ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Star Wars: L'ascesa di Skywalker

    STAR WARS: L'ASCESA DI SKYWALKER

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Dicembre 2019) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > I due volti di gennaio

    I DUE VOLTI DI GENNAIO: DAL ROMANZO DI PATRICIA HIGHSMITH ALLA MACCHINA DA PRESA DEL DEBUTTANTE REGISTA IRANIANO HOUSSEIN AMINI (GIA' SCENEGGIATORE DI MOLTI FILM TRA CUI 'DRIVE' E 'BIANCANEVE E IL CACCIATORE'). PRENDONO COSI' VITA SUL GRANDE SCHERMO IL TRUFFATORE VIGGO MORTENSEN, SUA MOGLIE KIRSTEN DUNST E UN RAGAZZO IN FUGA DAI FANTASMI DEL PASSATO (OSCAR ISAAC)

    Dalla 64. Berlinale (6-16 Febbraio 2014) - Berlinale Special Gala - RECENSIONE - Dal 9 OTTOBRE

    "'I due volti di Gennaio' di Patricia Highsmith è un libro che ho letto per la prima volta oltre 20 anni fa. Il romanzo era scritto in modo un po' generico, incoerente a volte, spesso illogico, ma in qualche modo la storia e i suoi personaggi imperfetti mi hanno colpito e non mi hanno più lasciato. E' l'unico libro che abbia mai adattato che mi sono sentito in dovere di dirigere, soprattutto perché ho riconosciuto come mie tante delle contraddizioni e delle lacune emotive dei personaggi. La Highsmith ha una straordinaria capacità di far luce sulle parti di noi stessi che preferiamo nascondere, in particolare, la poca dignità dei sentimenti e dei comportamenti umani. I suoi personaggi sono bugiardi, truffatori, ubriachi; diventano irrazionalmente gelosi, paranoici e spesso stupidi. Eppure questi stessi difetti e contraddizioni sono ciò che li rendono così dolorosamente umani e facilmente riconoscibili. Nel film viene spesso esplorato il lato oscuro della natura umana, ma raramente il lato più debole. E' questo ciò che mi ha affascinato del libro... I personaggi mi sono veramente entrati dentro. Chester è il tipico personaggio cattivo della Highsmith, ma alla fine fa qualcosa di così sorprendente e riabilitante che mi ha fatto tornare indietro nella storia e pensare quale straordinaria compassione avesse la Highsmith per le persone molto difficili, oscure e pericolose. Lei non si limita a mettere i lettori nei panni del cattivo, ti fa sentire stranamente compassionevole e comprensivo nei loro confronti. Ama i suoi cattivi e c'è qualcosa in questo atteggiamento che mi ha conquistato totalmente. Ogni volta che mi fermavo a lavorare su altri progetti, il libro continuava a tornare da me"
    Il regista e sceneggiatore Hossein Amini

    (The Two Faces of January; REGNO UNITO/USA/FRANCIA 2013; Thriller; 97'; Produz.: Timnick Films/StudioCanal/Working Title Films; Distribuz.: Videa CDE)

    Locandina italiana I due volti di gennaio

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: I due volti di gennaio

    Titolo in lingua originale: The Two Faces of January

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Hossein Amini

    Sceneggiatura: Hossein Amini

    Soggetto: Tratto dall’omonimo romanzo di Patricia Highsmith (pubblicato da Bompiani), già autrice de Il talento di Mr Ripley.

    Cast: Kirsten Dunst (Colette MacFarland)
    Viggo Mortensen (Chester MacFarland)
    Oscar Isaac (Rydal)
    Yigit Özsener (Yahya)
    Daisy Bevan (Lauren)
    Socrates Alafouzos (poliziotto)
    Evgenia Dimitropoulou (Agente di compagnia aerea)
    James Sobol Kelly (Agente FBI)

    Musica: Alberto Iglesias

    Costumi: Dominic Capon

    Scenografia: Michael Carlin

    Fotografia: Marcel Zyskind

    Montaggio: Nicolas Chaudeurge

    Makeup: Ebru Kizilta (ad Istanbul)

    Casting: Jina Jay

    Scheda film aggiornata al: 23 Ottobre 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Grecia 1962. Tre esistenze si incrociano in un torbido triangolo: quella di Chester (Viggo Mortensen), elegante e carismatico consulente d’affari americano, di sua moglie Colette (Kirsten Dunst), giovane seducente e inquieta, e di Rydal (Oscar Isaac), una guida turistica in fuga dai fantasmi del passato. Tra le rovine del Partenone, Rydal resta affascinato dalla bellezza di Colette e impressionato dalla ricchezza e raffinatezza del marito. Ma non tutto è come sembra: l’apparente affabilità di Chester nasconde un labirinto di segreti, sangue e bugie. Gli eventi prendono una piega sinistra e, dopo un omicidio, in un crescendo di tensione e mistero, nessuno dei tre avrà più sotto controllo le proprie emozioni e i propri istinti...

