ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    Aggiornamenti freschi di giornata! (14 Dicembre 2019) - Da 72. Cannes - Dal .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Vita di Pi

    VITA DI PI: LA PRIMA INCURSIONE NEL CINEMA IN 3D DEL REGISTA ANG LEE (I SEGRETI DI BROKEBACK MOUNTAIN) PER UN SINGOLARE VIAGGIO EPICO ALL'INSEGNA DELL'AVVENTURA E DELLA SCOPERTA

    VINCITORE OSCAR 2013: 'MIGLIOR REGIA (ANG LEE), 'MIGLIORE FOTOGRAFIA' (Claudio Miranda), 'MIGLIORI EFFETTI SPECIALI' (Westenhofer, Rocheron, De Boer e Elliott), 'MIGLIOR COLONNA SONORA' (Mychael Danna) - GOLDEN GLOBES 2013: 'MIGLIOR COLONNA SONORA' (MYCHAEL DANNA) - 11 NOMINATION OSCAR 2013 - RECENSIONE ITALIANA IN ANTEPRIMA e PREVIEW in ENGLISH by JUSTIN CHANG (www.variety.com) - Dal 20 DICEMBRE

    "Volevo che l’esperienza cinematografica fosse unica come il libro di Yann Martel e questo significava realizzare il film in un’altra dimensione. Il 3D è un nuovo linguaggio cinematografico che, in VITA DI PI, contribuisce a immergere gli spettatori nel mondo emotivo del personaggio e approfondisce la scala epica dell’avventura."
    Il regista Ang Lee

    (Life of Pi; USA 2012; avventura drammatica; 125'; Produz.: Rhythm and Hues/Fox 2000 Pictures; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Vita di Pi

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Vita di Pi

    Titolo in lingua originale: Life of Pi

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Ang Lee

    Sceneggiatura: David Magee

    Soggetto: Ispirato al best-seller di Yann Martel.

    Cast: Suraj Sharma (Pi Patel)
    Irrfan Khan (Pi in età adulta)
    Gerard Depardieu (Cuoco)
    Tabu (La madre di Pi)
    Adil Hussain (Il padre di Pi)
    Ayush Tandon (Il giovane Pi)

    Musica: Mychael Danna

    Costumi: Arjun Bhasin

    Scenografia: David Gropman

    Fotografia: Claudio Miranda

    Montaggio: Tim Squyres

    Effetti Speciali: Andrew Miller (supervisore)

    Casting: Avy Kaufman

    Scheda film aggiornata al: 05 Marzo 2013

    Sinossi:

    E' la vicenda di un ragazzo che sopravvive ad un naufragio ed affronta un viaggio epico all’insegna dell’avventura e della scoperta. Durante il suo viaggio in balia del mare, il giovane stringe un legame sorprendente e imprevisto con un altro sopravvissuto… una temibile tigre del Bengala.

