ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > E se vivessimo tutti insieme?

    E SE VIVESSIMO TUTTI INSIEME? NELLO SGUARDO DEL REGISTA STEPHANE ROBELIN L'AUTUNNO DELLA VITA, TRA CORALE ALLEGRIA ED UN UMORISMO CHE SFUMA LE TINTE PIU' FOSCHE DI UN PROBLEMA SOCIALE MASTICATO POCO O MALE. TRA I PROTAGONISTI ANCHE JANE FONDA E GERALDINE CHAPLIN

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 64. Festival dell Film di Locarno - Dal 29 NOVEMBRE

    "Quando ho iniziato a lavorare su questo progetto mi sono detto che avrei dovuto trattare un soggetto a sfondo sociale, cimentandomi in un tema di cui c’è bisogno di parlare malgrado le difficoltà. E’ così che mi è venuta l’idea di fare un film sul passare dell’età, sul modo in cui viene affrontato, o per meglio dire non viene affrontato. A partire da questo spunto, da questo soggetto quasi tabù, ho immaginato – per antitesi – un film corale, allegro, in cui anche i momenti più seri fossero alleggeriti dall’umorismo. Per sommi capi il mio progetto era questo: mettere insieme dei grandi attori, far ridere senza trascurare il soggetto e, di conseguenza, commuovere al tempo stesso".
    Il regista e sceneggiatore Stèphane Robelin

    "Il personaggio di Jean è un po’ me. Non nascondo che mi è capitato di intervenire sui dialoghi che mi riguardano. Ho questa (buona?) abitudine di leggere una sceneggiatura con una matita in mano. Ho dunque proposto a Stèphane Robelin alcune variazioni che lui ha colto con grande apertura mentale. Del resto, il motto generale del film è molto vicino ad uno dei miei motti esistenziali: 'Rendere divertente ciò che è triste'. Riuscire a fare al tempo stesso ridere e piangere è la cosa che mi piace di più in assoluto"
    L'attore Guy Bedos

    "Nonostante odi tutti quello che è vecchio e creda che non ci sia nulla di attraente nel concetto di vecchiaia, devo dire che mi piace molto il modo in cui Stèphane Robelin affronta di petto i problemi legati all’età. Il film mostra bene che gli anziani sono, se mi è concesso, persone come voi e me, che hanno ancora dei desideri, anche se l’apparato, il corpo, non li segue"
    L'attrice Geraldine Chaplin

    "Il personaggio che interpreto, Jeanne, prova esattamente gli stessi sentimenti che provo io. Penso che le persone anziane dovrebbero guardare in faccia la loro fine, prepararsi, pianificarla. Come me, Jeanne detesta le persone che si oppongono con una sorte di ‘negazione’ al più democratico degli avvenimenti: la morte. Quando ho letto la sceneggiatura sono rimasta colpita dal fatto che affronta tutte le questioni che sono al centro del mio ultimo Prime Time".
    L'attrice Jane Fonda

    (Et si on vivait tous ensemble?; FRANCIA/GERMANIA 2011; Commedia; 96'; Produz.: Les Films de la Butte/Rommel Film/Manny Films/Studio 37/Home Run Pictures; Distribuz.: Parthénos)

    Locandina italiana E se vivessimo tutti insieme?

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: E se vivessimo tutti insieme?

    Titolo in lingua originale: Et si on vivait tous ensemble?

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Stéphane Robelin

    Sceneggiatura: Stéphane Robelin

    Cast: Guy Bedos (Jean Colin)
    Daniel Brühl (Dirk)
    Geraldine Chaplin (Annie Colin)
    Jane Fonda (Jeanne)
    Claude Rich (Claude Blanchard)
    Pierre Richard (Albert)
    Bernard Malaka (Bernard)
    Camino Texeira (Maria)
    Gwendoline Hamon (Sabine)
    Shemss Audat (Soraya)
    Gustave de Kervern (Il venditore delle pompe funebri)
    Laurent Klug (Dottor Lacombe)
    Lionel Nakache (Il poliziotto)
    Stéphanie Pasterkamp (La cameriera del bar)
    Philippe Chaine (Il vigile del fuoco Bouyer)

