ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Loro (1)

    LORO (1)

    Toni Servillo è Silvio Berlusconi nel biopic di Paolo Sorrentino - Dal 24 Aprile .... [continua]

    Avengers: Infinity War

    AVENGERS: INFINITY WAR

    Dal 25 Aprile .... [continua]

    I fantasmi d'Ismael

    I FANTASMI D'ISMAEL

    Aggiornamenti freschi di giornata! (24 Aprile 2018) - Dal 70. Festival del Cinema .... [continua]

    I segreti di Wind River

    I SEGRETI DI WIND RIVER

    RECENSIONE - VINCITORE del Premio 'Miglior Regia - Un Certain Regard' a Cannes 2017 .... [continua]

    The House That Jack Built

    THE HOUSE THAT JACK BUILT

    New Entry - 71. Cannes - Fuori Concorso - Il regista Lars von .... [continua]

    The Silent Man

    THE SILENT MAN

    RECENSIONE - Liam Neeson veste gli scomodi panni del più famoso informatore segreto della storia .... [continua]

    A Quiet Place - Un posto tranquillo

    A QUIET PLACE-UN POSTO TRANQUILLO

    RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Dal South by Southwest Film Festival 2018 .... [continua]

    The Happy Prince-L'ultimo ritratto di Oscar Wilde

    THE HAPPY PRINCE-L'ULTIMO RITRATTO DI OSCAR WILDE

    RECENSIONE - Rupert Everett porta sullo schermo (nel trittico al completo di regia, sceneggiatura e .... [continua]

    Nella tana dei lupi

    NELLA TANA DEI LUPI

    RECENSIONE - Gerard Butler agente corrotto alle prese con una gang di rapinatori impegnata a .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Source Code

    SOURCE CODE: JAKE GYLLENHAAL DENTRO UN PROGRAMMA TOP-SECRET DIRETTO DAL REGISTA DI 'MOON' DUNCAN JONES. L'IRRESISTIBILE FASCINO DEI VIAGGI NEL TEMPO, O, PER MEGLIO DIRE, 'RIASSEGNAZIONE DEL TEMPO', E DELLE REALTA' PARALLELE COLPISCE ANCORA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle - RECENSIONE N. 2

    "Sono affascinato dai film non tradizionali. Mi è venuto in mente che i primi esperimenti nel campo dei viaggi nel tempo non sarebbero stati poi così ambiziosi. Non saremmo tornati indietro di centinaia di anni, ma solo di ore o di minuti. Si può immaginare come questa tecnologia sia emersa quasi per caso in un laboratorio di ricerca, da qualche parte, e che poi sia stata utilizzata dal Dipartimento della Difesa. Ma che loro non sappiano cosa farci, perché è ancora una tecnologia sperimentale. Il fatto che il protagonista della storia abbia solo otto minuti a disposizione per completare la sua missione rende il tutto più appassionante perché c’è un limite alle informazioni che è in grado di raccogliere... Gran parte degli scienziati che si occupano dei viaggi nel tempo amano parlare dei viaggi nel tempo nel futuro. Potremmo essere capaci di rallentare l’orologio quando si viaggia ad una velocità prossima a quella della luce, che ti permette di andare avanti nel tempo. Mentre tornare indietro nel passato è molto più difficoltoso e non sappiamo ancora se sia possibile o meno. Il passato è immutabile secondo la fisica. Quello che la fisica invece suggerisce è che esista un universo parallelo, una copia della realtà identica alla nostra. Il ‘Source Code’ è ciò che rende possibile accedere ad un’altra realtà per un periodo di tempo limitato di otto minuti".
    Lo sceneggiatore Ben Ripley

    "Il mix di humour e di elementi di fantascienza lo rende inconsueto e molto affascinante. Il pubblico non deve necessariamente trovarsi intrappolato nella logica o nella scienza che c’è dietro a tutto ciò che accade. Può semplicemente lasciarsi trasportare in questo viaggio emozionante... Se metà del pubblico esce soddisfatta per la storia d’amore e l’azione, e l’altra metà rimane incuriosita dal finale e si diverte a capirne la logica, allora sarò molto soddisfatto. Credo che il film contenga elementi sufficienti per creare un interesse in tutti quanti".
    Il regista Duncan Jones

    (Source Code; USA/FRANCIA 2011; Action Thriller Sci-Fi romantico; 93'; Produz.: Vendôme Production/Vendôme Pictures/The Mark Gordon Company; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Source Code

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Source Code

    Titolo in lingua originale: Source Code

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Duncan Jones

    Sceneggiatura: Ben Ripley

    Cast: Jake Gyllenhaal (Capitano Colter Stevens)
    Michelle Monaghan (Christina)
    Vera Farmiga (Goodwin)
    Jeffrey Wright (Rutledge)
    Brent Skagford (Troxel)
    Cas Anvar (Hazmi)
    Michael Arden (Derek)
    Russell Peters (Max Denoff)
    Craig Thomas (Gold Watch Executive)

    Musica: Chris Bacon

    Costumi: Renee April

    Scenografia: Barry Chusid

    Fotografia: Don Burgess, ASC

    Montaggio: Paul Hirsch, A.C.E.