    VITA DI PI inizia e finisce a Montreal con l’autore che, in cerca dell’ispirazione, s’imbatte nella storia incredibile di Piscine Molitor Patel (Pi a 17 anni di età è interpretato da Suraj Sharma, mentre il personaggio contemporaneo è interpretato da Irrfan Khan e l’adolescente delle scene iniziali del film da Ayush Tandon). Piscine, che tutti conoscono come Pi, cresce a Pondicherry, in India, durante gli anni ‘70, e conduce una vita serena. Suo padre (Adil Hussain) possiede uno zoo e Pi trascorre le giornate tra tigri, zebre, ippopotami e altre creature esotiche. Il ragazzo ha le sue teorie riguardo alla fede e alla natura umana (e animale) ma, dopo avere tentato di fare amicizia con una tigre del Bengala di nome Richard Parker, impara dal padre una dura lezione sui rapporti tra uomini e animali. “La tigre non è tua amica!” tuona il Signor Patel. “Gli animali non pensano come noi e chi trascura questo fatto viene ucciso!”. Pi non dimenticherà mai questa lezione, che ha un impatto profondo sulla sua insaziabile curiosità nei confronti del mondo e, poi, sul viaggio in cui si troverà coinvolto.
    Il mondo di Pi viene scosso dai cambiamenti di vasta portata che accadono nel suo paese e, quando il ragazzo ha diciassette anni, il padre e la madre (interpretata da Tabu) decidono di emigrare in cerca di una vita migliore. Il trasferimento promette nuove avventure in un mondo nuovo, ma comporta per Pi anche l’abbandono del suo primo amore.
    Avendo deciso di trasferirsi in Canada, i genitori di Pi chiudono lo zoo, preparano i bagagli (che comprendono alcuni animali dello zoo) e s’imbarcano su una nave giapponese, dove incontrano un perfido chef francese (Gérard Depardieu). Durante la notte, quando la nave è al largo, l’impetuosità della natura che tanto piace a Pi si trasforma all’improvviso in una tragedia. La nave affonda, ma Pi miracolosamente sopravvive e si trova alla deriva in pieno oceano Pacifico su una barca con un inaspettato compagno di viaggio: Richard Parker.
    Quando inizia la loro avventura, la feroce tigre, la cui vera natura è chiaramente impressa nella memoria di Pi fin dai tempi dello zoo di famiglia, è per il ragazzo un nemico mortale. Poi, man mano che va avanti la convivenza, Richard Parker diventa la migliore speranza di Pi nella ricerca di un modo per tornare a casa. Il loro legame è rafforzato da un’altra esperienza in comune: entrambi conoscono poco il mondo reale ed entrambi sono stati allevati dallo stesso maestro: il padre di Pi. Ora, ad entrambi non resta nulla di quel passato, se non loro stessi.
    I due naufraghi affrontano difficoltà inimmaginabili, tra cui la furia grandiosa e la maestosità della natura, che sferzano la piccola scialuppa. Una tempesta particolarmente violenta diventa per Pi un’esperienza spirituale che lo porta a domandarsi quale destino Dio abbia in serbo per lui. “Ho perso tutto! Mi arrendo! Cosa vuoi di più?”, Pi inveisce contro il cielo. Ma, nonostante tutto, il ragazzo non perde mai la speranza e prova gioia per le cose semplici, come un vecchio manuale di sopravvivenza o il conforto che deriva dalla bellezza dell’oceano: la bioluminescenza dalle sfumature cangianti degli incredibili banchi di pesci volanti, i blu scintillanti delle onde e una megattera lucente che emerge dalle profondità oceaniche.

    SHORT SYNOPSIS:

    Based on the best-selling novel by Yann Martel, is a magical adventure story centering on Pi Patel, the precocious son of a zookeeper. Dwellers in Pondicherry, India, the family decides to move to Canada, hitching a ride on a huge freighter. After a shipwreck, Pi is found adrift in the Pacific Ocean on a 26-foot lifeboat with a zebra, a hyena, an orangutan and a 450-pound Bengal tiger named Richard Parker, all fighting for survival.

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Una storia d’azione e d’avventura che si rivela alla fine un’analisi della struttura stessa del racconto. Pi Patel è un ragazzino che crede in Dio, tanto da voler professare contemporaneamente tre religioni, e ama le scienze e la matematica. Ma nel viaggio che dovrebbe condurlo dall’India al Canada insieme alla sua famiglia, un evento inaspettato lo porterà ad essere solo su una scialuppa di salvataggio insieme prima ad una tigre, una zebra ferita, un orango e una iena, poi solo con la prima, che per ovvie ragioni provvederà a fare piazza pulita degli altri. Ma è davvero questa la verità? È davvero questa la storia che il nostro protagonista, ormai adulto, racconta in flashback ad uno scrittore o vuole essere un’altra? Verità, finzione o semplicemente metafora? In realtà non è questa la risposta assoluta che vuole dare Ang Lee, a servizio di una sceneggiatura di David Magee su romanzo omonimo

    (edito in Italia da Piemme) del premiato Yann Martel. Lee, infatti dirige con mano ferma - come suo solito - e dimostra ancora una volta di essere autore di grande versatilità e capace di affrontare sempre con competenza qualsiasi genere di narrazione. L’avventura era uno di quelli da lui poco bazzicato (se si escludono La tigre e il dragone, che non può essere considerato tale, e Hulk), ma con questo film non solo ne affronta gli schemi con grande cura filmologica e letteraria, dove non mancano riferimenti a Il vecchio e il mare di Hemingway, o a tutta la carriera di Kipling, o al Robinson Crusoe di Defoe, ma prende in esame anche i vecchi film di Tarzan e la complessità di Prigionieri dell’oceano di Alfred Hitchcock, con un’estetica che sembra mettere in ballo anche quei vecchi film degli anni Sessanta della Disney in 'live action', come quello tratto da

