ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Ottobre 2019) - Il grande ritorno al cinema di .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella Città - .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Ancora al cinema - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Franklyn

    FRANKLYN: QUATTRO ANIME UNITE DAL FATO, DALL'AMORE ROMANTICO E DALLA TRAGEDIA SU UNO SCENARIO DI MONDI PARALLELI, TRA UNA LONDRA CONTEMPORANEA E UNA METROPOLI FUTURISTICA

    "Penso che al suo cuore Franklyn sia una favola urbana. Come in tutte le fiabe classiche, questa storia contiene elementi di amore, fede, redenzione, suspense, bene e male e il senso di un potere più alto, forse un potere quasi magico al lavoro. 'Franklyn' è uno sguardo all’interno del lavoro profondo del destino, sia disegnato che casuale, nel momento in cui coinvolge quattro esseri umani totalmente diversi e all’interno di ambienti completamente differenti, dalle ghiaiose vie di Londra al sorprendente mondo parallelo della metropoli religiosa di Meanwhile City... Una favola moderna in tempi dominati dal cinismo".
    Il regista e sceneggiatore Gerald McMorrow

    (Franklyn FRANCIA/GRAN BRETAGNA 2008; sci-fi Thriller; 94'; Produz.: Production Companies/Recorded Picture Company (RPC)/Aramid Entertainment Fund/Film4/UK Film Council/HanWay Films; Distribuz.: MediaFilm)

    Locandina italiana Franklyn

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Franklyn

    Titolo in lingua originale: Franklyn

    Anno di produzione: 2008

    Anno di uscita: 2009

    Regia: Gerald McMorrow

    Sceneggiatura: Gerald McMorrow

    Cast: Eva Green (Emilia)
    Ryan Phillippe (Preest)
    Sam Riley (Milo)
    Bernard Hill (Esser)

    Musica: Joby Talbot

    Costumi: Leonie Hartard

    Scenografia: Laurence Dorman

    Fotografia: Ben Davis

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Collocate tra i mondi paralleli della Londra contemporanea e di una metropoli futuristica e dominata dal caso chiamata Meanwhile City, FRANKLYN ci presenta la storia di quattro anime, le cui vite sono collegate dal fato, dall’amore romantico e dalla tragedia. Nel momento in cui questi mondi collidono, un singolo proiettile determina il destino di questi quattro personaggi.

    IN DETTAGLIO:

    Jonathan Preest (RYAN PHILLIPPE) è il temuto vigilante di Meanwhile City, un mondo dove la religione è legge. Preest, l’unico ateo in città, si erge contro la società ed è ricercato dai Clerici, la forza di polizia di Meanwhile City. Tradito dall’informatore Wormsnakes, Preest viene arrestato dopo un inseguimento sui tetti della città. Lasciato a marcire in prigione, Preest riesce a pensare solo alla morte dell’ultima persona che ha cercato di proteggere, una giovane donna, per mano della sua nemesi, The individual. Egli giura vendetta.

    Nella Londra dei nostri giorni incontriamo Emilia (EVA GREEN), un donna giovane, bella, e privilegiata. Forzata a sopportare le sedute dallo psicologo di terapia di famiglia con una madre che disprezza, Emilia è diventata cinica e depressa. Vive in uno squallore chic bohemien e riprende per il suo diploma d’arte i suoi tentativi di suicidio da lei messi in scena.

    Incontriamo anche Milo (SAM RILEY), un giovane professionista di bell’aspetto, che è appena stato scaricato all’altare. Una mattina, Milo pensa di aver notato per strada la sua amica della prima infanzia, Sally (EVA GREEN). Morendo dalla voglia di rivederla, Milo cerca Sally dovunque. La trova nella loro vecchia scuola, dove adesso Sally insegna. Il senso di romanticismo di Milo è risvegliato, e i due si accordano per incontrarsi per una cena. Milo fa però poi visita a sua madre, che gli spiega che Sally in realtà era la sua amica immaginaria, quando era più piccolo.

