ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Quello che non uccide

    QUELLO CHE NON UCCIDE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (22 Settembre 2018) - Il regista uruguaiano Fede Álvarez (Man .... [continua]

    Il verdetto (già 'La ballata di Adam Henry')

    IL VERDETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (20 Settembre 2018) - VINCITORE della Palma d'Oro a .... [continua]

    Michelangelo-Infinito

    MICHELANGELO-INFINITO

    Dal 27 Settembre .... [continua]

    BlacKkKlansman

    BLACKKKLANSMAN

    Dal 71. Cannes - Dal 27 Settembre .... [continua]

    L'uomo che uccise Don Chisciotte

    L'UOMO CHE UCCISE DON CHISCIOTTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Settembre 2018) - Dal 27 Settembre
    ....
    [continua]

    Don't Worry

    DON'T WORRY

    Ancora al cinema - Dalla 68. Berlinale (15-25 Febbraio 2018 - Joaquin Phoenix .... [continua]

    Mission: Impossible - Fallout

    MISSION: IMPOSSIBLE - FALLOUT

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 29 Agosto

    "Assisteremo al ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Interstellar

    INTERSTELLAR: VIAGGI NEL TEMPO PER CHRISTOPHER NOLAN SULLE ORME DELLE TEORIE SCIENTIFICHE DEL FISICO ED ASTROFISICO ESPERTO DI RELATIVITA' E CAMPI GRAVITAZIONALI KIP S. THORNE

    5 NOMINATION agli OSCAR 2015: MIGLIOR SCENOGRAFIA - Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Gary Fettis; MIGLIOR COLONNA SONORA (Hans Zimmer); MIGLIOR SONORO (Gary A. Rizzo, Gregg Landaker e Mark Weingarten); MIGLIORI EFFETTI VISIVI (Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott Fisher); MIGLIOR MONTAGGIO SONORO (Richard King) - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by SCOTT FOUNDAS (www.variety.com) - Dal 6 NOVEMBRE

    "Per me, l'esplorazione dello spazio rappresenta l'estremo assoluto dell’esperienza umana. E' per certi versi un modo per definire la nostra esistenza nell’ambito dell’ universo. Per un regista, la straordinarietà di pochi individui selezionati che si spingono oltre i confini della specie umana, verso l’ignoto o dove possono eventualmente arrivare, fornisce una risorsa infinita di opportunità. Ero elettrizzato all’idea di fare un film che avrebbe fatto vivere al pubblico quell’ esperienza attraverso gli occhi dei primi esploratori che viaggiano verso l'infinito della galassia- anzi attraverso tutta un’ altra galassia. E’ come un viaggio talmente grande, difficile da immaginare e raccontare... Sono sempre stato incuriosito da come potrebbe essere la nostra futura evoluzione. Se la Terra è un nido, come ci comporteremmo quando arriva il momento di lasciarlo?... Sostengo che la grandezza e la magnificenza dello spazio è uno sfondo interessante per esplorare le relazioni interpersonali, che sono tanto forti e significative per noi, quanto trovarci una collocazione nell'universo... 'Interstellar' riguarda un po’ tutto - chi siamo, dove stiamo andando - ma per me, prima di tutto approfondisce il concetto di paternità. Sono tutti questi concetti messi assieme che fanno la storia del film, non si tratta unicamente di godersi un viaggio intergalattico solo per amore dello spazio".
    Il regista e co-sceneggiatore Christopher Nolan

    "La storia è emersa dalle menti fertili degli sceneggiatori, ma sempre entro i confini stabiliti dalla scienza, o da ciò che possiamo ragionevolmente estrapolare sui concetti che vanno leggermente oltre le frontiere della nostra conoscenza".
    Lo scienziato Kip Thorne

    (Interstellar; USA/REGNO UNITO 2014; Sci-Fi; 168'; Produz.: Lynda Obst Productions/Paramount Pictures/Syncopy/Warner Bros.; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Interstellar

