ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della Forza

    STAR WARS: EPISODIO VII - IL RISVEGLIO DELLA FORZA: ECCO CHE SPUNTA ALL'ORIZZONTE UN NUOVO CAPITOLO DELLA SAGA SPAZIALE CULT INIZIATA ALLA FINE DEGLI ANNI '70

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2016' - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by JUSTIN CHANG (www.variety.com) - Dal 16 Aprile in Dvd e Blu-Ray - (Uscito al cinema il 16 DICEMBRE 2015)

    "Volevamo raccontare una storia che avesse un principio, un cuore e un finale autonomi, ma al tempo stesso – come era accaduto per il quarto episodio, Una nuova speranza – implicasse una storia passata e alludesse all’esistenza di un futuro. Quando uscì il primo Star Wars, si trattava di un film che metteva il pubblico in condizione di comprendere una storia nuova, ma anche di immaginare tutte le cose emozionanti che sarebbero potute accadere in un secondo tempo. In quel primo film, Luke non era necessariamente il figlio di Darth Vader, non era per forza fratello di Leia, però tutto era possibile. Il risveglio della Forza ha questo vantaggio incredibile: non solo ha uno zoccolo duro di fan appassionati, ma anche una backstory familiare a un sacco di gente. Abbiamo potuto usare ciò che era venuto prima in modo molto naturale, perché non avevamo la necessità di riavviare nulla. Non dovevamo inventarci una premessa narrativa che avesse un senso: è già tutto lì. Ma questi nuovi personaggi, il punto cruciale de La Forza, si trovano in nuove situazioni – così anche se non sai nulla di Guerre Stellari, sei comunque lì con loro. E se sei un fan di Star Wars, ciò che essi vivono avrà un maggiore significato".
    Il regista e co-sceneggiatore J. J. Abrams

    (Star Wars: Episode VII - The Force Awakens (già 'Star Wars: Episode VII'); REGNO UNITO 2013; Avventura Sci-Fi; 136'; Produz.: Lucasfilm/Walt Disney Pictures/Bad Robot; Distribuz.: Walt Disney Studios Motion Pictures)

    Locandina italiana Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della Forza

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della Forza

    Titolo in lingua originale: Star Wars: Episode VII - The Force Awakens (già 'Star Wars: Episode VII')

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2015

    Regia: J.J. Abrams

    Sceneggiatura: J.J. Abrams e Lawrence Kasdan

    Soggetto: Basato sui personaggi di George Lucas

    Cast: Harrison Ford (Han Solo)
    Mark Hamill (Luke Skywalker)
    Carrie Fisher (Leia Organa)
    Peter Mayhew (Chewbacca)
    Anthony Daniels (D-3BO)
    Kenny Baker (C1-P8)
    Andy Serkis (Leader Supremo Snoke)
    John Boyega (Finn)
    Daisy Ridley (Rey)
    Adam Driver (Kylo Ren)
    Oscar Isaac (Poe Dameron)
    Domhnall Gleeson (Generale Hux)
    Max von Sydow (Lor San Tekka)
    Lupita Nyong'o (Maz Kanata)
    Gwendoline Christie (Capitano Phasma)
    Cast completo

    Musica: John Williams

    Costumi: Michael Kaplan

    Scenografia: Rick Carter e Darren Gilford

    Fotografia: Daniel Mindel

    Montaggio: Maryann Brandon e Mary Jo Markey

    Effetti Speciali: Chris Corbould (supervisore effetti speciali)

    Makeup: Amy Byrne

    Casting: Nina Gold, April Webster e Alyssa Weisberg

    Scheda film aggiornata al: 14 Agosto 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il proseguo della saga creata da George Lucas 30 anni dopo Il ritorno del Jedi.

    E' la settima pellicola della saga di Guerre Stellari e il primo episodio di una nuova trilogia ambientata trent’anni dopo gli eventi de Il ritorno dello Jedi, ultimo episodio della cosiddetta trilogia originale.

    L'indipendente e solitaria Riley (Daisy Ridley), il soldato pentito Finn (John Boyega) e il pilota di caccia Poe (Oscar Isaac), danno inizio a una nuova grande avventura contro i cattivi dediti al Lato Oscuro della Forza, tra cui il minaccioso Kylo Ren (Adam Driver). Lungo la strada incontreranno nuovi amici, nemici e volti noti, come quello di Ian Solo (Harrison Ford) e della principessa Leila (Carrie Fisher), divenuta un generale.

