ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Matrix 4

    THE MATRIX 4

    New Entry - La regista e sceneggiatrice Lana Wachowski recluta di nuovo Keanu Reeves .... [continua]

    Cetto c'è senzadubbiamente

    CETTO C'E' SENZADUBBIAMENTE

    New Entry - Dal 21 Novembre .... [continua]

    I Am Patrick Swayze

    I AM PATRICK SWAYZE

    New Entry - Il doc televisivo in omaggio a Patrick Swayze, star di .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Eurovision

    EUROVISION

    New Entry - 2020 .... [continua]

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > The Conspirator

    THE CONSPIRATOR: QUALE VERITA' E QUALE GIUSTIZIA!? ROBERT REDFORD RISPOLVERA GLI STORICI EVENTI DEL POST ASSASSINIO DI ABRAHAM LINCOLN. NEL CAST EVAN RACHEL WOOD, JAMES MCAVOY, ROBIN WRIGHT E JUSTIN LONG

    RECENSIONE - Dal 22 GIUGNO

    "Il film parla di come si cercasse di impedire l’aggravamento della polarizzazione politica di allora, il paese era profondamente diviso, non solo fra Nord e Sud, ma anche all’interno del governo, tra chi voleva imporre punizioni e restrizioni al Sud sconfitto e chi, come Lincoln, sosteneva una ricostruzione più moderata e conciliante... 'The Conspirator' non si occupa solo di una cospirazione. C’è stato l’assassinio, ovviamente, ma c’è stata anche una cospirazione di opportunità politiche... Tutti sapevano che la resa che aveva posto fine alla guerra rappresentava una pace perlomeno fragile. L’assassinio era una minaccia diretta a questa pace ... Anche se non volutamente, ci sono dei parallelismi (con l'11 settembre) tra il tribunale militare che ha giudicato Mary e quelli dei detenuti di Guantanamo. La storia e gli avvenimenti di oggi hanno un modo interessante di mettere in luce le somiglianze tra le due situazioni. Sarà il pubblico a decidere... In 'The Conspirator' gli eventi scatenano una miriade di emozioni in Mary e Aiken, che sfidano il loro concetto di dovere, onore e lealtà. Ed è proprio il modo in cui i due reagiscono a queste sfide che dà vita a una storia emotivamente coinvolgente".
    Il regista Robert Redford

    "E’ una di quelle storie che tutti pensano di conoscere, ma non è così. Tutti sanno che Abraham Lincoln è stato assassinato da un attore che si chiamava John Wilkes Booth, ma nessuno sa che era parte di una cospirazione molto più grande e complessa".
    Il produttore Brian Falk

    "Non ho dubbi che Edwin Stanton, il ministro della Guerra, e Joseph Holt, l’Avvocato Generale dello Stato, pensassero che fosse colpevole e non ho dubbi che l’avvocato della difesa, Frederick Aiken, pensasse che fosse innocente. Forse la verità è da qualche parte fra i due punti di vista ed è lì che mi voglio situare io, perché l’ambiguità è la più veritiera... C’è una madre in una situazione disperata, sostanzialmente abbandonata dal figlio. Arriva un altro giovane uomo che per lei prende il posto del figlio. E’ lui a restarle accanto, a lottare per difenderla fino alla fine, mentre suo figlio non si preoccupa di salvarla... E’ una storia che parla di fedeltà e devozione".
    Lo sceneggiatore James D. Solomon

    (The Conspirator; USA 2010; dramma processuale; 122'; Produz.: The American Film Company/Wildwood Enterprises; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana The Conspirator

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT & LONG SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: The Conspirator

    Titolo in lingua originale: The Conspirator

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Robert Redford

    Sceneggiatura: James D. Solomon

    Soggetto: The Conspirator analizza la reazione della nazione all’assassinio di Lincoln, gli strascichi di quello che fu, allora, l’omicidio più sconvolgente della storia Americana.
    Storia di James D. Solomon e Gregory Bernstein sugli eventi realmente accaduti, successivi all'assassinio del presidente Lincoln per mano di John Wilkes Booth. E' il 1865, e per la piccola banda di Confederati che ha aiutato a preparare l'attacco al Presidente si apre una vera e propria caccia all'uomo...
    The Conspirator racconta la storia di Mary Surratt, l’unica donna accusata di aver cospirato per uccidere Abraham Lincoln. I cospiratori, compreso il figlio di Mary, John, si incontravano nella sua pensione e alcuni ne erano ospiti fissi. Discutevano dell’assassinio durante quegli incontri? Mary sapeva? Era anche lei parte della cospirazione?