    Effetti Speciali: Ryal Cosgrove (supervisore)

    Makeup: Kathy Kelso

    Casting: John Papsidera, CSA

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il Capitano Colter Stevens (Jake Gyllenhaal) è costretto, suo malgrado, a rivivere gli ultimi 8 minuti di vita del passeggero di un treno che esploderà. Si risveglia all’improvviso senza sapere dov’è. Di fronte a lui c’è Christina (Michelle Monaghan) che gli sorride, ma lui non ha la più pallida idea di chi sia. In uno specchio vede il volto di un altro uomo e in tasca ha la carta d’identità di un tranquillo insegnante di scuola. Nel frattempo una donna in uniforme (Vera Farmiga) gli impartisce ordini da un monitor. A sua insaputa è impegnato in una missione militare ad alto rischio per scoprire il colpevole di un attentato che poche ore prima ha fatto migliaia di vittime.
    Poche ore prima, appunto…
    Colter è dentro il programma top-secret 'Source Code' che gli permette di andare indietro nel tempo, per evitare il disastro. Ma ogni volta ha solo pochi minuti per raccogliere stralci di prove.
    Solo 8 minuti…

    IN DETTAGLIO:

    In Source Code un pilota di elicotteri viene reclutato per un’operazione militare top-secret ma si ritrova coinvolto in una missione completamente diversa. Prende così corpo ed anima un action thriller intelligente e frenetico che mette in discussione le nostre supposizioni sul tempo e sullo spazio.

    Il Capitano Colter Stevens (Jake Gyllenhaal) si risveglia su un treno di pendolari senza avere la minima idea di come ci sia finito. Seduta di fronte a lui c’è Christina (Michelle Monaghan), una donna che non conosce, ma che invece sembra conoscere lui. Il Capitano Stevens cerca rifugio nel bagno e rimane sbigottito quando allo specchio vede riflesso il volto di un altro uomo e, poco dopo, nel suo portafogli scopre una carta d’identità che appartiene a un insegnante di scuola di nome Sean Fentress. All'improvviso, una fortissima esplosione squarcia letteralmente il treno.
    Quasi istantaneamente, Colter viene trasportato in un’unità di isolamento high-tech, dove una donna in uniforme, di nome Goodwin (Vera Farmiga), lo obbliga a dirle tutto ciò che ha visto. Colter è coinvolto in una missione estremamente importante per identificare un attentatore che poche ore prima ha distrutto un treno e che è intenzionato a uccidere altre migliaia di persone con un’esplosione ancora più colossale nel cuore di Chicago. Un programma top-secret, denominato ‘Source Code’, permette a Colter di assumere per breve tempo l’identità di Sean nella realtà parallela del treno di pendolari, che si dirige verso il suo tragico destino. Ogni volta che fa ritorno sul treno, Colter ha solo otto minuti a disposizione per smascherare l’identità dell’attentatore. Ma ogni volta raccoglie solo pochi stralci di prove, mentre la sua preda riesce sempre ad eluderlo. Più cose scopre, più si convince di poter prevenire la terribile esplosione – ma ha poco tempo a sua disposizione per riuscirci.

    SHORT SYNOPSIS:

    An action thriller centered on a soldier who wakes up in the body of an unknown man and discovers he's part of a mission to find the bomber of a Chicago commuter train.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    DUNCAN JONES SI CONFERMA RAFFINATO CINEASTA ASSETATO DI RISPOSTE ESISTENZIALI CHE CONTINUA A CERCARE IN REALTA' ALTERNATIVE DAL NOSTRO PRESENTE CONTEMPORANEO. QUESTA VOLTA, DOPO IL SAM ROCKWELL DI 'MOON', A DARGLI MAN SALDA CHIAMA JAKE GYLLENHAAL. INSIEME SOGNANO DI POTER PREVENIRE I DISASTRI DELLA MANO ARMATA DELL'UOMO, DI COGLIERE E DAR VALORE ALL'ATTIMO FUGGENTE, MAGARI 'RIASSEGNANDO IL TEMPO'...