    Jules Verne, I figli del capitano Grant del regista Robert Stevenson. Lee, infatti, mescola cliché estetici e sociologici, patina esotica, sottotesti e citazioni filmiche per costruire un discorso complesso sul mistero e la magia dell’identità narrativa, sulla consapevolezza di essa, sulla sua necessaria fruizione per rendere accettabili realtà che altrimenti non potrebbero esserlo, sia perché talmente dolorose da non poter essere accettate sia perché talmente assurde da sembrare più finte della finzione: Vita di Pi, così, per quanto strutturato in maniera molto diversa, si avvicina nel suo discorso di fondo ad opere quali Vero come la finzione di Marc Forster e il recentissimo Ruby Sparks di Jonathan Dayton e Valerie Faris. La materia filmica è così assicurata, ma non è da meno neppure la consapevolezza dell’uso dei mezzi notevoli di computer grafica, dove gli effetti speciali in digitale si dimostrano perfettamente fruibili e funzionali ad un’estetica fantastica e al tempo

    stesso mistica, che rende i numerosi 'tableau vivant' vere e proprie opere d’arte, fra animali protagonisti della scena (straordinaria la resa della veridicità “recitativa” della tigre dal nome altisonante Richard Parker, che pur non essendo vera probabilmente si muove meglio e ha più emozione persino di un attore in carne ed ossa), e un uso del 3D fatto per conferire quel senso di profondità necessario alla dimensione stessa del racconto, dove l’essere umano, piccolo piccolo, si scontra con l’imperiosità di una natura forte e maligna, ma anche in grado di riservare molte sorprese positive. L’oceano tempestoso, che sembra aizzarsi contro il nostro Pi, apre l’immaginazione a nuove realtà narrative, filmiche e non. Non per questo avulso da difetti – un inizio troppo convenzionale, un eccesso a tratti di epica e retorica - Vita di Pi resta però, proprio come i film più malinconici del regista taiwanese, quali Il banchetto di

    nozze, Mangiare bere uomo donna, Ragione e sentimento, Tempesta di ghiaccio, I segreti di Brokeback Mountain, un’opera che affronta l’interiorità dell’io, le complessità dell’essere umano fra giochi filosofici e spirituali. Con la consapevolezza, sempre acquisita, che il cinema è fonte di un racconto universale e popolare, che deve essere al contempo fruibile per tutti, ricco di sfumature e al tempo stesso autoriale. Ed è forse per questo che Ang Lee, fra tutti i registi stranieri trapiantati alla corte di Hollywood, è quello che più di tutti è riuscito a fare sua la lezione del cinema americano.

    Secondo commento critico (a cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    A literal crouching tiger is merely one of many visual wonders in Ang Lee's "Life of Pi," a gently transporting work of all-ages entertainment that melds a harrowing high-seas adventure with a dreamy meditation on the very nature of storytelling. Summoning the most advanced digital-filmmaking technology to deliver the most old-fashioned kind of audience satisfaction, this exquisitely beautiful adaptation of Yann Martel's castaway saga has a sui generis quality that's never less than beguiling, even if its fable-like construction and impeccable artistry come up a bit short in terms of truly gripping, elemental drama.

    Following its opening-night world premiere at the New York Film Festival, the Nov. 21-slated Fox release should find itself in exceedingly friendly B.O. waters at home and abroad. That the film was lensed in 3D should further boost its prospects, and discerning viewers will be pleased to note that the format has been used here to artistically

    as well as commercially productive ends.

    Published in 2001, Martel's Booker Prize-winning bestseller was widely deemed unfilmable due to its allegorical thrust and, more crucially, its prolonged focus on a teenage boy and a tiger spending 227 days adrift in the Pacific. Fortunately, Lee and scribe David Magee ("Finding Neverland") have extracted the book's inherently cinematic qualities, turning Martel's vivid wildlife descriptions into a feast for the eyes; the film's sheer beauty is so overwhelming, so vibrant in its use of color, as to become almost cloying at times.

    The visual lushness is apparent from the opening shots of Pondicherry, India, a former French colony where Santosh Patel (Adil Hussain) and his wife (Tabu) operate a zoo. The younger of their two sons is Piscine (played by Gautam Belur and Ayush Tandon at ages 5 and 11, respectively), a bright, curious child whose sense of mischief is tempered by his

    unusual reverence for God.

    The humorous highlights of the boy's upbringing -- how he wisely shortens his name to Pi and becomes a devout Hindu, Christian and Muslim -- are recounted by his middle-aged, modern-day counterpart (Irrfan Khan). Dreamlike dissolves help ease the script's shifts between past and present, which feel clunky and prosaic even as they lay the groundwork for the slippery metaphysical questions that will arise later.

    Fortunately, the framing device disappears almost entirely at the 40-minute mark, as the story proper starts and the picture truly begins to cast a spell. Having decided to sell the zoo and move to Canada, the Patels find themselves, along with a few remaining animals, aboard a Japanese freighter that swiftly capsizes in a thunderstorm, leaving 17-year-old Pi (Suraj Sharma) the sole human survivor as he manages to climb into a lifeboat.