    Cast: Evan Rachel Wood (Anna Surratt )
    James McAvoy (avvocato Frederick Aiken )
    Alexis Bledel (Sarah Weston )
    Justin Long (Nicholas Baker )
    Robin Wright (Mary Surratt)
    Kevin Kline (Edwin Stanto )
    James Badge Dale (William Hamilton )
    Norman Reedus (Lewis Payne )
    Toby Kebbell (John Wilkes Booth )
    Danny Huston (Joseph Holt )
    Tom Wilkinson (Reverdy Johnson )
    Johnny Simmons (John Surratt )
    Jonathan Groff (Louis Weichmann)
    Chris Bauer (Major Smith )
    Stephen Root (John Lloyd )
    Cast completo

    Musica: Mark Isham

    Costumi: Louise Frogley

    Scenografia: Kalina Ivanov

    Fotografia: Newton Thomas Sigel

    Montaggio: Craig McKay

    Makeup: Theresa McCoy McDowell e Duane Saylor

    Casting: Jackie Burch e Avy Kaufman

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Sulla scia dell'assassinio di Abraham Lincoln, sette uomini e una donna sono stati arrestati con l'accusa di far parte di un gruppo di cospiratori che ha organizzato l'assassinio del Presidente, il Vice-Presidente e Segretario di Stato. L'avvocato di recente conio, Frederick Aiken (James McAvoy), un giovane di 28 anni, eroe di guerra, riluttante, accetta di difendere davanti a un tribunale militare, Mary Surratt (Robin Wright), la donna di 42 anni accusata dell'assassinio. Aiken realizza che la sua cliente potrebbe essere innocente e che viene usata come esca e ostaggio, al fine di catturare l'unico cospiratore che è sfuggito ad una massiccia caccia all'uomo...

    IN DETTAGLIO:

    In seguito all’assassinio di Abramo Lincoln, sette uomini e una donna vengono arrestati con l’accusa di aver cospirato per uccidere il Presidente, il Vice presidente e il Segretario di Stato. La donna accusata, Mary Surratt (Robin Wright), è la proprietaria della pensione dove John Wilkes Booth (Toby Kebbell) e gli altri si riunivano per pianificare l’assassinio.
    Sullo sfondo di un’inquieta Washington nel periodo che segue la Guerra Civile, il ventottenne Fredrick Aiken (James McAvoy), valoroso soldato diventato avvocato, accetta, pur controvoglia, di difendere Mary Surratt davanti a un tribunale militare.
    Durante il processo Aiken si convince sempre più dell'innocenza della sua cliente, ed inizia a pensare che sia stata usata come capro espiatorio al fine di catturare l'unico cospiratore scampato all'arresto, suo figlio John (Johnny Simmons). Mentre tutta la nazione è contro di lei, Mary Surratt è costretta ad affidarsi ad Aiken per scoprire la verità e avere salva la vita.

    SHORT SYNOPSIS:

    Mary Surratt is the lone female charged as a co-conspirator in the assassination trial of Abraham Lincoln. As the whole nation turns against her, she is forced to rely on her reluctant lawyer to uncover the truth and save her life.


    SYNOPSIS:

    In the wake of Abraham Lincoln's assassination, seven men and one woman are arrested and charged with conspiring to kill the President, the Vice-President, and the Secretary of State. The lone woman charged, Mary Surratt (Robin Wright), 42, owns a boarding house where John Wilkes Booth and others met and planned the simultaneous attacks. Against the ominous back-drop of post-Civil War Washington, newly-minted lawyer, Frederick Aiken (James McAvoy), a 28-year-old Union war-hero, reluctantly agrees to defend Surratt before a military tribunal. As the trial unfolds, Aiken realizes his client may be innocent and that she is being used as bait and hostage in order to capture the only conspirator to have escaped a massive manhunt, her own son.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    LA 'MADRE CORAGGIO' DI ROBERT REDFORD AI TEMPI DI ABRAHAM LINCOLN HA L'ANIMA E IL VOLTO DI ROBIN WRIGHT. JAMES MCAVOY QUELLO DEI SANI E IRRINUNCIABILI IDEALI DI VERA GIUSTIZIA NEL RISPETTO DELLA LEGGE E DEI DIRITTI UMANI CHE NON HANNO NULLA A CHE FARE CON LE VENDETTE DI GUERRA. A BUON INTENDITOR...! UN CLASSICO AFFRESCO LENTICOLARE E UMBRATILE COME LA PITTURA DI VERMEER E DI REMBRANDT, SFUMATO SUI CHIAROSCURI DI INDIMENTICABILI PELLICOLE A FIRMA INDELEBILE DEL COMPIANTO ALAN J. PAKULA

