ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Ottobre 2019) - Il grande ritorno al cinema di .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella Città - .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Ancora al cinema - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Third Person

    THIRD PERSON: DOPO L'OSCAR PER 'CRASH' E LE SCENEGGIATURE DI 'MILLION DOLLAR BABY' E 'NELLA VALLE DI ELAH', PAUL HAGGIS E' TORNATO A ROMA PER IL SUO NUOVO DRAMMA IN CELLULOIDE. UNO SGUARDO SULLE RELAZIONI SENTIMENTALI PER TRE EMBLMATICHE COPPIE IN TRE CITTA' DIVERSE

    Presentato in ANTEPRIMA MONDIALE al Toronto Film Festival 2013 - RECENSIONE - Dal 2 APRILE

    "Le tre storie rappresentano l'inizio, la relazione in sé e la fine di questa. La coppia in Italia è l'inizio, Parigi è il durante e New York la fine... mentre spesso non lo si vede nei film, io credo che le persone intraprendano azioni che sono completamente all’opposto dei loro bisogni, e che non sono molto comprensibili a coloro che gli stanno intorno. Quante volte vi è capitato di sentire da un amico ‘perché quella sta con quell’uomo orribile?’ o viceversa. Alle volte si è così dentro alle cose che non si riesce a vedere quello che è così palese per altri. E altre volte quello che ci sembra così chiaro è semplicemente un miraggio, pensiamo che la donna cattiva si approfitti dell’uomo carino, quando in realtà l’uomo è solamente più bravo a nascondere il suo doppio fine... Mi sono posto ogni sorta di domanda sulla natura delle relazioni alle quali però non ho avuto risposta. Per esempio: come ci si rapporta a una persona 'impossibile'? Ci provi e riesci ad ottenere quello di cui hai bisogno cambiandola? E nel raro caso in cui ci si riesca, la cambi in qualcuno di cui non sei più innamorato? Oppure se nel profondo sai che qualcuno ti sta mentendo, quali sono le tue opzioni? Cosa succede se decidi di fidarti di una persona completamente inaffidabile? È una completa trasformazione delle proprie convinzioni? Davvero le persone iniziano a incarnare le virtù e i difetti con cui noi li influenziamo? Nelle questioni d’amore, si vince veramente solo se ci si rassegna? O il vincitore va via con il più crudele dei sorrisi, come il nostro ego ci aveva avvertito? E se qualcuno di noi fosse destinato a innamorarsi solamente delle persone sbagliate – quella persona è davvero la persona giusta, ma noi non riusciamo a riconoscerla? Come potere vedere, nelle relazioni sono io quella persona impossibile".
    Il regista e sceneggiatore Paul Haggis

    (Third Person; REGNO UNITO/USA/GERMANIA/BELGIO 2013; Dramma romantico; 137'; Produz.: Corsan/Hwy61 in associazione con Lailaps Pictures; Distribuz.: M2 Pictures)

    Locandina italiana Third Person

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Third Person

    Titolo in lingua originale: Third Person

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Paul Haggis

    Sceneggiatura: Paul Haggis

    Soggetto: Dopo l’Oscar per Crash e le sceneggiature di Million Dollar Baby e Nella Valle di Elah, Paul Haggis torna a girare il suo nuovo film a Roma. Sul set in questi giorni, il film è girato principalmente in Italia tra gli storici studi cinematografici di Cinecittà, il centro storico di Roma e la città di Taranto.