    Musica: Jean-Philippe Verdin

    Costumi: Jurgen Doering

    Scenografia: David Bersanetti

    Fotografia: Dominique Colin

    Montaggio: Patrick Wilfert

    Makeup: Karina Gruais

    Scheda film aggiornata al: 10 Dicembre 2012

    Sinossi:

    Annie, Jean, Claude, Albert e Jeanne sono amici da sempre, nonostante le differenze di abitudini e temperamento. Due coppie ben assortite - e molto diverse - e un single impenitente: a unirli, oltre all'amicizia (e in certi casi all'amore), il tempo che passa con i suoi "inconvenienti". Ma chi l'ha detto che a una certa età non resta che farsi da parte? I cinque non sono affatto d'accordo e decidono di sperimentare cosa vuol dire andare a vivere tutti insieme. La convivenza, però, nasconde sempre delle sorprese... anche per chi si conosce da una vita!

    SYNOPSIS:

    Five old friends decide to move in together as an alternate to living in a retirement home; joining them is an ethnology student whose thesis is on the aging population.
    Annie, Jean, Claude, Albert and Jeanne have been friends for over forty years. But they are growing old and old age tends to be synonymous with reduced autonomy, loss of memory, illness, retirement home and, worst of all, separation. One day, one of the five friends suggests to say no to isolation and loneliness: what if they lived together ?

    Commento critico (a cura di TYAR CIANGOLA)

    TUTTO IL CORAGGIO DELLA CELLULOIDE!

    Ci sono film 'coraggiosi'. Che osano parlare di temi di cui nessuno ha voglia di parlare e non perché siano ‘scomodi’ o politicamente scorretti, ma perché ti lasciano quel tipico amaro in bocca di chi sa di non avere ragione, di non fare abbastanza, di non curarsi di un problema perché non è il suo. Quello della qualità della vita dei nostri anziani è uno di questi. In un’Europa che prevede nei prossimi 40 anni un aumento del 70% delle persone oltre i 65 anni, la noncuranza non dovrebbe essere ammessa. Il silenzio bandito. Il giovane regista francese Stèphane Robelin, con il suo secondo lungometraggio, si erge a capofila degli attivisti, se così si vogliono ancora chiamare, e descrive cosa succede quando l’unica cosa che resta è aspettare la fine della propria vita. E se vivessimo tutti insieme? è un film sulla solitudine di chi, dopo

    aver cresciuto figli e cullato nipoti, li vede andare via verso le loro vite e rimane in casa a barcamenarsi con le difficoltà dell’età avanzata.

    Annie e Jean. Albert e Jeanne. Due coppie diverse ma ugualmente unite da un amore lungo quarant’anni. Claude, single impenitente e attivo più che mai, con un figlio che vorrebbe trasferirlo in casa riposo. Jeanne, interpretata da una Jane Fonda ancora meravigliosa, è malata ma lo nasconde al marito Albert che comincia a manifestare sintomi di demenza senile.

    Anche la seconda coppia, formata da Annie e Jean, non è da meno. Lei soffre la lontananza dai nipoti, tipicamente la ‘gioia’ di tutti i nonni, ciò che dà la forza di affrontare attivamente le giornate; lui si sente messo da parte dall’intera società che non gli riconosce più il suo status di attivista politico.
    Tra di loro e con loro, Claude: fotografo, celibe e con un

    figlio invadente. Ha deciso di godersi gli ultimi anni dedicandosi ai suoi due amori: la fotografia e il sesso. Quando prima di uno dei suoi ‘incontri’ ha un attacco di cuore, viene trasferito in una casa di riposo, evento che scatenerà nei suoi amici la decisione di andare a vivere tutti insieme nella casa patronale di Annie e Jean.

