISTA COREANO JOON HO BONG ('MEMORIES OF MURDER', 'THE HOST', 'MOTHER'). A TIRARE LE FILA DI UNA SIMILE SOCIETA' MOBILE SU ROTAIE, ORGANIZZATA E GESTITA NEL PIU' INIQUO DEI MODI, UNA QUASI IRRICONOSCIBILE TILDA SWINTON

    RECENSIONE - Dal 27 FEBBRAIO

    "Quando ho scoperto il fumetto 'Transperceneige' per la prima volta, sono rimasto subito affascinato dal carattere straordinariamente cinematografico evocato da un treno. Sono stato colpito dall’idea di un ammasso di ferraglia che si muove come un serpente, trasportando un gruppo di sopravvissuti che si dimenano e lottano gli uni contro gli altri, ineguali persino in questa Arca di Noè perché divisi in scompartimenti. Volevo indagare la natura dell’essere umano in situazioni estreme, sia che si fosse trattato di un serial killer efferato, di un mostro che emergeva dal fiume Hangang o di una madre che impazziva: 'Transperceneige' era il mio destino. La graphic novel che ha fatto da canovaccio era straordinaria e nasceva da un’idea originale, ma ho dovuto inventare una storia completamente nuova, con personaggi inediti, e creare uno Snowpiercer nuovo e dinamico, intriso di energia cinematografica. E ora, dopo un lungo lavoro insieme a tante persone, il film è finalmente concluso".
    Il regista Joon-ho Bong

    (Seolguk-yeolcha; COREA DEL SUD/USA/FRANCIA 2013; Sci-Fi d'azione; 126'; Produz.: SnowPiercer/Moho Films/Opus Pictures/Stillking Films/CJ Entertainment; Distribuz.: Koch Media)

    Locandina italiana Snowpiercer

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Snowpiercer

    Titolo in lingua originale: Seolguk-yeolcha

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Joon-ho Bong

    Sceneggiatura: Joon-ho Bong e Kelly Masterson

    Soggetto: Dalla 'graphic novel' francese Le transperceneige di Jacques Lob & Benjamin Legrand e Jean-Marc Rochette.

    Cast: Chris Evans (Curtis)
    Tilda Swinton (Mason)
    Luke Pasqualino (Grey)
    Jamie Bell (Edgar)
    Ed Harris (Wilford)
    John Hurt (Gilliam)
    Alison Pill
    Octavia Spencer (Tanya)
    Ewen Bremner (Andrew)
    Kang-ho Song (Namgoong Minsu)
    Ah-sung Ko (Yona)
    Kenny Doughty
    Steve Park (Fuyu)
    Tómas Lemarquis (Egg-head)
    Clark Middleton (Painter)

    Musica: Marco Beltrami

    Costumi: Catherine George

    Scenografia: Ondrej Nekvasil

    Fotografia: Kyung-pyo Hong

    Montaggio: Steve M. Choe

    Effetti Speciali: Pavel Sagner (supervisore effetti speciali); Viktor Muller (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Gabriela Polakova

    Casting: Jenny Jue e Johanna Ray

    Scheda film aggiornata al: 18 Marzo 2014

    Sinossi:

    In una nuova Era Glaciale che dura ormai da 17 anni, gli unici sopravvissuti si trovano a bordo dello Snowpiercer, un treno mosso da un motore a moto perpetuo. A causa del cambiamento climatico, l’intero pianeta è ora completamente ghiacciato. I superstiti alla glaciazione viaggiano su questo treno che effettua da anni un moto perpetuo intorno alla terra. La sezione di coda dello Snowpiercer assomiglia ai bassifondi dove vivono i più poveri che soffrono il freddo e la fame, mentre nella testa del treno si trovano gli eletti che si abbandonano ai piaceri, all’alcol e alle droghe, circondati dal lusso. Sul treno, le condizioni sociali sono davvero inique. Durante il 17° anno di questo infinito viaggio, Curtis, giovane leader della sezione di coda, fomenta una rivolta che cova da molto tempo. Per liberare i vagoni della coda, e alla fine l’intero convoglio, Curtis e i suoi compagni di viaggio tentano la presa della locomotiva in testa al treno dove si trova Wilford, il guardiano della sala macchine, in un susseguirsi di colpi di scena...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    IMMAGINANDO IL MONDO INTERO CONDENSATO IN UNA NUOVA 'ARCA' DELLA SOPRAVVIVENZA, CI SAREBBE UN FUTURO POSSIBILE PER LA SPECIE UMANA? LA RISPOSTA NEL METAFORICO PERCORSO IN CELLULOIDE DEL COREANO JOHN HO BONG CHE PAGA PEGNO ALLA GRAPHIC NOVEL FRANCESE CHE HA ISPIRATO IL SUO FILM

