ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Dal 24 Aprile

    "È stato un esperimento davvero unico. Sono 10 anni di storytelling ....
    [continua]

    The Song of Names

    THE SONG OF NAMES

    New Entry - Clive Owen e Tim Roth protagonisti di una "storia poliziesca emotiva" .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Broken City

    BROKEN CITY: CORRUZIONE E AFFARI SPORCHI, TRADIMENTI E INGANNI DIPINGONO IL RITRATTO DI UNA CUPA NEW YORK, PROTAGONISTA DEL TORBIDO THRILLER DI ALLEN HUGHES, LA' DOVE SI MUOVONO UN EX POLIZIOTTO (MARK WAHLBERG), UN IMPORTANTE POLITICO (RUSSEL CROWE) E LA SUA BELLISSIMA MOGLIE (CATHERINE ZETA-JONES)

    RECENSIONE - Dal 7 FEBBRAIO

    "C’è molta azione, con tante sorprese, oltre a una narrazione dinamica, ma la cosa più importante sono i personaggi. Billy Taggart emerge come un personaggio complesso e impegnati... Sostanzialmente, 'BROKEN CITY' è una storia di redenzione. Billy non si fermerà di fronte a nulla pur di fare giustizia su qualcosa che lo ossessiona da tempo".
    Il regista Allen Hughes

    "Ho sempre amato i film in cui un uomo solo e senza potere combatte contro il sistema... Ero molto eccitato, perché non sai mai in che direzione andrà la storia".
    Il produttore Roland Emmett

    (Broken City; USA 2012; Thriller noir; 109'; Produz.: 1984 Private Defense Contractors/Black Bear Pictures/Closest to the Hole Productions/Emmett/Furla Films/Envision Entertainment Corporation/Leverage Communications/New Regency Pictures/Regency Enterprises/Valentina Films; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Broken City

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Broken City

    Titolo in lingua originale: Broken City

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Allen Hughes

    Sceneggiatura: Brian Tucker

    Cast: Mark Wahlberg (Billy Taggart)
    Russell Crowe (Sindaco Hostetler)
    Catherine Zeta-Jones (Cathleen Hostetler)
    Jeffrey Wright (Carl Fairbanks)
    Barry Pepper (Jack Valliant)
    Alona Tal (Katy Bradshaw)
    Natalie Martinez (Natalie Barrow)
    Michael Beach (Tony Jansen)
    Kyle Chandler (Paul Andrews)
    James Ransone (Todd Lancaster)
    Griffin Dunne (Sam Lancaster)
    Britney Theriot (Valerie)
    Luis Tolentino (Mikey Tavarez)
    Tony Bentley (Giudice)
    Andrea Frankle (Procuratore)
    Cast completo

    Musica: Atticus Ross, Leopold Ross e Claudia Sarne

    Costumi: Betsy Heimann

    Scenografia: Tom Duffield

    Fotografia: Ben Seresin

    Montaggio: Cindy Mollo

    Makeup: John Caglione Jr. (per Russell Crowe)

    Casting: Sheila Jaffe

    Scheda film aggiornata al: 25 Febbraio 2013

    Sinossi:

    IN BREVE:

    L'ex-poliziotto Billy Taggart, ora divenuto detective privato, viene ingaggiato dal sindaco per scoprire se sua moglie lo tradisce. Le indagini confermeranno una relazione extraconiugale della donna. Successivamente però l'amante viene ritrovato morto e l'investigatore Taggart si troverà invischiato in una sporca vicenda riguardante gli affari privati del sindaco e della politica del paese.

