ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Those Who Wish Me Dead

    THOSE WHO WISH ME DEAD

    New Entry - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael Koryta diretto da Taylor Sheridan .... [continua]

    I See You

    I SEE YOU

    New Entry - Helen Hunt protagonista in un horror per Adam Randall (iBoy, Level .... [continua]

    Fatman

    FATMAN

    New Entry - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nella commedia di Eshom e .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Radioactive

    RADIOACTIVE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Il film di Marjane Satrapi è dedicato .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - 6 Nominations: Miglior film; Miglior regista (Chloé Zhao); Miglior attrice (Frances .... [continua]

    Il processo ai Chicago 7

    IL PROCESSO AI CHICAGO 7

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In streaming online su Netflix dal 16 .... [continua]

    The Mauritanian

    THE MAURITANIAN

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Golden Globes 2021 - VINCITORE di 1 Golden Globe ('Migliore .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Fanny e Alexander

    FANNY E ALEXANDER

    Dal Festival del Cinema di Venezia 1983 (*) - Ora in DVD 'Bergman Collection' completata il 16 Gennaio 2013

    (*) Per commemorare il 30ennale dalla sua uscita in sala e per celebrare la versione restaurata, la pellicola è stata proiettata nella serata finale del Festival di Venezia 2012.

    (Fanny och Alexander; SVEZIA/FRANCIA/GERMANIA OVEST 1982; Drammatico; 188'; Produz.: Svenska Filminstitutet/Cinematograph Ab (televisione svedese)/Gaumont International (Francia)/Svt Drama/Persona Film/Tobis Film Kunst (Germania); Distribuz.: BIM e 01 Distribution (DVD))

    Locandina italiana Fanny e Alexander

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Fanny e Alexander

    Titolo in lingua originale: Fanny och Alexander

    Anno di produzione: 1982

    Anno di uscita: 1982

    Regia: Ingmar Bergman

    Sceneggiatura: Ingmar Bergman

    Soggetto: Ingmar Bergman.

    Cast: Pernilla Allwin (Fanny Ekdahl)
    Bertil Guve (Alexander Ekdahl)
    Ewa Froeling (Emilie Ekdahl)
    Gun Wallgren (Helena Ekdahl)
    Jarl Kulle (Gustav Adolf Ekdahl)
    Jan Malmsjo (vescovo Vergérus)
    Erland Josephson (Isak Jacobi)

    Musica: Daniel Bell, Benjamin Britten, Frans Helmerson e Marianne Jacobs

    Costumi: Marik Vos

    Scenografia: Anna Asp

    Fotografia: Sven Nykvist

    Montaggio: Sylvia Ingemarsson

    Scheda film aggiornata al: 08 Febbraio 2013

    Sinossi:

    La storia si svolge in una cittadina di provincia nella Svezia del 1907. La famiglia Ekdahl si riunisce a casa della nonna e matriarca per festeggiare il Natale. Il papà di Fanny e Alexander, Oscar, ha un malore mentre recita a teatro e muore poco dopo. In seguito la moglie Emilie decide di sposare il vescovo Vergérus e si trasferisce con i due bambini a casa di lui. Qui i nuovi arrivati devono sottostare ad una infinità di regole, che soffocano la libertà individuale. Dopo un po’ Emilie si rende conto di aver sposato una persona meschina e trova uno stratagemma per salvare i suoi figli dalla stretta di quest’uomo.

    Commento critico (a cura di FRANCESCA CARUSO)

    Nel 1983 Ingmar Bergman annuncia il suo ritiro dalle scene e dichiara che Fanny e Alexander (Fanny och Alexander, 1982) sarebbe stato il suo ultimo film. Con un sospiro di sollievo si comprende ben presto che questo ritiro riguarda solo il mondo del cinema (sempre una perdita per coloro che lo amano), volendosi dedicare a tempo pieno agli altri amori della sua vita: il teatro e la scrittura. Tuttavia Bergman non riesce a stare fermo a lungo senza girare dei lungometraggi e così realizza film per la televisione. Nel 1984 è la volta di Dopo la prova e nel 1997 arriva Vanità e affanni, che - tra quelli realizzati - vengono distribuiti nelle sale cinematografiche e presentati rispettivamente al 37° e al 51° Festival di Cannes.
    Nonostante ciò Fanny e Alexander è considerato all’unanimità il suo testamento artistico, pellicola ricca e sfaccettata in cui l’autore esplora tematiche a lui care da

    nuovi punti di vista, inserendovi uno sguardo e un sentimento ancora più personale. Con questo film Bergman ha dimostrato di avere ancora molto da dire.

