ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile personaggio creato e interpretato da .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    New Entry - Dal Toronto International Film Festival il 6 settembre 2019 - .... [continua]

    While at War

    WHILE AT WAR

    New Entry - 17 Noninations ai Goya Awards 2020 - Alejandro Amenábar torna .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Maps to the Stars

    MAPS TO THE STARS: DAVID CRONENBERG SI LANCIA NELLA SATIRA SU HOLLYWOOD. A DARGLI MAN FORTE ANCORA ROBERT PATTINSON (COSMOPOLIS) CON JOHN CUSACK, JULIANNE MOORE E MIA WASIKOWSKA PER UN ACUTO E DIVERTENTE SGUARDO SU UN MONDO VUOTO E CORROTTO, CONGIUNTO AD UN’OSSESSIVA STORIA DI FANTASMI

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'Summer 2014' - PALMA D'ORO alla 'MIGLIOR ATTRICE' (JULIANNE MOORE) al 67. Festival del Cinema di Cannes (14-25 Maggio 2014) - IN CONCORSO - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by PETER DEBRUGE (www.variety.com) - Dal 21 MAGGIO

    "È una storia che parla del presente e che attacca ferocemente il momento in cui stiamo vivendo, culturalmente e soprattutto tecnologicamente... Certo una famiglia di Hollywood che ha ottenuto celebrità e successo agli occhi del pubblico, non potrà mai essere una normale famiglia... L’aspetto per me più interessante della sceneggiatura di Bruce (Wagner, lo sceneggiatore) è la tensione che riesce a creare tra satira e un senso di realtà molto intenso..."
    Il regista David Cronenberg

    (Maps to the Stars; CANADA/USA/FRANCIA/GERMANIA 2014; Thriller; 112'; Produz.: Integral Film/Prospero Pictures/SBS Productions/Sentient Entertainment; Distribuz.: Adler Entertainment)

    Locandina italiana Maps to the Stars

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Maps to the Stars

    Titolo in lingua originale: Maps to the Stars

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2014

    Regia: David Cronenberg

    Sceneggiatura: Bruce Wagner

    Cast: Julianne Moore (Havana Segrand)
    Mia Wasikowska (Agatha Weiss)
    John Cusack (Dr. Stafford Weiss)
    Robert Pattinson (Jerome Fontana)
    Olivia Williams (Christina Weiss)
    Sarah Gadon (Clarice Taggart)
    Evan Bird (Benjie Weiss)
    Carrie Fisher (Se stessa)
    Niamh Wilson (Sam)
    Jayne Heitmeyer (Azita Wachtel)
    Emilia McCarthy (Kayla)
    Amanda Brugel (Victoria)
    Joe Pingue (Arnold)
    Justin Kelly (Rhett)
    Kiara Glasco (Cammy)

    Scenografia: Carol Spier

    Fotografia: Peter Suschitzky

    Montaggio: Ronald Sanders

    Casting: Deirdre Bowen

    Scheda film aggiornata al: 10 Luglio 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Uno sguardo sul mondo di Hollywood - non a caso il film è ambientato proprio a Los Angeles - e su cosa il mondo del cinema comunica della cultura occidentale.

    I Weiss sono una tipica famiglia hollywoodiana che nasconde molti segreti, tra soldi, sogni, fama, invidie, angoscia, desiderio e… implacabili fantasmi.

    La famiglia Weiss è formata da Sanford (John Cusack), un guru dei manuali di auto-aiuto, sua moglie Cristina (Olivia Williams), che segue la carriera del figlio tredicenne Benjie, una scontrosa baby star, e sua sorella, la tormentata Agatha Weiss (Mia Wasikowska), tornata in città all’insaputa di tutti. Rilasciata da un reparto psichiatrico, ha una misteriosa cicatrice sul volto. Agatha stringe amicizia con un autista di limousine aspirante attore (Robert Pattinson) e diventa assistente personale dell’attrice Havana Segrand (Julianne Moore) che è perseguitata dal fantasma della madre, celebre attrice.

    SYNOPSIS:

    Complex look at Hollywood and what it reveals about Western culture.

