ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Dal 24 Aprile

    "È stato un esperimento davvero unico. Sono 10 anni di storytelling ....
    [continua]

    The Song of Names

    THE SONG OF NAMES

    New Entry - Clive Owen e Tim Roth protagonisti di una "storia poliziesca emotiva" .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Una notte da leoni

    UNA NOTTE DA LEONI: QUEL CHE SI DICE UN ADDIO AL CELIBATO ANDATO MOLTO, MOLTO MALE!

    Nomination ai Golden Globe Awards 2010

    "Solo un paio di amici che si incontrano... E’ una cosa che si deve fare, non lo vogliono neanche chiamare un addio al celibato perché considerano questo momento solo come una serata tra amici. Una cena, qualche risata ed un brindisi allo sposino. Una cosa 'innocua'... Ubriacarsi e svegliarsi la mattina dopo accanto ad un mucchio di bottiglie vuote rientra nella normalità. Per un film che parla di una sbornia che mette fine a tutte le sbornie, dovevamo estremizzare al massimo. Abbiamo pensato, 'Come potrebbe essere la nottata più pazza che potresti mai vivere ed essere ancora vivo per poterne parlare?'... L’umorismo migliore viene dal cuore. Bisogna rendersi conto che questi amici sono veramente preoccupati l’uno per l’altro e questo riesce a portare il tutto oltre il semplice livello dello scambio di battute divertenti. Si tratta di esplorare il senso dell’umorismo naturale, la goffaggine delle amicizie maschili e quello che lega tra di loro gli uomini. La commedia si basa al 70% sul casting. Certamente serve anche una grande storia, ma si tratta anche del ritmo, mettere dei grandi attori comici in una situazione e lasciare che essi reagiscano sia alla situazione che agli altri. La sceneggiatura è stata un modello di base per Bradley, Ed e Zach, i quali hanno poi divagato sul tema a modo loro. Lo stesso è valso per ognuno degli attori non protagonisti. Quando il film è pieno di attori veramente comici, questo aiuta a mantenere alto il ritmo".
    Il regista Todd Phillips

    (The Hangover USA 2009; commedia; 100'; Produz.: BenderSpink/Green Hat Films/Legendary Pictures; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Una notte da leoni

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Una notte da leoni

    Titolo in lingua originale: The Hangover

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2009

    Regia: Todd Phillips

    Sceneggiatura: Jon Lucas & Scott More

    Cast: Bradley Cooper (Phil)
    Ed Helms (Stu)
    Zach Galifianakis (Alan)
    Justin Bartha (Doug)
    Heather Graham (Jade)
    Sasha Barrese (Tracy)
    Jeffrey Tambor (Sid)
    Ken Jeong (Mr. Chow)
    Rachael Harris (Melissa)
    Mike Tyson (se stesso)
    Mike Epps (Black Doug)
    Jearnard Burks (Leonard)
    Rob Riggle (Funzionario Franklin)
    Cleo King (Funzionario Garden)
    Bryan Callen (Eddie)

    Musica: Christopke Beck

    Costumi: Louise Mingenbach

    Scenografia: Bill Brzeski

    Fotografia: Lawrence Sher

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Due giorni prima del suo matrimonio, Doug (JUSTIN BARTHA) si reca in macchina a Las Vegas con i suoi due migliori amici Phil e Stu (BRADLEY COOPER e ED HELMS) insieme al suo futuro cognato Alan (ZACH GALIFIANAKIS), per un sensazionale addio al celibato che giurano di non dimenticare mai.
    Ma quando i tre testimoni dello sposo si svegliano l’indomani mattina con un mal di testa atroce, non ricordano più niente. La loro suite di lusso è completamente distrutta e lo sposo è sparito.
    Senza avere la più pallida idea di cosa sia successo la notte prima e senza tempo da perdere, il trio deve in qualche modo cercare di capire gli sbagli fatti durante la notte e cosa sia mai accaduto, per ritrovare Doug e riportarlo a Los Angeles in tempo per il suo matrimonio.
    Ma più vanno avanti nelle loro scoperte, più si rendono conto dei guai in cui si sono cacciati.