    SHORT SYNOPSIS:

    An ex-cop trailing the wife of New York City's mayor finds himself immersed in a larger scandal.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    I SOLITI 'AFFARI SPORCHI' NELLE RETROVIE DELLA POLITICA NELLA GRANDE MELA RISUONANO DI GRANDE ATTUALITA' ANCHE BEN AL DI FUORI DELL'OMBRA DI BANDIERA A STELLE E STRISCE. DAL PULPITO DI UNA INTERESSANTE RIVISITAZIONE CONTEMPORANEA DEL NOIR CLASSICO, SCINTILLA L'IMPONENTE TRITTICO CROWE-WAHLBERG-ZETA-JONES

    Non stupisce che un film come Broken City sia inserito nella programmazione di cinema d'essai o cineclub che normalmente si accontentano di una seconda visione per pellicole hollywoodiane di genere quando non passano addirittura oltre. Perché Broken City, per quanto rivisitazione contemporanea di un classico noir ad alto gradimento pubblico, assicurato da un trittico di star dall'indiscusso appeal non disgiunto dal talento, come Russell Crowe, Mark Wahlberg e Catherine Zeta-Jones, è una pellicola di un'attualità vertiginosa. In altre epoche si sarebbe guardato a Broken City come ad una storia amplificata al servizio dello spettacolo, ma oggi come oggi, non sono pochi i tratti al fiele che assaporiamo come veritieri sull'onda

    del putridume che alimenta la buona salute dei dietro le quinte dei vertici politici. E la sceneggiatura del neofita Brian Tucker, a tratti pirotecnica sulla ritmica di battute al vetriolo, rende bene l'idea. Per l'appunto in odore di elezioni impellenti in Italia il tempismo di produzione e distribuzione non poteva essere migliore! Intendiamoci, Broken City non apporta di per sé sul tema grosse novità rispetto a quanto non sia già da tempo di dominio pubblico. E tanto per rimanere in quel di Hollywood e nei paraggi dei 'giri' loschi delle amministrazioni politiche ad alto bordo basti pensare al recente Le idi di Marzo di e con George Clooney, che per altri versi aveva anticipato il circo dei dietro le quinte della politica, in perenne tournée, ogni volta con le stesse girandole di bugie 'professate', anche e soprattutto, sul 'tapis roulant' mediatico della stampa (sia televisiva che cartacea) a copertura di

    sporche manipolazioni di appalti pubblici, a tutto detrimento degli interessi del cittadino medio, di contro all'illecito vantaggio certo di chi non si fa scrupolo di sporcarsi la coscienza lasciando immacolate le mani grazie al lavoro 'sporco' ceduto ad altri, ovviamente senza andare troppo per il sottile.

    Come già ne Le idi di Marzo con il Governatore Mike Morris (Clooney) e il giovane idealista addetto stampa Stephen Meyers (Ryan Gosling), anche in Broken City va in onda il balletto tra due forze che si contrappongono, qui ora rappresentate dall'affabile, ma di fatto pericoloso, patriarca di Manhattan - il sindaco Hostetler che Russell Crowe ha finemente cesellato sul respiro di un cotè tronfio della sua autoreferenziale sicurezza, dalle maniere spicce e non propriamente raffinate, ma sempre col sorriso sulle labbra a sfoggio di una gentilezza vagamente melliflua - e l’uomo ai margini, ex poliziotto tradotto in investigatore privato alquanto determinato - il

    Billy Taggart cui dà volto e anima Mark Wahlberg - con un passato 'oscuro' che lo ha spinto verso un percorso di redenzione che scoprirà lastricato di amare sorprese. Sulla tela tessuta con il filo della corruzione e del malaffare nelle retrovie della politica il regista Allen Hughes (La vera storia di Jack lo squartatore, Codice: Genesi) apre difatti un occhiello cui si adatta il bottone dei 'giri' tutt'altro che immacolati che alimentano rampanti carriere di giovani aspiranti attrici (vedi la sequenza, all'insegna del 'cinema nel cinema', della prima del film che vede protagonista esordiente la ragazza di Billy/Wahlberg). Piccoli e grandi shock cui il nostro confuso e a tratti spaesato uomo di lì a poco si trova giocoforza a tenere testa fino ad una 'resa dei conti' che lo pone di fronte ad un bivio cruciale, proprio quello che diventa una sorta di lezione-monito fuori dalla celluloide per la

