ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Truth

    THE TRUTH

    New Entry - Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Cats

    CATS

    New Entry - Trasposizione contemporanea del celebre musical di Broadway - Dal 25 Dicembre .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 4 Statuette: .... [continua]

    Stanlio e Ollio

    STANLIO E OLLIO

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema .... [continua]

    Ma cosa ci dice il cervello

    MA COSA CI DICE IL CERVELLO

    Cinema sotto le stelle 2019 - Nuova commedia per la coppia, di vita e .... [continua]

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 24 Aprile

    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Cinema sotto le stelle 2019 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - .... [continua]

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Cinema sotto le stelle 2019 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Qualunquemente

    QUALUNQUEMENTE: ANTONIO ALBANESE TRASFERISCE IL PERSONAGGIO 'CETTO LA QUALUNQUE' DAL PICCOLO AL GRANDE SCHERMO A TUTTO VANTAGGIO DELLA SATIRA POLITICA, PIU' PUNGENTE E SOTTILE DI QUANTO CI SI POTEVA ASPETTARE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle - RECENSIONE - Dal 21 GENNAIO

    "Lavorare con Antonio è sempre un'avventura magnifica. Lo facciamo da più di dieci anni con varie formule: lui regista io aiuto regista nei suoi primi due film, lui attore ed io regista e sceneggiatore nel mio secondo film, ora lui attore e autore ed io regista. Nei fatti poco cambia: ogni volta ci si ritrova a confrontarsi sul set, e comunque sia è sempre bello e ci sembra funzioni. E soprattutto ci divertiamo molto. Il film è per me una meravigliosa sfida: entrare col linguaggio dei fumetti nella cronaca di oggi, reinventandola e astraendola, per ri-raccontarla, speriamo, ancor meglio. Credo che la comicità sia un modo efficace come nessun altro per raccontare la realtà, anche e soprattutto quando si tratta di situazioni dure, drammatiche. La chiave comica elimina ogni retorica, ci allontana dal moralismo e questo rende la narrazione ancor più efficace. Cetto è al contempo un 'eroe' dell'Italia di oggi e un personaggio assolutamente astratto e surreale. Spero che il film possa riproporre la geniale universalizzazione e contemporaneamente la puntuale descrizione della realtà che in altri contesti (teatro e televisione) ci dà da tempo e contemporaneamente riesca a riproporlo nel terreno più visionario e complesso che è tipico del cinema. Scene, costumi, musiche, suoni, personaggi, svolte narrative, spero conducano lo spettatore nel mondo di Cetto, che fin ora conosciamo solo dai suoi racconti e che invece al cinema si dispiega in tutta la sua complessità ed esuberante potenza".
    Il regista e co-sceneggiatore Giulio Manfredonia

    "Portare Cetto La Qualunque al cinema è stata un'idea eccitante e vagamente incosciente. Proprio per questo abbiamo deciso di realizzarla. In questi anni Cetto La Qualunque è stato per me, e per lo sceneggiatore Piero Guerrera, una straordinaria lente di ingrandimento che ci ha permesso di mettere a fuoco quello che succedeva nel nostro sud e nel resto del paese. Un modo per raccontare tutto quello che non ci piace e per mettere in guardia su cosa potrebbe accadere. Cetto ci ha dato il grande privilegio di ridicolizzare comportamenti e modelli, che per molti saranno furbeschi e vincenti, ma per noi sono solo ignoranti e patetici. Il desiderio è dunque quello di raccontare con questo film un pezzo ingombrante della nostra realtà con la comicità. Uno dei linguaggi più complessi e misteriosi che abbiamo a disposizione. Il film è per noi un omaggio ad una terra che amiamo e vorremmo proteggere e difendere. Ridere dunque, per esorcizzare e per recuperare voglia di andare avanti. Nella speranza che Cetto La Qualunque diventi col tempo solo una macchietta e non uno specchio fedele dei nostri tempi".
    L'attore e co-sceneggiatore Antonio Albanese

    (Qualunquemente ITALIA 2010; commedia; 96'; Produz. Fandango con il supporto di Calabria Commission: Distribuz.: Fandango)

    Locandina italiana Qualunquemente

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Qualunquemente

    Titolo in lingua originale: Qualunquemente

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Giulio Manfredonia

    Sceneggiatura: Antonio Albanese e Piero Guerrera con la collaborazione di Giulio Manfredonia

    Soggetto: PRELIMINARIA - RIPRESE E LOCATION:

    Le riprese si sono svolte per 8 settimane nei dintorni di Roma e in Calabria: a Lamezia Terme, Scilla e Palmi.