    Regista da tenere d’occhio, questo Duncan Jones, che recentemente (2009) ci ha catturato con l’intrigante Sci-Fi Moon, evidentemente particolarmente attratto da prospettive esistenziali a tutto tondo, da indagarsi in profondità e per vie trasverse, in cui c’è sempre posto per qualche missione davvero ‘speciale’, la cui melodia tracima da un pentagramma magari sovrapposto, alternativo a quello originale. Sono difatti le realtà alternative, i flussi temporali ripensati non solo come non del tutto inviolabili ma come potenzialmente ‘riassegnabili’, le riletture dei rapporti tra individuo/ego e collettività, le possibili dimensioni parallele, i valori

    persi nella notte dei tempi come il dovere morale di non perdersi, anzi, catturarlo al volo, ogni attimo fuggente che la vita ci mette su un piatto d’argento, quello che immancabilmente riusciamo a rovesciare senza prima averne gustato il contenuto. Tutte tematiche trasparenti da questo nuovo Sci-Fi contemporaneo che risponde al nome di Source Code, accordando piena fiducia ad un titolo asciutto ed essenziale da rasentare l’essiccamento, per una volta rispettosamente accettato dalla versione italiana che ha fortunatamente evitato ulteriori appendici esplicative.

    Ora, se uno come Duncan Jones si mette in testa di ruminare per conto proprio temi che solo in apparenza ci possono sembrare in qualche modo familiari, potete star certi che non è certo per rimarcare qualcosa di già orecchiato, per seguire il gregge ma che ha qualcosa da dire degno di essere visto e ascoltato. Così, se prima erano i precognitivi di Minority Report, il supporto agli

    umani di sventare crimini di vario genere, qui è lo stesso avveniristico programma del ‘Source Code’ a permettere, per altri versi, di poter acquisire conoscenze anzitempo per evitare una delle varie scempiaggini criminose di cui sa essere capace l’essere umano. Nella consapevolezza di questo, qualche decennio in celluloide fa (Ultimatum alla terra) si era pensato ad un provvidenziale intervento extraterrestre per convincere, con le buone o le cattive, il genere umano a gettare le armi - non la spugna - per poter scrivere la parola ‘fine’ sull’interminabile saga ‘guerrafondaia’ in onda interplanetaria come soup-opera umana di cattivo gusto. E dire che ad ogni angolo scorgiamo sempre fantasmi minacciosi, potenziali aggressori, magari di estrazione orientale (già Wim Wenders con La terra dell’abbondanza aveva ben reso l’idea all’indomani dell’11 Settembre), magari di cultura altra. Da questa, e da altre paure, è dilaniato un intenso Jake Gyllenhaal alle prese con un imprevisto suo

    ‘sdoppiamento’ - Capitano Colter Stevens/insegnante Sean Fentress - motore-chiave operativo della ‘speciale’ missione del ‘Source Code’ che lo riporta più e più volte sul binario temporale di otto minuti focali per cercare indizi vitali a sventare attentati mortali su piccola e vasta scala. La macchina da presa di Duncan Jones che già era riuscita a catturare apici introspettivi restituiti allo spettatore nella loro integra fragranza da Sam Rockwell in Moon, qui in Source Code con Jake Gyllenhaal non si fa mancare inediti scorci di primissimi piani su cui gioca sapientemente le sue luci e le sue ombre, filtrandoli con estrema disinvoltura al setaccio multistrato dell’iper realismo così come di una variegata trasfigurazione dettata dal copione dei reiterati passaggi temporali. Così dall’alto dell’attuale maturità professionale, di cui si potevano intravedere i germi già all’altezza di Cielo d’Ottobre (2005), Jake Gyllenhaal cerca indizi così come scottanti e irrinunciabili risposte dall’interno di uno

    stato di coscienza palpabilmente alterato. La regia, assolutamente padrona del tranello teso allo spettatore, di comune accordo con il suo intenso interprete, gioca a scompaginare il comune bagaglio dello scibile di chi guarda, sul filo delle multiple sconnessioni e riconnessioni del nostro protagonista, strapazzandolo con i reiterati ‘viaggi’ iniziali finchè non decide che lo spettatore, grazie alle esperienze acquisite dello stesso interprete, sa abbastanza perché egli, come un pittore impressionista di fronte alla sua tela, possa finalmente smorzare, screziare, procedere per macchie di colore, prima di gettare nell’arena dello scompiglio, qualche elemento nuovo.