    E’ a questo punto che il regista preme sull’acceleratore e la trama prende il via attraverso due elementi diversi e complementari. Il giovane Dirk, assunto da Albert come dog-sitter che diventerà ben presto il sesto inquilino della casa, e il senso di rivincita sulla vita di tutti i protagonisti.
    Dirk, infatti, è un laureando in etnologia e sta lavorando proprio ad una tesi sulle condizioni degli anziani. Egli rappresenta all’interno della trama un filtro oggettivo tra la realtà vissuta dai protagonisti e la lente, spesso deviante, con cui la società vede

    il mondo degli over 60. Il giovane arriva nella comune vestito di tutti i preconcetti di un ventenne, credendo di doversi confrontare con dei vecchietti un po’ annebbiati, ma presto si rende conto di trovarsi di fronte ad un’altra verità: gli anziani non sono diversi. Hanno vizi, difetti, pregi, emozioni, caratteri proprio come tutti. “Perché non mi chiedi ogni quanto faccio l’amore con mio marito?” – gli chiede Jeanne, portandoci dritti nel cuore di una tematica cara al regista, la sessualità degli anziani.

    Nel personaggio di Dick Stèphane Robelin compie un vero miracolo: oltrepassa la normale dialettica anziano/saggezza/insegnamento contro giovane/inesperto/allievo. Nessuno dei protagonisti dimostra di avere l’intenzione di insegnare qualcosa al ragazzo: anche se l’esperienza della convivenza lo cambierà in meglio, la modalità e il risultato vengono lasciati all’immaginazione dello spettatore. Quello che emerge, piuttosto, è la progressiva consapevolezza di Dick di interagire con persone. Qualche volta vanno aiutate,

    ascoltate e consigliate, ma esattamente come va aiutato, ascoltato e consigliato un amico coetaneo.

    Il secondo elemento centrale all’interno della trama è il senso di rivincita sulla vita che tutti i protagonisti, in modi diversi, dimostrano di avere.

    Se per Jeanne questo significa pianificare con minuzia il giorno del suo funerale per “essere una perfetta padrona di casa anche dopo la morte”, per Claude si esplicita nella sua volontà di continuare ad avere rapporti sessuali anche se fisicamente non ne sarebbe più in grado. Albert tiene un diario per combattere la sua perdita di memoria, ma censura i suoi futuri ricordi strappando le pagine che lo farebbero soffrire. Jean, sotto la spinta di Annie, fa costruire una piscina di 20 metri in giardino perché i nipoti ritrovino la voglia di andare a trovarli.
    In un modo che a tratti induce alla tenerezza, tutti combattono per urlare a se stessi e

    agli altri che ci sono ancora, che sono ancora persone, vive, e che come tali vogliono essere considerati.

    Se in un intento il regista non è riuscito, è in quello di fare di E se vivessimo tutti insieme? una commedia che spingesse, attraverso la risata, a riflettere. Si riflette e nel modo giusto. Ma più che ridere, si sorride a mezza bocca per i dialoghi brillanti e per i pasticci che la combriccola combina in casa. Quello che rimane durante i titoli di coda è un senso di malinconia di fronte ad una realtà trascurata e raccontata, ora, in modo egregio, nella sua silenziosa drammaticità.

    Tra le frasi più significative, quella di Jean nelle prime scene del film: “E’ più facile prendersela con i giovani”. Una rivendicazione della solidità della vecchia generazione, ancora viva nel senso più pieno del termine, e caparbia nel non essere considerata solo come un

    peso per i giovani.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringrazia Gabriele Barcaro.

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di E SE VIVESSIMO TUTTI INSIEME?

    Links:

    • Stéphane Robelin (Regista)

    • Jane Fonda

    • Daniel Brühl

    • E SE VIVESSIMO TUTTI INSIEME? - INTERVISTA al regista STÉPHANE ROBELIN (Interviste)

    1 | 2

    Galleria Video:

    E se vivessimo tutti insieme? - trailer

    E se vivessimo tutti insieme? - trailer (versione originale) - Et si on vivait tous ensemble?

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]