    PRELIMINARIA - IL PERSONAGGIO:

    Cetto La Qualunque è un imprenditore calabrese corrotto, depravato e ignorante che disprezza la natura, la democrazia e soprattutto le donne, di cui promette ai suoi sostenitori grande abbondanza. Il suo motto è “più pilu e cemento armato”.

    Il personaggio è nato in Rai nel 2003 all’interno del programma Non c’è problema, ha raggiunto il grande consenso del pubblico con la Gialappa’s band nel programma Mai dire domenica e nelle ultime stagioni è ospite del programma di Fabio Fazio Che tempo che fa.

    Cast: Antonio Albanese (Cetto La Qualunque)
    Sergio Rubini (Jerry)
    Lorenza Indovina (Carmen)
    Nicola Rignanese (Pino)
    Davide Giordano (Melo)
    Mario Cordova (Invalido)
    Luigi Maria Burruano (Imprenditore)
    Alfonso Postiglione (Ragioniere)
    Veronica Da Silva (Cosa)
    Salvatore Cantalupo (De Santis)
    Asia Ndiaye (Bambina)
    Antonio Gerardi (Tenente Cavallaro)
    Massimo Cagnina (Geometra)
    Maurizio Comito (Comito)
    Manfredi S. Perrotta (Biondo)
    Cast completo

    Musica: Banda Osiris

    Costumi: Roberto Chiocchi

    Scenografia: Marco Belluzzi

    Fotografia: Roberto Forza

    Montaggio: Cecilia Zanuso

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E’ stata una sua scelta? O qualcuno trama nell’ombra? Con lui rientrano anche una bella ragazza di colore ed una bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo. Ovviamente far convivere il tutto non sarà facile. I suoi vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da una inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina. Le imminenti elezioni potrebbero avere come esito la nomina a sindaco di Giovanni De Santis, un “pericoloso” paladino dei diritti. Così, Cetto, dopo una lunga e tormentata riflessione in compagnia di simpatiche ragazze non ha dubbi e decide di “salire in politica” per difendere la sua città. La campagna elettorale può cominciare…

    Nota: Si ringrazia Daniela Staffa (Uff. Stampa Fandango).

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    LA DISSACRANTE SATIRA SUI ‘MALCOSTUMI’ DELLA POLITICA ITALIANA - IL MERIDIONE E’ QUASI UN PRETESTO - DI ANTONIO ALBANESE ‘ALIAS’ CETTO LA QUALUNQUE, E’ MOLTO PIU’ SOTTILE DI QUANTO VOGLIA FAR SEMBRARE ATTRAVERSO IL FILTRO DELLA GROSSOLANA VOLGARITA’ E APPROSSIMAZIONE. E LA STESSA GROSSOLANA VOLGARITA’ RISULTA PERALTRO ‘DILUITA OPPORTUNAMENTE’ - QUI L’AVVERBIO CASCA A FAGIOLO - NELLE SAGACI BATTUTE SNOCCIOLATE NELLA SCENEGGIATURA DA CHI LA SA LUNGA E VUOLE FARLO SAPERE, A SUO MODO, QUASI SOTTINTEDESSE ‘VI TENGO D’OCCHIO’ E ORMAI LA PENTOLA E’ SCOPERCHIATA DA TROPPO TEMPO E OLEZZA DI ‘RANCIDO’. UNA SATIRA CHE NON POTEVA ESSERE PIU’ ATTUALE DI COSI’ - OGNI RIFERIMENTO E’ PURAMENTE CASUALE - MA SOLO PER CERTI ASPETTI, PER ALTRI E’ ‘UNA MINESTRA CONSUETA DI VECCHIA DATA’ E ROBERTO BENIGNI LO SAPEVA MOLTO BENE GIA’ ALL’ALTEZZA DEL FALSO INVALIDO IN ‘JOHNNY STECCHINO’, DI CUI ALBANESE HA ANCORA FRESCA MEMORIA E NOI CON LUI. MA

