ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Supernova

    SUPERNOVA

    New Entry - REGNO UNITO: Dal 27 Novembre

    "Supernova è il risultato ....
    [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    New Entry - Al via le riprese a ROMA (della durata di 8 settimane) .... [continua]

    Falling

    FALLING

    New Entry - Esordio alla regia per Viggo Mortensen, qui anche sceneggiatore e musicista .... [continua]

    The Georgetown Project

    THE GEORGETOWN PROJECT

    New Entry - 2021 .... [continua]

    Dear Evan Hansen

    DEAR EVAN HANSEN

    New Entry - Nell'adattamento cinematografico di Stephen Chbosky tratto dall'acclamato musical di Broadway Julianne .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > La Cosa

    LA COSA (THE THING): L'OMBRA LUNGA DEL CLASSICO FANTA-HORROR DI JOHN CARPENTER SULLA NUOVA PELLICOLA DEL REGISTA OLANDESE MATTHIJS VAN HEIJNINGEN JR.

    RECENSIONE - Dal 27 GIUGNO

    "Ho adorato il film originale; è uno dei miei preferiti. Mi sono buttato in questo progetto, e l’idea mi ha sconvolto. A volte mi svegliavo pensando: 'Oh mio Dio, ma cosa sto facendo?' Ovviamente ho sentito molta pressione. Ho fatto di tutto per compiere il più grande tributo al film originale... Ho pensato che se il mostro può trasformarsi e cambiare aspetto quando vuole, la sua struttura deve essere translucida. Perciò si possono notare le vene ed i muscoli che si modificano tra una trasformazione ed un’altra. E’ straordinario vedere questa trasformazione del corpo mediante l’utilizzo del CGI, mentre per effetti più grandi si utilizzano le protesi...."
    Il regista Matthijs Van Heijningen Jr.

    (The Thing; USA/CANADA 2011; Thriller Sci-Fi; 103'; Produz.: Strike Entertainment; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana La Cosa

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: La Cosa

    Titolo in lingua originale: The Thing

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Matthijs van Heijningen Jr.

    Sceneggiatura: Ronald D. Moore ed Eric Heisserer

    Soggetto: PRELIMINARIA:

    La storia de La Cosa ha inizio nel 1938, quando uno dei padri della fantascienza moderna, il famoso autore John W. Campbell Jr. pubblica il suo romanzo Who Goes There?, una storia fantahorror che narra la scoperta di una navicella aliena sulla stazione di ricerca Antartide da parte di alcuni scienziati. Howard Hawks e Christian Nyby nel 1951, ispitati dal romanzo di Campbell, realizzano il film 'La Cosa da un altro mondo'. Il thriller si incentra sugli standard paranoici tipici dei racconti di Campbell, con riferimenti al periodo della Guerra Fredda.

    Dopo trent’anni, John Carpenter ha preso spunto dal libro di Campbell per il film da lui scritto e diretto La Cosa, nel 1982. Con i suoi straordinari effetti speciali, il film scritto da Bill Lancaster e prodotto da David Foster e Lawrence Turman, diventa un classico tra i thriller che ha ispirato generazioni di fan e filmmaker.

    Cast: Mary Elizabeth Winstead (Kate Lloyd)
    Eric Christian Olsen (Adam Goodman)
    Joel Edgerton (Sam Carter)
    Adewale Akinnuoye-Agbaje (Derek Jameson)
    Ulrich Thomsen (Dr. Sander Halvorson)
    Kim Bubbs (Juliette)
    Stig Henrik Hoff (Peder)
    Trond Espen Seim (Edvard Wolner)
    Jonathan Lloyd Walker (Colin)
    Carsten Bjørnlund (Karl)
    Jørgen Langhelle (Lars)
    Jan Gunnar Røise (Olav)
    Kristofer Hivju (Jonas)
    Jo Adrian Haavind (Henrik)

