ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Grazie a Dio

    GRAZIE A DIO

    New Entry - Una storia vera di pedofilia nell'obiettivo di François Ozon - Dal .... [continua]

    Hustlers

    HUSTLERS

    New Entry - Jennifer Lopez spogliarellista a New York secondo la visione 'sportiva' di .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    New Entry - Ecco lo spin-off de Il Grande Lebowski (1998) dei Fratelli Coen .... [continua]

    Il segreto della miniera

    IL SEGRETO DELLA MINIERA

    New Entry - Dal 31 Ottobre

    "Il segreto della miniera è un’opera bella ....
    [continua]

    Hope Gap - Le cose che non ti ho detto

    HOPE GAP - LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    New Entry - TIFF 2019 - Prossimamente .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Una notte al Museo 2 - La fuga

    UNA NOTTE AL MUSEO 2 - LA FUGA. BEN STILLER DOPO IL I° ESILARANTE ATTO FA IL BIS. E A QUANTO PARE ROBIN WILLIAMS LO SEGUE

    'CELLULOID PORTRAITS' rende Omaggio alla Memoria di ROBIN WILLIAMS - "Volevamo che il viaggio di Larry fosse ancora più avvincente, che lo aiutasse a ritrovare la parte migliore di sé, quella di cui ha all’improvviso preso coscienza in 'Una notte al museo'. Ben Stiller e io eravamo d’accordo che la favola non avrebbe avuto un seguito, a meno di avere una nuova, grande storia. Perciò, quando ci è venuta l’idea di portare Larry e i suoi amici allo Smithsonian, abbiamo capito di essere sulla strada giusta. Non avremmo potuto essere più entusiasti... Nello sviluppare la nuova storia, credo che siamo riusciti a trasporre molti dei tratti che gli spettatori hanno amato nel primo film: è divertente, sensibile e spettacolare. Ma noi andiamo oltre questi aspetti, verso qualcosa di nuovo. Stavolta non abbiamo soltanto un uomo in fuga dalle mostre che hanno preso vita. La vicenda è emotivamente più interessante perché il legame tra Larry e Amelia diventa il cuore del film. Volevamo non solo realizzare un sequel più sbalorditivo e avventuroso, ma anche approfondire i temi e le relazioni, e la sceneggiatura ha rispecchiato i nostri propositi. Amelia (Earhart, l'avventurosa aviatrice in mostra all'Air and Space Museum) è una donna focosa e vive con Larry una magnifica avventura romantica perché entrambi sanno che, al mattino, lei tornerà ad essere una statua di cera... È sorprendente vedere i piloti del reparto Tuskegee Airmen, il cui ruolo è stato così importante nella storia americana, che ringraziano Amelia Earhart per il ruolo che ha avuto nell’abbattere le barriere della discriminazione nel campo dell’aviazione. Queste conversazioni non avrebbero mai potuto avere luogo nella realtà, ma accrescono il potenziale della commedia e, in qualche modo, sono una fonte d’ispirazione... La novità dell’arte che prende vita nella Galleria è stata particolarmente emozionante per me che sono un appassionato d’arte. C’è di tutto, dal paesaggio agreste del dipinto American Gothic a Nighthawks di Edward Hopper, fino alla foto del VJ Day di Alfred Eisenstaedt. È stato emozionante lasciare la realtà ed entrare in questi mondi virtuali, all’interno di alcune delle mie opere d’arte preferite. Ma ben altro prende vita: il celebre Pensatore di Rodin, una ballerina di Degas e molte altre creature, tra cui un calamaro gigante".
    Il regista Shawn Levy