    Cast: Liam Neeson (Michael)
    Mila Kunis (Julia)
    Adrien Brody (Scott)
    Kim Basinger (Elaine)
    Maria Bello (Theresa)
    Olivia Wilde (Anna)
    James Franco (Rick)
    Riccardo Scamarcio (Marco)
    Moran Atias (Monika)
    Michele Melega (Giorgio)
    Gianni Franco (Tassista a Roma)
    Marius Bizau (Tassista a Parigi)
    Loan Chabanol (Sam)
    Oliver Crouch (Jesse)
    Vinicio Marchioni (Carlo)
    Cast completo

    Musica: Dario Marianelli

    Costumi: Sonoo Mishra

    Scenografia: Laurence Bennett

    Fotografia: Gianfilippo Corticelli

    Montaggio: Jo Francis

    Makeup: Tracey Levy (per Mila Kunis)

    Casting: Elaine Grainger

    Scheda film aggiornata al: 28 Aprile 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il nucleo centrale della storia riguarda la vita di tre coppie che vivono in tre diverse città: New York, Parigi e Roma. Nella metropoli americana, una donna cerca di riottenere la custodia di suo figlio, dopo che è stata accusata di aver tentato di ucciderlo, cosa che lei nega fermamente. A Roma, invece, vediamo coinvolto un uomo d'affari americano, che si innamora di una donna italiana, tanto da cercare di aiutarla a liberare sua figlia, rapita da un boss locale.

    IN DETTAGLIO:

    Michael (Liam Neeson) è uno scrittore, vincitore del premio Pulitzer, rifugiatosi in una camera d’albergo di Parigi per finire il suo ultimo libro. L’uomo ha recentemente lasciato la moglie Elaine (Kim Basinger) e sta vivendo una relazione burrascosa con la giovane e ambiziosa scrittrice Anna (Olivia Wilde), una donna che sa perfettamente quello che vuole.

    Nello stesso momento, Scott (Adrien Brody), un ambiguo uomo d’affari americano, si trova a Roma per rubare gli schizzi dei nuovi modelli di famose case di moda. Odiando qualsiasi cosa sia italiano, Scott è in cerca di qualcosa di decente da mangiare quando incontra Monika (Moran Atias), una gitana dalla bellezza mozzafiato, che sta cercando di ricongiungersi con la figlia. Ma quando i soldi che la donna aveva risparmiato per salvare la bambina dalle mani di un trafficante le vengono rubati, Scott si sente in dovere di aiutarla. Entrambi partono per una città del Sud Italia e qui Scott inizia a sospettare di essere la vittima di una truffa ben congegnata.

    Julia (Mila Kunis), un'ex attrice di soap opera, è impegnata nella battaglia legale per la custodia del figlio di sei anni contro l’ex marito Rick (James Franco), un famoso artista newyorkese. A causa dei mancati sussidi e delle ingenti spese legali, Julia è costretta a lavorare come cameriera nello stesso albergo di lusso dove una volta era un’ospite assidua. L’avvocato di Julia, Theresa (Maria Bello), le sta però procurando un’ultima possibilità per far cambiare idea al tribunale e riottenere così la custodia del bambino.

    SYNOPSIS:

    Three interlocking love stories involving Three couples in Three Cities: Rome, Paris, and New York.

    Michael (Liam Neeson) is a Pulitzer Prize-winning fiction author who has holed himself up in a hotel suite in Paris to finish his latest book. He recently left his wife, Elaine (Kim Basinger), and is having a tempestuous affair with Anna (Olivia Wilde), an ambitious young journalist who wants to write and publish fiction. At the same time, Scott (Adrien Brody), a shady American businessman, is in Italy to steal designs from fashion houses. Hating everything Italian, Scott wanders into the Café American" in search of something familiar to eat. There, he meets Monika (Moran Atias), a beautiful Roma woman, who is about to be reunited with her young daughter. When the money she has saved to pay her daughter's smuggler is stolen, Scott feels compelled to help. They take off together for a dangerous town in Southern Italy, where Scott starts to suspect that he is the patsy in an elaborate con game. Julia (Mila Kunis), an ex-soap opera actress, is caught in a custody battle for her 6 ...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    AMBIZIOSO E COMPLESSO PUZZLE D'AMORE, ODIO E PERSONE (IM)POSSIBILI PER PAUL HAGGIS, IN UN SOSPESO E METAFISICO OMAGGIO AL 'BLOW UP' DI MICHELANGELO ANTONIONI

