ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    New Entry - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    New Entry - USA: Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Ottobre 2019) - New Entry - Film di .... [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Shame

    SHAME: IL VIDEO ARTISTA E REGISTA STEVE RODNEY MCQUEEN AFFRESCA UN'OSSESSIONE RITRATTA ANIMA E CORPO DA MICHAEL FASSBENDER E CAREY MULLIGAN

    Dalla 68. Mostra del Cinema di Venezia (31 Agosto-10 Settembre 2011) - RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 13 GENNAIO

    (Shame; REGNO UNITO 2011; drammatico; 99'; Produz.: See-Saw Films/See Saw Films/Film4; Distribuz.: BIM Distribution)

    Locandina italiana Shame

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Shame

    Titolo in lingua originale: Shame

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Steve McQueen

    Sceneggiatura: Steve Rodney McQueen e Abi Morgan

    Cast: Michael Fassbender (Brandon)
    Carey Mulligan (Sissy)
    James Badge Dale (David)
    Nicole Beharie (Marianne)
    Hannah Ware (Samantha)
    Elizabeth Masucci (Ragazza conquistata)
    Anna Rose Hopkins (Ragazza del flirt)

    Musica: Harry Escott

    Costumi: David C. Robinson

    Scenografia: Judy Becker

    Fotografia: Sean Bobbitt

    Montaggio: Joe Walker

    Casting: Avy Kaufman

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    La storia racconta di Brandon (Michael Fassbender), un trentenne impenitente seduttore che vive a New York e non riesce a gestire la sua vita sessuale. Sempre diviso tra innumerevoli scappatelle, Brandon si trova però a dover trovare un equilibrio e un'organizzazione alla sua vita quando la sua più giovane sorella decide di trasferirsi da lui.

    SHORT SYNOPSIS:

    Brandon is a 30-something man living in New York who is unable to manage his sex life. After his wayward younger sister moves into his apartment, Brandon's world spirals out of control. From director Steve McQueen (Hunger), Shame is a compelling and timely examination of the nature of need, how we live our lives and the experiences that shape us.


    IN DETTAGLIO:

    Se il primo film di Steve McQueen, Hunger, parlava di un uomo privato della libertà, Shame è la storia di un uomo che ha tutte le libertà del mondo occidentale ma ha fatto del proprio corpo la sua prigione.
    Brandon (Michael Fassbender) è un trentenne di successo che vive in un confortevole appartamento di New York. Per evadere dalla monotonia della vita d‟ufficio seduce le donne, dividendosi tra una serie di storie senza futuro e incontri di una notte.
    Il ritmo metodico e ordinato della vita di Brandon, però, entra in crisi con l‟arrivo imprevisto di sua sorella Sissy (Carey Mulligan), ragazza ribelle e problematica. La sua presenza dirompente spingerà Brandon a inoltrarsi nelle pieghe più oscure dei bassifondi di New York, per sfuggire al difficile rapporto con la sorella e ai ricordi che risveglia in lui.
    Shame indaga la natura profonda dei nostri bisogni, il modo in cui affrontiamo la nostra vita e le esperienze che ci segnano.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    OSSESSIONE DA PSICANALISI PER UN INTENSISSIMO MICHAEL FASSBENDER. MA IL VIDEO ARTISTA STEVE MC QUEEN NON E' CERTO STANLEY KUBRICK

    Il video artista Steve Rodney McQueen, qui con Shame alla sua seconda prova di regia dopo Hunger (Camera d'Or per la 'Migliore Opera Prima' a Cannes, 2008) affresca un'ossessione che sembra decisamente in linea con i disturbi psichici analizzati da Freud e Jung nel cronenberghiano A Dangerous Method. La natura del problema sembra la stessa, ancorata alla sfera 'psiche-sesso-morte' e consumata tra autodistruzione e nichilismo, mentre l'atmosfera in Shame è quella decisamente contemporanea di una New York che potrebbe sprofondare da un momento all'altro per la cornucopia di 'vergogne', o, per meglio dire, 'gravi disagi', di questo ed altro genere, di cui si trova inevitabilmente ad essere testimone.