    Che direste se vi presentassero il mondo intero, così come lo conoscete, condensato in un lungo, lunghissimo, anzi, diciamo pure gigantesco (dall'alto dei suoi 650 metri) treno? Roba da non credere possibile se non 'ai confini della realtà' o di un fantasy da fumetto. Così non è un caso che per il suo, per molti versi, geniale Snowpiercer, il regista coreano Joon Ho Bong (Barking Dogs Never Bite, Memories of Murder, The Host, Mother) si sia ispirato alla 'graphic novel' francese Le transperceneige di Jacques Lob & Benjamin Legrand, disegnata da Jean-Marc Rochette, per rileggerla e tradurla, secondo le coordinate di una cinica, ma non del

    tutto priva di speranza, metafora della società, del potere e dei suoi devastanti, perfino letali, effetti sull'uomo. Ne esce una versione straordinariamente efficace per il cinema, un fiume in piena di simboli che alimentano i dominanti scenari claustrofobici interni così come le rare aperture sull'esterno innevato, rendendo Snowpiercer un'opera sci-fi apprezzabile e persino sofisticata, sia pure con qualche pecca di bilanciamento e qualche punto di troppo concesso allo spettacolo d'azione in punta di rivolta, soprattutto nella prima parte.

    E' la storia di un mondo futuro, all'altezza dell'anno 2031, dove quel che resta dell'umanità vive a bordo di un singolo treno, alimentato da un motore a moto perpetuo. La Terra cristallizzata in una novella Era Glaciale, indotta da un fallito tentativo di fermare il riscaldamento globale, ha imposto un rimedio d'eccezione come quello incarnato appunto da questo treno lungo mille e una carrozza, un’enorme ferraglia che viaggia attraverso paesaggi ghiacciati,

    in un apocalittico futuro prossimo. Un treno organizzato al suo interno come una vera e propria società impostata rigorosamente su un'essenziale scala gerarchica. Società che impariamo a conoscere dalla coda in seno ad un'idea di controllo del caos che può apparire arcaica solo all'apparenza o ad un primo, epidermico sguardo, ma che trasuda invece più moderna contemporaneità di quanto non si creda. Un'umanità sopravvissuta ad un'apocalisse di fatto in mano ad un folle 'burattinaio dittatore', che, restando nell'ombra protetta della testa del treno, in nome dell'ordine e delle regolamentazioni per la sopravvivenza, segrega ed ammassa le persone in un posizione obbligata, là dove i più lontani dal motore, i nullatenenti, i poveri cui è stato tolto tutto, vanno ora emanando una tensione palpabile. La rivolta è nell'aria.

    Così il futuribile 'treno-arca' di Joon Ho Bong si rivela una sorta di versione compatta del mondo intero, là dove nel susseguirsi dell'interminabile litania

    di vagoni, riconosciamo luoghi celebrativi di usi e costumi della nostra quotidianità e molto di altro. Una nuova 'arca di noè' provvista di 'riserve d'acqua' così come delle sue 'cucine' per il cibo, della sua serra così come delle sue piscine, ma anche di aule scolastiche: là dove si consumano indottrinamenti ad hoc, con metodi purtroppo ben riconoscibili, di marca filo nazista a tutela dei vigenti dettami di potere, quel potere in grado di rinascere, sotto mentite spoglie, a dispetto di tutto, come simbolicamente espresso attraverso l'immortale 'falso conduttore' del treno. Ma un'arca dotata anche di parrucchieri e di discoteche, di oasi di ricreazione fino alla perdizione tra droghe ed escort. Una miriade di servizi disponibili, ma non per tutti. Ma non è questo condensato di mondo a presentarsi sulle scene per primo. Alla testa del treno, alla 'sacra locomotiva' e al suo 'misterioso conducente' si arriverà solo molto più

    in avanti, quando avremo fatto approfondita conoscenza della vasta coda, gli ultimi nella scala sociale, segregati in condizioni miserevoli e passibili di memorabili e variegate punizioni degne dei più efferati lager nazisti. Molti di questi passeggeri della sezione di coda hanno l'aspetto 'affummicato' dei minatori o degli 'spazzacamini', e non pochi sono mutilati di guerra. Non della solita guerra, ma della nuova 'guerra' per la sopravvivenza, prima che si fornisse loro il cibo quotidiano di sussistenza composto da un blocco molliccio di proteine nero come il carbone, e non si tratta di liquirizia: il cibo dell'orrore, come avremo modo di scoprire di lì a poco, soprattutto agli occhi di noi occidentali. Una 'guerra' di cui si respirerà l'essenza attraverso il drammatico monologo di Curtis (Chris Evans), il capo della rivoluzione alla guida dei passeggeri della sezione di coda, riluttante leader con la stoffa dello stratega che prepara la ribellione da