    Luke Skywalker è scomparso. La mappa con il luogo in cui si è nascosto suscita l'attenzione di Primo Ordine, organizzazione paramilitare che si richiama all'Impero Galattico cercando di restaurarne l'autorità, e della Resistenza, gruppo di repubblicani decisi a contrastare l'autoritarismo di Primo Ordine.

    Quando il malvagio Kylo Ren scopre che la mappa si trova all'interno di un droide, si scatena una caccia all'uomo senza tregua, che coinvolgerà Finn, uno Stormtrooper che ha deciso di non uccidere, e Rey, una ragazza che vive rivendendo cianfrusaglie recuperate da astronavi...

    SHORT SYNOPSIS:

    A continuation of the saga created by George Lucas set thirty years after Il ritorno dello Jedi (1983).

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    E FU SERA, E FU MATTINA, E FINALMENTE LA FORZA DIEDE AVVIO AL SUO RISVEGLIO! IL PRIMO BAGLIORE SPRIGIONATO PER ILLUMINARE UNA NUOVA TRILOGIA! ED ECCO INTANTO LA STELLARE 'MISSION IMPOSSIBLE' DI J.J. ABRAMS, TRA REVIVAL E INNOVAZIONE.

    Operazione a rischio:

    Leviamoci subito questa lisca tra i denti. Chi scrive non è mai stata una fan della saga Star Wars. Non si poteva d'altra parte fare a meno di apprezzare l'impasto in un Sci-Fi Fantasy trascinatore di folle come quello. Ingredienti anche contrapposti tra loro eppure amalgamati con una certa armonia dal genio creativo di George Lucas. La forza di Star Wars sta tutta nell'unico, originale sodalizio tra antico e moderno (il moderno inteso naturalmente secondo i parametri di un'epoca che conta ad oggi più di 30 anni, e non sono pochi). Sodalizio che con la successiva trilogia dei prequel (Star Wars. episodio I - La minaccia fantasma, 1999; Star Wars:

    episodio II-L'attacco dei cloni, 2002 e Star Wars: episodio III-La vendetta dei Sith, 2005) sembrava essere andato un pò in crisi, complice l'esasperata sottomissione della linfa umana, alla potenza di effetti visivi e speciali imperanti e imperativi per non dire ingombranti ed invasivi. Qui, con Star Wars: episodio 7 - Il risveglio della Forza, che invece si riallaccia alla prima trilogia (Una nuova speranza, 1977; L'impero colpisce ancora, 1980 e Il ritorno dello Jedi, 1983), J. J. Abrams ha imbracciato l'arma di una sfida non indifferente, facendosi carico di quel genere di aspettativa che si leva ogni volta che qualcuno rimette le mani su un cult, il mitico che non conosce tramonto. Un'operazione ad alto rischio che ricorda un pò quel che Steven Spielberg ha fatto con Indiana Jones, allacciando alla primigenia e datata trilogia, il quarto atto con Indiana Jones e il Regno del teschio di cristallo: il buffo

    è che Harrison Ford risulta intimamente collegato ad entrambi i fenomeni globali in celluloide, sia di Star Wars con il personaggio di Han Solo, che, naturalmente, di Indiana Jones, del quale il caro Harrison non ha mai pensato neppure lontanamente di cedere a chicchessia cappello e frusta. Anche Steven Spielberg - e nel suo caso senza aver neppure passato lo scettro della dirigenza a nessun altro - ritornando sul registro Indiana Jones oltre vent'anni dopo, si era prefissato lo stesso obiettivo di Abrams oggi con il nuovo Star Wars: intessere una lezione moderna recuperando gli ingredienti base della vecchia saga, per indottrinare e rilanciare un mito all'indirizzo delle nuove generazioni. Ma Spielberg si è lasciato prendere talmente la mano che il pentolone alla fine è andato più volte in ebollizione, facendo traboccare il contenuto oltre i bordi, a detrimento della sobrietà di gusto assaporata nelle singole portate della trilogia

    originaria. Al contrario, Abrams, che dir se ne voglia, ben lungi dall'olimpo degli dei, ha studiato a fondo il suo soggetto, evidentemente con maggior distacco, e ha fatto in modo di preservare l'integrità dell'anima primigenia rispolverandone, almeno in parte, quell'umanità dispersa nei labirinti tecno degli ultimi episodi, ben sapendo che avrebbe dovuto gettare anche le basi di una nuova era, introducendo giovani leve e una manciata di quei colpi di scena che non possono mancare per un'emozione certa. Così dal suo pentolone in ebollizione, tenendo il gas su una postazione media, è riuscito a far tracimare solo qualche goccia, non di più.