    Tornando a Meanwhile City, Preest viene rilasciato nelle strade dal capo degli ecclesiastici, Tarrant. Gli ecclesiastici sono stati informati che The Individual sta arrivando in città e vogliono che Preest lo uccida. Preest, riluttante ad assecondarli, visita Wormsnakes per avere informazioni e gli viene detto che sarà The Individual a trovarlo.

    Peter Esser (BERNARD HILL), un uomo profondamente religioso, arriva a Londra per ritrovare suo figlio David, un problematico veterano della Guerra del Golfo che è sfuggito alle cure psichiatriche. Esser fa visita a Billy Wasnik, vecchio compagno d’armi di David, e al suo ufficiale superiore, Tarrant. Scopre che David porta molto rancore a suo padre in seguito alla morte di sua sorella. Wasnik dà a Esser un indirizzo dove potrebbe trovare David.

    Sapendo di essersi ingannato, Milo è comunque obbligato ad incontrare Sally per l’ultima volta.
    Peter Esser entra nello stesso ristorante, nella speranzosa attesa che suo figlio faccia la sua comparsa. Nel frattempo David irrompe nell’appartamento di una ragazza che si scopre essere Emilia.
    Adesso è chiaro che Meanwhile City esiste solo nell’immaginazione di David Esser, e che Jonathan Preest è in realtà David. La sua mente torturata ha trasformato suo padre in The Individual, l’uomo che lui deve uccidere......

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    FLASH MOVIE:

    FRANKLYN: ED E’ IL CAOS. E’ DIFFICILE SPIEGARE IL PERCHE’, EVITANDO DI SVELARE GLI UNICI DETTAGLI CHE DOVREBBERO DARE UN SENSO A QUESTO CAOS. UN SENSO C’E’ MA LO SCOPRIRETE SOLO VERSO LA FINE, QUANDO D’ALTRA PARTE MOLTE NEBULOSITA’ SUI SIGNIFICATI PIENI DI PARECCHIE COSE VI RIMARRANNO ANCHE UNA VOLTA USCITI DAL CINEMA. IN QUESTO OSCURO LABIRINTICO PERCORSO RILAVATO DA UNA MISCELA DARK ‘GOTICHEGGIANTE’ E DOMINATO DA UN CALEDOSCOPIO DI CREDO PSEUDO-RELIGIOSI CHE CLASSIFICANO E CONTROLLANO UNA SOCIETA’ MEDIEVALEGGIANTE E ALLUCINATORIA COME SOLO UNA MENTE COMPLETAMENTE FOLLE PUO’ CONCEPIRE, SI MUOVONO, ALTERNANDOSI TRA LORO, UN RAGAZZO MASCHERATO CON MANIFESTE INTENZIONI OMICIDE NEI CONFRONTI DI UN INDIVIDUO PRESUMIBILMENTE DA PUNIRE, UNA RAGAZZA FORTEMENTE DISTURBATA PSICHICAMENTE CON MANIACALI VELLEITA’ ARTISTICHE APPLICATE A PERFORMANCES SUICIDE OLTRE CHE A PITTURA, DISEGNO E VIDEO-ART DI MARCA TRAGICAMENTE ESISTENZIALE (EVA GREEN), UN ALTRO RAGAZZO APPENA LASCIATO ALL'ALTARE DALLA SUA FIDANZATA, E UN PADRE ALLA