    SYNOPSIS:

    A thriller centered on a con artist, his wife, and a stranger who try to flee a foreign country after one of them is caught up in the murder of a police officer.

    1962. A glamorous American couple, the charismatic Chester MacFarland (Mortensen) and his alluring younger wife Colette (Dunst), arrive in Athens by boat via the Corinthian Canal. While sightseeing at the Acropolis they encounter Rydal (Isaac), a young, Greek-speaking American who is working as a tour guide, scamming tourists on the side. Drawn to Colette's beauty and impressed by Chester's wealth and sophistication, Rydal gladly accepts their invitation to dinner. However, all is not as it seems with the MacFarlands and Chester's affable exterior hides darker secrets. When Rydal visits the couple at their exclusive hotel, Chester presses him to help move the body of a seemingly unconscious man who he claims attacked him. In the moment, Rydal agrees but as events take a more sinister turn he finds himself compromised and unable to pull himself free. His increasing infatuation with the vulnerable and responsive Colette gives rise to Chester's jealousy and paranoia, leading to a tense ...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    UNA LEZIONE DI CLASSICISMO TRADOTTA DA HOSSEIN AMINI IN UN INTRIGANTE NOIR. PROTAGONISTA UN 'TRIANGOLO UMANO MALEDETTO' CHE RIUNISCE SOTTO UN UNICO TETTO L'ECCELLENZA ATTORIALE DI VIGGO MORTENSEN, SUPERLATIVO NEL PERCORSO POTENTEMENTE INTROSPETTIVO CON CUI DIPINGE LA SUA SINISTRA NATURA, KIRSTEN DUNST, AMMALIANTE E SENSIBILMENTE UMORALE, E UN SORPENDENTE OSCAR ISAAC

    Vi potrà sembrare una contraddizione in termini ma non lo è. In questa storia, volenti o nolenti, ci ritroviamo dalla parte dei cattivi. Ne abbiamo almeno comprensione e in un certo qual modo rispetto: come se quel lato oscuro della natura umana ci riguardasse più da vicino di quanto non avessimo mai immaginato. Sarà il talento fascinoso e ammaliante di questo straordinario trittico di protagonisti che da Viggo Mortensen si allaccia a Kirsten Dunst per stringere il terzo nodo con un sorprendente Oscar Isaac? Beh certamente si, ma non solo! La ragione sta nelle stesse radici di scrittura,

    prima ancora di parlare di adattamento cinematografico. Eh si perchè The Two Faces of January, ovvero I due volti di Gennaio - per una volta in Italia ci si è rigorosamente attenuti alla traduzione letterale senza avventurarsi in caracollanti stravolgimenti di significato - altro non è se non la seconda figlia, meno simpatica del primogenito, precedente grande successo, accordato da critica e pubblico a Il talento di Mr. Ripley - entrambi ugualmente partoriti dall'autrice Patricia Highsmith. Ed è proprio questo peculiare approccio narrativo della Highsmith nei rispetti dei cattivi, notoriamente fanatica di bugiardi, truffatori e ubriachi in odore di irrazionali gelosie e paranoie fino a rasentare la stupidità, ad aver fatto innamorare lo sceneggiatore di Drive Hossein Amini, qui al suo esordio in regia, colto da un raptus imperativo: questa volta non poteva solo limitarsi all'adattamento del romanzo, doveva anche dirigerlo, e voleva assestare personalmente i colpi di pennello che

    sono andati a dipingere quel complesso caleidoscopio di sfumature emotive di questi cangianti personaggi, incastonati in un ensemble declinato in noir, con tutti i migliori ingredienti del sofisticato thriller psicologico 'old school'.