    LA GIRANDOLA DEI ‘MALCOSTUMI’ DELLA POLITICA ITALIANA E’ AD AMPIO SPETTRO E ALQUANTO ESAUSTIVA E ALLA FINE ‘U PILU’ - CHE PER CETTO E’ LA PANACEA DI TUTTI I MALI - RISULTA IL MALE MINORE! COMUNQUE, SE VOLETE UN CONSIGLIO, D’ORA IN POI GUARDATEVI DA CHI VI DICE CHE ANDRA’ A ‘RIFLETTERE’! DOPO AVER VISTO IL FILM, QUESTA ‘FARSA - GOLIARDICAMENTE - DI DENUNCIA’ CAPIRETE PERCHE’

    E pensare che con il trailer apripista pubblicitario al film avevamo avuto una cattiva impressione! Soprattutto perché di norma serve a condensare i tratti migliori per ottenere immediati consensi. Ma del resto, anche in TV, antesignana rispetto alla celluloide nella presentazione di questo personaggio che avremmo potuto definire ‘surreale’ se la realtà alle volte non si mostrasse capace di superare la fantasia, la volgare grossolanità e approssimata semplificazione ne dominava il carattere di ‘becero gaglioffo’ al punto da non risultare sempre gradito a tutti i

    palati e per questo tiepidamente comico. Fortunatamente nel film la vena satirica domina la grossolanità del personaggio Cetto, specchio di scottanti problematiche che, di fatto, ci sembra, sopravvivono da lunga data.
    Certo che guardando a Qualunquemente la tentazione è forte: per molti aspetti calza la realtà odierna quasi come la scarpetta di cristallo al piede di Cenerentola. Così che la scintilla di qualche inevitabile sorriso sull’onda di battute, alcune anche sottilmente spinose e sagaci, centellinate nella grande ‘onda calabra’ integralmente satirica, rischia di morire sulla sponda dell’amara riflessione. E per riflessione, si badi bene, intendo quella vera, non quella che intende Cetto la Qualunque, che è tutt’altra cosa, ‘ovviamente’. E a guardar bene, che l’andazzo dei ‘malcostumi’ della politica italiana sia ‘patologia cronica’ - di lunga data - sembra sentenziato anche dallo stesso Qualunquemente diretto da Giulio Manfredonia (Se fossi in te, 2001; E' già ieri, 2004; Si può fare, 2008).

    La spia si accende quando Albanese/Cetto, politico buzzurro che della corruzione ha fatto una ferrea disciplina, chiede all’amico sostenitore se riceve regolarmente l’assegno pensionistico di invalidità (il tizio compare ‘naturalmente’ in mise da tennista): un’invalidità a comando con tanto di dimostrazione pratica. Una fedele citazione dal Johnny Stecchino di Roberto Benigni che tutti noi ricordiamo molto bene. Una ‘falla’, questa dei falsi invalidi, per l’appunto di annosa memoria. Ma questo non è che uno dei ‘malcostumi’ della girandola ad ampio spettro chiamata in causa da Antonio Albanese con Cetto La Qualunque o, ‘La Qualsiasi’, così come lo chiama Sergio Rubini nei panni dell’esperto ‘Geddy’ (Gerry/Gerardo) di dinamiche elettorali che ama dirsi di Milano per quanto originario di Bari (motivo questo con cui Albanese cita se stesso nei panni di Ivo Perego, che migrato a Milano dal Sud per lavoro occulta persino il suo vero nome di nascita Salvatore, in La

    fame e la sete).