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Interstellar

    Titolo in lingua originale: Interstellar

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Christopher Nolan

    Sceneggiatura: Christopher e Jonathan Nolan

    Soggetto: Storia dello scienziato Kip Thorne (anche produttore esecutivo del film)

    PRELIMINARIA - LA TEORIA SCIENTIFICA cui si ispira il FILM:

    Interstellar tratta il tema dei viaggi nel tempo basandosi sulle teorie scientifiche di Kip S. Thorne, un fisico esperto di relatività che sostiene l'esistenza di gallerie gravitazionali (in inglese "wormholes") che possono essere sfruttate per andare avanti e indietro tra passato e futuro. Thorne non è solo un fisico ma anche un astrofisico che lavora a Caltech, la California Institute of Technology.

    Nel tentativo di rappresentare lo spazio in modo realistico, più o meno come vengono rappresentati i personaggi della storia in carne ed ossa, i realizzatori si sono basati dunque sulle teorie del fisico teorico Kip Thorne riguardo la possibilità di viaggiare tra vari sistemi solari attraverso un cunicolo spazio-temporale (wormhole), e che costituisce la spina dorsale scientifica dello script.

    Cast: Matthew McConaughey (Cooper)
    Jessica Chastain (Murph)
    Anne Hathaway (la dottoressa Amelia Brand)
    Michael Caine (Professor Brand)
    Casey Affleck (Tom)
    Wes Bentley (Doyle)
    David Gyasi (Romilly)
    Matt Damon (Dr. Mann)
    Topher Grace (Getty)
    Mackenzie Foy (Giovane Murph)
    John Lithgow (Donald)
    Ellen Burstyn (Murph vecchia)
    Collette Wolfe (Miss Kelly)
    David Oyelowo (Preside)
    Timothée Chalamet (Giovane Tom)
    Cast completo

    Musica: Hans Zimmer

    Costumi: Mary Zophres

    Scenografia: Nathan Crowley

    Fotografia: Hoyte Van Hoytema

    Montaggio: Lee Smith

    Effetti Speciali: John Kelso e Paul Franklin (supervisori effetti speciali)

    Makeup: Luisa Abel (capo dipartimento makeup); Patricia DeHaney (capo dipartimento acconciature)

    Casting: John Papsidera

    Scheda film aggiornata al: 20 Gennaio 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    In un futuro imprecisato, un drastico cambiamento climatico ha colpito duramente l'agricoltura. Un gruppo di scienziati, sfruttando un "wormhole" per superare le limitazioni fisiche del viaggio spaziale e coprire le immense distanze del viaggio interstellare, cercano di esplorare nuove dimensioni. Il granturco è l'unica coltivazione ancora in grado di crescere e loro sono intenzionati a trovare nuovi luoghi adatti a coltivarlo per il bene dell'umanità. Il film é ispirato dalle teorie del fisico Kip Thorne sui campi gravitazionali e vede una squadra di astronauti che provano ad effettuare un viaggio attraverso un buco nero... e quindi in un'altra dimensione.

    SHORT SYNOPSIS:

    An exploration of physicist Kip Thorne's theories of gravity fields, wormholes and several hypotheses that Albert Einstein was never able to prove.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    QUALE FUTURO PER IL GENERE UMANO TRA LE STELLE? CON AL TIMONE DELLA REGIA IL PIU' CHE NAVIGATO CHRITOPHER NOLAN, AD INTRAPRENDERE UNA CROCIERA INTERGALATTICA D'ISPEZIONE, IL SEMPRE PIU' TEMERARIO MATTHEW MCCONAUGHEY, QUI, AGRICOLTORE PER CASO, IN PUNTA DI EMERGENZA, CON LA DOPPIA RESPONSABILITA' DI PILOTA SPAZIALE TANTO QUANTO DI PADRE DI FAMIGLIA. MA UN ECCESSO DI AMBIZIONE, DI ESASPERAZIONE TEMPORALE, IL RICORRENTE INCIAMPO IN FUTILI DIDASCALISMI, IN CADUTE DI STILE SOPRATTUTTO NELLA SCIATTA, E A TRATTI PERSINO BANALE SCENEGGIATURA, QUANDO NON ADDIRITTURA IN EFFETTI VISIVI RAFFAZZONATI E RISIBILI (LA SEQUENZA DEI MOTI ONDOSI DOCET), FINISCONO PER DISPERDERE NELL'IMMENSITA' SPAZIALE QUEI PASSI PIU' AUTORIALI, DI UN'ORIGINALITA' GENIALE CHE NOLAN D'ALTRA PARTE NON FA MANCARE AL SUO 'INTERSTELLAR', EMOTIVO E SENTIMENTALE, EPPURE CARENTE, PERSINO IN PERFORMANCE MEMORABILI. A BEN VEDERE E' UNA GRANDE ACCADEMIA A CONDURRE IL GIOCO, ECCEZION FATTA PER MCCONAUGHEY, (FORSE) E PER IL PERSONAGGIO DI MURPH (CERTAMENTE, SIA

    NELLA TENERA ETA' DI BAMBINA CON MACKENZIE FOY CHE DA GRANDE CON JESSICA CHASTAIN

    La regia di Christopher Nolan naviga da tempo alquanto speditamente nei mari aperti del fantasy-Sci Fi senza il rischio di farsi mai scivolare il timone dalle mani: la saga de Il Cavaliere Oscuro, Il Cavaliere Oscuro-Il ritorno, Inception docent. E, tanto per mantenere salda la presa, Nolan si fa seguire pure in Interstellar da alcuni protagonisti dello staff tecnico Doc proprio de Il cavaliere oscuro: dallo scenografo Nathan Crowley, al montatore Lee Smith, entrambi candidati all'Oscar, dal supervisore degli effetti speciali Scott Fisher, fino al monumentale compositore Hans Zimmer che l'Oscar se l'è invece portato a casa in carne ed ossa, come del resto Paul Franklin (Inception) qui alla supervisione degli effetti visivi. Uno staff garante e garantito che in un film come Interstellar poteva fare la differenza. Ma Nolan sa bene che effetti e musiche da

    soli non bastano a fare un grande film. L'ha sempre saputo. Così adesso, ad innervare il suo Interstellar di tutta la linfa emotiva che può esprimere l'essere umano, ha chiamato una parte non indifferente del gotha hollywoodiano in celluloide, incastonato come si deve nell'aureo giro anulare che culmina nella pietra più luminosa al centro del suo prezioso gioiello: a Matthew McConaughey (Premio Oscar per Dallas Buyers Club) Nolan affida il ruolo centrale di Cooper, un ex pilota collaudatore ed ingegnere formato secondo le regole adrenaliniche delle Giovani Aquile che sfidano continuamente i propri limiti aspirando ad aprirsi una strada nella galassia, di saggiare il terreno galattico oltre 'frontiera' allo scopo di trovare un posto tra le stelle per l'umanità. Non tanto per capriccio quanto per necessità: quella dettata da un futuro prossimo in cui la crisi delle produzioni agricole ha messo il mondo a rischio di sopravvivenza e dunque di

    estinzione (per le ambientazioni sulla Terra delle comunità agricole hanno scelto la regione di Okotoks, poco a sud della città di Calgary, in Alberta, Canada).