    "We wanted everything we did in the first movie to be not only bigger but better in the second. We wanted a journey for Larry that would be even more captivating, that would help him find his way back to the better self he got a glimpse of in Night at the Museum. Ben Stiller and I had always agreed that we wouldn’t continue this tale unless we had a great new story – so when the idea came up of taking Larry and his friends to the Smithsonian, we knew this was it. We couldn’t have been more excited... In developing the new story, I think we brought out a lot of the traits that people loved about the first movie – it’s funny, warm-hearted and full of spectacle. But we also go beyond that, towards something new. This time it’s not just a guy running away from exhibits that have come to life. It’s emotionally more interesting because the love story between Larry and Amelia becomes the heart of the movie. Our goal was to make the sequel more astounding and adventurous, but also to deepen the themes and relationships, and this screenplay pulls it off. Amelia’s a spitfire and she and Larry have a wonderful, bittersweet romance because they know she will be wax again when morning comes... It’s amazing to have the Tuskegee Airmen, who were so important to American history, have the opportunity to thank Amelia Earhart for blazing the way towards breaking down barriers of prejudice in flying. These are conversations that never could have happened in real life but they bring great potential for comedy as well as a little historical inspiration.... The new element of art coming to life in the gallery was a particular thrill for me as an art lover. You have everything from the American Gothic farmland landscape to Edward Hopper’s ‘Nighthawks,’ to the VJ Day photo by [Alfred] Eisenstaedt. It was a thrill to leave the real world and go into these virtual worlds, inside some of my own favorite works of art. We also have famous sculptures come to life: ‘The Thinker’ by Rodin, a Degas ballerina and lots of other creatures, including a massive Octopus."
    Director Shawn Levy

    (Night at the Museum 2: Battle of the Smithsonian USA 2009; commedia d'azione; 105'; Produz.: 1492 Pictures/20th Century Fox Film Corporation/Museum Canada Productions/Twentieth Century-Fox Film Corporation; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Una notte al Museo 2 - La fuga

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See ENGLISH VERSION
    Trailer

    Titolo in italiano: Una notte al Museo 2 - La fuga

    Titolo in lingua originale: Night at the Museum 2: Battle of the Smithsonian

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2009

    Regia: Shawn Levy

    Sceneggiatura: Robert Ben Garant e Thomas Lennon

    Soggetto: Personaggi di Robert Ben Garant e Thomas Lennon

    Cast: Ben Stiller (Larry Daley)
    Amy Adams (Amelia Earhart)
    Owen Wilson (Jedediah)
    Robin Williams (Teddy Roosvelt)
    Bill Hader (Generale George Armstrong Custer)
    Hank Azaria (Kah Mun Rah)
    Ricky Gervais (Dr. McPhee)
    Steve Coogan (Octavius)
    Craig Robinson (Tuskegee aviere 2)
    Mizuo Peck (Sacajawea)

    Musica: Alan Silvestri

    Costumi: Marlene Stewart

    Scenografia: Claude Paré

    Fotografia: John Schwartzman

    Scheda film aggiornata al: 31 Agosto 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Quando il Museo di Scienze Naturali viene chiuso per restauri, tutti i pezzi (compresa la guardia notturna) vengono spostati allo Smithsonian. E' proprio lì che inizia una nuova avventura con un perfido faraone. Infatti, durante la notte tutto il museo prende vita. Sarà compito del guardiano notturno risistemare la situazione senza che nessuno se ne accorga.

    IN DETTAGLIO:

    È scesa la notte sulla Smithsonian Institution di Washington, DC. Le guide sono andate a casa, le luci sono spente, gli scolari sono a letto con le coperte rimboccate... nel frattempo si sta scatenando un gran subbuglio, mentre l’ex guardiano notturno Larry Daley (Ben Stiller) viene risucchiato in una nuova avventura sconvolgente e inimmaginabile, in cui la Storia stessa prende vita. In questo secondo episodio della saga di “Una notte al museo” (Night at the Museum), Larry affronta una battaglia tanto epica da potersi svolgere soltanto nei corridoi del museo più grande del mondo. Stavolta Larry deve cercare di salvare i suoi (ex) amici inanimati da quella che potrebbe essere la loro ultima notte allo Smithsonian, dove tutto – dai celebri dipinti sulle pareti ai missili spaziali nelle sale – ha improvvisamente acquistato vita propria.
    Nel film il divertimento inizia con Larry che, lasciatosi alle spalle il poco remunerativo lavoro di guardiano al museo, è diventato il ricercato inventore di prodotti infocommerciali della Daley Devices. Sembra proprio che abbia tutto, invece nella sua vita manca qualcosa, qualcosa che lo spinge a tornare al vecchio rifugio, il Museo di Storia Naturale, dove ha trascorso la notte più magica della sua vita. Una volta lì, fa una scoperta allarmante. Le sue mostre preferite e alcuni tra i suoi migliori amici, ormai considerati superati, sono stati imballati e riposti in casse, in attesa di essere spedite alla volta degli immensi depositi dello Smithsonian.
    Il loro destino sembra segnato, almeno finché Larry non sente l’afflitto richiamo del cowboy in miniatura Jedediah (Owen Wilson), che lo informa di un disastro imminente. Sembra infatti che il trasferimento allo Smithsonian abbia risvegliato un certo numero di reperti, incluso il sovrano egizio Kahmunrah (Hank Azaria), che è particolarmente di cattivo umore dopo 3000 anni di sonno. Ora il sovrano e i suoi spietati seguaci – un trio formato da Ivan il Terribile (Christopher Guest), Napoleone Bonaparte (Alain Chabat) e Al Capone (Jon Bernthal) – stanno tramando per assumere il controllo del museo (e poi del mondo intero) scatenando i guerrieri dell’oltretomba.
    Mentre si dirige a tutta velocità verso la capitale, Larry è turbato e frastornato. Ma ora ha alcuni nuovi amici straordinari – dal brillante Albert Einstein all’onesto Abe Lincoln fino alla statua dell’irrefrenabile Amelia Earhart (Amy Adams), che lascia Larry senza fiato e lo spinge a riscoprire il senso del divertimento e il gusto dell’avventura. Insieme ai vecchi compagni, Teddy Roosevelt (Robin Williams), Ottavio (Steve Coogan), Sacajawea (Mizuo Peck), Attila l’Unno (Patrick Gallagher) e gli uomini di Neanderthal, Larry non si fermerà davanti a nulla per ritrovare i suoi amici e ripristinare l’ordine al National Mall, dal Lincoln Memorial all’Air and Space Museum, prima che sopraggiunga l’alba.

    Dal >Press-Book< di Una notte al Museo 2 - La fuga

    ENGLISH VERSION:

    Night has fallen upon the Smithsonian Institution in Washington, DC. The guides have gone home, the lights are out, the school kids are tucked in their beds . . . yet something incredible is stirring as former night guard Larry Daley (Ben Stiller) finds himself lured into his biggest, most imagination-boggling adventure yet in which history truly comes alive. In this second installment of the Night at the Museum saga, Larry faces a battle so epic it could only unfold in the corridors of the world’s largest museum. Now, Larry must try to save his formerly inanimate friends from what could be their last stand amid the wonders of the Smithsonian, all of which, from the famous paintings on the walls to the rocket ships in the halls, suddenly have a mind of their own.
    The first film ever shot in the Smithsonian complex, the fun begins as Larry has left behind the low-paying world of guarding museums to become a sought-after inventor of Daley Devices infomercial products. He seems to have it all – but something is missing in his life, something that draws him back to his old haunt, the Museum of Natural History, where he once had the magical night of a lifetime. There, he makes an unsettling discovery. His favorite exhibits, indeed some of his truest friends, have been deemed out-of-date. Packed into crates, they await shipment to the vast archives of the Smithsonian.
    Their fate is unknown – that is, until Larry receives a distress call from the miniature cowboy Jedediah (Owen Wilson), who informs him of an impending disaster. It seems the newcomers have awoken their new digs, including the Egyptian ruler, Kahmunrah (Hank Azaria), who’s in a particularly nasty mood after 3,000 years of slumber. Now, he and a trio of history’s most heinous henchmen – namely Ivan the Terrible (Christopher Guest), Napoleon Bonaparte (Alain Chabat) and Al Capone (Jon Bernthal) – are plotting to take over the museum (and then the globe), as they unleash the Army of the Underworld.
    Speeding to the nation’s capital, Larry is clearly in over his head. But he’s got some impressive new friends – from the brilliant Albert Einstein to honest Abe Lincoln to the one exhibit who takes his breath way –the irrepressible Amelia Earhart (Amy Adams), who spurs Larry to rediscover his missing his sense of fun and adventure. Along with his old buddies, including Teddy Roosevelt (Robin Williams), Octavius (Steve Coogan), Sacajawea (Mizuo Peck), Attila The Hun (Patrick Gallagher) and the Neanderthals -- Larry will stop at nothing to regain his friends and restore order to the National Mall, from the Lincoln Memorial to the Air and Space Museum, before the stroke of dawn.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    L’intenzione era quella di rendere il secondo ‘viaggio’ all’interno del museo che di notte prende vita più avvincente del primo. Ma purtroppo così non è stato. E dire che qualche novità sulla carta è stata indicata e avrà pure preso anche corpo ma l’anima si è sicuramente persa per strada. Le gag e la sottile sottotrama infiltrata tra la maglie della lettura di primo grado rivolta ai più piccoli del primo film non hanno qui avuto degno seguito. Tra i personaggi ci sono delle ‘new entries’ ma non ci si è preoccupati di lavorare ironizzando a dovere sul loro tallone di Achille, se non lambendo in superficie qualche luogo comune di cui Napoleone Bonaparte, con la sua statura in ‘formato ridotto,’ non è che l’esempio più elementare. Il sovrano egizio, il faraone Kahmunrah (Hank Azaria) reso risibile nel modo di parlare, come si suol dire, ‘con la lisca’, potrà poi