    Tra le interlocuzioni femminili di Jake - la disciplinata interpretazione di Michelle Monhagan (Christina) è semplicemente strumentale alla storia - spicca Vera Farmiga (Goodwin), vera maestra nel dirigere questo suo intrigante personaggio ‘in bilico’, destinato a trascendere il protocollo militare a tutto vantaggio del rispetto della persona umana. Scoperta questa forse ancor più importante di quel che il

    vaso di Pandora del Source Code - non un viaggio nel tempo ma una ’riassegnazione del tempo’ sul filo di calcoli parabolici e quantistici - promette di svelare…

    Commenti del regista

    Nonostante gli elogi e l’interesse rivolti nei confronti del suo primo film, inizialmente, Jones non era molto impaziente di fare un altro film di fantascienza:

    "Ma adoravo la sceneggiatura. Aveva una trama molto fitta e rapida. E poi, sono un grandissimo fan di Jake Gyllenhaal. Non volevo rinunciare all’opportunità di lavorare assieme a lui (e la collaborazione è cominciata già in fase di scrittura del film)Abbiamo sviluppato un rapporto estremamente collaborativo. Abbiamo aggiunto più humour di quanto non ce ne fosse originariamente, e sono molto soddisfatto. La storia d’amore è diventata più forte e più coinvolgente, molto più di quanto mi sia reso conto nel corso delle riprese... Se avessi permesso a me stesso di concentrarmi troppo su quell’aspetto (quello scientifico) ciò avrebbe ostacolato la narrazione. Ho un buon background in filosofia e scienza, perciò è stato facile per me capire certe cose. Capivo quali fossero le regole e come la storia dovesse essere raccontata nel contesto di quelle regole, ma non mi sono lasciato ingabbiare da esse... L’aspetto che mi intrigava molto era come risolvere questa sorta di rompicapo. Prima di tutto il numero di location è molto limitato e sono tutte in interni. E come saremmo riusciti a far avvertire i cambiamenti ai personaggi, ogni volta che torniamo da loro, visto che si tratta di variazioni quasi impercettibili? La sfida è stata riuscire a trovare il modo di rendere visivamente questa evoluzione. Ad ogni modo, molte cose sono apparse più chiare con l’evolversi delle riprese. La bellezza della sceneggiatura sta nel fatto che c’è sempre un’esplorazione costante. Colter accede ad ogni ripetizione - o ‘Source Code’ come li chiamiamo nel film - con una consapevolezza maggiore. Ogni singola volta, in ogni nuova situazione, porta con sé qualcosa di nuovo. La sfida per noi era riuscire a rendere ogni 'Source Code' interessante e far sì che il pubblico rimanesse concentrato".

    Commenti dei protagonisti:

    JAKE GYLLENHAAL confronta Source Code con il primo film (Moon) diretto da Duncan Jones, scorgendo paralleli evidenti come l’esplorazione temporale, l’identità e l’umanità:

    "Duncan sembra essere piuttosto interessato all’alterazione della realtà. Allo stesso tempo, va alla ricerca di ciò che si cela nell’inconscio. Al centro di entrambi questi film, c’è una persona che inizialmente si sente totalmente smarrita e deve trovare il modo di destreggiarsi in una situazione a lui totalmente estranea. Entrambi i protagonisti delle due pellicole cercano di scoprire cosa debbano fare e la ragione per cui si trovano dove si trovano".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringrazia Cristiana Trotta (01 Distribution)

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di SOURCE CODE

    Links:

    • Duncan Jones (Regista)

    • Jake Gyllenhaal

    • Vera Farmiga

    • Jeffrey Wright

    • Michelle Monaghan

    • SOURCE CODE - INTERVISTA al regista DUNCAN JONES e all'attore protagonista JAKE GYLLENHAAL (A cura dell'inviata SARA MESA) (Interviste)

    • UNO SCONCERTANTE ‘VIAGGIO NEL TEMPO’ CI ATTENDE CON CON JAKE GYLLENHAAL NEL ‘SOURCE CODE’ DI DUNCAN JONES, in uscita il 29 APRILE (Anteprime)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Source Code - trailer

    Source Code - trailer HD

    Source Code - trailer HD 1080p

    Source Code - trailer (versione originale)

    Source Code - trailer HD (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'amore secondo Isabelle

    L'AMORE SECONDO ISABELLE

    RECENSIONE - Vincitore del Prix SACD alla Quinzaine 2017 di Cannes - .... [continua]

    Escobar - Il fascino del male (già 'Loving Pablo')

    ESCOBAR-IL FASCINO DEL MALE

    Da Venezia 74. - Dal 19 Aprile .... [continua]

    Ghost Stories

    GHOST STORIES

    Dal 19 Aprile .... [continua]

    Il mio nome è Thomas

    IL MIO NOME E' THOMAS

    Terence Hill torna al cinema dopo 24 anni, nelle vesti di regista e di protagonista. .... [continua]

    Contromano

    CONTROMANO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Da Milano al Senegal, il tema 'migranti' con .... [continua]

    Ready Player One

    READY PLAYER ONE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "Quando la ....
    [continua]

    Tonya

    TONYA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Vincitore dell'Oscar 2018 e Golden Globe .... [continua]