ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Son

    THE SON

    New Entry - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) - .... [continua]

    Jeanne du Barry

    JEANNE DU BARRY

    New Entry - Johnny Depp veste i baroccheggianti panni di Re Luigi XV diretto .... [continua]

    The Eternal Daughter

    THE ETERNAL DAUGHTER

    79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) - Concorso - .... [continua]

    Bardo

    BARDO

    New Entry - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) - .... [continua]

    Gli spiriti dell'isola

    GLI SPIRITI DELL'ISOLA

    New Entry - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) - .... [continua]

    White Noise

    WHITE NOISE

    New Entry - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) Film .... [continua]

    The Whale

    THE WHALE

    New Entry - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (31 agosto-10 settembre 2022) - .... [continua]

    Blonde

    BLONDE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Agosto 2022) - 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica .... [continua]

    My Mother's Wedding

    MY MOTHER'S WEDDING

    New Entry - Debutto alla regia per Kristin Scott Thomas con una storia .... [continua]

    Back in Action

    BACK IN ACTION

    New Entry - Cameron Diaz torna al cinema al fianco di Jamie Foxx .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Fratellanza - Brotherhood

    FRATELLANZA - BROTHERHOOD

    RECENSIONE - Dal Festival Internazionale del Film di Roma 2009 - Vincitore del Marc'Aurelio d'Oro - Miglior Film - Dal 2 LUGLIO

    "Una storia d’amore, che tratta innanzi tutto e soprattutto di un amore proibito. Non essere d’accordo con gli altri va bene, ma non va bene giudicare gli altri sulla base del colore della loro pelle, della loro religione o del loro orientamento sessuale. E’ difficile amare tutti, eppure sono convinto che dovremmo provarci. So che può suonare strano, ma credo che dovremmo sforzarci di rispettarci di più reciprocamente. Se non sei d’accordo con qualcuno, o se ne va lui o te ne vai tu! La violenza è inaccettabile e fuori questione. E’ segno di scarsa intelligenza. Ma in un certo senso provo pena per gli estremisti di destra. Le persone che cedono alla violenza lo fanno per alienazione. Hanno provato a risolvere i loro problemi con altri metodi, ma hanno fallito, ed ora si sentono indifesi nella loro lotta contro il sistema. Quello è il momento in cui alcuni fanno appello alla violenza, e in quella situazione l’amore viene davvero messo alla prova".
    Il regista e cosceneggiatore Nicolo Donato

    (Brotherhood DANIMARCA 2009; drammatico; 90'; Produz.: ASTA FILM in co-produzione con FILM I VÄST con il sostegno di THE DANISH FILM INSTITUTE e FILM FYN; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Fratellanza - Brotherhood

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Fratellanza - Brotherhood

    Titolo in lingua originale: Brotherhood

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Nicolo Donato

    Sceneggiatura: Rasmus Birch & Nicolo Donato

    Cast: Thure Lindhardt (Lars)
    David Dencik (Jimmy)
    Nicolas Bro (Michael)
    Morten Holst (Patrick )
    Claus Flygare (Ebbe)
    Hanne Hedelund (madre)
    Lars Simonsen (padre)

    Musica: Simon Brenting e Jesper Mechlenburg

    Fotografia: Laust Trier-Mørch

    Montaggio: Bodil Kjærhauge

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Brotherhood è la storia di un amore pericoloso e della ricerca della propria identità.

    Deluso da un mancato avanzamento di carriera, Lars decide di lasciare l’esercito. Si scoprirà attratto dal movimento neo-nazista e da un membro del gruppo, Jimmy.
    I due uomini daranno inizio ad una relazione segreta, ma il loro amore proibito dovrà scontare la punizione del gruppo di destra di cui fanno parte. Tuttavia, l’amore e l’attrazione sessuale tra i due sono così forti che, pur dovendo infrangere ogni regola, Lars e Jimmy non riusciranno a mettere fine alla loro relazione …

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Due uomini fanno l’amore con forza, tenerezza, sensualità. Sulla schiena di uno dei due vi è tatuata l’aquila e la croce uncinata del Terzo Reich. Questa è probabilmente la più semplice chiave di lettura per spiegare Brotherhood- Fratellanza, opera prima del regista danese Nicolo Donato. Il film è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma lo scoro anno e ha inevitabilmente, complice l’attualità del tema, vinto il Marc’Aurelio d’Oro come miglior film non tanto per la qualità artistica dell’opera in sé, quanto per la forza con la quale tratta l’argomento di cui discerne e pone lo spettatore di fronte ad un paradosso di profonda riflessione.
    L’argomento in sé non è tanto la passione omosessuale che scoppia fra due giovani né tantomeno quello del gruppo di estrema destra, che sponsorizza il razzismo e la violenza nei confronti di coloro che non sono bianchi, occidentali ed eterosessuali, quanto la combinazione

    e la mescolanza di entrambi: i due protagonisti, Lars e Jimmy fanno entrambi parte di questo movimento, eppure si innamorano l’uno dell’altro con le inevitabili conseguenze che questo può comportare all’interno del proprio ambiente. Il primo, un ex-militare mandato via meschinamente dall’esercito per aver cercato di adescare due colleghi dopo una serata di bagordi, entra quasi per noia a far parte del gruppo estremista e non ne è mai del tutto convinto, mentre Jimmy è il braccio destro del capo del movimento e ha su di sè i segni delle proprie ideologie, marchiate a fuoco dall’inchiostro dei suoi tatuaggi.

