ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Fratelli nemici-Close Enemies

    FRATELLI NEMICI-CLOSE ENEMIES

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - David Oelhoffen va alla ricerca di .... [continua]

    Bentornato Presidente!

    BENTORNATO PRESIDENTE!

    Aggiornamenti freschi di giornata! (23 Marzo 2019) - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) .... [continua]

    Captive State

    CAPTIVE STATE

    Dal 28 Marzo .... [continua]

    Una giusta causa

    UNA GIUSTA CAUSA

    Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]

    The Vanishing - Il mistero del faro

    THE VANISHING - IL MISTERO DEL FARO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 28 Febbraio

    "Stavo guardando il faro ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 7 .... [continua]

    Copia originale

    COPIA ORIGINALE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 36. TFF - 3 Nomination agli .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith

    STAR WARS: EPISODIO III - LA VENDETTA DEI SITH: DOPO IL FESTIVAL DI CANNES ARRIVA ANCHE IN ITALIA L’ULTIMO ATTO STELLARE DI GEORGE LUCAS

    Dal 20 MAGGIO

    Sostanzalmente, avevo buttato giù tutti gli eventi che avevano portato i miei personaggi ad essere quello che sono in ‘Star Wars: Episodio IV – Una nuova speranza’. Anche se ho iniziato a scrivere i tre ‘prequels’ solo vent’anni più tardi, la struttura della storia è rimasta sostanzialmente identica: è sempre stata l’epopea di un padre che viene redento dai suoi figli”.
    Il regista George Lucas

    (Star Wars: Episode III – Revenge of the Sith, USA 2005; Fantascienza; 141’; Produz.: Rick McCallum per Lucas Film Ltd Production; Distribuz.: Twentieth Century Fox Film Corporation)

    Locandina italiana Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith

    Titolo in lingua originale: Star Wars: Episode III - Revenge of the Sith

    Anno di produzione: 2005

    Anno di uscita: 2005

    Regia: George Lucas

    Sceneggiatura: George Lucas

    Soggetto: George Lucas

    Cast: Ewan McGregor (Obi-Wan Kenobi)
    Natalie Portman (Regina Amidala/Padmé)
    Hayden Christensen (Anakin Skywalker/Darth Vader)
    Ian McDiarmid (Cancelliere Supremo Palpatine/Darth Sidious)
    Samuel L. Jackson (Mace Windu)
    Jimmy Smits (Senatore Bail Organa)
    Frank Oz (Yoda) (voce)
    Anthony Daniels (C-3PO/D-3BO)
    Christopher Lee (Conte Dooku/Darth Tyranus)
    Keisha Castle-Hughes (Regina di Naboo)
    Silas Carson (Ki-Adi-Mundi/Nute Gunray)
    Jay Laga’aia (Capitano Typho)
    Bruce Spence (Tion Medon)
    Wayne Pygram (Governatore Tarkin)
    Temuera Morrison (Comandante Cody)
    Cast completo

    Musica: John Williams (ideazione suono: Ben Burtt)

    Costumi: Trisha Biggar

    Scenografia: Gavin Bocquet

    Fotografia: David Tattersall

    Montaggio: Roger Barton e Ben Burtt

    Makeup: Nikki Gooley (supervisore)

    Casting: Christine King

    Scheda film aggiornata al: 19 Dicembre 2015

    Sinossi:

    Tanto tempo fa, in una galassia molto lontana…

    “In Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith, il cavaliere Jedi Anakin Skywalker deve fare la scelta definitiva. Costretto a scegliere tra perdere la donna che ama oppure perdere la propria anima per acquisire il potere per salvarla, Anakin si lascerà tentare dalla seduzione del lato oscuro della Forza.
    Quale sia la decisione di Anakin, perché egli l’abbia fatta e in che modo tale scelta lo porti ad indossare quella inquietante armatura nera – tutto questo fa parte della leggenda di “Star Wars”. Dopo quasi tre decenni di attese e interrogativi… (scopriremo) esattamente come e perché l’eroico Anakin Skywalker – colui che doveva essere l’Eletto, in grado di assicurare equilibrio alla Forza e pace in tutta la galassia - diventa il temuto Darth Vader, il braccio destro dell’Imperatore… come hanno fatto i mentori di Anakin – l’intraprendente Obi-Wan Kenobi e il piccolo maestro Jedi Yoda - a sopravvivere alla distruzione dell’ordine dei Jedi e a trovarsi costretti a nascondersi per il resto dei loro giorni su pianeti lontani e ostili… che cosa ha trasformato l’apparente benevolo e riflessivo Cancelliere Palpatine nel dittatore del temuto Impero Galattico… come sono nati i figli di Anakin, Luke Skywalker e Leia Organa, e poi perché sono stati divisi… sebbene nel loro destino ci fosse il compito di guidare la leggendaria rivolta contro l’Impero…
    All’inizio di Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith, la catastrofica battaglia finale dei Cloni divampa ormai in tuta la Galassia – e anche nei cieli sopra la città pianeta di Coruscant, dove ha sede la traballante Repubblica e dove hanno la loro sede anche i cavalieri Jedi. Il Cancelliere Palpatine è stato preso ostaggio dal perfido Generale Grievous, capo dell’esercito dei droidi, le truppe meccanizzate dell’Alleanza Separatista.
    Obi-Wan Kenobi (Ewan Mc Gregor) e Anakin Skywalker (Hayden Christensen) s’imbarcano in una disperata missione di salvataggio, sebbene le loro possibilità di liberare Palpatine e distruggere Grievous siano minime. Ma questa missione, benchè appunto disperata, è solo l’inizio delle feroci battaglie e delle azioni Jedi che costellano Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith… La battaglia iniziale innesca una serie di eventi che portano Anakin – il cui segreto è anche la sua debolezza – di fronte al momento della verità : egli conduce difatti una doppia vita. Da un lato è un cavaliere Jedi, dall’altro è segretamente sposato alla bellissima Padmé amidala (Natalie Portman). Proprio facendo leva sulla paura di Anakin di perdere Padmé, Palpatine rivela da Anakin un altro lato della Forza, uno che gli è proibito, ma che promette di insegnargli dei poteri che mai avrebbe ritenuto possibili.
    Obi-Wan si rende conto del conflitto interiore di Anakin, e alla fine si troverà costretto ad affrontarlo in una battaglia a colpi di Spada di Luce sul pianeta vulcanico di Mustafar…”.

    Dal >Press-Book< di Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith

    Commento critico (a cura di Patrizia Ferretti)

    L’ANELLO MANCANTE SI RICONGIUNGE ALLA SAGA STELLARE COMPLETANDONE IL PROFILO IN TUTTE LE SUE TESSERE, MA QUEST’ULTIMO FRAMMENTO DI MOSAICO SI RIVELA SENZA TROPPO NERVO, SIA PURE CON UNA BELLA RIPRESA NELLA SECONDA PARTE. UNICA STELLA A BRILLARE DI LUCE PROPRIA NEL FIRMAMENTO DEI PROTAGONISTI, LA RECITAZIONE MAGISTRALMENTE SFUMATA DI IAN McDIARMID, SUPERBO INTERPRETE DEL PERFIDO CANCELLIERE PALPATINE.

    Sembra un film dalla doppia anima, questo III episodio: La vendetta dei Sith, con una partenza in sottotono e un procedere lento e prevedibile, meccanico e cerebrale dal punto di vista visivo e scarno per i rari contenuti espressi qua e là da una sceneggiatura elementare e fondamentalmente povera. Quasi un resumè introduttivo, omaggio ai nostalgici dei precedenti episodi - analoghe perfino le battute: “Bel colpo! Bravo R-2”. E se, come sembra, è stata una scelta voluta, con specifico collegamento al primo Star Wars del 1977, per l’appunto episodio IV: una nuova speranza,

