ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Operative-Sotto copertura

    THE OPERATIVE-SOTTO COPERTURA

    New Entry - Dal 4 Marzo in DVD e Blu Ray .... [continua]

    Possessor

    POSSESSOR

    New Entry - .... [continua]

    Things Heard & Seen

    THINGS HEARD & SEEN

    New Entry - (2021 ?) .... [continua]

    News of the World

    NEWS OF THE WORLD

    New Entry - Paul Greengrass torna a dirigere Tom Hanks dopo Captain Phillips - .... [continua]

    The Bay of Silence

    THE BAY OF SILENCE

    New Entry - 2020 (?) .... [continua]

    Ammonite

    AMMONITE

    New Entry - Storia privata della Paleontologa Mary Anning (Kate Winslet) e l'incontro cruciale .... [continua]

    Wild Mountain Thyme

    WILD MOUNTAIN THYME

    New Entry - TURCHIA: Dall'8 Gennaio 2021 .... [continua]

    The Witches

    THE WITCHES

    New Entry - Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega .... [continua]

    Jungle Cruise

    JUNGLE CRUISE

    New Entry - A confortare l'esordio in una produzione Disney per Jaume Collet-Serra (Unknown .... [continua]

    Cosmic Sin

    COSMIC SIN

    New Entry - Bruce Willis protagonista di un nuovo Sci-Fi dal titolo inquietante di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il figlio dell'altra

    IL FIGLIO DELL'ALTRA: LA REGISTA E CO-SCENEGGIATRICE LORRAINE LÉVY AFFRONTA TEMI DI GRANDE ATTUALITA' CERCANDO LE RISPOSTE NEL CUORE DELLA GENTE COMUNE, MENTRE AFFIDA ALLE DONNE E ALLE NUOVE GENERAZIONI LE SPERANZE PER IL FUTURO

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 30° Torino Film Festival - Dal 14 MARZO

    "Io sono ebrea e l’ebraismo fa parte di me. Non sono praticante, sono atea, ma non posso dimenticare che gran parte della mia famiglia è stata sterminata nei campi di concentramento. E comunque sono ebrea ma non sono israeliana, sono due cose diverse. Non essendo né israeliana né palestinese, avevo dei dubbi sull’opportunità di lanciarmi in questo progetto e non volevo girare un film che avesse l’aria di impartire lezioni. Per me, l’unico modo sensato di affrontare questo soggetto era mantenere un atteggiamento di umiltà e raccontare soprattutto la storia di tutti i giorni. Non la Storia con la S maiuscola, che può esacerbare gli animi e le situazioni. Non ho mai avuto intenzione di fare un film politico, anche se alla fine lo è, mio malgrado... Il conflitto israelo-palestinese sembra senza fine ed è stato estremamente difficile trovare un finale al film. Nella sceneggiatura iniziale si concludeva con un attentato, ma io volevo qualcosa di meno prevedibile. Nel corso delle riprese ho capito che bisognava lasciare gli adulti da parte e affidarsi ai personaggi più giovani. All’inizio avevo previsto una panoramica di 360° su un palazzo diroccato dove Yacine viene a rifugiarsi: ho deciso di girare la scena, ma con una panoramica di 180°, perché per il finale ho aggiunto la stessa panoramica, all’inverso, con protagonista Joseph al posto di Yacine. È come se ciascuno dei due fosse la metà dell’altro... Nel film, i padri si lasciano sopraffare dalla scoperta della verità sui propri figli, per loro insopportabile. Preferiscono fuggire che affrontarla. La sofferenza li paralizza. Le madri, invece, riescono presto a chiarirsi tra di loro, cosa che naturalmente non esclude la sofferenza. Il fatto è che le due donne sono capaci di comprendere alcune cose fondamentali: capiscono che i figli che hanno allevato continuano a essere i loro figli; che ora c’è un altro figlio per ciascuna di loro e che non possono ignorarlo, né rifiutarsi di conoscerlo e di imparare ad amarlo; che se occorre tendere una mano, bisogna farlo al più presto, convincendo gli uomini che non esiste alternativa possibile. Il mio film dice che la donna rappresenta il futuro dell’uomo e che quando le donne si alleano possono spingere gli uomini a essere migliori".
    La regista e co-sceneggiatrice Lorraine Lévy

