ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Judy

    JUDY

    Il 22 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Il 21 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - Dal .... [continua]

    Honey Boy

    HONEY BOY

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella .... [continua]

    Drowning

    DROWNING

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Il 19 Ottobre in anteprima alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    The Aeronauts

    THE AERONAUTS

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Pavarotti

    PAVAROTTI

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > A Serious Man

    A SERIOUS MAN: LA NUOVA 'BLACK COMEDY' DEI FRATELLI COEN. UNA STORIA VISTA DALLA PROSPETTIVA DEL LUOGO DI NASCITA CONDITA CON I CONSUETI INGREDIENTI DELLA RICETTA 'COEN': HUMOUR NERISSIMO E GROTTESCO APPUNTATO SU TEMI TEOLOGICO-FILOSOFICI E UNA SINTESI MORALE SPIETATA ANCHE IN PIENA GAG

    Dal IV. Roma Film Fest - In DVD e BLU-RAY: Dal 5 MAGGIO

    "Il film è ambientato nel 1967 in una comunità ebraica di una non bene identificata cittadina del Mid West; Joel ed io veniamo dal Mid West e quindi il film ricorda la nostra infanzia. L’ambientazione è molto importante per noi ed ha contribuito notevolmente al nostro interesse per questa storia. Il luogo in cui cresci fa parte della tua identità ed è un qualcosa che resta con te per sempre, anche se vivi lontano... Quel rabbino era un autentico saggio, uno Yoda. Non diceva mai nulla ma era molto carismatico".
    Il regista e sceneggiatore Ethan Coen

    "Il paesaggio è parte integrante della storia, sebbene la genesi del progetto risalga a tanti anni fa; avevamo pensato di realizzare un cortometraggio su un ragazzino che deve celebrare il bar mitzvah e che consulta un vecchio rabbino e il personaggio del rabbino era vagamente ispirato al rabbino che conoscevamo da bambini... Sebbene Larry Gopnik sia un personaggio inventato, ci siamo ispirati a persone che conoscevamo bene da piccoli: non è un caso che il protagonista del nostro film sia un professore universitario come i nostri genitori attraverso i quali negli anni, abbiamo conosciuto tanti altri docenti universitari. Inoltre, Larry è un padre ebreo di mezz’età che vive in una comunità piuttosto simile a quella nella quale siamo cresciuti, dove c’erano tante persone come lui".
    Il regista e sceneggiatore Joel Coen

    (A Serious Man USA 2009; commedia noir; 106'; Produz.: Working Title Films; Distribuz.: Medusa film)

    Locandina italiana A Serious Man

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: A Serious Man

    Titolo in lingua originale: A Serious Man

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2009

    Regia: Joel e Ethan Coen

    Sceneggiatura: Joel e Ethan Coen

    Soggetto: PRELIMINARIA:

    Sebbene gran parte del film si svolga in una cittadina del Mid West nel 1967, il film comincia con un prologo ambientato un secolo prima – in uno shtetl (cittadina ebrea) polacco dove assistiamo ad un inquietante racconto tutto in Yiddish.

    Cast: Michael Stuhlbarg (Larry Gopnik)
    Richard Kind (zio Arthur)
    Fred Melamed (Sy Ableman)
    Sari Lennick (Judith Gopnik)
    Aaron Wolff (Danny Gopnik)
    Jessica McManus (Sarah Gopnik)
    Peter Breitmayer (Mr. Brandt)
    Brent Braunschweig (Mitch Brandt)
    David Kang (Clive Park)
    Benjamin Portnoe (Amico di Danny)
    Jack Swiler (ragazzo sull'autobus)
    Andrew S. Lentz (ragazzo che bestemmia sull'autobus)
    Jon Kaminski Jr. (Mike Fagle)
    Ari Hoptman (Arlen Finkle)
    Alan Mandell (Rabbino Marshak)
    Cast completo

    Musica: Carter Burwell

    Costumi: Mary Zophres

    Scenografia: Jess Gonchor

    Fotografia: Roger Deakins

    Montaggio: Roderick Jaynes

    Casting: Ellen Chenoweth e Rachel Tenner

    Scheda film aggiornata al: 10 Gennaio 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Con tocco autobiografico, il film - una 'black comedy' - è ambientato nel 1967 a St.Louis Park, Minnesota, città natale di Joel e Ethan Coen, e segue la vita in improvvisa caduta libera di Larry Gopnik (Michael Stuhlbarg), probo e bigio insegnante universitario ebreo, abbandonato dalla moglie che gli preferisce il suo collega Sy Ablerman, beffato dai figli, con un fratello idiota e parassita e una sequela di strambi rabbini cui chiedere consiglio sulla fede. Humor nerissimo e grottesco, talmente colto che si concede un prologo irresistibile in yiddish antico.