    In questa storia, per molti aspetti alquanto lineare e classica, in cui serpeggia fin dall'inizio un filo tensivo quasi invisibile e fuori quadro, per quanto più che palpabile nell'aria, non c'è bisogno di stampelle, nè di supporto alcuno. Come in un dipinto, a prescindere dalla tecnica, dalle tinte più solari a quelle più fosche, quel che è di vitale importanza è una cosa sola, dominante su tutte e su tutto: la luce. I due volti di Gennaio, con le sue mille luci ed i suoi milioni di ombre insiti già nello stesso 'titolo', ammiccante a ciò che sta dietro le apparenze - nessuno è come sembra - è letteralmente forgiato dalla luce. Luce e fotografia ne dominano ogni singolo

    fotogramma e il debito con il classicismo pittorico - quello più antico troneggia negli affreschi rupestri di anfratti sotterranei - sfiora il suo picco con la sequenza che, ormai prossimi all'epilogo, vede Chester/Mortensen in fuga, trovar temporaneo riparo nella fucina di metalli dal sapore artigianale, con i piccoli fuochi e scintille guizzanti su ogni singolo piano di lavoro: quando si dice 'battere il ferro finché è caldo' senza por tempo in mezzo! Quale miglior ambientazione di quella per celebrare le luci della salvezza possibile di contro all'oscurità di un tunnel senza via di scampo? E le luci e le ombre che vagheggiano in ogni dove ne I due volti di Gennaio di Hossein Amini, non sono concepiti poi in maniera tanto dissimile da certa pittura cinquecentesca manierista, magari di marca fiamminga, allora gravitante nell'entourage artistico vasariano, ad esempio per la decorazione artistica dello Studiolo di Francesco I de' Medici a

    Firenze, in cui protagonista era un complessa mappa iconografico-simbolica con alla base in quattro elementi di Terra, Acqua, Aria e, per l'appunto, Fuoco (Gli Alchimisti, La fucina di Vulcano, La fonderia di cannoni, La bottega dell'orefice). Pittura chiaroscurata per eccellenza in cui son spesso calde anche le nuances più umbratili e in cui il dettaglio minimalista fa da guida in seno al viaggio dentro la rappresentazione. E nel caso de I due volti di Gennaio il dettaglio minimalista conduce ancora una volta in grembo alla fotografia: questa volta non tanto quella dell'impronta estetica del fotogramma, bensì quella, o per meglio dire, quella e quelle, sul tavolo di specifiche stanze d'albergo. Fate molto attenzione a quelle fotografie, perchè proprio in quello sguardo, neppure troppo insistito, anzi, alquanto fugace, che vi concederà l'avara macchina da presa di Hossein, sta la chiave di tutto.

    Classicismo a tutto tondo, dunque, permeato da una tavolozza

    anch'essa 'double face', che non di rado sposa tra loro luce calda a tinte fosche, avvolgente ambienti e persone: ciò che serve a restituirci un Viggo Mortensen amabilmente sinistro, straordinariamente intenso e letteralmente ammaliante in quelle sue lunghe ruminazioni introspettive per il suo Chester - figlio elettivo per qualche verso di quell'intrigante quanto 'losco' artista che fece capitolare la povera Gwyneth Paltrow nel Delitto perfetto di Andrew Davis - assolutamente dominante, ma non schiacciante, i due generosi ruoli spalla dei co-protagonisti Kirsten Dunst (intrigante e bellissima come sempre da bucare lo schermo, oltre che sensibilmente umorale nelle eleganti vesti di Colette) ed Oscar Isaac (camaleonticamente opportuno in questo ruolo dal doppio fondo). A questo gioco d'azzardo, innescato sui contrasti chiaroscurati di questo nebuloso 'triangolo umano', Hossein chiede la piena partecipazione ai luoghi di riferimento, solari per eccellenza: dalla Grecia, con i suoi classici siti archeologici di Atene, o i trasandati

    vicoli isolani cretesi, fino ai dedali negli anfratti cittadini di Istanbul nel cuore della Turchia. Del resto dove c'è luce c'è anche ombra, le due facce di una stessa medaglia, proprio come quella di Ianus (Giano), raffigurato con due volti poiché 'il dio può guardare il futuro e il passato'.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano VIDEA-CDE e Maria Rosaria Giampaglia (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di I DUE VOLTI DI GENNAIO

    Links:

    • Kirsten Dunst

    • Viggo Mortensen

    • Oscar Isaac

    Altri Links:

    - Sito ufficiale

    1| 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    I due volti di gennaio - trailer 2

    I due volti di gennaio - trailer

    I due volti di gennaio - trailer (versione originale) - The Two Faces of January

    I due volti di gennaio - spot TV

    I due volti di gennaio - clip 1

    I due volti di gennaio - clip 2

    I due volti di gennaio - clip 3

    I due volti di gennaio - intervista video a Viggo Mortensen 'Chester MacFarland' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Aggiornamenti freschi di giornata! (11 Dicembre 2019) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]