    Si tratta di uno sguardo 'artistico' che a poco a poco sa farsi esasperatamente insistito quanto l'ossessione incarnata, è proprio il

    caso di dirlo, dagli interpreti Michael Fassbender (Brandon) in primo luogo - già diretto da McQueen nel precedente Hunger - e un pò più tra le righe da Carey Mulligan (Sissy), protagonista per inciso di una delle più struggenti interpretazione canore e attoriali - qui non vi è distinzione alcuna - del classico New York, New York, speculare a quel tragico background personale che sapremo in qualche modo condiviso con il fratello Brandon. Ci dovrà bastare una frase del tipo "non siamo brutte persone, è solo che veniamo da un brutto posto" per capire che dietro al loro 'disordine' e compulsione ossessiva nei confronti del sesso, prima ancora che dell'amore, ci sono traumi e ferite evidentemente di entità sufficiente ad aver loro fatto intraprendere ognuno il proprio doloroso viaggio su binari paralleli, fatta eccezione per qualche comune sosta accidentale, di sola andata. Non c'è posto nelle vite di entrambi per

    un amore vero, fatto di sintonia e comunicazione, di concreti progetti in comune con un'altra persona. Il disagio è totale e corre sull'unico binario dell'ossessione: l'ipotetico lavoro occhieggia appena dallo sfondo di entrambi ed è ben lontano dall'avere una qualche continuità. Il che francamente ci suona piuttosto aereo, considerata la competitività, per di più ora alimentata dalla piena crisi, che da sempre ha contraddistinto l'America al motto di 'se non produci, e tanto, sei fuori e rimpiazzato all'istante da un altro'.

    Ma è evidente che a McQueen interessava uno scavo, non poi così profondo, anzi, decisamente 'epidermico', intorno a questa ossessione, vera e incontrastata protagonista. E se nella prima parte McQueen si affida ad una visione artistica, per così dire, di questa ossessione, man mano che procede scade in un (volontario o involontario?) voyeurismo, per quanto, con una certa intermittenza, cerchi di mantenersi vicino e distante ad un tempo. L'inquadratura

    artistica la si coglie fin dal primissimo fotogramma, destinato a trasformarsi in un intenso piano sequenza, puntato su un Brendon/Fassbender visceralmente introspettivo, quanto di lì a poco, in un crescendo sfiancante, fisicamente carnale, così come dettato dalla sconcertante ossessione del suo personaggio. Così, a poco a poco l'estetica dei nudi integrali e di scorci di rapporti sessuali da cui McQueen ritrae pudicamente l'obiettivo per scoprire per gradi la natura distorta del nostro protagonista, si accrescono di segno tanto quanto la sua stessa ossessione, sia mentale che carnale. Ma è anche evidente che, per quanto si possa sforzare - vedi la sequenza a carattere 'orgiastico' - Steve Rodney McQueen non è Stanley Kubrick (Eyes Wide Shut): ciò che appare piuttosto chiaramente anche dallo sguardo dilavato alla mordi e fuggi che rivolge su amletici interrogativi come i rapporti coppia, amore, sesso e matrimonio, lambiti in seno alle argomentazioni sul tema intraprese da

    Brandon con una delle svariate partner di turno.

    E se forse, ma è solo un'ipotesi screziata su un orizzonte già abbastanza offuscato su cui non sarà data opportunità alcuna di far luce e chiarezza, gli effetti collaterali di un forte e più che evidente disagio psichico, di natura maniacale depressivo compulsiva, non finiranno per strangolare del tutto il protagonista di Shame, sarà per quel fraterno filo di seta, intricatissimo e pieno di nodi quanto si vuole ma reale e incontrovertibile, con cui si vedrà a un certo punto costretto a scontrarsi drammaticamente prima di rinunciare all'irrefrenabile impulso di annientarlo e di annientarsi.

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di SHAME

    Links:

    • Steve McQueen (Regista)

    • Carey Mulligan

    • Michael Fassbender

    • James Badge Dale

    • Nicole Beharie

    • Hannah Ware

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Shame - trailer

    Shame - clip 'New York New York'

    Shame - clip 'Seduzione'

    Shame - clip 'Dovresti venire a sentirmi'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]