    La trama: quella di base sdoganata dall'embargo. Solo la visione del film potrà darvi conto del resto

    Potrete dire l'attesa è finita solo dopo aver visto il film. Non prima. E tutto sommato ne varrà la pena. Tanto possiamo rivelarvi solo quell'innocuo tracciato che non fa danni. E per una

    volta siamo d'accordo con produzione e distribuzione. Star Wars episodio 7 - Il risveglio della Forza è il primo firmato dal regista J. J. Abrams con Lucasfilm e il primo targato Walt Disney, dopo che George Lucas ha passato la mano. E se con Il risveglio della forza sembra oggi di tornare indietro nel tempo, non deriva certo dalla scelta di vedere il film in 2 o 3D. I nuovi effetti speciali non intaccano la ruggine degli ingranaggi così come i nuovi arrivi non raggiungono lo charme dei vecchi e pur sempre illuminati e illuminanti interpreti, tra i quali oggi, a far la parte del leone è Harrison Ford con il suo Han Solo, incanutito tanto quanto imposto dall'inclemenza del tempo, ma con ancora diverse cartucce di humour in canna e un invidiabile riserva di carica introspettiva.

    Sono in parecchi alla ricerca di Luke Skywalker (il vecchio Mark Hamill

    su cui non si può dir nulla), scomparso da tempo: dai membri della Resistenza capitanati dalla principessa Leia, ora elevata al grado di Generale (l'inclemenza del tempo non ha risparmiato neppure Carrie Fisher), ai malvagi del Primo Ordine alle dipendenze del giovane Kylo Ren (Adam Driver), adepto del lato oscuro della Forza emulatore del mitico Darth Vader. Con i cavalieri Jedi sullo sfondo, tra mito e leggenda, ecco che spunta la giovane Rey (la rivelazione Daisy Ridley), ripulitrice e mercante di vecchi ingranaggi presso una discarica capitanata da un nuovo 'Jabba' tiranno sulle razioni di cibo calcolate sul rendimento. La Forza si risveglia con il giovane Finn (John Boyega) che da membro di Staff degli assalitori di Primo Ordine passa alla difesa della parte avversa ribellandosi al proprio destino. Con loro, il coraggioso Poe Dameron (Jason Isaach), il miglior pilota della galassia e della Resistenza, e la new entry del

    droide BB-8. Come i nuovi incontreranno le vecchie guardie è uno degli aspetti che vi invitiamo a scoprire in prima persona.

    L'atto di fede di Abrams verso quell'intreccio tra antico e moderno made in Lucas e... negli immediati dintorni

    Non credo che Abrams, dall'alto della sua navigata esperienza (Lost, Star Trek, Mission: Impossible III) potesse incorrere nell'effetto fotocopia, in una sorta di remake restaurato o che altro. La sua è stata in effetti un'operazione responsabile fin dalle prime mosse, fin dalle fondamenta, quando ha progettato Star Wars episodio 7 - Il risveglio della Forza con Lawrence Kasdan, già co-sceneggiatore de L'impero colpisce ancora (1980) e de Il Ritorno dello Jedi (1983). E il nuovo film ne tradisce la matrice in consapevoli citazioni a grappolo, sia sul piano estetico - fin dalle scritte e dei titoli di testa in scorrimento obliquo su una sorta di binario immaginario sospeso nell'infinito dell'universo, e soprattutto nella