    RICERCA DI UN FIGLIO FUGGITO DALL’OSPEDALE PSICHIATRICO CHE LO AVEVA IN CURA DA ANNI. PERSONAGGI DIVERSI CHE PERCORRONO BINARI APPARENTEMENTE SENZA ALCUNA RELAZIONE TRA LORO E CHE INVECE, PIU’ O MENO INCONSAPEVOLMENTE, SCOPRIREMO LEGATI DA UN INSOSPETTABILE COMUNE FILO DI ARIANNA. TRA LE RIGHE OCCHIEGGIANO LE DEVASTANTI CONSEGUENZE SULLA MENTE E SULL’ANIMA DI QUESTI INDIVIDUI: DOPO AVER COMBATTUTO LA GUERRA IN IRAQ, IN SEGUITO AD ILLECITI ABUSI ALL’INTERNO DELLA SFERA FAMILIARE, STATI ALLUCINATORI COME RISPOSTA ALL’ELABORAZIONE DI GRAVI LUTTI. LA’ DOVE REALTA’ E MONDI PARALLELI SI INTERSECANO TRA LORO FINO A GENERARE DEVASTANTI CAOS PERSONALI. IL FATTO E’ CHE, CINEMATOGRAFICAMENTE PARLANDO, FRAKLYN HA ABORTITO IL PRORPIO EMBRIONE ANCHE SUL PIANO SCENOGRAFICO OLTRE CHE CONCETTUALE. NON SONO DIFATTI DAVVERO SUFFICIENTI I FUMOSI SCORCI CITTADINI DA ‘DARK NOVEL’ - SU CUI IL BEN PIU’ NAVIGATO TIM BURTON SI’ CHE POTREBBE RACCONTARLA GIUSTA - PER TENERE IN APNEA FORZATA IL POVERO SPETTATORE CHE

    ANNASPA QUASI SOFFOCANDO NEL DISPERATO TENATTIVO DI GUADAGNARE L’USCITA - PERCHE’ QUELLA SI CHE E’ UNA CONQUISTA DAVVERO SUDATA - E MEN CHE MENO FUNZIONA A RENDERE INTRIGANTE LA STORIA L’INFLAZIONATISSIMA MASCHERA BIANCA INDOSSATA DAL PROTAGONISTA. DETTAGLIO CHE, AL DI LA’ DELLE INSIGNIFICANTI VARIANTI SUCCESSIVE, VIENE BEN PIU’ ORIGINALMENTE INTRODOTTO DAL VECCHIO JOHN CARPENTER. ELEMENTI CHE PERALTRO ENTRANO IN COLLISIONE CON UN CONTINUO DIVAGARE CAVALCANDO INFELICEMENTE IL CAMBIO DI ROTTA CON LA PRETESA DI RAGGIUNGERE UN FINALE CHE IN QUALCHE MODO VORREBBE INSINUARE CHE CIO’ CHE I MEANDRI MENTALI HANNO PRODOTTO PER INGANNARE UNA TRAGICA SOFFERENZA AFFETTIVA, IL SOGNO E L’ILLUSIONE, POSSONO PER ALTRE VIE MATERIALIZZARSI IN REALTA’. TUTTO QUESTO, RICONOSCIBILE NON SENZA DIFFICOLTA’ SE SI HA LA PAZIENZA DI ASPETTARE FINO ALLE ULTIME BATTUTE, NON E’ COMUNQUE SUFFICIENTE PER FARE UN FILM, SE NON NECESSARIO ALMENO IN QUALCHE MODO GODIBILE

    Commenti del regista

    "Penso che al suo cuore Franklyn sia una favola urbana. Come in tutte le fiabe classiche, questa storia contiene elementi di amore, fede, redenzione, suspense, bene e male e il senso di un potere più alto, forse un potere quasi magico al lavoro.

    Franklyn è uno sguardo all’interno del lavoro profondo del destino, sia disegnato che casuale, nel momento in cui coinvolge quattro esseri umani totalmente diversi e all’interno di ambienti completamente differenti, dalle ghiaiose vie di Londra al sorprendente mondo parallelo della metropoli religiosa di Meanwhile City.

    Seguiamo le storie di quattro personaggi complessi, ognuno di essi inesorabilmente collocato su un sentiero fatalistico. Tutti stanno cercando qualcosa – che sia l’amore della rimanente parte della famiglia, una felicità promessa, la purezza del primo amore, o semplicemente una spiegazione alla tragedia e agli orrori della vita quotidiana.