    Si diceva la girandola di problematiche riesumate dalla cornucopia delle vergogne di cui si fa carico, facendosi lente d’ingrandimento, Albanese con Cetto la Qualunque, per un suo personale approccio a quel che si potrebbe definire una ‘farsa - goliardicamente - di denuncia’. Una cornucopia che snocciola uno ad uno i suoi ‘fiori del male’ partendo dal traffico impossibile - la motivazione lambisce il paradosso fedele alla soggettiva del ‘personaggio-lente di ingrandimento’ - lo sconsiderato approccio con l’ambiente, la bigamìa allargata sull’onda calabra ‘a tutto pilu’ - il fatto che alla prima concubina Cetto abbia dato il nome di ‘Cosa’ è facile allegorìa della ‘donna-oggetto’ e di una considerazione femminile ribadita e sottoscritta ‘immancabilmente’ e ‘ripetutamente’ a colpi di avverbi come ‘sdraiabilmente’, ‘ammucchiabilmente’ e via dicendo. Seguono abusi edilizi, razzie di siti e reperti archeologici, dinamiche elettorali ‘comprate’ e sporchi ‘brogli’ all’occorrenza se questo non basta, operazioni mafiose,

    intimidazioni di stampo terroristico, qualunquismi a tutto tondo al punto da non guardare in bocca a nessuno, neppure al proprio ‘imbambolato’ figlio, che non a caso si chiama Melo. Per non dire della portata dei ‘consigli paterni’. Si aggiungono alla lista i ‘comizi sul nulla’ nelle piazze così come nelle dirette televisive - che tutto praticano men che la par condicio - scimmiottamento degli sproloqui linguistici in politichese che riscuotono il plauso malgrado la palpabile nullità di contenuti. Ma la ciliegina sulla torta, passando per una esemplare panoramica appuntata su clientelismi di vario genere, si colloca in cima ai vari piani di una torta al gusto del nuovo ‘qualunquista’ concetto di legalità, con la nota dolens ‘tasse’ e la richesta dello scontrino fiscale. La sequenza più esilarante di tutto il film, tutta da gustare, in cui, di contro alla sostanziale linearità dell’insieme, si fa ricorso ad un tocco di stile

    cinematografico ben noto qui di grande efficacia, rendendolo complice di quel che suona come un effetto shock collettivo.
    Un po’ come quello che stiamo vivendo da qualche tempo con l’effetto collaterale di una nausea persistente, e non si tratta di influenza. Eh si, perché anche un eccesso di ‘pilu’ alla fine può risultare più indigesto dello stesso cemento. Ad ogni modo, sembra che, alla fin fine, nella fitta selva di annosi problemi, a rivendicare la fresca attualità della satira politica condotta in Qualunquemente siano proprio gli ultimi riepilogativi fotogrammi appuntati sui titoli di coda: la nuova Casa dove ‘Cetto’, c’è da giurarci, andrà a ‘riflettere’.

    Pressbook:

    PRESSBOOK di QUALUNQUEMENTE

    Links:

    • Antonio Albanese

    • Sergio Rubini

    • Antonio Gerardi

    • 61. Festival del Cinema di Berlino (10-20 Febbraio 2011) - AL VIA LA 'BERLINALE 2011'. Si apre con i fratelli COEN ('TRUE GRIT-IL GRINTA'). Italiani in sezioni minori con 'QUALUNQUEMENTE' e 'GIANNI E LE DONNE'. (Speciali)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Qualunquemente - trailer

    Qualunquemente - trailer HD

    Qualunquemente - trailer HD 1080p

    Qualunquemente - Rilettura alla maniera di Cetto La Qualunque del brano 'Onda Calabra' di Peppe Voltarelli e del gruppo il Parto Delle Nuvole Pesanti, cantata da Antonio Albanese con l'arrangiamento e la produzione della Banda Osiris. La canzone farà parte della colonna sonora del film in vendita dal 21 gennaio. Edizioni Musicali Storie di Note/Radiofandango.

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Men in Black: International

    MEN IN BLACK: INTERNATIONAL

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 luglio .... [continua]

    Spider-Man: Far from Home

    SPIDER-MAN: FAR FROM HOME

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 10 Luglio

    "Mi hanno chiesto per anni se volessi ....
    [continua]

    Roma

    ROMA

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: .... [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) .... [continua]

    Arrivederci professore

    ARRIVEDERCI PROFESSORE

    Cinema sotto le stelle 2019 - Anteprima all'Italy Sardegna Festival (13-16 giugno) - Johnny .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: .... [continua]

    Aladdin

    ALADDIN

    Cinema sotto le stelle 2019 - Nella versione live-action del classico Disney (1992) Will .... [continua]