    IN DETTAGLIO:

    A Serious Man racconta la storia della ricerca di chiarezza da parte di un uomo comune che vive in un’epoca accompagnata dalla musica dei Jefferson Airplane e dalle immagini televisive di F-Troop. Siamo nel 1967, e Larry Gopnik (il candidato al premio Tony Michael Stuhlbarg), professore di fisica in una tranquilla università del Mid West, è appena saputo da sua moglie Judith (Sari Lennick) che lei ha deciso di lasciarlo poiché si è innamorata di Sy Ableman (Fred Melamed), un uomo a suo avviso molto più concreto e importante dell’inetto Larry. Il fratello disoccupato di Larry, Arthur (Richard Kind) dorme sul divano di casa loro, il figlio Danny (Aaron Wolff) ha seri problemi disciplinari e non combina nulla alla scuola ebraica mentre la figlia Sarah (Jessica McManus) gli ruba costantemente i soldi dal portafogli per potersi rifare il naso.

    E mentre sua moglie e Sy Ableman progettano allegramente la loro nuova vita insieme, e suo fratello diventa un peso sempre più insostenibile, un anonimo gli scrive lettere minacciose e ostili che mettono a repentaglio la sua cattedra all’Università e uno studente tenta di corromperlo per ottenere la promozione minacciandolo al contempo di denunciarlo per diffamazione. A peggiorare le cose, c’è anche la bella vicina di casa che gli infligge insopportabili tormenti prendendo il sole nuda. Alla ricerca del perduto equilibrio, Larry chiede consiglio a tre rabbini diversi. Ma c’è qualcuno che sia veramente in grado di aiutarlo a superare i suoi problemi e a diventare una persona retta – un mensch – e seria?

    Dal >Press-Book< di A Serious Man

    Commento critico (a cura di SONIA CINCINELLI)

    UN UOMO SERIO PER UN FILM ESILARANTE.
    A serious man è l'ultimo esilarante film dei geniali fratelli Joel e Ethan Coen, ambientato nel 1967 in una non ben identificata cittadina del Midwest, il luogo di nascita dei due registi e sceneggiatori.
    E' la storia grottesca di Larry Gopnik, professore di fisica in una tranquilla Università. Un uomo come tanti, ma soprattutto molto serio, come recita il titolo. La vita di questo individuo, integrato nella comunità ebraica, scorre grigia tra una lezione di fisica all'Università e la correzione dei compiti a casa. La moglie Judith (Sari Lennick) lo lascia per mettersi con l'amico di famiglia Sy Ableman (Fred Melamed), il fratello Arthur disoccupato (Richard Kind) vive a casa sua e dorme nel divano. Il figlio Danny (il bravissimo Aaron Wolff) ha seri problemi a scuola e l'attività giornaliera della figlia Sarah (Jessica McManus) è lavarsi compulsivamente i capelli.
    Solo un miraggio di donna nuda,

    che il protagonista vede da sopra il tetto di casa sua sembra fargli intravedere un'alternativa nella sua piatta vita.
    Il film inizia con un prologo ambientato un secolo prima in uno 'shtetl' (cittadina ebrea) polacco dove assistiamo ad un inquietante racconto yiddish appositamente inventato dai fratelli. Questo episodio è completamente staccato dalla storia del film ed è servito solo a presentarlo, ma crea quel giusto straniamento che insinua nello spettatore quell'attesa che ti accompagna per tutto il film.
    Una pellicola piena di scene assolutamente comiche che lasciano spiazzato il pubblico dinanzi a una continua autoironia dei due registi americani.
    A tocchi di pennellate i Coen dipingono attraverso una comicità graffiante i pregi e i difetti della comunità ebraica, sbeffeggiando attraverso puntuali caricature il ruolo dei rabbini che emergono come figure ormai obsolete per la società moderna.
    Larry, interpretato dal premiato Michael Stuhlbarg, ha la faccia giusta per vestire i panni dell'uomo inetto e qualunque.

    In proposito Joel osserva: “Larry è il capofamiglia e vorrebbe semplicemente mandare avanti la baracca. All’inizio del film, è felice e soddisfatto della propria vita, ma la malasorte si abbatte su di lui e non riesce a credere che qualcuno o qualcosa stia rovinando tutto.”
    Un film visto decisamente dalla prospettiva dei Coen, in quanto è stato ispirato da episodi vissuti durante la loro infanzia, infatti spiega Ethan: “Sebbene Larry Gopnik sia un personaggio inventato, ci siamo ispirati a persone che conoscevamo bene da piccoli: come i colleghi dei nostri genitori professori con cui avevamo una certa consuetudine. Inoltre, Larry è un padre ebreo di mezz’età che vive in una comunità piuttosto simile a quella nella quale siamo cresciuti, dove c’erano tante persone come lui”. Ne viene fuori un prodotto di nicchia ben confezionato, ma sempre accattivante come la filmografia dei due premi Oscar testimonia.
    L'ambientazione anni Sessanta dà modo di sciorinare

    una colonna sonora accattivante con canzoni come Somebody to Love, Machine Gun, Comin’ Back to Me e Good Times. Un bel racconto che sviscera la visione della condizione umana da parte dei fratelli più prolifici d'America. Che non deludono mai.