    Avrebbe anche potuto trovare in ‘Madre Coraggio’ il titolo ideale questo ‘dramma processuale’ stilato da Robert Redford nella più classica delle formulazioni, secondo la formazione doc dell’icona in celluloide double face. Recto e verso di un artista a tutto tondo che, può trovarsi dietro e/o davanti la macchina da presa con la medesima confortevolezza ed invariato talento. D’altra parte non gli fa difetto porsi pure di fianco o in qualunque

    altra angolazione prospettatagli dalla lunga lista di progetti cinematografici che normalmente gestisce nell’ambito dello show businness, con un occhio di riguardo - che da sempre lo contraddistingue nelle scelte a soggetto - per soggetti di portata e respiro ad alta responsabilità sociale e partecipazione politica. Il recente Leone per agnelli, confezionato in una veste per certi versi più appetibile dal punto di vista dell’intrattenimento rispetto a The Conspirator, ne è una chiara dimostrazione. Ma il ‘Redford Touch’ inizia da ben più lontano, là dove, in oltre 30 anni di fama internazionale, meritatissima e guadagnata a pelle senza troppi compromessi, con molta schiettezza e determinazione, occhieggiano numerose le avvisaglie del futuro in celluloide all’insegna di un’incontenibile passione per film ben saturi di una sostanza culturale in cui non c’è proprio posto per l’effimero, tutt’al più per vene di pronunciato romanticismo (basti pensare cosa non ha saputo fare Robert Redford con L’uomo

    che sussurrava ai cavalli, e non soltanto per quel che attiene la ‘love story’ tra il suo personaggio/Tom Booker e quello di Kristin Scott Thomas/Annie MacLean, irresistibili entrambi, ma anche e soprattutto per come la sua m. d. p. ha catturato l’anima di cavalli e natura in scenari di cui ci è rimasto in mente, indelebile, il battito cardiaco, l’alito di vita pulsante).

    Robert Redford sa e vuole essere in ogni suo soggetto come l’irriducibile giornalista interpretato in Qualcosa di personale, che scava alla radice di una notizia di un evento, accettando di buon grado la cifra insistita e didascalica operando una sorta di endoscopia della notizia, di una situazione, di uno spaccato epocale, di drammi politici o personali, di quel che dovrebbe rappresentare la Legge mai disgiunta da Moralità e Giustizia autentiche. E tutto questo non manca neppure in The Conspirator che abbraccia un capitolo di storia americana epico,

    appuntato sulla infiammatissima fase del conflitto tra Nordisti e Sudisti raccolto all’altezza dell’assassinio del Presidente Abraham Lincoln. E se il mitico ‘feuilletton’ dolcificato di Via col vento aveva detto la sua su quella guerra infinita quanto i suoi incontenibili strascichi di livore e vendetta, il The Conspirator di Redford si colloca ovviamente - e come poteva essere altrimenti? - agli antipodi, prospettando uno scorcio didascalico degli eventi prima di avventurarsi nel viscerale percorso atrocemente rivelatore di come ci si adoperasse nelle aule di tribunale dell’epoca per una ‘giustizia sui generis’, altrimenti detta ‘esecuzione vendicativa’ in stato post bellico. Una cronaca lenticolare respirata all’ombra di intenti assolutamente condivisi di fare cinema che tradisce l’allineamento della vena stilistica di Robert Redford con quella del mai compianto abbastanza Alan J. Pakula. Tutti gli uomini del Presidente (1976) li ha visti insieme rispettivamente nei ruoli di regista (Pakula) ed interprete (Redford, già ostinatamente

    rigoroso giornalista di ‘cronaca politica d’azzardo’) ma l’ombra lunga pakuliana su The Conspirator trasuda anche dalla linfa emanata da un celebre processo in celluloide a carattere ben più intimo sul piano personale come Presunto Innocente, dove la fotografia straordinariamente umbratile e chiaroscurata flirtava all’unisono con il respiro di protagonisti e circostanze. Un concetto assolutamente condiviso da Robert Redford che in The Conspirator conferisce alla fotografia un ruolo da ‘primadonna’ incontrastata: e non si tratta della consueta fotografia patinata dei film d’epoca, shakerata tra bianco e nero e seppia, bensì di una fotografia desaturata, pulviscolare e irrorata di una luce semi dissolvente che, per dichiarata confessione dello stesso Redford, passa dai celebri Maestri della pittura come Vermeer e Rembrandt per abbracciare le origini del cinema con i fratelli Lumiere, omaggio apertamente dichiarato in particolar modo sui titoli di coda, stagliati sull’effetto ‘autocrome’.