    Mi piace scrivere di cose che non comprendo e così la natura dell’amore mi è sembrata una scelta logica”. Diciamo che da quando si occupa di regia - Crash-Contatto fisico, Nella valle di Elah, The Next Three Days e adesso questo Third Person - Paul Haggis ne sembra ossessionato. In questa sua nuova 'psicanalitica finestra' a tre battenti, si riallaccia al modello sciarada degli esordi di Crash. Con un montaggio serrato, Haggis dirige sul grande schermo la danza accorata degli innumerevoli frammenti di tre storie diverse: tessere differenti per formato e per colore (non di rado è un solo fotogramma il frammento che si guadagna il primo piano tra le altre delle tre storie) che volteggiano in un andamento alternato e costante. Nell'arco temporale dilatato a

    quasi due ore e mezzo - ma neanche ce ne accorgiamo - fotogramma dopo fotogramma, questi frammenti si incontrano e si lasciano per essere plasmati come sculture, prima che raggiungano una forma ancora intonsa ma in qualche modo riconoscibile. In tal senso Paul Haggis si potrebbe definire il 'Michelangelo della celluloide': quello che ama l'idea di forme aperte, il 'non finito' che si dilata e si protende verso diverse possibilità. Ininfluenti da definire nei dettagli quando è la radice a trasparire in tutta la sua potenziale crescita. Adesso mi sa che divento più criptica dello stesso Haggis. Ad ogni modo, chi ha visto Crash sa che la sua non è una narrativa semplice e lineare - di recente ha impartito le sue lezioni di cinema a Roma, dove peraltro ha girato la maggior parte di Third Person - ma che ama scavare in profondità scartando una velina dopo l'altra, rischiando

    di incartarsi lui stesso e noi con lui. Dall'alto del suo perfezionismo che per Third Person lo ha fatto tornare sul montaggio più e più volte ricercando la versione più calzante - quasi come Ridley Scott con il suo Blade Runner per il quale la complessità del soggetto sembrava quasi rivendicare più versioni come oggettiva e necessaria rivendicazione della cangiante realtà - Haggis ha trovato il suo 'non finale': là dove qualcuno scompare per dissolvenza, qualcun altro resta in sospensione tra la pagina scritta della finzione artistica e la realtà del suo vissuto, e là dove sono in più di uno a fuggire da qualcuno o qualcosa che li insegue, guadagnando ansiosamente terreno sulla medesima strada.

    Tra Parigi, New York e Roma, tre coppie che non danno l'idea di avere alcunché in comune tra loro, vivono i loro complicati spaccati esistenziali. Lo scrittore Michael (Liam Neeson) cerca di scrivere un nuovo

    romanzo in un grande hotel parigino, ma l'apparizione della sua instabile amante Anna (Olivia Wilde) rende le cose più complicate. L'affarista Scott (Adrien Brody) a Roma incrocia la zingara Monika (Moran Atias) e se ne innamora, disposto a giocarsi i risparmi per aiutarla. Julia (Mila Kunis) a New York sta per perdere definitivamente la possibilità di vedere suo figlio dopo un incidente domestico (mentre il suo avvocato Theresa-Maria Bello, tenta un’ultima possibilità per far cambiare idea al tribunale e farle riottenere così la custodia del bambino), e il suo ex (James Franco) sembra inflessibile. C'è un fil rouge che collega queste vicende? Ovvio che il fil rouge c'è ma lo si può solo intravedere, come quella 'terza persona' del titolo, onnipresente, ma molto sullo sfondo.