    La storia si svolge in una cittadina di provincia nella Svezia del 1907. La famiglia Ekdahl si riunisce a casa della nonna e matriarca per festeggiare il Natale. Il papà di Fanny e Alexander, Oscar, ha un malore mentre recita a teatro e muore poco dopo. In seguito la moglie Emilie decide di sposare il vescovo Vergérus e si trasferisce con i due bambini a casa di lui. Qui i nuovi arrivati devono sottostare ad una infinità di regole, che soffocano la libertà individuale. Dopo un po’ Emilie si rende conto di aver sposato una persona meschina e trova uno stratagemma per salvare i suoi figli dalla stretta di quest’uomo.

    Pensato inizialmente come film per la televisione, con una durata integrale di 5 ore, viene successivamente

    riconsiderato per il cinema, apportandovi una serie di tagli (due ore circa).
    Molte figure, tratteggiate dal cineasta, raffigurano quelle che hanno fatto parte della sua vita o avrebbe voluto ne facessero parte. Il vescovo rappresenta il padre-padrone che ha tanto oppresso Bergman nella sua giovinezza e del quale non si è mai veramente liberato – come viene sottolineato bene nell’epilogo. Alexander è Bergman e nonna Helena è la nonna a cui Ingmar ha voluto un bene immenso.

    Sei stato un amante dolce come le fragole” dice la nonna all’uomo che ancora le sta accanto. Poteva mancare un riferimento a quel frutto con il quale Bergman ha tante volte evocato la primavera della vita, il paradiso perduto della giovinezza? Poteva, ma così non è stato e con una sola frase rievoca per un attimo Un’estate d’amore, Il posto delle fragole e non solo.

    Il film ha vinto 4 Premi Oscar per il Miglior Film

    Straniero, Miglior Scenografia, Migliori Costumi e Miglior Fotografia su 6 Candidature. Bergman perde però definitivamente l’opportunità di guadagnarsi un Oscar personale per la Miglior Regia o la Miglior Sceneggiatura Originale.
    Ovunque è stato presentato, Fanny e Alexander ha conseguito dei riconoscimenti, aggiudicandosi tra gli altri il Premio César, il Nastro d’Argento, il David di Donatello e il Premio Fipresci a Venezia per il Miglior Film Straniero.
    Per commemorare il 30ennale dalla sua uscita in sala e per celebrare la versione restaurata, la pellicola è stata proiettata nella serata finale del Festival di Venezia 2012.

    È un film carico, con le sue abbondanti scenografie, curate nel dettaglio, che pongono una linea di demarcazione netta tra la residenza degli Ekdahl e l’abitazione del vescovo. Quanto più la prima è colma di oggetti, tappezzerie, mobilio e una predominanza del rosso per sottolineare il calore familiare, tanto la seconda è scialba e grigia, sia nei colori

    che nei cuori di chi la abita, dove si respira e viene alimentata un’atmosfera di mortificazione, dolore e contrizione.
    L’amore per l’arte teatrale è messa ben in evidenza dal lavoro che svolge Oscar, direttore di teatro, e dal figlio Alexander, che ne ha respirato la magia fin da piccolissimo e ora utilizza la sua fervida immaginazione per evadere da un’opprimente verità, creandosene una propria. Le bugie che racconta in classe e alla cameriera a servizio del vescovo non sono altro che una via di fuga da un dolore che non riesce a sopportare: la morte del padre e l’oppressione del patrigno.

    In Fanny e Alexander Ingmar Bergman dà spazio a una tematica ricorrente nei suoi film: la morte. Qui viene mostrata nella sua interezza, ma mentre Emilie e Fanny si trattengono al capezzale di Oscar per l’ultimo saluto, Alexander ne rifiuta il rito. La famiglia è messa al centro della storia, raffigura

    la salvezza dei suoi componenti, che per quanti errori facciano si aiutano e si vogliono bene l’un l’altro.

    Ciò che ha fatto emergere l’immortale Bergman è l’amore per l’arte – teatro e cinema – e per la vita. Il finale è conciliante e inondato di una speranza tutta nuova. È uno dei tanti gioielli che lo straordinario autore ha regalato al mondo e ora è disponibile in una nuova edizione Dvd distribuita da Bim e 01 Distribution.

    Links:

    • Fanny e Alexander (DVD)

    1

    Galleria Video:

    Fanny e Alexander - trailer (versione originale) - Fanny och Alexander

    Fanny e Alexander - clip

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Blood Father

    BLOOD FATHER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 69. Festival del Cinema di .... [continua]

    Una stagione da ricordare

    UNA STAGIONE DA RICORDARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nel dramma sportivo 'in Memoriam' di 'Line' anche Helen .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Era mio figlio

    ERA MIO FIGLIO

    New Entry - RECENSIONE .... [continua]

    Land

    LAND

    Dal Sundance Film Festival 2021 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Debutto alla regia per .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico'; 'Miglior Attore in .... [continua]

    Sound of Metal

    SOUND OF METAL

    RECENSIONE - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico; 'Miglior Attore Protagonista' a Riz .... [continua]