    Così questa volta la novella 'mission', a dir poco audace se non proprio 'impossible', impone al genere umano di abbattere le barriere del tempo e dello spazio, per un nuovo viaggio della 'speranza'. Un viaggio che affida una efficace plausibilità in parte alle teorie del fisico teorico Kip Thorne riguardo la possibilità di viaggiare tra vari sistemi solari attraverso cunicoli spazio-temporali (wormholes), e che costituisce la spina dorsale scientifica dello script, in parte alla 'fantastica' abilità di effetti visivi che in un film come questo trovano il loro elettivo 'red carpet' o, per meglio dire, contestualizzando, 'black carpet'. E il trionfale sottotitolo della locandina 'la fine del mondo non sarà la nostra fine' non nasconde nulla dell'epilogo della missione nel segno di una visione decisamente

    ottimistica. Rincara la dose l'uscita di Cooper/McConaughey "Troveremo una soluzione. L’abbiamo sempre fatto”.

    La domanda sorge spontanea: come sarebbe stato Interstellar nelle mani di George Lucas e/o di Steven Spielberg? Dopo aver saputo che la Paramount inizialmente aveva pensato a questi due 'guru' del gotha cinematografico hollywoodiano, l'opzione di un'altra confezione è stata concretamente nella rosa delle possibilità, ma la risoluzione finale ha sterzato sulla sponda di Christopher Nolan, che in un certo senso, di Lucas e Spielberg può dirsi 'figlioccio' (e non solo perché in Interstellar ha previsto robotica personalizzata con buona percentuale di umorismo come Tars, quasi un anagramma di Star (Wars) e Case). Ma in questo Interstellar, possiamo trovare tutto e nulla, o per meglio dire, altro: da Stanley Kubrick (2001 Odissea nello spazio, che Nolan omaggia nella struttura a trittico per distanziarsene d'altra parte anni luce sfrangiandola con il montaggio alternato e dal punto di vista

    di una grammatica quasi opposta per respiro metafisico; dal Gravity di Cuaron per l'intima connessione con quel trasporto dello spettatore in prima persona nel profondo ed assoluto silenzio dell'assenza gravitazionale nel cuore spaziale, salvo poi superarlo con la geniale resa visiva e concettuale (oltre che con il didascalico esempio del foglio di carta) del wormhole inteso come sferico, e soprattutto dal Contact di Robert Zemeckis, cui Interstellar è in debito in primo luogo per il cuore palpitante del racconto legato al legame d'amore particolarmente forte (la madre è morta in entrambi i casi) tra un padre e una figlia che condividono la passione per la scienza applicata allo spazio e alla nostra compatibilità con altri pianeti, tale da impegnarli su sponde diverse tutta una vita per ricercare e ricercarsi, per trovare e (ri)trovarsi, all'incrocio tra amore e scienza, in grado di viaggiare su binari paralleli e di compensarsi, oltre che

    il richiamo, sempre di grande effetto, della liquidità di superficie in pieno wormhole.

    Ma ovviamente Nolan produce il suo prodotto ed ogni volta si sporge ben oltre, spesso fin troppo, dando alla visione d'insieme l'impressione di un tema bellissimo ma sgrammaticato, o di un 'collage' a più mani, di grande effetto sia emotivo che scenico, ma un pò scollato qua e là, dove la mancanza di aderenza scopre vistose falle che negano all'ambiziosissimo progetto l'affascinante autorialità che avrebbe meritato e che in parte, ma solo in parte, detiene, strizzando l'occhio al blockbuster di alto lignaggio. D'altra parte non mancano notevoli punti di forza: l'input documentaristico del racconto iniziale a più voci (dopo l'apripista in voce fuori campo di Murph) che tornano in struttura circolare verso la fine in video televisivi, il montaggio allineato su sequenze temporali distanti tra loro - la partenza di Cooper/McConaughey dalla fattoria su cui Nolan spalma

    senza sbavatura alcuna e con un impatto emotivo senza pari quella verso lo spazio, può dirsi figlia elettiva del tocco artistico di Alan Pakula in un particolare fotogramma de L'ombra del diavolo - ma, soprattutto, le incredibili sequenze di comunicazione indotta tra padre nello Spazio e figlia sulla Terra, che danno corpo e anima alle teorie scientifiche appuntate sulla quinta dimensione temporale. Non fosse per altro, solo queste, e francamente, non solo queste, rendono Interstellar un appuntamento d'obbligo.