    ricerca di affinità fotografica, con le cromie vissute, impolverate e sature di ammacchi e grasso come il mitico Millennium Falcon di Han Solo e del suo 'eccentrico' co-pilota, il pelosissimo wookie Chewbacca, altrimenti detto 'Chewbe', che da sempre si esprime con versi gutturali fastidiosamente urticanti e che qui non ha certo cambiato lingua. Ma le citazioni non sono tutte made in Lucas, diciamo che gli ruotano attorno, nelle immediate vicinanze. Prendiamo ad esempio l'iconografia fisionomica della Maz (l'interprete Lupita Nyong'o serve la maschera) nella nuova 'osteria': una sorta di E. T in gonnella con occhiali da pilota anni Quaranta. E che dire del Leader Supremo del lato Oscuro della Forza? Palpabile la familiarità con fisionomie aliene derivate, da Incontri ravvicinati del Terzo tipo, da A.I., o da Indiana Jones e il Regno del teschio di cristallo, di cui si ripetono in diverse occasioni, anche le famigerate letture della mente

    di contro agli sforzi per schermarla, a difesa e tutela dei suoi irrivelabili contenuti. Quel che si dice, una pesca miracolosa dall'immaginifico pozzo iconografico made in Spielberg. Che poi non dista anni luce dal dirimpettaio collega e amico di lunga data George Lucas. E sotto la pioggia di altri ammiccamenti con cui Abrams sembra divertirsi, augurandosi di sortire nello spettatore lo stesso effetto, si colloca anche una nuova aggressiva creatura animale, tra le varie e fantasiose mostruosità genetiche che da sempre hanno popolato Star Wars: salta agli occhi la familiarità con l'Alien scottiano tradita da quella sorta di piovre tentacolari che braccano su due fronti il povero Han/Ford già in mezzo a due fuochi di diversi creditori. Beh, nessuno è perfetto, si sa che il lupo perde il pelo ma non il vizio! Creatura i cui tentacoli abbrancano di lì a poco anche il giovane Finn rimarcando la citazione scottiana.

    Richiami, ammicchi, diluiti nelle immancabili battaglie, non sempre all'altezza dell'emozione, neppure quando si assiste ad un tete a tete, non esattamente alla pari, a colpi di spade laser. Persino i battibecchi tra Han/Ford e Leia/Fisher incontrano una doppia matrice: di riferimento diretto (già lo facevano nella prima trilogia) e indiretto (che dire di Indiana Jones e Marion?). Cantine sotterranee, scrigni con armi sacre quasi quanto il Sacro Graal (pure indirettamente citato tra le righe) come veri e propri tesori, certi costumi a saio monacale o anche l'abbigliamento minimalista della nuova giovane eroina Rey/Ridley, proclamano l'atto di fede di Abrams verso quell'intreccio tra antico e moderno made in Lucas e... negli immediati dintorni.

    Il sottotesto

    Difficile non accorgersi della paradossale attualità trasmessa da Abrams e Kasdan con questo episodio 7: i raduni di Primo Ordine con i comandanti dalle truci espressioni e i dettami di un autoritarismo esasperato e folleggiante, il saluto

    militare di marca nazi-fascista, con i numerosi bombardamenti su architetture di rilievo artistico, per lo più dell'antichità medievaleggiante, le esecuzioni, per quanto a volo d'uccello, dei civili in un villaggio, non possono non farci pensare ad un altro sottile incrocio tra antico e moderno che ha già attraversato la Storia prima ancora della celluloide e del digitale, in cui passato e presente si fronteggiano condividendo fondamentalmente le stesse scellerate violenze e crimini: il fasci-nazismo appunto - che tra l'altro già Spielberg proprio con indiana Jones aveva già chiamato in causa per una sua plateale condanna - e l'ISIS. Un sottile incrocio che spira un soffio di realismo su un contenitore favolista in cui le ambientazioni paesistiche (dalle distese desertiche di Jakku che da Tatooine ereditano la stessa luce dorata), le montagne innevate, boschi e sottoboschi, ammantano la nuova storia. Una storia che cavalca la reale distanza temporale con la

    prima trilogia, trasponendola nella stessa sceneggiatura con quel senso di meraviglia raccolto dalle bocche dei giovani protagonisti che, sull'onda del sentito dire, non sanno esattamente se si tratta di leggenda, mito o verità. Per questo subentra lo Han Solo di Harrison Ford, il testimone oculare elettivo che può dire 'io c'ero ed è tutto vero'! Impavido umorista il nostro gioca come un funambolo sul filo della realtà e della finzione: Han Solo ed Harrison Ford coincidono là dove si toccano i vecchi cimeli del Millennium Falcon e si sussurra con lo charme da vegliardo "Chewbe, siamo a casa". E non sarà certo Chewbe a contraddirlo.