    Dal >Press-Book< di Una notte da leoni

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Ci sono cose nella vita che vorremmo non aver fatto. O per meglio dire, ci sono cose nella vita che in circostanze normali non faremmo mai. È questo quello che accade a quattro amici andati a Las Vegas per festeggiare l’addio al celibato di uno di loro, la meta più ambita dai maschi americani (ma anche le signore non disdegnano) prima di mettersi il cappio all’anulare. Ne combineranno e gliene capiteranno di tutti i colori in quest’ultimo simbolico momento di libertà prima di tornare a casa ai propri doveri e alla propria normale e tranquilla esistenza. Sembra quasi l’apologia di una fase della vita che finisce, o meglio dell’ingresso nell’età adulta attraverso il passo “definitivo” del matrimonio. In realtà, il film di Todd Phillips (autore della sceneggiatura di Borat, caso cinematografico del 2006 per il quale fu candidato al premio Oscar) non vuole essere affatto una malinconica e matura commedia

    sui momenti fondamentali di crescita nella vita (anche se sotto alcuni aspetti andrebbe letta in questo modo), bensì una divertente, goliardica, irriverente e demenziale opera che colpisce perfettamente nel suo intento di intrattenere lo spettatore facendolo ridere dall’inizio alla fine e anche oltre, pur non disdegnando nemmeno la formula linguistica del genere thriller! Infatti, la notte in questione non viene mostrata allo spettatore, ma solo le conseguenze del mattino dopo, quando tre su quattro si sveglieranno nella loro semidistrutta camera d’albergo senza ricordare nulla di quello che è successo e senza alcuna traccia del futuro sposo, ma con un bambino e una tigre. Così, tutto il tempo a loro disposizione prima della cerimonia sarà speso per cercare l’amico scomparso e cercare i misteri di quel tempo di cui non hanno memoria… pian piano ne verranno a capo, ma la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità verrà svelata

    con lo scorrere dei titoli di coda! Ma non sveliamo come!

    Una notte da leoni è una di quelle pellicole dalle quali non ci si aspetta nulla, ma a sorpresa allietano la serata di chi le guarda perché donano loro grandi quantità di risate. Questo grazie ad un ritmo narrativo incalzante, dove le gag vengono sparate a raffica nell’arco di quasi cento minuti, che risultano molto concentrati. Non mancano neppure citazioni cinefile ad ampio raggio, come quella del Raymond autistico di Dustin Hoffman in Rain Man (quando sfrutta il suo talento con i numeri per vincere al tavolo da gioco), ma più che citare un cinema come quello di Levinson, Phillips sembra voglia omaggiare maggiormente, e a ragione, quello del John Landis più classico legato alla comicità del duo John Belushi-Dan Ackroyd. Certo, in Una notte da leoni non tutte le trovate comiche sono riuscitissime, né originali, anzi alcune sono prive

    di gusto e risultano già straviste e alquanto datate, come la parentesi del ridicolo malavitoso orientale dal buffo accento, e per un istante si è sopraffatti dalla sensazione che troppi sketch siano sintomo di un arresto narrativo o di una mancanza di idee. Nonostante tutto, nel complesso, però, ci si trova di fronte ad un prodotto ben confezionato, merito anche di una regia lineare e, soprattutto, di un montaggio e una sceneggiatura costruiti ad hoc. Partito in sordina, inaspettatamente il film si è subito inserito nelle vette delle classifiche dei grandi incassi, pur non avendo un cast di grossi nomi come traino. In realtà, però, è proprio nel cast che si trovano le sorprese maggiori, in particolare nei semisconosciuti Ed Helms (popolare, però, in patria come volto del cast della sitcom The Office) e Zach Galifianakis, che costruiscono i due personaggi più esilaranti e certamente quelli più interessanti e sfaccettati.

    Non guasta un autoironico cameo di Mike Tyson. Detto questo, lasciamo cadere la penna e speriamo che questo vi sia bastato a convincervi a passare una serata scacciapensieri verso il cinema più vicino a casa vostra.

    Bibliografia:

    Sito ufficiale: www.HangoverMovie.co.uk

    Links:

    • Bradley Cooper

    • Ed Helms

    • Ken Jeong

    1

    Galleria Video:

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    RECENSIONE - Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "L’idea di ....
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]