    Musica: Marco Beltrami

    Costumi: Luis Sequeira

    Scenografia: Sean Haworth

    Fotografia: Michel Abramowic

    Montaggio: Julian Clarke e Jono Griffith

    Casting: Denise Chamian e Angela Demo

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Antartide: un continente straordinario di una bellezza impressionante. È anche la sede di un avamposto isolato dove una scoperta scientifica si trasforma in una missione di sopravvivenza quando un alieno viene portato alla luce da una squadra di scienziati internazionali. La creatura mutaforma, accidentalmente scatenata in questa colonia abbandonata, ha la capacità di trasformarsi in una replica perfetta di qualsiasi essere vivente. Può assomigliare ad una persona, ma all'interno rimane disumana. Nel thriller The Thing la paranoia si diffonde come un'epidemia tra un gruppo di ricercatori che rimangono infettati, uno ad uno, da un mistero proveniente da un altro pianeta.
    La paleontologa Kate Lloyd (Mary Elizabeth Winstead) si è recata in una regione desolata per la spedizione della sua vita. Partecipa a un team scientifico norvegese che trova una nave extraterrestre sepolta nel ghiaccio e scopre un organismo che sembra essere morto in uno schianto eoni fa, ma che è sul punto di svegliarsi.
    Quando un semplice esperimento libera l'alieno congelato dalla sua prigione, Kate deve unirsi al pilota dell'equipaggio, Carter (Joel Edgerton), per evitare che li uccida uno alla volta. E in questo vasto terreno, un parassita che può imitare ogni cosa che tocca cercherà di mettere gli umani gli uni cercando, nel frattempo, di sopravvivere e prosperare.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    'SPLATTERANDO' SU CARPENTER & DINTORNI...

    Come poteva non esserci attesa? La Cosa è diventato film di culto con il remake dalla pellicola del 1951 confezionata ad arte da John Carpenter nel 1982. Un vero e proprio guru del genere e non solo per la maestria elegante e talora sofisticata sprigionata dalla genuinità degli elementi combinati tra loro in un inedito veicolo. Veicolo su cui Carpenter invita calorosamente lo spettatore a salire a bordo per non mollarlo mai, non prima di aver terminato il suo 'giro di morte' annunciata. Carpenter, quando vuole, sa bene come dirigere la sua orchestra in celluloide e la sua vigile attenzione rivolta costantemente ai protagonisti, musica compresa, non è che uno fra gli innumerevoli motivi accuratamente selezionati per rendere così fluido e avvolgente il filo tensivo con cui innerva le sue storie. E come molti cult nella storia del cinema (vedi ad esempio lo stesso Blade Runner),

    anche La Cosa di Carpenter non si è guadagnato che con il tempo le luci in grado di mantenere sulla ribalta opere intramontabili. Opere che ogni tanto si torna volentieri a rispolverare come reliquie antiche e preziose.

    Perciò, con un precedente come questo, pur cercando di allontanarsi da ogni critica preconcetta, non ci si può evitare il confronto con questa versione contemporanea del regista olandese Matthijs Van Heijningen Jr., qui alla sua opera prima. Confronto peraltro legittimato da un legame voluto per l'appunto dalla nuova produzione sull'onda del prequel. Il che spiega come La cosa di Matthijs Van Heijningen Jr. ricerchi continui punti di contatto con la pellicola carpenteriana (mentre flirta strizzando l'occhio qua e là all' Alien di Ridley Scott), fino all'esplicito omaggio incastonato nella stessa logica narrativa del prequel. Omaggio che Van Heijningen intreccia ai titoli di coda secondo un vezzo estetico volto a rivendicare una certa identità

    autoriale, in qualche modo indipendente, purtroppo contraddetta da altre scelte non altrettanto felici.