    Dove c'è il bosco si annidano trappole, vittime ed eroi, ma soprattutto eroine

    Non è vero che è una cifra nuova quella di marca femminile. Almeno non del tutto. Oltre trent'anni fa c'era già una principessa a dare direttive, ma la Leia Organa di Carrie

    Fisher era una, per quanto di sangue blu, in mezzo a un universo a predominanza maschile. Anche se gli episodi successivi di George Lucas già tradivano una controtendenza. Adesso le donne dell'episodio 7 non solo sono in maggioranza, ma l'eroina protagonista non ordisce solo piani di difesa e di battaglia, si sporca le mani, combatte strenue lotte in prima persona e non attende alcun cavaliere a farlo in vece sua. Sono le eroine del terzo millennio. Una indubbia novità, anche del tutto logica e in linea con i tempi, dunque, questo respiro di forza tutta al femminile. Ora la prospettiva vira di almeno un quarto di giro, sulla cresta dell'onda che ha superato uno scoglio trentennale. E trent'anni non sono una frattura temporale di poco conto. Si tratta di uno scarto generazionale che fa la differenza su più registri del resto. E non solo perché gli effetti visivi e speciali

    sono stati rivisitati e corretti al fonte battesimale di una rinata era tecnologica. Chi mi ha preceduto lo ha del resto già ben evidenziato. E come non accorgersene? Star Wars episodio 7 - Il risveglio della Forza ha sposato un buon numero di quote rosa: Carrie Fisher, Daisy Ridley, Gwendoline Christie e Lupita Nyong'o costituiscono la galassia femminile di Star Wars Il risveglio della Forza. E sa come farsi sentire!

    Il difetto più grosso:

    Sarà che non le ho mai amate, ma quell'incedere di battaglie intergalattiche per cielo o per terra, poco importa, in modo ripetitivo e poco galvanizzante, alla lunga non è che emozioni più di tanto. Ma il difetto più grosso che pesa sul nuovo episodio di Star Wars, non sono poi quelle quanto le new entry dei nuovi protagonisti, eccezion fatta per la nuova eroina Rey pulsante da Daisy Ridley che ha davvero la Forza dalla sua parte, soprattutto

    una verve emotiva non indifferente. E questo a dispetto di un breve iter per il piccolo schermo e un solo film per il cinema (Scrawl, 2014). Lei e il nuovo droide sul campo BB8 (i droidi R2-D2 e C-3PO fanno il loro ingresso per un cameo di contorno) troneggiano su personaggi tracciati sullo sfondo fin dalla pagina scritta, il cui scarso appeal li appende al chiodo di un quadro bidimensionale senza alcuna chance di sfondare nel 3D. Di fatto sembra più una questione di spessore e di carisma che non di copione. E' così per il Finn di John Boyega, con cui la Forza si risveglia in modo un pò nebuloso e poco incisivo, ed è così per il miglior pilota dell'alleanza ribelle Poe Dameron di Jason Isaach. Ma quel che è peggio è che non riesce ad emozionare neppure il malvagio Kylo Ren di Adam Driver, adepto dell'antico Darth Vader di cui porta costume e maschera e di cui conserva il relittuale casco come una reliquia. Oltretutto, per l'originale Darth Vader c'era una ragione precisa per indossare quella divisa, mentre per il Ren di Driver si tratta per l'appunto di emulazione. E l'emulazione di un personaggio, ahimè speculare a quella dell'interprete, non giova certo a spessore e intensità del lato oscuro.

    Le sequenze innominabili pena la decapitazione dell'informatore accusato di alto tradimento: un'emozione certa!

    - Un incontro 'fatale' su un ponte d'acciaio (quello di Indiana Jones era di legno ma non meno pericoloso!)

    - Il finale sospeso e inchiodato su un grande silenzio che fa onore al regista Abrams.