    Così se potrà risultare un po’ pesante e scarsamente emozionale

    la prima parte del film, lineare e quasi didascalica nel dipanarsi delle griglie narrative degli eventi, dopo essersi fregiato però di un’apertura da manuale con una prima scheggia di ‘eroismo allo stato puro’, The Conspirator ingrana senza fretta le sue marce per lasciare spazio e respiro necessari all’’exemplum elettivo’ assolutamente antitetico al concetto di fare Giustizia: il processo ‘militarizzato’ e assolutamente falsato ai danni dell’accusata Mary Surratt (per un serioso e criptico affresco di introspezione pura da parte di Robin Wright), la ‘madre coraggio’, quasi distante dalla realtà circostante e come disinteressata alla verità delle implicazioni di cospirazione ai fini dell’assassinio del Presidente Lincoln da parte del figlio, perché assolutamente succube dell’incondizionato amore di madre. Quello che la vede tanto dignitosamente silente ad ogni genere di considerazione infamante e mendace nel corso delle dinamiche processuali, quanto irrimediabilmente irruenta e incontenibile ogni qual volta si tira in ballo il figlio, ‘altruisticamente’

    dileguatosi nel nulla a dispetto delle sorti della madre a rischio impiccagione al posto suo. E la seconda parte del film riserva proprio su questo registro non poche ‘scene-madri’ che vedono anche il coinvolgimento della figlia Anna (Evan Rachel Wood) da parte dell’eroico capitano Freddie Eiken (James McAvoy), reinvestito della carica di avvocato una volta tornato a casa dopo la guerra. E’ difatti a James McAvoy che è stato affidato il ruolo di specchio riflettente il vero senso di giustizia: interessante e a tratti commovente il suo viatico di riluttante difesa della presunta cospiratrice (Mary Surratt/Robin Wright) responsabile dell’assassinio di un Presidente amato e rispettato proprio per il vessillo degli ideali di giustizia e moralità, fino al suo sempre più convinto e incondizionato impegno verso il raggiungimento di un ‘processo giusto’ per quella, autoprofessatasi, “donna del Sud, cattolica e madre devota ma non assassina”. Una madre con forti sensi di

    colpa a dispetto del comportamento tristemente ‘asettico’ ed egoista di suo figlio, pronta a difenderlo a spada tratta a dispetto di tutto e tutti: “Sono stata opprimente con lui, mio figlio aveva bisogno di essere libero, di scegliere la sua vita e ha scelto questo modo”. Di contro l’agghiacciante verdetto alimentato dall’idea cancerosa che in tempo di Guerra la Legge e la Giustizia non sono più tali, Robert Redford contrappone il suo monito di denuncia che dal quel sanguinario passato strizza - non tanto amichevolmente - l’occhio all’altrettanto sanguinario presente: “Non sacrifichiamo i diritti che abbiamo difeso in nome della vendetta, troppi di noi hanno perso la vita per difenderli”.

    Altre voci dal set:

    Lo sceneggiatore JAMES D. SOLOMON - "Non è stato un processo giusto" -

    "Il percorso di chi deve confrontarsi e superare tutti questi ostacoli mi ha interessato molto, Aiken è appena diventato avvocato e questo è il suo primo caso, è un outsider e così noi impariamo insieme a lui... Aiken ha le mani legate in questo processo. In un tribunale militare non c’è presunzione di innocenza, lui non ha accesso alle testimonianze che verranno usate contro Mary, né informazioni sul procedimento giudiziario. Non può fare appello. Non è stato un processo giusto".

    Pressbook:

    PRESSBOOK completo in ITALIANO di THE CONSPIRATOR

    Links:

    • Robert Redford (Regista)

    • Robin Wright

    • James McAvoy

    • Danny Huston

    • Evan Rachel Wood

    • Tom Wilkinson

    • Stephen Root

    • Justin Long

    • Norman Reedus

    • James Badge Dale

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    The Conspirator - trailer

    The Conspirator - trailer HD

    The Conspirator - trailer (versione originale)

    The Conspirator - trailer HD (versione originale)

    The Conspirator - trailer HD 1080p (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Il Signor Diavolo

    IL SIGNOR DIAVOLO

    Un ritorno ai demoni del passato del regista Pupi Avati al romanzo gotico e a .... [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]