    The Weiss family is the archetypical Hollywood dynasty: father Stafford is an analyst and coach, who has made a fortune with his self-help manuals; mother Cristina mostly looks after the career of their son Benjie, 13, a child star. One of Stafford's clients, Havana, is an actress who dreams of shooting a remake of the movie that made her mother, Clarice, a star in the 60s. Clarice is dead now and visions of her come to haunt Havana at night... Adding to the toxic mix, Benjie has just come off a rehab program he joined when he was 9 and his sister, Agatha, has recently been released from a sanatorium where she was treated for criminal pyromania and befriended a limo driver Jerome who is also an aspiring actor.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Chi conosce solo un pò David Cronenberg sa che qualunque possa essere il suo soggetto, e normalmente non è mai una storiella da fiori e cioccolatini, se lo aspetta. Voglio dire: si aspetta che sbuchi fuori, per esprimersi senza mezzi termini, il lato più oscuro di personaggi e situazioni. A Cronenberg è sempre piaciuto 'il pasto nudo' e crudo, ed ha sempre amato la competizione con l'estremo. Si, il lato estremo lo ha sempre attratto a calamita, e riesce sempre a presentarlo su un piatto di portata cui non fa mai mancare, fosse solo anche per un'impepata veloce, quella spolverata di 'truculento' che dice quanto basta, su una certa cosa o una certa persona, senza mezzi termini, appunto. Un 'truculento' che mantiene bene dunque le distanze dall'autoreferenzialità, ma che si pone piuttosto al servizio di presentare un qualsivoglia dramma dall'interno del suo buco nero, con tutta l'autentica portata della sua

    brutta faccia, senza neppure un tocco di colore, o un velo di cipria. Ed è questo un approccio stilistico che vale per il lato fisico, tanto quanto per quello psicologico, là dove l'occhio cronenberghiano arriva con la sua lente d'ingrandimento incorporata, affinché possa andare a scoprire agevolmente il tipo di pelle, in modo da osservarne la grana, in cui si distinguono quei pori dilatati, aperti sull'abisso.

    E dire che questa volta con Maps to the Stars, possiamo dirci fortunati: niente gole tagliate, nè agguati all'ultimo sangue, nè storie di violenza. Almeno non subito, almeno non in primo piano, finchè lo sconcerto non inizia ad occhieggiare dal retrobottega di una storia apparentemente pressoché innocua, a tratti camuffata persino da commedia: una storia che si denuda piano piano come in uno streeptease, e che, sinuosa e melliflua, avanza strisciando come un serpente sulla discrezione, inzuppata nella più patetica delle malattie che la

    fa da padrone in quel di Hollywood: la supremazia del protagonismo a tutti i costi, la caccia al ruolo da soffiare al collega facendo finta del contrario, l'uso di droghe per alimentare un talento costruito sulla fama che non conosce tramonto come unico prioritario obiettivo di vita, e così via. Ma la cosa più sconcertante - potrà sembrare un aggettivo abusato in questa recensione ma è davvero quello che continua a saltarmi in testa come quello più calzante - è quando tutto questo, ancor prima che nella sfera delle star adulte, prende vita, corpo e anima, nella sfera infantile-adolescenziale: il personaggio del tredicenne attore Benjie Weiss (Evan Bird) riesce a far rabbrividire con il conforto di una sceneggiatura che sa tornirlo in una scultura estremamente verosimile, plasmata sull'infanzia negata o gioventù bruciata che dir si voglia.

    Ma a Cronenberg tutto questo non poteva bastare. E sappiamo bene che appena svoltato l'angolo,

    il dramma della fauna hollywoodiana da set cinematografico - attori, registi produttori, con annessi e connessi, come il sedicente imbonitore analista-terapista para-shiatsu, declinato da John Cusack nel Dr. Stafford Weiss - sta per aprirsi ad un dramma ancora più grande, potenzialmente in grado di lievitare fino ad inghiottirsi il tutto. Nel 'disastro ad Hollywood' di Cronenberg non si fa in tempo a sorridere per la grettezza kitsch di una star o per le bieche, labirintiche dinamiche di produzione cinematografica che ci si ritrova ben presto a cambiare radicalmente registro, passando persino per le vie traverse di fantasmi del passato, talmente invasivi ed ingombranti, che la mente e l'inconscio di alcuni personaggi proiettano come realtà sul grande schermo. Alla fine non saremo più stupiti di ritrovarci sull'orlo dell'abisso, scavato strada facendo per far largo al passaggio di un dramma familiare davvero orripilante e non certo perché inciampato sul viale della fama

    in quel di Hollywood.