    questo III, La vendetta dei Sith, sembra d’altra parte privo della stessa anima, forse con buona responsabilità di pecche nel montaggio e dunque nella taratura dei tempi cinematografici, nonché di gran parte degli interpreti protagonisti. Questa è almeno l’impronta dominante nella prima parte del film che a metà, inizia però a virare, azzardando le prime tiepide accellerate sia sul piano della visione che su quello introspettivo dei personaggi. Perfino l’inizio della crisi conflittuale interiore di Anakin Skywalker (Hayden Christensen) pecca di tocco didascalico: “Non è da Jedi abbandonarsi all’odio e alla vendetta” – commenta dopo essersi lasciato convincere dal Cancelliere Supremo Palpatine (Ian McDiarmid) a decapitare il Conte Dooku (Christopher Lee) con un colpo incrociato di Spade di Luce. Tutto molto evocativo più che sentito emotivamente in termini di mordente e anima pulsante. Fin qui lo stile Lucas colpisce ancora, ma senza fuochi artificiali o tocchi di raffinata eleganza estetica

    del tipo Star Wars: episodio II - L’attacco dei cloni, dove invece era riuscito alla grande. E questo volendo lasciar da parte nel confronto la prima trilogia (1977, 1980, 1983) che ha un’impronta tutta sua, meno sofisticata ma più schiettamente genuina e sentita. Tra le nostalgiche riprese del 1° Star Wars perfino l’acconciatura iniziale di Padmé Amidala (ancora una splendida e brava Natalie Portman), che imita quella di Carrie Fisher (Leia) e tornano poi reiterati i soliti ologrammi. D’altra parte Lucas inoltra ulteriori, sofisticati effetti che dall’iniziale profondità tridimensionale con vista di ‘urbanizzazione celeste illuminata’ vanno alle splendide ‘sbavature’ visive ideate per illustrare i brutti sogni premonitori di Anakin circa le sorti future della moglie Padmé: sposata in segreto gli ha rivelato che è incinta e nel suo sogno muore poco dopo il parto (con il quale darà alla luce i due gemelli Luke e Leia). Fin dal primo colloquio

    tra Anakin e Yoda si intravede un addensamento dei contenuti sul filo della paura che conduce al lato oscuro della Forza, ma Hayden Christensen (Anakin) non compensa per intensità di recitazione il coprotagonista Ian McDiarmid (Palpatine) durante tutta la fase di manipolazione psicologica che trascinerà Anakin nella trappola abilmente tesagli per sottrarlo al fronte Jedi e farlo passare, appunto, al lato oscuro della Forza: a cominciare dalla prima scintilla che fa scoccare il contrasto interiore, riguardo al suo inserimento nel Consiglio Jedi, ma non come di solito avviene, nelle vesti di Maestro, pillola amara difficile da mandar giù per Anakin e in grado di renderlo vulnerabile fino ad incrinare il rapporto di fiducia con i Jedi e con lo stesso Maestro Obi Wan-Kenobi (Ewan McGregor). E’ palese anche agli occhi dei membri del Consiglio Jedi la confusione interiore di Anakin, cui contribuiscono le lezioni impartitegli di nascosto da Palpatine,

    filosofeggiando sull’entità del Bene e sui confini, non più così demarcati, che lo distanziano dal Male: “Il concetto del Bene è un punto di vista. I Sith e i Jedi sono simili… (sul filo del) potere”. Ed è nel solco di una leggenda Sith in cui il protagonista salva gli altri dalla morte ma non se stesso che inizia a muoversi qualcosa in Anakin, il quale già si chiede come è possibile acquisire il potere sulla morte. Non vuole perdere la giovane moglie Padmé così come ha perso sua madre, ma sente con apprensione che sta mutando interiormente ed è turbato: “Voglio di più di quello che può essermi concesso e questo non è da un Jedi. Obi-Wan e il consiglio non si fidano di me”. Ma, come subdolamente consigliato da Palpatine, Anakin deve conoscere il lato oscuro della Forza per acquisire il Potere Supremo e poter salvare la moglie

    da morte certa. In questo tormento inizialmente ricusato con la denuncia di Palpatine quale signore dei Sith al Consiglio Jedi, Anakin finisce per soccombere alla tentazione della ‘Forza Oscura’, quando si vede rifiutare per l’ennesima volta dai Jedi l’ingresso nelle missioni di grande rilievo come ad esempio l’arresto dello stesso Palpatine. Per quanto con un’incongruenza davvero poco realistica, che vede infrangere il cristallo di un’enorme finestra affacciata sulla città, malgrado l’epoca avveniristica in cui l’infrangibile poteva essere ampiamente realizzato, qui si registra la prima sequenza di rilievo in cui effetti scenici e recitazione vanno di pari passo nel segno del coinvolgimento, con la trasformazione anche fisica di Palpatine. Ed è la prima vittoria del Male grazie all’intervento di Anakin che, tormentato e mortificato fino al pianto, ha deciso di disubbidire all’ordine di restare fuori dalla faccenda. Malgrado il proprio pentimento Anakin “ha compiuto il proprio destino”, affida se stesso

