ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nostalgia

    NOSTALGIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Da Cannes 2022 - Concorso - Dal 25 .... [continua]

    Poker Face

    POKER FACE

    17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice nella .... [continua]

    Poolman

    POOLMAN

    New Entry - Debutto alla regia per Chris Pine, qui in veste anche di .... [continua]

    The Fabelmans

    THE FABELMANS

    VINCITORE del People Choice> al Toronto film Festival 2022 Semiautobiografico dell'infanzia di Steven .... [continua]

    Wash Me in the River

    WASH ME IN THE RIVER

    New Entry - Robert De Niro e John Malkovich in un nuovo thriller con .... [continua]

    Where All Light Tends to Go

    WHERE ALL LIGHT TENDS TO GO

    New Entry - Robin Wright recita con il proprio figlio Hopper Penn .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Qualcosa di speciale

    QUALCOSA DI SPECIALE: AARON ECKHART E JENNIFER ANISTON COPPIA IN CELLULOIDE IN PRIMO PIANO SENZA TROPPE SCINTILLE. SULLO SFONDO, MARTIN SHEEN

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 20 AGOSTO

    (Love Happens USA 2009; drammatico sentimentale; 109'; Produz.: Universal Pictures/Relativity Media/Stuber Productions; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Qualcosa di speciale

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Qualcosa di speciale

    Titolo in lingua originale: Love Happens

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Brandon Camp

    Sceneggiatura: Brandon Camp e Mike Thompson

    Cast: Jennifer Aniston (Eloise)
    Aaron Eckhart (Ryan Burke)
    Frances Conroy (Madre di Eloise)
    Martin Sheen (Suocero di Ryan)
    Judy Greer (Marty)
    Dan Fogler (Lane)
    Joe Anderson (Tyler)
    John Carroll Lynch (Walter)

    Musica: Christopher Young

    Costumi: Trish Keating

    Scenografia: Sharon Seymour

    Fotografia: Eric Alan Edwards

    Montaggio: Dana E. Glauberman

    Effetti Speciali: Alex Burdett

    Makeup: Elisabeth Fry (anche per Aaron Eckhart), Whitney James (per Jennifer Aniston)

    Casting: Deborah Aquila, Jennifer L. Smith e Mary Tricia Wood

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Love happens è la storia di un uomo, Ryan Burke (Aaron Eckhart), vedovo da tre anni, che scrive un libro su come superare il dolore per una grande perdita. Il libro diventa un best seller e lui diviene il nuovo "guru" della società. In un viaggio di lavoro a Seattle, l'uomo si innamora di una donna, Eloise (Jennifer Aniston), conosciuta ad uno dei suoi seminari. Lei gli farà capire che in realtà non ha realmente superato la morte della moglie...

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Schemi narrativi della commedia che si ripetono e si riciclano alla perfezione, ma senza gioia, senza energia, senza carattere. Non c’è anima nel film Qualcosa di speciale di Brandon Camp, ma solo il fardello della noia e della mancanza di idee, che si aggancia a qualcosa di preconfezionato e per di più disperatamente prolisso. Prodotto da Focus Features, il ramo indipendente della Fox, il film di Camp è una pellicola dallo stile apparentemente impeccabile, che ammicca, dandosi un tono, alla commedia amara del cinema indipendente appunto, ma ne tradisce il suo significato essenziale perché rappresenta invece proprio quel cinema dei grandi numeri. Di conseguenza un’operazione ipocrita. Certo corretta: dotata di una sceneggiatura d’acciaio, una regia a tratti asciutta che tende ad interiorizzare la psicologia intima dei personaggi, un montaggio invisibile a regola d’arte, un’estetica e una fotografia dai colori morbidi e tenui, due interpreti che per quanto scialbi e privi

    di attrattive sono funzionali al loro ruolo e fanno il loro dovere a sufficienza. Ma si capisce subito che ci si trova di fronte a quella correttezza che scivola nell’anonimato più totale e non attrae, non lascia sentimenti, non lascia emozioni, rimane spenta. Il che forse è anche peggio di un brutto film perché almeno quello avrebbe scatenato nello spettatore una forma di rabbia, un elemento costruttivo e creativo che lo avrebbe portato a qualcosa di utile. Qui non c’è niente di tutto questo e colui che lascia scorrere le immagini su di sé resta come anestetizzato.

    Una storia già vista e già sentita, dove il protagonista maschile, diventato un guru impegnato col suo prossimo nel superamento del dolore per la scomparsa di una persona cara, dopo esserci passato lui stesso (ha perso la moglie a causa di un incidente d’auto), organizza seminari ed elargisce consigli stereotipati e ben pagati di

    dubbia veridicità ed egli stesso infatti nulla ha superato di quel tragico evento. Incontra lei, fioraia pluritrentenne, e le cose cominciano a cambiare, ma è necessario dire la verità e liberarsi della propria colpa (che lo spettatore capisce dopo cinque minuti dall’inizio del film, ma deve aspettare altre due lenitive ore per farselo raccontare) per poter andare avanti. L’amarezza della vicenda non attecchisce nello spettatore e la cosa davvero tragica che viene fuori, probabilmente inconsapevolmente dalla pellicola, è una società talmente superficiale da poter credere che il dolore per la perdita si possa superare attraverso corsi e seminari che servono solo a spillare soldi e nulla di più. Proprio come si impara ad usare un computer o si segue un corso di scrittura, chiunque può pubblicare un libro idiota intitolato A-Okey con frasi ad effetto e diventare una sorta di terapista del lutto. È una cosa rivoltante ed esecrabile di

    cui si macchia il protagonista, che però ne viene fuori positivamente nonostante le sue mancanze. E per di più tutto quel biondo e quei capelli mai scomposti dei due protagonisti è decisamente troppo! Viene il sospetto che la scialberia di Jennifer Aniston contagi i suoi film, la maggior parte dei quali soporiferi. Eppure l’abbiamo tutti così amata in Friends! Una certezza però possiamo elargirla: Martin Sheen dovrebbe seriamente decidere di appendere la sua faccia al chiodo!

    Links:

    • Aaron Eckhart

    • Martin Sheen

    • John Carroll Lynch

    • Joe Anderson

    • Jennifer Aniston

    • Judy Greer

    1| 2| 3| 4

    Galleria Video:

    Qualcosa di speciale - trailer

    Qualcosa di speciale - trailer HD

    Qualcosa di speciale - trailer HD 1080p

    Qualcosa di speciale - trailer (versione originale) - Love Happens

    Qualcosa di speciale - trailer HD (versione originale) - Love Happens

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Lamb

    LAMB

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal Festival di Cannes 2021 (in .... [continua]

    Jerry & Marge giocano alla lotteria

    JERRY & MARGE GIOCANO ALLA LOTTERIA

    RECENSIONE - Annette Bening e Bryan Cranston coppia in celluloide per il biopic di David .... [continua]

    The Forgiven

    THE FORGIVEN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Ralph Fiennes e Jessica Chastain in coppia .... [continua]

    Memory

    MEMORY

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Liam Neeson sicario alla sua ultima missione ma, persino un assassino .... [continua]

    Dragon Ball Super: Super Hero

    DRAGON BALL SUPER: SUPER HERO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 29 Settembre .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Robert Zemeckis adatta un nuovo 'live-action' dal classico disneyano Pinocchio con Tom Hanks nei panni .... [continua]

    Bullet Train

    BULLET TRAIN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Cast 'All Star' per un mix di .... [continua]