    Ma ad imporsi all'attenzione quale vero e proprio conglomerato di ossessioni - dominate dal fantasma della madre, attrice di fama ben maggiore della sua deceduta in un incendio, che si materializza nella sua mente e sul grande schermo con il tocco della perfida grazia qui vestita discretamente da una Sarah Gadon in odore di feticcio cronenberghiano (A Dangerous Method e Cosmopolis hanno preceduto l'attuale Maps to the Stars) - è l'Havana Segrand da cui traspare una monumentale Julianne Moore, qui letteralmente un faro dominante, capace di illuminare l'intera pellicola in un cangiante caleidoscopio di nuance, all'insegna di una libertà assolutamente naturale, senza freni inibitori, né amor proprio nel senso di una vera dignità umana: vedi la scena del bagno di fronte alla neo assistente personale Agatha Weiss (Mia Wasikowska) o quella del sesso cercato, con l'attorucolo Jerome Fontana, ridotto ad arrotondare facendo l'autista di limousine per star

    e personaggi pubblici di rilievo, personaggio con cui Robert Pattinson dà peraltro l'impressione di citare se stesso dal precedente, cronenberghiano, Cosmopolis. Ma si potrebbe dire che questi due esempi sfiorano appena il fondo che invece tocca il suo personaggio in svariati momenti. Dal canto suo, man mano che la storia si dipana e il suo sconcertante personaggio esce dall'ombra, Mia Wasikowska sembra essere nata per interpretare sul grande schermo personaggi in cui riluce il lato più oscuro dell'umana natura (Stoker docet). Diciamo che il suo alter ego da psicopatica assassina in celluloide potrebbe avere un futuro decisamente promettente, ma è anche vero che le sue scelte attoriali più recenti la stanno forgiando una tra le più interessanti giovani interpreti a tutto campo.

    Una cosa è certa: dopo aver sentito parlare gli adolescenti che popolano la sconcertante - lasciate che possa ripeterlo all'infinito - 'Mappa delle star' disegnata da David Cronenberg, averli

    visti all'opera, fluttuanti tra realtà costruita a propria immagine e somiglianza, finzione e allucinatorie visioni in grado di cancellare ogni traccia di quel confine che serve a mantenere il senno entro gli argini di contenimento, al riparo dal fiume in piena della follia omicida, viene da condividere l'unica opinione espressa in un barlume di lucidità e con cognizione di causa: "Mio Dio quanto puzza l'umanità!".

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)

    DAVID CRONENBERG PAINTS HOLLYWOOD AS A BLACK HOLE IN THIS TOXIC SHOWBIZ SATIRE.

    At a certain point in their careers, nearly all aspiring actors in Hollywood are “waiters”: They wait tables, they wait for callbacks, they wait for that moment when they become famous enough that America knows them on a first-name basis, a la Arnold or Miley. Onetime wannabe Bruce Wagner did his time in that waiting zone, writing the script for “Maps to the Stars” while working as a limousine driver for the Beverly Hills Hotel. By the time his cynical satire finally made it to the big screen nearly two decades later — in the hands of never-boring director David Cronenberg, no less — its time had passed, the intended toxicity diluted by the fact nearly everyone involved was now “in.”

    Somehow, it’s more interesting to watch dreamers struggling to play stars (check out Pia Zadora in “The

    Lonely Lady” for a real Tinseltown takedown) than it is for Oscar nominees to parody the desperate, which is pretty much what Julianne Moore is doing in a fearless performance far more gonzo than the out-of-touch satire that contains it. Like Cronenberg’s “Cosmopolis” before it, the film opens in France the day of its Cannes Film Festival premiere and will likely fare better there than in the States, where eOne is also releasing.

    Surprisingly, the Canadian helmer has waited until this project to shoot in Los Angeles (or the U.S. at all, for that matter), and though the film benefits from such iconic sights as the Walk of Fame, the Hollywood sign and palm trees aplenty, it doesn’t quite capture the feel of the city. Wagner’s insiders talk B.O. grosses and backend points, name-drop celebrities and do their best acting when pretending to like the idiot on the other end of

    any conversation, but they do so in slow-motion. There’s too much air in the room. After whiplash satires such as “In the Loop” and “Extras,” where half the jokes blaze by on first viewing, “Maps to the Stars” fails to reflect the pace at which the town operates.

    Unlike Wagner’s sprawlingly ambitious “Wild Palms” (a 1993 miniseries that found his sensibility better paired with that of director Oliver Stone), “Maps” struggles to mix its various genres: Part showbiz sendup, part ghost story, part dysfunctional-family drama, the movie instead comes across as so much jaded mumbo-jumbo. In addition to its various pseudo-astrological connotations, the pic’s play-on-words title promises tantalizing access to the rich-and-famous playpens charted on Hollywood star maps. But the two ultra-modern homes where most of the action takes place feel as cold and far removed as a Toronto soundstage.