    It's an astonishing sequence, rendered all the more so

    by the lucidity of the direction; rather than resorting to herky-jerky lensing and editing, Lee uses relatively long takes, smooth cuts and seamlessly integrated f/x to navigate the viewer through the action. Even as the waves heave and roll (to especially fearsome effect in 3D), the film finds room for isolated moments of haunting poetry, such as the sight of the ship's ghostly white lights descending into the abyss.

    Once the storm retreats, Pi realizes a few zoo denizens have made it onto the lifeboat, although the food chain soon dictates that the only remaining animal onboard is a ferocious 450-pound Bengal tiger, incongruously named Richard Parker. Pi realizes he's going to have to tame the tiger, a thinly veiled metaphor for his own inner beast, and as the days stretch into weeks and months, the relationship between these two unlikely companions shifts movingly, and almost imperceptibly, from mutual wariness

    into something as close to love as the laws of interspecies friendship can allow.

    Despite such severe dramatic limitations, there's no shortage of incident and surprise, even when Lee isn't rattling the audience with shots of the tiger lunging at the camera. The film's engrossing, often amusing midsection amounts to a practical illustration of survival-at-sea strategies, as Pi constructs a raft that provides some physical distance and protection from Richard Parker and finds ways to supplement his dwindling store of water and rations. Sharma, a non-pro making a terrifically engaging screen debut, underwent considerable weight fluctuations for the role, and he compellingly manifests Pi's physical sufferings while maintaining a persuasive rapport with his four-legged co-star (achieved almost entirely through CGI and modeled after four actual Bengal tigers).

    Lee and d.p. Claudio Miranda approach the technical challenges with similarly intense commitment. Shooting in the world's largest self-generating wave tank (with a

    capacity of 1.7 million gallons), they turn their visual restrictions into virtues. The nimbly circling camera is forever finding compelling angles on the action, sometimes bobbing gently above and below the water's surface, conveying a sense of perpetual motion that might test some of the more sensitive stomachs in the audience. Yet the images just as often have a classical stillness and grandeur, as in a scene of bioluminescent fish illuminating the water at night, or an otherworldly shot of the boat gliding atop the ocean's smooth, glassy surface.

    In these moments, "Life of Pi" embodies its protagonist's spiritual devotion, infusing a tale of peril, isolation and loss with a genuine sense of grace and awe at the majesty of creation. The overall effect of such exalted yet artificially achieved visuals is to loose the boundaries of conventional realism and steer the picture into a magically heightened realm, immersing the

    viewer in the story without losing sight of the fact that a story, in fact, is all it is.

    For all the splendor of the craftsmanship on display, from David Gropman's eye-popping production design to Mychael Danna's Indian-inflected score, what's missing is a certain in-the-moment urgency. Compressing nearly eight months into roughly 75 minutes of screentime is a tricky task, and one never gets a sense of the agonizing duration of Pi's experience, especially since the film tastefully sidesteps most of the raw, physically extreme details that made the novel so visceral. As much as it teems with color and creativity, "Life of Pi" could have used a bit more grit, substance and a touch of the grotesque. Even its warm-hearted plea for religious faith feels, in the end, like so much pantheistic fairy dust.

    The film was reviewed from an unfinished print (identical to the version that will play

    NYFF) with complete end credits and excellent sound and picture quality, apart from some infrequent aspect-ratio disparities that will likely be finessed before release.

    Perle di sceneggiatura



    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di VITA DI PI

    Links:

    • Ang Lee (Regista)

    • FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE - INTERVISTA al regista HUGO GÉLIN (Interviste)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook
    - Pagina Twitter
    - Vita di Pi al New York Film Festival
    - New York Film Festival su Facebook
    - New York Film Festival su Twitter

    1| 2

    Galleria Video:

    Vita di Pi - trailer 2

    Vita di Pi - trailer

    Vita di Pi - trailer 2 HD

    Vita di Pi - trailer (versione originale) - Life of Pi

    Vita di Pi - clip 'The Tiger'

    Vita di Pi - clip 'Alone with a tiger'

    Vita di Pi - clip 'Flying Fish'

    Vita di Pi - clip 'I would have died by now'

    Vita di Pi - featurette 'Creating Richard Parker' (versione originale sottotitolata)

    Vita di Pi - featurette 'La premiere all’Empire Cinema di Leicester Square a Londra' (versione originale sottotitolata)

    Vita di Pi - featurette 'Impossible Journey' (versione originale sottotitolata)

    Vita di Pi - featurette 'James Cameron consiglia il film di Ang Lee' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - Dal 12 Dicembre

    "È un ritratto davvero complesso ....
    [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]