    Occorre solo armarsi di paziente indulgenza perchè per arrivarci dovremo passare sopra i sarcasmi o i piagnistei della dottoressa Amelia Brand (mai Anne Hathaway è stata così fuori fuoco) ed altri futili inciampi, sia dal punto di vista della sceneggiatura, che non regge affatto il livello cui ambisce il film, che dal punto di vista visivo (con sequenze come quella dei moti ondosi o dell'attracco alla navicella in circostanze straordinarie, tanto per

    fare qualche esempio, assolutamente 'out'), e persino dal punto di vista musicale, talora compassato su note di orecchiata classicità, di kubrickiana memoria, quando non persino invadente.

    Così, a conti fatti, ci si pone un altro interrogativo: la Murph di Interstellar, dall'alto di tanto dispiego di forze, tecniche e di intelligence, sia scientifica che cinematografica, il personaggio nelle diverse età incarnato al meglio da Mackenzie Foy (da bambina) da Jessica Chastain (da adulta) e da Ellen Burstyn in un palpitante cameo (da vecchia), può competere con la Ellie Arroway (Jena Malone da piccola e Jodie Foster da adulta) di Contact? Devo dire che, con tutta la sua semplice linearità - in confronto al genere di realizzazione di Interstellar, Contact sembra elementare - sul match delle due diverse concezioni dello stesso dittico di amore-scienza, il Contact di Zemeckis potrebbe dare ancora oggi del filo da torcere all'Interstellar di Nolan. Se non

    altro per una bella lezione di profilo basso ma assolutamente coerente. Profilo basso è poi del resto una parola grossa: di quel tuffo ad immersione in pieno spazio intergalattico in apertura e delle visioni per le quali un'estasiata Ellie non poteva dire altro che "Non ci sono parole, non ci sono parole", ne vogliamo parlare?!

    Secondo commento critico (a cura di SCOTT FOUNDAS, www.variety.com)

    CHRISTOPHER NOLAN HOPSCOTCHES ACROSS SPACE AND TIME IN A VISIONARY SCI-FI TRIP THAT STIRS THE HEAD AND THE HEART IN EQUAL MEASURE.

    To infinity and beyond goes “Interstellar,” an exhilarating slalom through the wormholes of Christopher Nolan’s vast imagination that is at once a science-geek fever dream and a formidable consideration of what makes us human. As visually and conceptually audacious as anything Nolan has yet done, the director’s ninth feature also proves more emotionally accessible than his coolly cerebral thrillers and Batman movies, touching on such eternal themes as the sacrifices parents make for their children (and vice versa) and the world we will leave for the next generation to inherit. An enormous undertaking that, like all the director’s best work, manages to feel handcrafted and intensely personal, “Interstellar” reaffirms Nolan as the premier big-canvas storyteller of his generation, more than earning its place alongside “The Wizard of Oz,” “2001,”

    “Close Encounters of the Third Kind” and “Gravity” in the canon of Hollywood’s visionary sci-fi head trips. Global box office returns should prove suitably rocket-powered.

    We begin somewhere in the American farm belt, which Nolan evokes for its full mythic grandeur — blazing sunlight, towering corn stalks, whirring combines. But it soon becomes clear that this would-be field of dreams is something closer to a nightmare. The date is an unspecified point in the near future, close enough to look and feel like tomorrow, yet far enough for a number of radical changes to have taken hold in society. A decade on from a period of widespread famine, the world’s armies have been disbanded and the cutting-edge technocracies of the early 21st century have regressed into more utilitarian, farm-based economies.