    Un finale d'altra parte aperto, com'è ovvio che sia, in vista degli altri due episodi a venire di questa nuova trilogia: l'VIII° e il IX°, con i registi Rian Johnson e Colin Trevorrow che prenderanno il comando del timone. L'umore artigiano originale è salvo, almeno con Abrams. Il che non significa che la nuova guardia rinneghi l'innegabile operazione di lancio a favore di una nuova industria (la Disney che soppianta la Lucas Film), erede della fabbrica infinita del merchandising derivato. Star Wars è sempre stato anche questo! Perciò, non ci resta che augurare lunga vita a Star Wars e che la Forza non abbandoni mai la nuova guardia!

    Secondo commento critico (a cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    J. J. Abrams' hugely anticipated blockbuster brings welcome jolts of energy, warmth and excitement back to the biggest franchise in movie history.
    Justin Chang

    (EDITOR’S NOTE: While every effort has been made to avoid spoilers, those seeking an untainted viewing experience are advised to avoid reviews, this one included, until after they’ve seen the movie.)

    If the first “Star Wars” (1977) hadn’t already been rebranded “A New Hope,” that optimistic title might have applied just as well to “Star Wars: The Force Awakens,” by any measure a rousing, even restorative seventh chapter in the immortal space-opera saga established and now relinquished by George Lucas. Reinvigorating the franchise with a welcome surge of energy, warmth and excitement after the misbegotten cycle of prequels released between 1999 and 2005, incoming writer-director J.J. Abrams seems to have had the original three films firmly in mind when he embarked on this monumental new undertaking, structured as

    a series of clever if sometimes wobbly callbacks to a trilogy that captivated a global audience and helped cement Hollywood’s blockbuster paradigm. Still, the reassuring familiarity of Abrams’ approach has its limitations: Marvelous as it is to catch up with Han Solo, Leia and the rest of the gang, fan service takes priority here over a somewhat thin, derivative story that, despite the presence of two appealing new stars, doesn’t exactly fire the imagination anew.

    Still, the film’s tilt toward nostalgia over novelty will hardly prove a commercial liability; indeed, nothing short of a global cataclysm (and even then, who knows) is likely to keep Disney’s hugely anticipated Dec. 18 release from becoming the year’s top-grossing movie and possibly the most successful movie of all time, at least until the forthcoming episodes directed by Rian Johnson and Colin Trevorrow arrive. And if Abrams and his co-writers Lawrence Kasdan (back for more

    after “The Empire Strikes Back” and “Return of the Jedi”) and Michael Arndt have shouldered a near-impossible burden of audience expectations here, it’s hard not to look favorably upon “The Force Awakens” simply for being a massive improvement on “The Phantom Menace,” “Attack of the Clones” and all but a handful of moments in “Revenge of the Sith” — taken together, a stultifying experiment in brand extension gone awry, in which Lucas’ much-vaunted technical wizardry and visual imagination proved no match for the unholy torpor of his storytelling.

    By contrast, “The Force Awakens” feels disarmingly swift and light on its feet, possessed of a comic sensibility that embraces contemporary wisecrackery and earnest humor in equal measure. Shot on 35mm film (plus some 65mm Imax footage), in a decisive refutation of Lucas’ all-digital aesthetic, Abrams’ movie has grit under its nails and blood in its veins, as we see in an early

    battle sequence in which an Imperial Stormtrooper’s white helmet is suddenly streaked with red. A conflicted young warrior-slave who goes by the name of Finn (John Boyega), this Stormtrooper has been brainwashed into serving the First Order — a new army of galactic terrorists that arose from the ashes of the evil Empire, about three decades after the Battle of Endor. Doing battle with the First Order are the good men and women behind a rebel movement called the Resistance.