    (Le Fils de l'Autre; FRANCIA 2012; Drammatico; 105'; Produz.: Rapsodie Production e Cité Films in co-produzione con France 3 Cinéma, Madeleine Films e Solo Films con la partecipazione di Orange Cinéma Séries, France Télévisions, Useful Production, Sofica Hoche Artois Images; Distribuz.: Teodora Film spazio Cinema)

    Locandina italiana Il figlio dell'altra

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Il figlio dell'altra

    Titolo in lingua originale: Le Fils de l'Autre

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Lorraine Lévy

    Sceneggiatura: Nathalie Saugeon, Lorraine Lévy e Noam Fitoussi

    Soggetto: Soggetto originale di Noam Fitoussi.

    Cast: Emmanuelle Devos (Orith)
    Pascal Elbe (Alon)
    Jules Sitruk (Joseph)
    Mehdi Dehbi (Yacine)
    Areen Omari (Leïla)
    Khalifa Natour (Saïd)
    Mahmood Shalabi (Bilal)
    Diana Zriek (Amina)
    Marie Wisselmann (Keren)
    Bruno Podalydès (David)
    Ezra Dagan (Rabbino)
    Tamar Shem Or (Yona)

    Musica: Dhafer Youssef; Varda Kakon (supervisore musicale); Jean-Paul Bernard (suono)

    Costumi: Rona Doron e Valérie Adda

    Scenografia: Miguel Markin ed Eytan Lévy

    Fotografia: Emmanuel Soyer

    Montaggio: Sylvie Gadmer

    Makeup: Merav Bouchoucha Horovitz

    Casting: Mickaël Laguens (Francia); Esther King (Israele); Rozeen Bisharat (Palestina)

    Scheda film aggiornata al: 09 Aprile 2013

    Sinossi:

    Durante la visita per il servizio di leva nell’esercito israeliano, Joseph scopre di non essere il figlio biologico dei suoi genitori, poiché appena nato è stato scambiato per errore con Yacine, palestinese dei territori occupati della Cisgiordania. La rivelazione getta lo scompiglio tra le due famiglie, costringendo ognuno a interrogarsi sulle
    rispettive identità e convinzioni, nonché sul senso dell’ostilità che continua a dividere i due popoli.

    Commento critico (a cura di ELISABETTA VILLAGGIO)

    Delicato, efficace e profondo. Il figlio dell'altra, della francese Lorraine Levy, è un film particolare che affronta temi scottanti e difficili con grande capacità e senza cadere in facili sentimentalismi o preconcetti. Joseph e Yacine sono due ragazzi quasi maggiorenni che devono cominciare ad affrontare la loro vita da adulti. Vivono e sono nati nella stessa terra ma il primo è israeliano ebreo e vive a Tel Aviv mentre il secondo è arabo mussulmano e vive nei territori occupati della Cisgiordania. Entrambi crescono con una forte educazione religiosa che li vede contrapposti. Joseph è figlio di un colonnello dell'esercito israeliano e vuole farsi arruolare per servire il suo paese. Durante i controlli medici scoprono che il suo gruppo sanguigno non è compatibile con quello dei genitori. Dopo una serie di accertamenti si viene a scoprire che alla nascita, avvenuta ad Haifa durante la guerra del golfo, era in corso un

    bombardamento e appena venuto alla luce il neonato era stato portato in salvo. Ma contemporaneamente a Joseph era nato anche Yacine e nella confusione del momento i due neonati erano stati scambiati. Le due famiglie vengono convocate all'ospedale di Haifa dove un medico molto imbarazzato racconta ai genitori cosa successe allora. I due padri non vogliono neanche affrontare l'argomento mentre le due madri sono più tolleranti e soprattutto più disposte ad affrontare la realtà. Inizialmente la storia viene nascosta ad entrambi i ragazzi che però scoprono presto la verità scomoda e difficile con la quale si devono confrontare. Non solo non sono i figli naturali dei propri genitori ma sono anche nemici naturali. Il ragazzo cresciuto come un ebreo è in realtà un arabo e viceversa. Nessuno dei due parla l'altra lingua e soprattutto hanno nei confronti dell'altro un odio e un rancore atavico. Sono le due madri che cercano

    l'avvicinamento iniziale, che vogliono conoscere il loro figlio naturale pur continuando ad amare profondamente quello che hanno cresciuto ed educato come se fosse il loro. I due ragazzi sono restii inizialmente ma poi si vogliono conoscere, si vogliono frequentare e grazie a questo superano le iniziali diffidenze e le grandi difficoltà che la loro storia li obbliga a vivere.