    tempo, nella convinzione che Gilliam, il saggio capo spirituale della sezione di coda - personaggio che ha tutto lo strascicato e atavico carisma di John Hurt - debba soppiantare Wilford, il guardiano della sala macchine alla testa del treno, considerato la fonte di tutte le violenze e le disuguaglianze. Personaggio che compare solo verso la fine del film e di cui Ed Harris celebra l'efferatezza spietata con un sapiente tocco di quella glaciale affabilità che da sempre emerge quale dote innata di certi fanatici del potere assoluto, affetti da delirio di onnipotenza. Solo in odore dell'epilogo di questa lunga storia scopriremo, quanto i due punti opposti di questo treno - la coda capitanata da Gillian/Hurt e la testa pilotata da Wilford/Harris - siano più intimi e vicini di quanto non avessimo potuto sospettare. Come ben si sa, tra un compromesso e l'altro, gli opposti si attraggono, ancor più nelle

    sedi di potere, da sotto le diverse coltri del respingimento apparente.

    Ma prima ancora che questo percorso decolli dalla coda verso la testa del treno, facendosi largo in mezzo ad una manciata di guerriglie più o meno sanguinolente, sull'onda della riscossa di Curtis e dei segregati di coda in nome della libertà - tra cui la madre Tanya (Octavia Spencer) cui hanno rapito il figlio, il giovane ed orfano Edgar, braccio destro di Curtis (Jamie Bell), con l'aiuto inizialmente riluttante di Nam, lo specialista della sicurezza (Song Kang-ho) e della figlia diciassettenne Yona (Ko Asung), nata su quel treno senza aver mai conosciuto la terra ferma - avremo una chiara idea del perché si renda necessaria e improrogabile una rivolta. Saranno illuminanti a tal proposito i deliranti e velenosi 'sermoni' di Mason, braccio destro, primo Ministro e portavoce ufficiale di Wilford, vicecomandante sul treno, personaggio innalzato con navigata maestria da Tilda

    Swinton sul podio del ridicolo caricaturale, là dove l'insopportabile fiumana di spocchia - il lusso esibito con sciatta volgarità - non riesce a sminuire neanche un pò l'aspetto fondamentalmente racchio, persino tragicamente umoristico, con quella dentiera degna di un coniglio. Ne esce un ritratto profondamente disgustoso, soprattutto per l'arroganza con cui Mason/Swinton pontifica sui nobili valori del treno e sull’ordine in esso stabilito ai sottomessi passeggeri della sezione di coda: malcapitati che comanda a bacchetta e che punisce a dovere come solo ogni 'segugio' del potere più inconsulto è in grado di fare. E' in questo frastagliato percorso obbligato, tra un colpo di scena e l'altro, che si aprirà davanti ai vostri occhi, il varco il finale di una speranza lasciata intonsa, indefinita, un inizio possibile appuntato come un post it sulla purezza incontaminata del bianco della neve che per alcuni istanti domina il grande schermo. Ancora alcuni attimi in

    sospensione ed è il primo passo.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di SNOWPIERCER

    Links:

    • Ed Harris

    • Jamie Bell

    • John Hurt

    • Chris Evans

    • Tilda Swinton

    • Alison Pill

    • Octavia Spencer

    • Kang-ho Song

    • Ah-sung Ko

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Snowpiercer - trailer 2

    Snowpiercer - trailer

    Snowpiercer - trailer (versione originale) - Seolguk-yeolcha

    Snowpiercer - spot TV

    Snowpiercer - clip 'L'eterno ordine'

    Snowpiercer - clip 'Prenderemo la locomotiva'

    Snowpiercer - featurette 'La sezione di coda' (versione originale sottotitolata)

    Snowpiercer - featurette 'La prigione' (versione originale sottotitolata)

    Snowpiercer - featurette 'La sezione di testa' (versione originale sottotitolata)

    Snowpiercer - prequel animato

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Alita - Angelo della battaglia

    ALITA - ANGELO DELLA BATTAGLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Febbraio

    "Abbiamo costruito tutto dalle nostre precedenti esperienze ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 7 Febbraio

    "Earl è stato ....
    [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    RECENSIONE - OSCAR 2019: Nominations al 'Miglior film'; 'Miglior Attore Protagonista' (Viggo Mortensen); Miglior .... [continua]

    L'esorcismo di Hannah Grace

    L'ESORCISMO DI HANNAH GRACE

    RECENSIONE - Dal 31 Gennaio .... [continua]

    Dragon Trainer – Il mondo nascosto

    DRAGON TRAINER – IL MONDO NASCOSTO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 Gennaio

    "Perennemente schivo, Hiccup è ora il capo ....
    [continua]

    La favorita

    LA FAVORITA

    RECENSIONE - OSCAR 2019: 10 Nominations - 12 Nominations ai BAFTA 2019; VINCITORE .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Ancora al cinema - VINCITORE di 2 GOLDEN GLOBES 2019 al 'Miglior Film .... [continua]