    Donato realizza una pellicola molto trascinante, dura, veritiera, ma, al contempo, imperfetta. Ma la sua è un’imperfezione dovuta ad un peccato di ingenuità, di spontaneità, cosa ormai purtroppo difficile da trovare nel cinema contemporaneo sempre più plastificato e precotto. Infatti, gli evidenti limiti della narrazione consistono in una mancanza di approfondimento

    in fase di sceneggiatura delle motivazioni che hanno spinto i due giovani ad entrare in un gruppo di estrema destra, oltre che delle ideologie del gruppo stesso, che appare composto di personaggi privi di sfaccettature e relegati a semplici macchiette. Risulta, così, superficiale il mondo nazi ricostruito da Donato, che parimenti mette in evidenza efficacemente la mancanza di senso e realismo di queste dottrine. Questo aspetto viene altresì surclassato dalla bellezza e dalla tenerezza della storia d’amore virile, sincera e commovente che nasce fra i due uomini, il cui lirismo con cui viene messa in scena contrasta con la violenza e la crudezza dei pestaggi fatti proprio a giovani omosessuali che non denunciano i propri aggressori per paura che la loro “condizione” venga alla luce.

    La passione che colpisce Lars e Jimmy è forte e incontrollabile, và al di là delle personali opinioni, entrambi vittime e carnefici delle

    proprie alienazioni, delle proprie insicurezze che li portano a far parte di un gruppo che ciancica su una supremazia ariana in maniera becera e ignorante. L’ amore dei due protagonisti è vissuto, consumato in armonia, tenerezza e in tutta la sua spontaneità; è reale, vivo e affidato volutamente ai sensi, mai alla razionalità delle parole. Al contrario viene subliminato tramite una fotografia più limpida e luminosa e una colonna sonora a dir poco meravigliosa. Così, Donato sottolinea l’autenticità dei sentimenti, che devono essere esplorati liberi da qualsiasi costrizione, senza la necessità di etichette o discernimenti di ipocrita moralità.

    Fortemente imbrigliato in venature shakespeariane, Brotherhood- Fratellanza si affida alla forza narrativa del melodramma che si sviluppa con una semplicità quasi disarmante e trascina lo spettatore coraggiosamente in un ritmo ricco di pathos. La forza della passione, che, siamo banali a dirlo, ricorda quella fra Ennis e Jack ne I segreti di

    Brokeback Mountain, è magnetica e l’amore fra i due fa crollare ogni barriera, ogni paura, ogni tipo di intolleranza, ma il destino appare beffardamente a tentare di distruggere tutto quello che si è costruito. La grande forza della speranza intinta nel film lascia un segno difficile da cancellare e a differenza dell’opera di Ang Lee- che sdoganò definitivamente al cinema l’amore omosessuale- il finale ottimista vuole dimostrare che qualcosa deve necessariamente cambiare, che l’amore nella sua purezza può nascere sempre e ovunque.

    Lascia pur sempre l’amaro in bocca il film di Nicolo Donato, che porta avanti una regia priva di virtuosismi, lineare, quasi piatta e insieme a due straordinari interpreti come Thure Lindhardt e David Dencik (anche coproduttori del film), perfetti nel dare in maniera equilibrata realismo, veridicità e soprattutto umanità ai propri personaggi, dimostra che la cinematografia nordeuropea ha qualcosa di nuovo e coraggioso da dire sviluppando storie e

    tematiche scottanti. Da evidenziare che è stato sostenuto dal The Danish Film Institute, ulteriore elemento di civiltà di uno stato che sostiene una pellicola di questo genere. In Italia sarebbe possibile? O il massimo che sappiamo fare è raccontare storie in cui ci sono solo grandi tavolate e sbandierare l’ipocrita e fasullo motto del “volemose bene” purché non se ne parli. Chi ha orecchie per intendere intenda.

    Links:

    • David Dencik

    • FRATELLANZA - BROTHERHOOD - INTERVISTA al regista NICOLO DONATO (Interviste)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Fratellanza - Brotherhood - trailer

    Fratellanza - Brotherhood - trailer (versione originale) - Broderskab

    Fratellanza - Brotherhood - clip 1

    Fratellanza - Brotherhood - clip 2

    Fratellanza - Brotherhood - clip 3 (versione originale sottotitolata)

    Fratellanza - Brotherhood - clip 4 (versione originale sottotitolata)

    Fratellanza - Brotherhood - clip 5 (versione originale sottotitolata)

    Fratellanza - Brotherhood - intervista al regista Nicolo Donato (versione originale sottotitolata).flv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Tredici vite

    TREDICI VITE

    RECENSIONE - Viggo Mortensen, Colin Farrell e Joel Edgerton nella spelonca di Ron Howard che .... [continua]

    Minions 2 - Come Gru diventa cattivissimo

    MINIONS 2 - COME GRU DIVENTA CATTIVISSIMO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Agosto .... [continua]

    Crimes of the Future

    CRIMES OF THE FUTURE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Agosto 2022) -Da Cannes 2022 - David Cronenberg .... [continua]

    Bullet Train

    BULLET TRAIN

    A Brad Pitt, Michael Shannon ed altri del cast si aggiungono Lady Gaga e Sandra .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Liam Neeson torna a collaborare con .... [continua]

    Elvis

    ELVIS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Cannes 2022 in Anteprima Mondiale .... [continua]

    The Gray Man

    THE GRAY MAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Per la regia di Anthony e Joe Russo (Avengers .... [continua]