    Questa non è d'altra parte che una scarna sinossi, quasi un'illusione di chiarezza, quando Third Person vuole essere, al contrario, solo un puzzle di ammiccanti verità,

    alimentato da quel mistero che è l'interiorità umana, con i suoi sentimenti, le sue contraddizioni, i suoi inganni e le sue bugie, con cui capita spesso di fare autogoal. In carne ed ossa o sul filo del racconto. Un percorso accidentato in cui brilla di luce propria dalla profondità dei suoi chiaroscuri - sottoscritta dalla superba fotografia con cui entra in scena per primo e ne esce per ultimo - Liam Neeson con il suo Michael (un bagno di pura e metafisica introspezione prima di lanciarsi nelle sue corse killer nel film Run all Night-Una notte per sopravvivere in cui lo rivedremo tra breve). Personaggio chiave con cui Neeson irradia la sua monumentale presenza anche quando non è in scena. E, pur circoscritta nel suo cameo allargato, la struggente Kim Basinger - che Haggis si tiene ben cara dai tempi di Nella Valle di Elah in cui seppe fare la

    differenza in una sequenza memorabile - con Elaine buca lo schermo dando punti al resto del blasonato cast, tra cui riescono ad affascinare e tenere alta l'attenzione sia Mila Kunis con la sua Julia che Olivia Wilde con la sua Anna. Cosa che non può dirsi delle coppie Scott (Adrien Brody)-Monika (Moran Atias), poco credibili fin sulla carta, e neppure dello scialbato pittore Rick di James Franco. Quanto al marginale ruolo di Riccardo Scamarcio, si direbbe aver usato tutto il suo talento di caratterista per creare un ritratto 'macchiaiolo' nel macchiettistico barista romano Marco, perennemente scocciato in salsa scansafatiche.

    In Blow Up (1966) Michelangelo Antonioni - l'autorialissimo omaggio è dichiarato - era un fotografo a caccia di immagini, ne Il seme della follia (1984) di John Carpenter - al di là del soggetto horror che con Third Person non ha proprio nulla a che spartire - era uno scrittore. Direi

    che è proprio su questo registro che le distanze si accorciano. Ricordate il genere di contatto tra realtà dei fatti e arte della scrittura? Ricordate quell'iperrealismo e quell'incapacità di distinguere il confine tra le due sfere? Beh questo potrebbe essere un indizio anche per il Third Person di Paul Haggis. Non posso dirvi di più. Portatevi su quella lunghezza d'onda e vi sarà più facile cogliere il respiro metafisico di un finale in un certo senso alla Inarritu. E quale potrebbe essere il colore ideale per un siffatto respiro? Non è un caso che per il suo Third Person Haggis scelga quello più definito e indefinito ad un tempo: "il bianco... il colore della fiducia... della fede... e il colore delle menzogne che lui racconta a se stesso".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringrazia Marianna Giorgi (Ufficio Stampa Eagle Pictures)

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO di THIRD PERSON

    Links:

    • Paul Haggis (Regista)

    • Adrien Brody

    • James Franco

    • Liam Neeson

    • Kim Basinger

    • Mila Kunis

    • Maria Bello

    • Riccardo Scamarcio

    • Olivia Wilde

    • Moran Atias

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Third Person - trailer

    Third Person - trailer (versione originale)

    Third Person - spot TV

    Third Person - clip 'Dovresti scrivere da Dio sull'argomento'

    Third Person - clip 'Il bar Americano'

    Third Person - clip 'Se non ti conoscessi'

    Third Person - clip 'Dagli i soldi'

    Third Person - clip 'Ami l'amore, ma non hai tempo per le persone'

    Third Person - clip 'Una cosa la vorrei'

    Third Person - intervista video a Liam Neeson 'Michael' e Olivia Wilde 'Anna' (versione originale sottotitolata)

    Third Person - intervista video a Mila Kunis 'Julia', James Franco 'Rick' e Maria Bello 'Theresa' (versione originale sottotitolata)

    Third Person - intervista video ad Adrien Brody 'Scott' e Moran Atias 'Monika' (versione originale sottotitolata)

    Third Person - featurette 'Backstage' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Report

    THE REPORT

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Dal Sundance Film Festival 2019; dal .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni .... [continua]