    If all this sounds familiar, the similarities only continue from there. An ace Resistance pilot named Poe Dameron (Oscar Isaac, solid in a minor role) is captured by the First Order, but not before concealing a top-secret map inside a small droid, which he sends away to a desert planet. This time, the droid is not R2-D2 but an orange-colored, spherical-bodied model called BB-8; the desert planet is not Tatooine but

    Jakku; the human who adopts the droid is a tough young scavenger named Rey (Daisy Ridley); and the coveted information concerns the whereabouts of Luke Skywalker, the last of the Jedi knights, who has mysteriously gone missing. Escaping the First Order with Poe’s help, the desperate but good-hearted Finn crash-lands on Jakku, where he ultimately partners with Rey — who makes it quite clear that she’s in no need of rescuing, thank you very much — to ensure that BB-8’s intel makes it back to the Resistance.
    Staying barely one step ahead of the enemy TIE fighters on their tail, Rey and Finn manage to commandeer the dust-choked but ever-durable Millennium Falcon, leading to a wild loop-de-loop chase scene in which Rey turns out to be an exceptionally gifted pilot. Of course, where the Falcon is, Han Solo (Harrison Ford) cannot be too far behind, and after turning up to reclaim

    his old spaceship (“Chewy, we’re home”), he reluctantly joins forces with Rey, whose presence has begun setting off curious rumblings within the Force. For their part, Rey and Finn can’t believe they’re seeing Han Solo in the flesh, and it’s hard not to discern in the young actors’ expressions a completely unfeigned delight at sharing the screen with Ford in one of his most iconic roles.
    “It’s true — the Force, the Jedi, all of it. It’s all true,” Han murmurs at one point, and he seems to be addressing not just his new friends but also the audience, and with the sort of soulful conviction capable of converting even the most jaded “Star Wars” skeptics into true believers once again. It’s that desire to transport the viewer — to return us to a wondrous, childlike state of moviegoing innocence — that effectively sets the pattern for almost every subsequent development

    in “The Force Awakens.” Much of this is fairly intuitive: It simply wouldn’t be vintage “Star Wars” if someone didn’t mutter “I have a bad feeling about this,” or if audiences didn’t get an update on their favorite gold-plated worrywart C-3PO (Anthony Daniels), his squat sidekick R2-D2, and that fish-faced fan favorite Admiral Ackbar (Tim Rose). But the film’s most indelibly moving scenes are reserved for Han and his estranged love, Leia (Carrie Fisher), no longer a princess but a Resistance general. Their banter is raspier and gentler than it was 30 years ago, less barbed and more bittersweet, and viewers can expect their hearts to swell to Mandallian proportions whenever the actors are on screen.

    Abrams’ filmmaking has enough dynamism and sweep to zip us along for much of the fast-paced 135-minute running time, and for impressive stretches he achieves the action-packed buoyancy of the old Saturday morning serials that

    partly inspired “Star Wars” in the first place. At once polished and pleasingly rough-hewn, Dan Mindel’s lensing alternates between stately landscape compositions and nimble camera movements as the situation requires, while editors Maryann Brandon and Mary Jo Markey prove as attentive to the coherence of the action sequences as to the rhythm of the overall narrative, while making adroit use of the signature side-swiping scene transitions. And even in a sequence heavy with CGI and/or creature effects — as when Finn and Rey are attacked by fearsome creatures with sharp teeth and tentacles — the visuals never lapse into overkill. The unobtrusive sophistication of the visual effects (supervised by Roger Guyett) is especially apparent in scenes featuring the uber-villainous Supreme Leader Snoke (motion-capture maven Andy Serkis, resembling a plus-sized, more articulate Gollum), in which it’s not even readily apparent that we’re watching a hologram.

    Gone, happily, are the prequels’ ADD-inducing background

    shots of spaceships zipping across a sterile cityscape like goldfish trapped in a giant screen saver. The different worlds we see here, from the parched desert vistas of Jakku to the verdant forests of the planet Yavin, feel vividly textured and inhabited (Rick Carter and Darren Gilford are credited with the production design). But the most crucial component of the movie’s design is undoubtedly John Williams’ still-enveloping score, from that thrilling, trumpet-like first blast over the opening text scroll, to the majestic flurries of feeling the music generates as it accompanies the characters on their long and difficult journeys.

    At a certain point, however, “The Force Awakens” feels so determined to fashion a contemporary echo of the original trilogy that it becomes almost too reverential — or riff-erential, given Abrams’ fondness for playing on recognizable tropes, themes and plot points in his film and TV work. The Death Star that was

    destroyed at the end of “Star Wars” is one-upped here by a much larger, even more destructive weaponized planet (we even get to see the contrasting blueprints in detail). The Mos Eisley cantina meets its match in a watering hole run by a wizened old proprietress, Maz Kanata (Lupita Nyong’o, in motion-capture drag), who has some crucial wisdom about the Force to pass on to Rey. And in the story’s least persuasive development, the famous Oedipal dynamic that defined Luke and Darth Vader’s bond re-emerges unexpectedly here in even more toxic form — a twist that simply feels too contrived to achieve the desired impact.

