ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    A Herdade

    A HERDADE

    New Entry - 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - Lido di Venezia, 28 .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    New Entry - Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal 21 Novembre .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > 127 ore

    127 ORE: LA VERA STORIA DELL'ALPINISTA AMERICANO ARON RALSTON RAGGIUNGE IL GRANDE SCHERMO CON JAMES FRANCO DIRETTO DA DANNY BOYLE

    RECENSIONE - Dal 25 FEBBRAIO

    Sapevo di voler portare il pubblico nel canyon dove si trova Aron e lasciarlo lì finché il ragazzo non si fosse liberato. Per me questa è una straordinaria storia di sopravvivenza nella natura, ma penso che la vicenda si svolga anche su un altro piano che sorprenderà gli spettatori. Non è semplicemente il racconto di come Aron sia riuscito a sopravvivere, per quanto il fatto abbia dell’incredibile. Aron ha attinto da una forza vitale che va ben oltre il suo straordinario coraggio ed è questo che speriamo di essere riusciti a catturare sullo schermo. È qualcosa che ci lega gli uni agli altri e ci spinge a stare insieme: quando Aron, che è completamente solo nel canyon, focalizza il pensiero su un’idea di comunità, accade qualcosa di straordinariamente potente. Riguardo alla disavventura di Aron, molte persone mi dicono di non sapere se sarebbero riuscite a compiere lo stesso gesto. Ma io penso che tutti noi faremmo qualunque cosa pur di rimanere vivi e conservare questo bene prezioso che è la vita. Penso che, in quei sei giorni nel canyon, Aron abbia avuto piena consapevolezza del valore della vita. Una delle idee del film è che lui non sia mai stato veramente solo. Fisicamente, in realtà, lo era e molto, ma spiritualmente era circondato da tutti coloro che aveva conosciuto, amato e sognato. Questo sentimento ha fatto la differenza ed è ciò che volevamo trasporre nella nostra storia... Ci accingevamo a realizzare un film d’azione il cui protagonista non poteva quasi muoversi!".
    Il regista e co-sceneggiatore Danny Boyle

    (127 Hours, GRAN BRETAGNA/USA 2010; biopic drammatico-avventuroso; 94' ; Produz.: Cloud Eight Films/Film4/Everest Entertainment/Darlow Smithson Productions/Dune Entertainment III/HandMade Films - Non accreditata - in associaz. con Pathé; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana 127 ore

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    SEE SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: 127 ore

    Titolo in lingua originale: 127 Hours

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Danny Boyle

    Sceneggiatura: Danny Boyle e Simon Beaufoy

    Soggetto: Tratto da una storia vera raccontata nel libro di Aron Ralston Between a Rock and a Hard Place.

    PRELIMINARIA:

    Un venerdì sera di aprile 2003 il ventiseienne Aron Ralston parte per lo Utah per trascorrere un weekend tra le stupefacenti bellezze del remoto Canyonlands National Park.
    Sei giorni più tardi ricompare, raccontando una storia a dir poco sbalorditiva di sopravvivenza nella natura selvaggia e d’indimenticabile forza umana di fronte alle avversità.
    Molte fra le persone che conoscono ciò che è accaduto e sanno in che modo Ralston è sopravvissuto alle sconvolgenti 127 ore trascorse da solo, in un luogo isolato, con una mano bloccata da un masso inamovibile, scarse riserve di cibo e poche gocce d’acqua, riuscendo a liberarsi soltanto con un incredibile atto di coraggio, si sono chieste:
    Che cosa ha provato quando si è reso conto di essere giunto alla resa dei conti estrema?
    Dove ha trovato la volontà di resistere in una situazione così disperata? Riuscirei a fare lo stesso, pur di sopravvivere?

    Queste sono le stesse domande che si sono posti il regista Danny Boyle, il produttore Christian Colson e lo sceneggiatore Simon Beaufoy, che hanno lavorato insieme in The Millionaire (Slumdog Millionaire) ... Ma Boyle ha anche visto qualcosa di più nell’avvincente storia di Ralston, e cioè l’opportunità di forgiare un’esperienza cinematografica innovativa da far vivere in prima persona, in cui gli spettatori fossero emotivamente coinvolti in ogni momento – in ogni fantasia, sogno, ricordo, rimpianto e ispirazione – mentre Ralston passa dalla disperazione a una determinazione a voler vivere così possente da spingerlo a compiere un gesto quasi impossibile.

    Cast: James Franco (Aron Ralston)
    Kate Mara (Kristi )
    Amber Tamblyn (Megan )
    Sean Bott (amico di Aron )
    Koleman Stinger (Aron all'età di 5 anni )
    Treat Williams (il padre di Aron )
    John Lawrence (Brion )
    Kate Burton (la madre di Aron )
    Bailee Michelle Johnson (Sonja all'età di 10 anni)
    Rebecca C. Olson (Monique Meijer )
    Parker Hadley (Aron all'età di 15 anni)
    Clémence Poésy (Rana )
    Fenton Quinn (Blue John )
    Lizzy Caplan (Sonja Ralston )
    Peter Joshua Hull (ragazzo su sofa)
    Cast completo

    Musica: A.R. Rahman

    Costumi: Suttirat Anne Larlarb

    Scenografia: Suttirat Anne Larlarb

    Fotografia: Enrique Chediak e Anthony Dod Mantle

    Montaggio: Jon Harris

    Effetti Speciali: Mark White

    Makeup: Christianna Mower

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    127 ore si ispira alla vera storia di Aron Ralston (James Franco), l'alpinista americano divenuto tristemente famoso per essere rimasto imprigionato da una frana nel corso di una scalata nello Utah. Si liberò dopo quasi cinque giorni amputandosi da solo il braccio rimasto intrappolato.