    “We’re a caretaker generation,” notes one such homesteader (John Lithgow) to his widower son-in-law, Cooper (Matthew McConaughey), a former NASA test pilot

    who hasn’t stopped dreaming of flight, for himself and for his children: 15-year-old son Tom (Timothee Chalamet) and 10-year-old daughter Murphy (Mackenzie Foy), the latter a precocious tot first seen getting suspended from school for daring to suggest that the Apollo space missions actually happened. “We used to look up in the sky and wonder about our place in the stars,” Cooper muses. “Now we just look down and wonder about our place in the dirt.”

    And oh, what dirt! As “Interstellar” opens, the world — or at least Cooper’s Steinbeckian corner of it — sits on the cusp of a second Dust Bowl, ravaged by an epidemic of crop blight, a silt-like haze hanging permanently in the air. (Some of this scene-setting is accomplished via pseudo-documentary interviews with the elderly residents of some more distant future reflecting on their hardscrabble childhoods, which Nolan films like the “witness” segments from Warren

    Beatty’s “Reds.”) And as the crops die, so the Earth’s atmosphere becomes richer in nitrogen and poorer in oxygen, until the time when global starvation will give way to global asphyxiation.

    But all hope is not lost. NASA (whose massive real-life budget cuts lend the movie added immediacy) still exists in this agrarian dystopia, but it’s gone off the grid, far from the microscope of public opinion. There, the brilliant physicist Professor Brand (Michael Caine, forever the face of avuncular wisdom in Nolan’s films) and his dedicated team have devised two scenarios for saving mankind. Both plans involve abandoning Earth and starting over on a new, life-sustaining planet, but only one includes taking Earth’s current 6-billion-plus population along for the ride. Doing the latter, it seems, depends on Brand’s ability to solve an epic math problem that would explain how such a large-capacity vessel could surmount Earth’s gravitational forces. (Never discussed

    in this egalitarian society: a scenario in which only the privileged few could escape, a la the decadent bourgeoisie of Neill Blomkamp’s “Elysium.”)

    Many years earlier, Brand informs, a mysterious space-time rift (or wormhole) appeared in the vicinity of Saturn, seemingly placed there, like the monoliths of “2001,” by some higher intelligence. On the other side: another galaxy containing a dozen planets that might be fit for human habitation. In the wake of the food wars, a team of intrepid NASA scientists traveled there in search of solutions. Now, a decade later (in Earth years, that is), Brand has organized another mission to check up on the three planets that seem the most promising for human settlement. And to pilot the ship, he needs Cooper, an instinctive flight jockey in the Chuck Yeager mode, much as McConaughey’s laconic, effortlessly self-assured performance recalls Sam Shepard’s as Yeager in “The Right Stuff” (another

    obvious “Interstellar” touchstone).

    Already by this point — and we have not yet left the Earth’s surface — “Interstellar” (which Nolan co-wrote with his brother and frequent collaborator, Jonathan) has hurled a fair amount of theoretical physics at the audience, including discussions of black holes, gravitational singularities and the possibility of extra-dimensional space. And, as with the twisty chronologies and unreliable narrators of his earlier films, Nolan trusts in the audience’s ability to get the gist and follow along, even if it doesn’t glean every last nuance on a first viewing. It’s hard to think of a mainstream Hollywood film that has so successfully translated complex mathematical and scientific ideas to a lay audience (though Shane Carruth’s ingenious 2004 Sundance winner “Primer” — another movie concerned with overcoming the problem of gravity — tried something similar on a micro-budget indie scale), or done so in more vivid, immediate human terms. (Some

    credit for this is doubtless owed to the veteran CalTech physicist Kip Thorne, who consulted with the Nolans on the script and receives an executive producer credit.)

    The mission itself is a relatively intimate affair, comprised of Cooper, Brand’s own scientist daughter (Anne Hathaway), two other researchers (Wes Bentley and the excellent David Gyasi) and a chatty, sarcastic, ex-military security robot called TARS (brilliantly voiced by Bill Irwin in a sly nod to Douglas Rain’s iconic HAL 9000), which looks like a walking easel but proves surprisingly agile when the going gets tough. And from there, “Interstellar” has so many wonderful surprises in store — from casting choices to narrative twists and reversals — that the less said about it the better. (Indeed, if you really don’t want to know anything more, read no further.)