    Il figlio dell'altra e' un film che colpisce, che affronta un tema di grande attualità e lo fa con coraggio e semplicità lasciando che siano le donne e i giovani a risolvere gli annosi problemi di odio razziale e religioso. E’ un film che riesce a tenere alta la tensione emotiva senza scadere in facili sentimentalismi ed ovvietà. Molto bravi i giovanissimi attori che interpretano il ruolo dei figli ma anche efficacissimi i genitori che riescono a dare una forte emotività nelle scene più complesse. Il figlio dell’altra è ben girato e

    sceglie delle location che aggiungono pathos al film come il famoso muro che divide i territori palestinesi da quelli israeliani e si pone come un qualcosa di insormontabile e sinistro.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Teodora Film, lo Studio PUNTO&VIRGOLA e Maria Ciampaglione (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO de IL FIGLIO DELL'ALTRA

    Links:

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Il figlio dell'altra - trailer

    Il figlio dell'altra - trailer (versione originale) - Le Fils de l'Autre

    Il figlio dell'altra - clip 1

    Il figlio dell'altra - clip 2

    Il figlio dell'altra - clip 3

    Il figlio dell'altra - clip 4

    Il figlio dell'altra - clip 5

    Il figlio dell'altra - clip 6

    Il figlio dell'altra - clip 7

    Il figlio dell'altra - clip 8

    Il figlio dell'altra - clip 9

    Il figlio dell'altra - clip 'Joseph e sua madre'

    Il figlio dell'altra - clip 'Yacine sarà sempre tuo fratello'

    Il figlio dell'altra - clip 'Le due madri'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Forrest Gump

    FORREST GUMP

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 'Celluloid Portraits Vintage' - .... [continua]

    The Terminal

    61a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica - Lido di Venezia - Tom Hanks è l’inossidabile perno della nuova “commedia umana” spielberghiana

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - Steven Spielberg si ispira ad .... [continua]

    La guerra di Charlie Wilson

    TOM HANKS PATRIOTTICO E SOLIDALE DEPUTATO TEXANO AI TEMPI DELLA GUERRA FREDDA. AL SUO FIANCO, IL COLLEGA AGENTE CIA PHILIP SEYMOUR HOFFMAN E L'AMICA JULIA ROBERTS. MIKE NICHOLS LI SOSTIENE CON IL SUO COCKTAIL DI UMORISMO, INTELLIGENZA E SENSIBILITA'

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 'CELLULOID PORTRAITS' rende Omaggio .... [continua]

    Captain Phillips - Attacco in mare aperto

    CAPTAIN PHILLIPS-ATTACCO IN MARE APERTO: ISPIRATO AL PRIMO VERO DIROTTAMENTO DI UNA NAVE DA CARICO STATUNITENSE IN DUECENTO ANNI DI STORIA NAVALE. TOM HANKS VESTE I PANNI DEL CAPITANO RICHARD PHILLIPS PER PAUL GREENGRASS

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 3 NOMINATIONS ai GOLDEN .... [continua]

    Saving Mr. Banks

    SAVING MR. BANKS: TOM HANKS DIVENTA WALT DISNEY PER JOHN LEE HANCOCK IN UNA STORIA CHE RACCONTA IL SUCCESSO DI MARY POPPINS A DISPETTO DELLA SUA RECALCITRANTE AUTRICE PAMELA L. TRAVERS (EMMA THOMPSON)

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - RECENSIONE ITALIANA IN ANTEPRIMA e .... [continua]

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    New Entry - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 16 Aprile .... [continua]