    IN DETTAGLIO:

    127 ore è la storia dell’escursionista Aron Ralston (James Franco) e della sua incredibile disavventura. Bloccato in uno stretto canyon nello Utah, con un braccio schiacciato da un masso distaccatosi dalla roccia, Ralston ricorda gli amici, le amanti (Clémence Poésy), la famiglia e le due escursioniste (Amber Tamblyn e Kate Mara) incontrate poco prima e, nel corso di cinque giornate, combatte contro gli elementi e i suoi stessi demoni, fino a scoprire di avere il coraggio e la volontà di liberarsi a qualunque costo, scendere lungo una parete di 20 metri e camminare per oltre 12 chilometri, prima di essere finalmente tratto in salvo. Raccontato con una struttura narrativa dinamica, la vicenda viscerale ed emozionante porta gli spettatori a compiere un viaggio mai sperimentato che dimostra ciò a cui siamo disposti quando scegliamo la vita.

    SYNOPSIS:

    127 Hours is the true story of mountain climber Aron Ralston's remarkable adventure to save himself after a fallen boulder crashes on his arm and traps him in an isolated canyon in Utah. Over the next five days Ralston examines his life and survives the elements to finally discover he has the courage and the wherewithal to extricate himself by any means necessary, scale a 65 foot wall and hike over eight miles before he is finally rescued. Throughout his journey, Ralston recalls friends, lovers, family, and the two hikers he met before his accident. Will they be the last two people he ever had the chance to meet?

    Commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    Occasione sprecata, quella di 127ore, per un Danny Boyle che si perde letteralmente in virtuosismi che con i canyon hanno ben poco a che vedere e che si ostinano invece a tratteggiare flashback immaginifici ed immaginari del protagonista, in quel turbine di sensazioni ed allucinazioni che lo pervadono, nel momento in cui si rende conto per la prima volta di essere solo immerso nella natura fondamentalmente ostile, fatale, maestosa e romanticamente forzata. Istantanee di una vita e di una famiglia che si susseguono come lampi, con artifici luministici che sembrano evocare un eden bloccato nel tempo e nello spazio, reminescenza e ricordo e che impregnano in realtà buona parte del film, che, della vicenda di Aaron Ralston ha ben poco, e conserva solo la tragica fatalità di un incidente, qui peraltro enfatizzato dal regista alla sua solita maniera pseudo-divina e da leggere come piccolezza dell’uomo di fronte ad una

    natura implacabile e matrigna, tale che nemmeno i migliori critici di Leopardi avrebbero potuto immaginare ed attribuire.

    Occasione dunque che non coglie la possibilità di poter mostrare, una volta tanto, immagini di natura e uomo, vera avventura vissuta e intimizzata in una vicenda che è costrizione angusta e vitale al tempo stesso in cui l’istinto di sopravvivenza cozza con la propria corporeità, con l’identità di se stessi fusa inesorabilmente nella roccia in una sorta di simbiosi difficile e letale, che succhia anima, sangue, ma che non taglia via i sentimenti.

    Danny Boyle precipita così il suo Aaron Ralston in panni che non sono suoi, non del vero Ralston, cogliendo l’occasione della vicenda reale per tratteggiare un personaggio gasato, convinto delle proprie doti, superficiale e sfacciato, sprezzante sfidante di una natura che sembra aspettare tutta la vita, e proprio quel frangente per coglierlo in fallo ed attirarlo nella trappola fatale.

    Una natura enigmista ed un cammino, in una sorta di mini-dramma di formazione fatto di scenari fini a se stessi o ristretti entro il medesimo caleidoscopio di sensazioni già viste e inutilmente ripetitive, che hanno del magico e che fungono da apparizioni per risvegliare la mente umana, il fine ultimo del monito caro al regista che nelle sue opere non dimentica mai di porre l’accento sul fato, sulla vita, sul suo valore e sugli ordini di grandezza che regolano il creato.
    Pare terreno fertilissimo per Boyle, che mette qui in atto tutta la sua conoscenza tecnica di montaggio e linguaggio profilmico, con un ampio uso di accelerazioni che simulano il battito impazzito del cuore umano, del sangue, del fervore brulicante che affolla gli stadi e le città, un movimento fatto di scatti velocissimi, giustapposti in un montaggio che vorrebbe essere di forte impatto connotativo ma che non convince mai fino

    in fondo, un gioco di soggettive e di fotografia senz’altro spettacolare ma che sembrano puro corollario della vicenda narrata e che forse a tratti sembrano dare al linguaggio più che agli attori la palma della leading star.

    C’è pure un intestardirsi nella citazione metacinematografica in quell’ossessione che ha il Ralston di Boyle per la telecamera, che culmina nell’istantanea di famiglia finale, pacchiana, fuori luogo, più adatta ad uno sceneggiato a puntate che alla classe di un acclamato ed impegnato regista di fama mondiale.

    Perle di sceneggiatura


    Pressbook:

    PRESSBOOK di 127 ORE in ITALIANO

    Links:

    • Danny Boyle (Regista)

    • James Franco

    • Kate Mara

    • Lizzy Caplan

    • Amber Tamblyn

    • Clémence Poésy

    1 | 2 | 3 | 4 | 5

    Galleria Video:

    127 Ore - trailer

    127 Ore - trailer HD

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]