    It gives nothing away, however, to say that Nolan maps his infinite celestial landscape as majestically as

    he did the continent-hopping earthbound ones of “The Prestige” and “Batman Begins,” or the multi-tiered memory maze of “Inception.” The imagery, modeled by Nolan and cinematographer Hoyte Van Hoytema on Imax documentaries like “Space Station” and “Hubble 3D,” suggests a boundless inky blackness punctuated by ravishing bursts of light, the tiny spaceship Endurance gleaming like a diamond against Saturn’s great, gaseous rings, then ricocheting like a pinball through the wormhole’s shimmering plasmic vortex.

    With each stop the Endurance makes, Nolan envisions yet another new world: one planet a watery expanse with waves that make Waimea Bay look like a giant bathtub; another an ice climber’s playground of frozen tundra and sheer-faced descents. Moreover, outer space allows Nolan to bend and twist his favorite subject — time — into remarkable new permutations. Where most prior Nolan protagonists were forever grasping at an irretrievable past, the crew of the Endurance races against a

    ticking clock that happens to tick differently depending on your particular vantage. New worlds mean new gravitational forces, so that for every hour spent on a given planet’s surface, years or even entire decades may be passing back on Earth. (Time as a flat circle, indeed.)

    This leads to an extraordinary mid-film emotional climax in which Cooper and Brand return from one such expedition to discover that 23 earth years have passed in the blink of an eye, represented by two decades’ worth of stockpiled video messages from loved ones, including the now-adult Tom (a bearded, brooding Casey Affleck) and Murphy (Jessica Chastain in dogged, persistent “Zero Dark Thirty” mode). It’s a scene Nolan stages mostly in closeup on McConaughey, and the actor plays it beautifully, his face a quicksilver mask of joy, regret and unbearable grief.

    That moment signals a shift in “Interstellar” itself from the relatively euphoric, adventurous tone of

    the first half toward darker, more ambiguous terrain — the human shadow areas, if you will, that are as difficult to fully glimpse as the inside of a black hole. Nolan, who has always excelled at the slow reveal, catches even the attentive viewer off guard more than once here, but never in a way that feels cheap or compromises the complex motivations of the characters.

    On the one hand, the movie marvels at the brave men and women throughout history who have dedicated themselves, often at great peril, to the greater good of mankind. On the other, because Nolan is a psychological realist, he’s acutely aware of the toil such lives may take on those who choose to lead them, and that even “the best of us” (as one character is repeatedly described) might not be immune from cowardice and moral compromise. Some people lie to themselves and to their

    closest confidants in “Interstellar,” and Nolan understands that everyone has his reasons. Others compensate by making the most selfless of sacrifices. Perhaps the only thing trickier than quantum physics, the movie argues, is the nature of human emotion.

    Nolan stages one thrilling setpiece after another, including several hairsbreadth escapes and a dazzling space-docking sequence in which the entire theater seems to become one large centrifuge; the nearly three-hour running time passes unnoticed. Even more thrilling is the movie’s ultimate vision of a universe in which the face of extraterrestrial life bears a surprisingly familiar countenance. “Do not go gentle into that good night/Rage, rage against the dying of the light,” harks the good Professor Brand at the start of the Endurance’s journey, quoting the melancholic Welshman Dylan Thomas. And yet “Interstellar” is finally a film suffused with light and boundless possibilities — those of the universe itself, of the wonder in

    a child’s twinkling eyes, and of movies to translate all that into spectacular picture shows like this one.