    Il fatto che il thriller sci-fi di Van Heijningen Jr. sia scritto da Eric Heisserer (Nightmare) può forse spiegarne il respiro marcatamente horror venato di splatter, con effetti speciali solo a tratti di un certo interesse: l'elaborazione di vecchi elementi uniti in matrimonio con le innovazioni consentite agevolmente dalla tecnologia odierna, non sempre sortiscono in un impatto emotivamente coinvolgente, se non addirittura, in qualche caso, in difetto per reiterata ridondanza, per quanto spettacolare possa rivelarsi. In merito all'elaborazione di vecchi elementi c'è da osservare che di mostruosità con la testa all'indietro la celluloide ha fatto indigestione, anche con le sue variabili horror interconnesse ad altre branche di genere alternative, a cominciare dal cult dei cult L'esorcista, con l'infinita sequela di epigoni, mentre le infinite variabili appuntate su vari stadi di assimilazione e clonazione cellulare da parte del 'corpo

    alieno' in quello 'ospite' (animale o umano che sia), offrono fragrante pane per i denti dei conduttori degli effetti speciali e visivi. Emotività assolutamente negata, ahimè - ed è forse questa la pecca più dannosa per la pellicola contemporanea - dagli attori protagonisti, massa informe assolutamente priva di spiccato caratterismo, a cominciare dalla paleontologa Kate Lloyd, interpretata da Mary Elizabeth Winstead (Grindhouse e Grindhouse - A prova di morte), personaggio destinato a guadagnare terreno fino a prendere totalmente in mano la situazione. Ragazza monocorde, impagliata entro griglie precostituite di azioni di forza meccaniche e stereotipate, asservita, più o meno come i suoi colleghi maschi, al vuoto di un'attesa sempre più accorciata sui tempi che preparano lo spettatore alla nuova 'mattanza'. E come se non bastasse, tutto l'interesse che potevano suscitare varianti sul tema, come la difficile digestione da parte dell'alieno di materie inorganiche, finisce per fare naufragio sugli scogli di

    contraddittorie ingenuità. Carpenter non si era certo fatto sfuggire un abbigliamento adeguato - per di più con evidenti segni di un oltraggio alieno (vesti stracciate, bucate e sanguinanti) di cui qui invece non vi è traccia alcuna - nel cuore dell'Antartide, palpitante dal profondo dei suoi gelidi e altisonanti aliti di vento per la più inquietante - da tutti i punti di vista - delle sue tempeste annunciate e una sceneggiatura sospesa fatta di silenzi che non tutti - è più che evidente - sono in grado di scrivere.

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di LA COSA

    Links:

    • Matthijs van Heijningen Jr. (Regista)

    • Joel Edgerton

    • Mary Elizabeth Winstead

    • Adewale Akinnuoye-Agbaje

    • La Cosa (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    La Cosa - trailer

    La Cosa - trailer HD

    La Cosa - trailer HD 1080p

    La Cosa - trailer (versione originale) - The Thing

    La Cosa - trailer HD (versione originale) - The Thing

    La Cosa - trailer del film 'La Cosa' di John Carpenter del 1982 (versione originale) - The Thing

    La Cosa - trailer del film originale 'La Cosa da un altro mondo' di Christian Nyby del 1951 (versione originale) - The Thing from Another World

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Aspettando i barbari

    ASPETTANDO I BARBARI

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Roubaix, una luce

    ROUBAIX, UNA LUCE

    New Entry - Dal Festival del Cinema di Cannes 2019 - VINCITORE del Premio .... [continua]

    Greenland

    GREENLAND

    Gerard Butler torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh, dopo il successo di .... [continua]

    The Secret - Le verità nascoste

    THE SECRET - LE VERITA' NASCOSTE

    New Entry - Nel thriller di Yuval Adler (Bethlehem, The Operative) Noomi Rapace (trilogia .... [continua]

    The Witches

    THE WITCHES

    Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega Suprema (Anne Hathaway). Nel .... [continua]

    Gauguin - Voyage de Tahiti

    GAUGUIN - VOYAGE DE TAHITI

    New Entry - Dal 17 Settembre

    "Questo film nasce dalla mia scoperta di ....
    [continua]

    Balto e Togo - La leggenda

    BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    RECENSIONE - Dal 3 Settembre

    "Il percorso che abbiamo attraversato per creare 'Balto e ....
    [continua]