    Commenti del regista

    ETHAN COEN:

    "Tutti i componenti della famiglia Gopnik hanno le idee piuttosto chiare su cosa vogliono. Il figlio Danny vuole fumare erba e ascoltare musica. La sorella, Sarah, vuole rifarsi il naso. La moglie e madre, Judith, vuole andare via di casa con un altro uomo, Sy Ableman, che ai suoi occhi è un 'uomo serio', a differenza di suo marito... La cosa più buffa per noi è stata inventare nuove maniere per torturare Larry perché a mano a mano che la storia va avanti la sua vita peggiora sempre di più. Ci sono due esperienze chiave della vita di Danny che sono al centro della storia ma a parte questo il film si concentra soprattutto su Larry e su quello che il destino ha in serbo per lui – forse perché esistono infinite maniere per tormentare un adulto".

    JOEL COEN:

    "Larry è il capofamiglia e vorrebbe semplicemente mandare avanti la baracca. All’inizio del film, è felice e soddisfatto della propria vita, ma la mala sorte si abbatte su di lui e non riesce a credere che qualcuno o qualcosa stia rovinando tutto".

    Quella sorta di 'prologo yiddish':

    ETHAN COEN:

    "Abbiamo pensato che una piccola storiella autonoma fosse un’introduzione appropriata per questo film e poiché non conoscevamo nessun racconto Yiddish adatto al contesto, ne abbiamo inventato uno".

    JOEL COEN

    "Il racconto non ha nulla a che vedere con la storia che segue ma ci ha aiutato a pensare al film".

    Riguardo all'attore protagonista:

    "Cercavamo un attore protagonista che fosse praticamente sconosciuto al grande pubblico. Michael Stuhlbarg è certamente conosciuto dai frequentatori dei teatri newyorchesi ma non dal pubblico cinematografico. Lo avevamo visto spesso calcare le scene e sapevamo che é un attore eccellente".

    I veri ebrei del MidWest:

    ETHAN COEN:

    "... Desideravamo scritturare dei veri ebrei diametralmente opposti agli ebrei di Hollywood. Quelli del film sono ebrei delle pianure ed è questo che volevamo portare sullo schermo poiché si tratta di una cultura, di un mondo e di sentimenti totalmente diversi da quelli delle comunità ebraiche di New York o di Los Angeles... A volte la gente ci chiedeva: ‘Non vi starete per caso prendendo gioco degli ebrei, vero?’ E in effetti non era questa la nostra intenzione anche se ci sarà certamente qualcuno che prenderà tutto ciò che non è adulatorio come un’indicazione del fatto che noi riteniamo che l’intera comunità o che tutti gli ebrei siano imperfetti".

    JOEL COEN:

    "Volevamo coinvolgere il più possibile la comunità locale e tutti i leader religiosi che abbiamo contattato si sono dimostrati tutti ben disposti e dotati di senso dell’umorismo... A volte la gente si irrigidisce quando tratti in maniera così specifica un certo argomento. Dal nostro punto di vista, 'A Serious Man' guarda in maniera molto affettuosa la comunità ebraica ed è un film che metterà in luce alcuni aspetti del giudaismo che generalmente non si vedono",

    Commenti dei protagonisti:

    MICHAEL STUHLBARG (Larry Gopnik):

    Larry vive la sua vita in maniera piuttosto normale, avendo sviluppato una serie di abitudini. E’ alquanto soddisfatto della sua vita e vorrebbe che andasse avanti così. Si diverte con la matematica e la fisica che insegna all’università, ama la sua famiglia e probabilmente da’ per scontato quello che ha. Non è consapevole di ciò che sta facendo fino a quando le cose cominciano a sfuggirgli di mano e scopre che la sua vita non è esattamente come si aspettava che fosse e questo lo fa precipitare in una crisi profonda. Spera che, attraverso la saggezza dei leader della sua comunità spirituale, scoprirà la ragione di tutto quello che gli sta succedendo. Ma poi succedono delle altre cose: il fratello Arthur vive a sua volta una crisi profonda, che va a pesare sulle spalle di Larry, anche se è un fardello del quale si fa carico volentieri visto l’enorme affetto che li lega".

    Links:

    • Joel e Ethan Coen (Regista)

    • Michael Stuhlbarg

    1 | 2

    Galleria Video:

    A Serous Man - trailer.flv

    A serious man - trailer (versione originale).flv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Il mio profilo migliore

    IL MIO PROFILO MIGLIORE

    Dalla Berlinale 2019 - Juliette Binoche si sente libera di sondare un personaggio sofisticato e .... [continua]

    The Informer - Tre secondi per sopravvivere

    THE INFORMER - TRE SECONDI PER SOPRAVVIVERE

    Dal 17 Ottobre .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Ecco .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Ancora al cinema - Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Ancora al cinemaDa -Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]