    If Hollywood can claim — as MGM’s publicity department once boasted —

    “more stars than there are in heaven,” then the tight cluster depicted here form a relatively minor constellation. Havana Segrand (Moore) descends from Hollywood royalty, the scion of classic actress Clarice Taggart, who died in a fire, yet who still turns up now and then in ghostly form (Sarah Gadon) to derail Havana’s progress. Lately, the anxious C-lister has been fixated on landing the lead role in an indie remake of her mom’s best-loved picture.

    But Havana isn’t the only one reciting that film’s famous monologue. Teenage burn victim Agatha Weiss (Mia Wasikowska) has just returned to L.A. from Jupiter, Fla., and she just might be a reincarnated version of Taggart— or, as it turns out, the schizophrenic product of an extremely incestuous showbiz family. Agatha’s younger brother, Benjie (Evan Bird), is enjoying his position as Hollywood’s most sought-after 13-year-old, managed by his taskmaster stage mother (Olivia Williams) and doted on

    by his self-help guru dad, Dr. Stafford Weiss (John Cusack), though it can’t be long before Benjie’s walking the red carpet with a paper bag over his head.

    The connections between all these characters are relatively clear from the outset, which spares us the satisfaction of waiting to discover how they fit together. Of the main characters, only limo driver Jerome Fontana (Robert Pattinson, at the wheel rather than in the backseat after “Cosmopolis”) feels like an outsider, though it might have been wise to filter this unwieldy satire through his eyes — or those of someone not yet corrupted by association with the industry.

    As it is, “Maps” spreads itself too thin, lavishing the majority of its attention on Moore’s high-risk performance. The actress seems game to push the limits, partnering with a director who never plays it safe, and yet Wagner’s script is content to go after easy targets: child

    actors, Scientology, revolving-door rehab programs, New Age-y pseudo-spiritualism. With all due respect to the fine work they do, acting is a line of work that tends to attract broken people: those who thrive under false identities, forever seeking public reinforcement.

    In Havana, we see those insecurities writ large. But even at her most daring, Moore seems to be on a different wavelength from her director. She delivers her best scene on the toilet, for crying out loud, but Cronenberg plays it cool and detached, as always. He and d.p. Peter Suschitzky frame every scene in virtually the same way: elegantly disengaged from the lunacy.

    “Maps” is the most overtly comedic screenplay Cronenberg has ever directed, but he hasn’t tailored his lensing or editing style to fit. The laughs come anyway, although some of Wagner’s funniest moments are left to languish, including an astoundingly inappropriate scene in which Havana celebrates the tragedy that

    forces a rival actress to resign from the role she’d coveted. If anything, Cronenberg has introduced a level of uncertainty as to whether it’s even appropriate to laugh when, say, Dr. Weiss starts punching his daughter in the stomach or Benjie strangles his young Ron Howard-like co-star — and the mayhem only escalates from there.

    It’s not as if Cronenberg is pulling any of his punches. He just doesn’t manage to land very many of them, despite such provocations as a three-way sex scene and a badly rendered poolside barbecue. The film even has the nerve to call out real celebrities on their shortcomings, though Carrie Fisher is the only one to make a cameo.

    It all feels too old — or “menopausal,” as the hip kids put it in the film. Moore is incredible, but her character’s frustrations would be more effective coming from a younger star, while the always-wooden Wasikowska

    ought to stop playing 18-year-olds already. But casting isn’t nearly as big a problem as the feeling that most of Wagner’s criticisms were hatched in the early ’90s, in a pre-smartphone era, before the Internet got nasty and back when the line “Harvey’s Harvey” would have packed a lot more punch.

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Adler Entertainment, Inter Nos Web Communication e lo Studio PUNTO&VIRGOLA.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di MAPS TO THE STARS

    Links:

    • David Cronenberg (Regista)

    • Julianne Moore

    • John Cusack

    • Robert Pattinson

    • Carrie Fisher

    • Mia Wasikowska

    • Olivia Williams

    • Sarah Gadon

    • Jayne Heitmeyer

    • Maps to the Stars (BLU-RAY + DVD)

    1| 2 | 3

    Galleria Video:

    Maps To The Stars - trailer

    Maps To The Stars - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e lan McKellen recitano .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (5 Dicembre 2019) - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Western Stars

    WESTERN STARS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tratto dall’omonimo album uscito nell’estate del .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Midway

    MIDWAY

    Quelli che... ci fermano a TRAILER e CLIP - Al pubblico l'ardua sentenza - .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella .... [continua]