    nostra attualità. L'unico fine corsa legittimo in un percorso di redenzione tipo come quello del personaggio di Billy Taggart, egregiamente bilanciato da Wahlberg tra azione e stratificazione introspettiva. In mezzo a questo contrapposto bipolarismo (Hostetler/Crowe-Taggart/Wahlberg) poteva mancare l'elemento chiave che fa la differenza, incarnato da un conturbante personaggio femminile? Catherine Zeta-Jones non poteva essere più calzante nell'ambiguo e glaciale ruolo della moglie del sindaco, Cathleen Hostetler. Del resto di ambiguità e giochetti sporchi, sul filo della commedia però, la Zeta-Jones aveva acquisito una certa familiarità con Prima ti sposo poi ti rovino dei fratelli Cohen. Così, lasciati i ranghi della 'sophisticated comedy', in Broken City la Zeta-Jones sembra trovarsi perfettamente a suo agio con l'algido glamour porcellanato, che il tempo sembra peraltro non aver affatto scalfito, questa volta per tenere fermo il punto cardine della storia, per il quale 'quel che sembra non è mai la verità'.

    La carica di sindaco,

    si sa, implica la tutela di una città, così, mentre ad esempio nel Collateral di Michael Mann testimone oculare del crimine a grappolo era Los Angeles, che allora abbiamo vista con un volto suo proprio, inedito, qui Allen Hughes per Broken City sceglie la Grande Mela, consapevole del fatto che "Ci sono molti modi diversi di mostrare New York, sporca come ne 'Il braccio violento della legge' o splendida come in 'Manhattan'". L'opzione vincente si è poi di fatto rivelata Manhattan, e lo scenografo Tom Duffield (che vede i suoi inizi di carriera nei reparti artistici di classici come Blade Runner di Ridley Scott), in tandem con il direttore della fotografia Ben Seresin (Unstoppable-Fuori controllo di Tony Scott), ha fatto un gran bel lavoro nel mostrare il volto più 'pittoresco' della città, dal fiume ai Giardini botanici del Bronx, dalle sontuose terrazze con un occhio privilegiato sullo splendido panorama urbano,

    alle nebulose soggettive negli anfratti più bui e decadenti di strade a rischio da cui prende avvio questa losca storia fatta di inganni ed intrighi, in cui tutti hanno delle ambizioni personali per ragioni diverse. Ed è proprio là che si aggira l'obiettivo di Allen Hughes, non sempre perfettamente a fuoco, soprattutto nella prima parte del film, qui al suo debutto in regia indipendente dal fratello gemello Albert con cui ha fatto coppia fissa fino ad oggi (Hughes Brothers). Ma a farsi largo tra la nebulosità degli inizi gli dà man forte la crescita esponenziale di un trittico di personaggi che sa farsi imponente e intrigante sull'onda di eventi che mentre precipitano, pretendono a gran voce la caduta della testa di qualcuno, prevedibile quanto si vuole, ma non priva del suo glamour e della sua verità.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Twenty Century Fox e Orazio Bernardi (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di BROKEN CITY

    Links:

    • Allen Hughes (Regista)

    • Catherine Zeta-Jones

    • Russell Crowe

    • Jeffrey Wright

    • Kyle Chandler

    • Mark Wahlberg

    • Britney Theriot

    • Andrea Frankle

    • Natalie Martinez

    • Griffin Dunne

    • James Ransone

    • Han Soto

    • Michael Beach

    • Ambyr Childers

    • Alona Tal

    • Barry Pepper

    • BROKEN CITY - VIDEO INTERVISTA all'attore MARK WAHLBERG (Interviste)

    • Broken City (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Broken City - trailer

    Broken City - trailer (versione originale)

    Broken City - clip 'I own you (Ti tengo in pugno)'

    Broken City - clip 'Roof top Rendezvouz'

    Broken City - clip 'The Chase'

    Broken City - intervista video a Mark Wahlberg 'Billy Taggart' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    RECENSIONE - Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "L’idea di ....
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]