ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avatar: La via dell'acqua

    AVATAR: LA VIA DELL'ACQUA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Maggio 2022) - Dal 14 Dicembre

    ....
    [continua]

    Blonde

    BLONDE

    New Entry - Vietato ai minori di 17 anni - E' lo stesso regista .... [continua]

    The Palace

    THE PALACE

    New Entry - Mickey Rourke nel nuovo dramma di Roman Polanski .... [continua]

    Io e Lulù

    IO E LULU'

    New Entry - Debutto alla regia di Channing Tatum (con Red Carolin) per uno .... [continua]

    Black Phone

    BLACK PHONE

    New Entry - Ethan Hawke diretto di nuovo da Scott Derrickson (Sinister) per un .... [continua]

    Memory

    MEMORY

    New Entry - Liam Neeson sicario alla sua ultima missione ma, persino un assassino .... [continua]

    Secret Team 355

    SECRET TEAM 355

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Maggio 2022) -
    Spy Thriller per Jessica ....
    [continua]

    The Boys in the Boat

    THE BOYS IN THE BOAT

    New Entry - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta.
    [continua]

    L'arma dell'inganno-Operazione Mincemeat

    L'ARMA DELL'INGANNO-OPERAZIONE MINCEMEAT

    Dal Bari Film Festival - Un'operazione pionieristica e cruciale per le sorti della Seconda guerra .... [continua]

    American Night

    AMERICAN NIGHT

    Nel thriller neo noir (opera prima) di Alessio Jim Della Valle protagonisti Jonathan Rhys Meyers, .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > American Life

    AMERICAN LIFE: VICISSITUDINI COMICO-AFFETTIVE DI UNA COPPIA IN VIAGGIO ATTRAVERSO L'AMERICA DI OGGI

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 17 DICEMBRE

    (Away We Go, REGNO UNITO/USA 2009; commedia ; 98' ; Produz.: Big Beach Films/Edward Saxon Productions (ESP)/Neal Street Productions; Distribuz.: BIM)

    Locandina italiana American Life

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: American Life

    Titolo in lingua originale: Away We Go

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Sam Mendes

    Sceneggiatura: Dave Eggers & Vendela Vida

    Cast: John Krasinski (Burt)
    Maya Rudolph (Verona)
    Carmen Ejogo (Grace)
    Catherine O'Hara (Gloria)
    Jeff Daniels (Jerry)
    Allison Janney (Lily)
    Jim Gaffigan (Lowell)
    Samantha Pryor (Ashley)
    Conor Carroll (Taylor)
    Maggie Gyllenhaal (LN Fisher-Herrin)
    Josh Hamilton (Wolfie)
    Brendan and Jaden Spitz (Baby Neptune)
    Chris Messina (Tom)
    Melanie Lynskey (Munch)
    Colton Parsons (James)
    Cast completo

    Musica: Alexi Murdoch

    Costumi: John Dunn

    Scenografia: Jess Gonchor

    Fotografia: Ellen Kuras, ASC

    Montaggio: Sarah Flack, A.C.E.

    Casting: Ellen Lewis e Debra Zane

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    La storia di Burt e Verona, una coppia di trentenni che aspetta un bambino. La gravidanza procede bene fino a quando ricevono una notizia improvvisa e sconvolgente: gli eccentrici genitori di Burt annunciano che lasceranno il Colorado per trasferirsi in Europa. A questo punto, viene a cadere l'unica ragione per la quale avevano deciso di stabilirsi lì. Dove (e vicino a chi) dovranno mettere su casa per crescere il bambino in arrivo? I due ragazzi partono così per un viaggio che li porterà a far visita ad amici e familiari, in città diverse, per valutare tutte le possibili opzioni.

    IN DETTAGLIO:

    Burt (John Krasinski) e Verona (Maya Rudolph) sono una coppia di vecchia data, sulla trentina, e aspettano un bambino. La gravidanza è arrivata al sesto mese e procede bene, finché la coppia non riceve una notizia improvvisa e sconvolgente: gli eccentrici genitori di Burt, Jerry e Gloria (Jeff Daniels e Catherine O'Hara), annunciano all'improvviso che lasceranno il Colorado per trasferirsi altrove. A questo punto, viene a cadere l'unica ragione per cui la giovane coppia aveva deciso di stabilirsi lì.
    Burt e Verona si trovano di fronte a un interrogativo: dove e vicino a chi dovranno stabilire la loro casa per crescere il bambino in arrivo? Partono così per un viaggio ambizioso, che li porterà a far visita ad amici e familiari, in città diverse, per valutare le possibili opzioni. La prima tappa dell'itinerario è Phoenix, dove i due trascorrono una giornata al cinodromo con l'incontenibile ed eccessiva ex-collega di Verona, Lily (Allison Janney), e i membri della sua famiglia, tra cui il marito Lowell (Jim Gaffigan). Poi è la volta di Tucson, dove fanno visita a Grace (Carmen Ejogo), la bella sorella di Verona.
    Una conversazione molto intima con Grace, che è la sua unica parente in vita, aiuta Verona a vedere le cose sotto una nuova luce, che le tornerà utile nel Winsconsin, dove lei e Burt sono stati invitati a casa della "cuginetta" di Burt, che ora si fa chiamare LN (Maggie Gyllenhaal), e del suo compagno Roderick (Josh Hamilton). Dopo aver preso atto di come LN e Roderick intendono l'educazione dei figli e la gestione della casa, Burt e Verona scappano a Montreal, dove ricevono un'accoglienza più calorosa dai loro ex-compagni di college Tom (Chris Messina) e Munch (Melanie Lynskey).
    Anche se la casa è piena di bambini, comodità e allegria, dopo una serata a quattro, Burt e Verona si rendono conto di quanto sia difficile tenere in piedi un rapporto d'amore e una famiglia. Quando un'improvvisa emergenza li costringe a fare una tappa imprevista a Miami dal fratello di Burt, Courtney (Paul Schneider), i due ragazzi capiscono che la scelta del posto dove metter su casa dovrà dipendere solo da loro.

    Commento critico (a cura di SARA MESA)

    American Life è un titolo inappropriato quanto furbo per questo piccolo gioiellino di cinema indipendente. Infatti, oltre a riprendere l'insopportabile tradizione italiana di tradurre un titolo inglese con un altro titolo in inglese (perchè non lasciare il titolo originale se lo scopo non è quello di facilitarne la comprensione ad un pubblico che non conosce la lingua?), cerca più o meno velatamente di richiamare alla mente dello spettatore il più grande successo del regista
    American Beauty. Il fatto è che Away we go (titolo originale del film) ha veramente poco a che fare con l'opera prima di Mendes, e più in generale con la sua intera filmografia. Per la prima volta infatti ci troviamo davanti ad un film commedia che non ci risparmia momenti esilaranti ed episodi tragicomici, seppur con lo scopo di andare a trattare il tema tanto caro all'autore della famiglia e dell'impossibilità di costituirne una che sia all'altezza

    delle proprie e delle altrui aspettative. In Away we go però questo argomento viene analizzato con la spensieratezza e la speranza che sono sempre mancate ai film del regista: gli innumerevoli pasti intorno al tavolo - ricorrenti nei suoi film quanto in tutti quelli che hanno caratterizzato la sua formazione cinematografica - non sono più silenziosi ed angoscianti, ma pieni di un'eccentrica vitalità che aiuta i personaggi ad esprimere non tanto la loro aggressività, quanto la loro irrazionale e a tratti irritante voglia di vivere, che va al di là di ogni schema preimpostato.

    Burt e Verona riescono a non rimanere prigionieri di sè stessi e della società e attraverso l'espediente (abusato ma sempre adatto) del viaggio 'on the road' esplorano le proprie paure e tramutano le loro aspettative in realtà, comprendendo che non esiste un modello da seguire, un modo giusto in cui comportarsi, ma solo il "loro" modo, che

    sarà quello migliore per crescere il proprio figlio. Il loro pellegrinaggio serve unicamente a scoprire che gli altri non sono affatto perfetti come credevano e che ognuno è vittima delle proprie debolezze e dei propri assolutismi. Questa volta però i personaggi non nascondono le loro imperfezioni dietro un'apparente perfezione esteriore, come accadeva in American Beauty o Revolutionary Road, ma abbassano le difese e gridano comicamente al mondo la loro inadeguatezza e la loro frustrazione. Il regista si fa così interprete della situazione attuale che non permette nemmeno più di fingere la felicità e ancora una volta trova il migliore dei mondi possibili lontano dagli Stati Uniti, in Canada, a Montreal. L'America che rappresenta sempre con tanta passione, ancora una volta delude le aspettative e spinge i personaggi e lo spettatore a spostare lo sguardo oltre il confine, oltre il fittizio sogno americano, per scoprire la bellezza della vita semplice, spontanea

    e meno ipocrita di una coppia che nonostante i problemi si impegna giorno per giorno a costruire una famiglia sana ed è disposta ad accogliere "l'altro" a braccia aperte. I protagonisti infatti pensano di aver trovato proprio in loro la famiglia a cui ispirarsi, il luogo in cui poter mettere finalmente radici, ma un imprevisto li porta nuovamente lontano e rimanda ancora una volta il confronto con il dolore, con la fatica che comporta occuparsi di un essere umano, che sia un figlio o una coppia di amici in difficoltà. Alla fine però Burt e Verona fanno veramente il primo passo verso quella crescita personale che un giorno li porterà a diventare dei genitori responsabili; il primo occupandosi del fratello e la seconda prendendosi cura della nipote e affrontando il proprio passato.