    agli insegnamenti di Palpatine sul lato oscuro della Forza con l’idea di essere aiutato a salvare Padmé dalla morte e in questo modo diventa signore dei Sith, Darth Vader/Fener.

    Su altri spaccati di stanchi dialoghi e battaglie galattiche troneggiano i due conflitti climax dell’episodio, che Lucas intreccia efficacemente tra loro, alternandone le sequenze, quello tra Yoda e Palpatine, e quello tra Anakin e Obi-Wan Kenobi. Fa da sfondo lo spettacolare pianeta vulcanico di Mustafar, con fiumi di lava incandescente che tornano più volte sotto diversi tocchi estetici di ripresa, con evidente e spiccato simbolismo, metafora del fuoco dell’inferno e dunque proiezione visiva del Male in senso lato. Quanto alla pretesa di climax di violenza in questo episodio rispetto a tutti gli altri, ci pare aspetto relativo, perché non ci si sofferma su di essa con primi piani rilevanti. Ad esempio non si vede, grazie a Dio, l’uccisione dei bambini per

    mano di Anakin, e pur non vedendo niente, il fatto genera grande tristezza, così come l’incastonatura della maschera nera di Darth Fener con ripresa dall’interno e il funerale di Padmé. Con gli ultimi fotogrammi che motivano la separazione dei due gemelli Luke e Leia e il loro rispettivo affidamento a famiglie diverse si chiude il III episodio che, si assicura, sarà l’ultimo della saga. Sarà! Ma per quanto sia lo stesso Lucas a negare un eventuale proseguo, intanto si vocifera che egli abbia comunque già in mente il VII, l’VIII e il IX episodio e che la Twentieth Century Fox non veda di buon occhio la fine di un business di portata stellare come la saga Star Wars. Che dire! Che la Forza sia con George Lucas e lo porti a saggia decisione sul da farsi!

    Bibliografia:

    Copyright delle Foto: (c) Lucasfilm Ltd. & TM. Tutti i diritti riservati. Digital work by ILM.

    Sito ufficiale: “www.starwars.com”


    Links:

    • George Lucas (Regista)

    • Natalie Portman

    • Ewan McGregor

    • Hayden Christensen

    • Samuel L. Jackson

    • Anthony Daniels

    • Christopher Lee

    • Joel Edgerton

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

    Galleria Video:

    Star Wars: Episodio III-La vendetta dei Sith - trailer

    Star Wars: Episodio III-La vendetta dei Sith - trailer (versione originale) - Star Wars: Episode III-Revenge of the Sith

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La conseguenza

    LA CONSEGUENZA

    Un classico della letteratura mondiale diventa un film, prodotto da Ridley Scott, con cast d’eccezione: .... [continua]

    Peterloo

    PETERLOO

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 21 Marzo .... [continua]

    Peppermint-L'angelo della vendetta

    PEPPERMINT-L'ANGELO DELLA VENDETTA

    Dal 21 Marzo

    "Riley è una mamma che si occupa della situazione e che ....
    [continua]

    Un viaggio a quattro zampe

    UN VIAGGIO A QUATTRO ZAMPE

    RECENSIONE - Dal 14 Marzo

    "All’inizio delle riprese con protagonisti degli animali, cerco di ....
    [continua]

    Boy Erased - Vite cancellate

    BOY ERASED - VITE CANCELLATE

    Tra i più attesi!!! - Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma - .... [continua]

    Gloria Bell

    GLORIA BELL

    RECENSIONE - Dal regista Sebastián Lelio, (Premio Oscar® per Una donna fantastica), con protagonista l’inimitabile .... [continua]

    Captain Marvel

    CAPTAIN MARVEL

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Marzo

    "Per me, la cosa più affascinante di ....
    [continua]