    All in all, the script leans rather heavily on exposition to fill in the 30-year gap between the events of this film and those of “Return of the Jedi”; one longs to get up to speed, but in subtler, less long-winded terms. The movie’s multiple dark-side-of-the-Force

    types are also something of a mixed bag. Serkis is fine but not galvanizing as Snoke; Domhnall Gleeson has a few impressive snit fits as a petulant First Order general, with one public speech that’s shot to look very “Triumph of the Will”; and Gwendoline Christie is seen only in full armor as Finn’s ex-superior, Capt. Phasma, whose narrative function never really comes into focus. That leaves Adam Driver, cast very effectively against type as the silver-masked, dark-cloaked Kylo Ren, though it would be as unfair to say more about his role as it would be to disclose any particulars about when and where Mark Hamill’s Luke Skywalker turns up.

    For that matter, even by film’s end there remains a frustrating if intentional degree of mystery surrounding Finn and Rey, the two characters charged with carrying the series forward, and whose backstories presumably will be fleshed out more satisfyingly in subsequent

    films. Viewers inclined to pay attention to such things will have a field day analyzing the casting of a white female and a black male as co-leads in the year’s biggest blockbuster — an audacious and frankly long-overdue corrective to the status quo, quite apart from the fact that both actors are excellent. Boyega, so good in “Attack the Block,” brings sly wit to the role of a soldier grappling with a vaguely Jason Bourne-style crisis of conscience. And Ridley, in a doozy of a breakout role, is terrific as a young woman not yet sure what to make of the powerfully beckoning Force, or of the glorious and terrifying destiny that might await her. She may not yet have the heroic stature of a Katniss Everdeen, but future movies will surely tell.
    In the end, “Star Wars: The Force Awakens” suggests the work of a filmmaker who faced the exciting

    yet unenviable task of partially reassembling one of the most beloved ensembles in movie history, furthering their characters’ adventures in a meaningful fashion, and helping them pass the baton from one generation of action figures to the next — and emerged, in the end, with a compromise solution that, even when it’s not firing on all cylinders, has been put across with sufficient style, momentum, love and care to prove irresistible to any who have ever considered themselves fans. Risking heresy, it’s worth noting that Abrams actually did smarter, more inventive work on his 2009 reboot of “Star Trek,” no doubt in part because he was working with a less heavily guarded enterprise. “Star Wars,” at once a cultural juggernaut and a sacrosanct institution, resists any attempt to reimagine its landscape too aggressively or imaginatively; that may be to the detriment of this diverting first effort, but Abrams has more

    than stoked our anticipation for what his successors may have up their sleeves.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Walt Disney Studios Motion Pictures, Giulia Arbace e Francesca Colombo (Ufficio Stampa Disney)

    Links:

    • J.J. Abrams (Regista)

    • Harrison Ford

    • Anthony Daniels

    • Andy Serkis

    • Simon Pegg

    • Oscar Isaac

    • Mark Hamill

    • Carrie Fisher

    • Domhnall Gleeson

    • Adam Driver

    • Daisy Ridley

    • Crystal Clarke

    • STAR WARS: EPISODIO VII - IL RISVEGLIO DELLA FORZA - INTERVISTA al regista J. J. ABRAMS (A cura di SCOTT DADICH, www.wired.it) (Interviste)

    • Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della Forza (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Pagina Facebook
    - Pagina Twitter
    - Canale YouTube

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

    Galleria Video:

    Star Wars: Il risveglio della Forza - trailer 4

    Star Wars: Il risveglio della Forza - trailer

    Star Wars: Il risveglio della Forza - trailer 2

    Star Wars: Il risveglio della Forza - trailer 3

    Star Wars: Il risveglio della Forza - trailer (versione originale) - Star Wars: Episode VII-The Force Awakens

    Star Wars: Digital Movie Collection - trailer

    Star Wars: Il risveglio della Forza - featurette 'La lettura a tavolino' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]