    A rendere il film così piacevole e coinvolgente contribuiscono in gran parte le performance degli attori, sia primari che

    secondari. John Krasinsky e Maya Rudolph sono credibilissimi nella loro interpretazione della coppia imperfetta, in cui risulta tanto facile identificarsi e Maggie Gyllenhaal ed Allison Janney riescono come sempre a rendere profondi ed accattivanti dei personaggi tanto improbabili quanto realistici nella loro assurdità.

    Mendes si conferma così un ottimo direttore di cast e grazie alla sua pluridecennale esperienza teatrale riesce a tirar fuori il meglio dai suoi attori, privilegiando la loro espressività rispetto ad ogni altro aspetto registico del film. Per la prima volta non si circonda dei collaboratori di una vita e avvalendosi di una troupe completamente nuova conferisce al film un tocco inedito e quanto mai inaspettato. I contrasti tra il bianco e il nero, il rosso e il blu e la fotografia curata a cui ci aveva abituati qui cedono il passo ad una rappresentazione della realtà meno patinata, più disincantata e simile ai personaggi che la popolano.

    Come

    i protagonisti, il paesaggio si mostra con la sua forza dirompente e con i suoi infiniti difetti che contribuiscono a renderlo familiare ed accogliente. Gli interni delle case sono pieni e claustrofobici, non più vuoti ed asettici, perchè c'è
    qualcuno che li abita veramente, che non li considera delle prigioni, ma dei luoghi caldi in cui tornare e rifugiarsi la sera. Gli spazi aperti e quelli chiusi si alternano con la stessa frequenza in cui si muovono Burt e Verona offrendoci di volta in volta uno scorcio della vita che sarebbe possibile vivervi. La macchina da presa segue le vicende in maniera discreta, lasciando ai personaggi l'onere di raccontare la storia. I movimenti sono fluidi e calcolati, in modo di non interferire con gli avvenimenti, cosicchè lo spettatore possa seguire il viaggio della coppia come se vi stesse assistendo dal vivo e il mezzo freddo che si frappone tra lui e

    la narrazione scompaia.

    Il finale non può non includere una finestra, il filtro che Mendes frappone sempre tra la realtà che vivono i suoi personaggi e la realtà effettiva, ma se prima tutti vi si nascondevano dietro o vi si bloccavano davanti, ora la attraversano, abbattendo così l'ultimo ostacolo che li divide dalla libertà, dalla consapevolezza e dalla piena realizzazione personale.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO

    Links:

    • Sam Mendes (Regista)

    • Maggie Gyllenhaal

    • Jeff Daniels

    • Melanie Lynskey

    • John Krasinski

    • Catherine O'Hara

    • Carmen Ejogo

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

    Galleria Video:

    American Life - trailer

    American Life - trailer HD

    American Life - clip 1

    American Life - clip 2

    American Life - clip 3

    American Life - clip 4

    American Life - clip 5

    American Life - clip 6

    American Life - clip 7

    American Life - clip 8

    American Life - clip 9

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Doctor Strange nel Multiverso della Follia

    DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA (No spoiler) - Dal 4 Maggio

    "Lo stesso scrittore, Michael Waldron, ....
    [continua]

    Finale a sorpresa - Official Competition

    FINALE A SORPRESA - OFFICIAL COMPETITION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Equals

    EQUALS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 72. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Strangerland

    STRANGERLAND

    Dal Sundance Film Festival 2015 - RECENSIONE - In TV Domenica 1° Maggio 2022 su .... [continua]

    The Northman

    THE NORTHMAN

    Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X secolo, Alexander Skarsgård, Nicole .... [continua]

    The Weather Man - L'uomo delle previsioni

    THE WEATHER MAN - L'UOMO DELLE PREVISIONI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 3 Marzo .... [continua]

    The Lost City

    THE LOST CITY

    Sandra Bullock, Brad Pitt, Channing Tatum e Daniel Radcliffe nella commedia romantica di Aaron e .... [continua]