    Visivamente queste quattro storie hanno la propria atmosfera e il proprio stile. Ognuna di esse si trova su una scala mobile che va dalla fantasia alla realtà. La natura eclettica della città natale di Preest, Meanwhile City è un melting pot di architettura basata sulla religione, un mondo sorprendente e fantasioso dove l’ombroso vigilante John Preest scruta tra le ombre del totalitaristico controllo religioso.

    Milo è romantico in fondo al cuore; l’ha solo dimenticato. La tragedia del suo fidanzamento fallito e la cancellazione del suo matrimonio contribuisce semplicemente a confermare le sue peggiori paure - che la sua possibilità di catturare il vero amore è persa, forse per sempre. Il mondo di Milo è quello della sopravvivenza banale, alla giornata, ma tra queste ore di comune lavoro egli intravede bagliori di luce, uno sguardo su un precedente e più puro modo di sentire, e lo fa nella forma di Sally, la sua amica dell’infanzia e il suo primo amore.

    Il mondo di Peter Esser è solitario e vuoto. È un uomo semplice impegnato in una missione solitaria a Londra, alla ricerca di suo figlio, mentalmente instabile e da cui è separato da tempo. Dalle deprimenti strade intorno ai rifugi dei senzatetto nel West End, lo guarderemo mentre cerca il mondo disperato delle anime perse di Londra. Emilia vive nella sua propria forma di dolci fantasie. Le sue grida d’aiuto, che aumentano costantemente in drammaticità, danno un senso dell’assurdo alla sua vita, il suo appartamento e la sua visuale della vita si inclinano leggermente più rispetto a quelli di Milo o Esser. In effetti, mentre la storia si sviluppa verso la risoluzione nel suo appartamento, scopriremo che è sempre più difficile raccontare separatamente Meanwhile City e il mondo di Emilia.

    Franklyn è un bilanciamento delicato di ragione e fantasia. Ci sono due diversi modi di guardare agli eventi che si dispiegano. Il primo è un livello fondato sulla ragionevolezza, che l’esistenza di Meanwhile City e le vite parallele dei quattro personaggi siano semplicemente coincidenze e il prodotto di problemi psicologici o delusione. L’altro è che ci sono agenti al lavoro, in questo caso sotto le sembianze di Sally e Pastor Bone (un angelo come annuncio, un custode in una parola, o forse qualcosa di leggermente più dionisiaco). Sono incarnazioni terrestri di un potere più alto, custodi dell’esistenza se preferite, che si mostrano quando la linea tra i mondi comincia a confondersi, e gli individui hanno deviato dal loro vero corso. Entrambe le visioni sono possibili e dipende dal vostro punto di vista, entrambe potrebbero essere vere.

    Sono sempre stato un fan della manipolazione del pubblico/lettore e dei voli dell’immaginazione. Credo che ciò sia pesantemente riflesso in Franklyn. Ad ogni modo, ho anche un interesse fondamentale per le persone, subisco il fascino della percezione che le persone hanno dell’amore e della felicità – intrecciati in modo intricato e sensibile con la fantasia – i due veramente ad un solo passo di distanza. Ecco perché sento che il quotidiano può combinarsi così facilmente con l’inconsueto.

    Infine, spero che questa storia sarà oggetto di discussione, districata, sbrogliata, e rimessa ancora insieme. Può provocare dibattiti relativi a noi stessi, all’esistenza del vero amore, e alla possibilità di rivendicare l’innocenza e la fede che gradualmente scompare da noi, quando cresciamo, diventando più saggi ma anche più cinici. Un commento sull’ossessione del mondo per il credo religioso, l’eccentricità del dogma, e la follia del potere e del controllo in nome della fede. Ma Franklyn resterà completamente un thriller permeato da fantasia emozionale, che si capovolge e si ribalta attraverso una visione del mondo come lo conosciamo illustrata in modo unico, verso un mondo che non conosciamo e verso le aree grigie lì nel mezzo.

    Una favola moderna in tempi dominati dal cinismo
    ".

    Links:

    • Eva Green

    1

    Galleria Video:

    Franklyn (versione originale).mov

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Report

    THE REPORT

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Dal Sundance Film Festival 2019; dal .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni .... [continua]