    It’s hardly surprising that “Interstellar” reps the very best big-budget Hollywood craftsmanship at every level, from veteran Nolan collaborators like production designer Nathan Crowley (who built the film’s lyrical vision of the big-sky American heartland on location in Alberta) and sound designer/editor Richard King, who makes wonderfully dissonant contrasts between the movie’s interior spaces and the airless silence of space itself. Vfx supervisor Paul Franklin (an Oscar winner for his work on “Inception”) again brings a vivid tactility to all of the film’s effects, especially the robotic TARS, who seamlessly inhabits the same physical spaces as the human actors. Hans Zimmer contributes one of his most richly imagined and inventive scores, which ranges from a gentle electronic keyboard melody to brassy, Strauss-ian crescendos. Shot and post-produced by Nolan entirely on celluloid (in a

    mix of 35mm and 70mm stocks), “Interstellar” begs to be seen on the large-format Imax screen, where its dense, inimitably filmic textures and multiple aspect ratios can be experienced to their fullest effect.

    Perle di sceneggiatura

    Cooper (Matthew McConaughey): "Questo mondo è una ricchezza, ma ci sta dicendo di andarcene"
    (...)

    "Un tempo alzavamo lo sguardo al cielo chiedendoci quale fosse il nostro posto nella galassia, ora lo abbassiamo preoccupati ed intrappolati nel fango e nella polvere".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warner Bros. Pictures Italia e Silvia Saba (SwService)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di INTERSTELLAR

    Links:

    • Christopher Nolan (Regista)

    • Matt Damon

    • Anne Hathaway

    • Casey Affleck

    • Michael Caine

    • Ellen Burstyn

    • Topher Grace

    • David Oyelowo

    • Matthew McConaughey

    • John Lithgow

    • Jessica Chastain

    • David Gyasi

    • Wes Bentley

    • Mackenzie Foy

    • INTERSTELLAR: FORSE CHE SI, FORSE CHE NO! (A cura di ROSS DI GIOIA) (CineSpigolature)

    • INTERSTELLAR - INTERVISTA all'attore MATTHEW MCCONAUGHEY (Interviste)

    • Interstellar (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

    Galleria Video:

    Interstellar - trailer 5

    Interstellar - trailer

    Interstellar - trailer 2

    Interstellar - trailer 3

    Interstellar - trailer 4

    Interstellar - trailer (versione originale)

    Interstellar - trailer (Fan-Made)

    Interstellar - featurette 'Costruire un buco nero' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - featurette 'Le location' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - featurette 'Il cast' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - featurette 'Buchi neri e Wormhole' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - featurette 'Matthew McConaughey' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - featurette 'Ultima frontiera' (versione originale sottotitolata)

    Interstellar - Soundtrack - Journey Beyond - Main Theme (Fan Made)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Un affare di famiglia

    UN AFFARE DI FAMIGLIA

    New Entry - VINCITORE della Palma d'Oro a Cannes 2018 - RECENSIONE - .... [continua]

    Gotti - Il primo padrino

    GOTTI - IL PRIMO PADRINO

    Quelli che... ci fermano a TRAILER e CLIP - Al pubblico l'ardua sentenza - .... [continua]

    Mamma Mia! Ci risiamo

    MAMMA MIA! CI RISIAMO

    Nel sequel del musical in commedia Mamma Mia! del 2008, tornano Meryl Streep, Amanda Seyfried, .... [continua]

    Loro

    LORO

    New Entry - Versione unica del film uscito nelle sale in due parti: [continua]

    La ragazza dei tulipani

    LA RAGAZZA DEI TULIPANI

    RECENSIONE - Passione, amori proibiti e un cast d’eccezione: Alicia Vikander, Dane DeHaan, Christoph Waltz .... [continua]

    Le Fidele

    LE FIDELE

    New Entry - Dalla 74. Mostra del Cinema di Venezia e dal Toronto International .... [continua]

    Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa

    HOTEL TRANSYLVANIA 3 - UNA VACANZA MOSTRUOSA

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Agosto

    "I nostri ....
    [continua]