    far sorridere i piccolini, ma forse neppure loro. E il trio dei suoi famigerati seguaci, Ivan Il Terribile, lo stesso Napoleone e Al Capone, risulta tristemente patetico. Per inciso, come faccia poi il faraone a conoscere per fama personaggi ben successivi a lui nella storia, non si riesce a capire. Si poteva pensare che si fossero fatti le proprie confidenze al Museo, se non fosse per il fatto che il faraone si è risvegliato, per giunta di malumore, dopo 3000 anni di sonno profondo. Mah, vai a capire i misteri delle sceneggiature!
    L’aviatrice Amelia Earhart (Amy Adams), che affianca Larry (un Ben Stiller forse più legnoso del solito), risulta interessante quanto un ‘inciampo narrativo’. Il personaggio più accattivante tra i musealizzati si direbbe la statua di Abramo Lincoln, mentre il nostro Robin Williams veste di nuovo i panni di Teddy Roosevelt e questa volta in duplice versione, affiancando alla figura a

    cavallo, il mezzo busto in bronzo che, non disponendo di mani, chiede a Larry la cortesia di grattargli il naso. Il che si traduce in poco più di un cameo.

    Forse il difetto peggiore di questo atto II° è proprio una sceneggiatura senza nervo e spessore sufficienti a colorire e a rendere un po’ più effervescente il tutto. Tra i rari passaggi limitatamente appetibili si potrebbe citare la ‘vivificazione’ dei quadri esposti nelle sale dello Smithsonian Museum, in cui entrano ed escono i nostri protagonisti, interagendo con la rappresentazione che diventa, per poco, la loro realtà temporanea in punta di fuga. Occasioni d’altra parte sprecate in schegge annacquate assolutamente prive di gag di rilievo, a parte la rinfrescata elargita da Larry al polipo gigante con l’acqua marina di un quadro usato alla stregua di un secchio. Un po’ come questo stesso film: scivola via come una secchiata d’acqua. La porta che

    separa la dimensione reale da un’altra, diversa sul piano temporale e/o ambientale, nel caso specifico l’al di là, non è poi certo una novità: Stargate docet.

    La morale spicciola è che se Larry non era soddisfatto all’epoca di quando faceva il guardiano notturno al Museo di Storia Naturale a New York, ora che da un paio d’anni veste i panni di manager del marketing fondato sull’invenzione di piccoli oggetti, come ad esempio la torcia fosforescente, lo è ancora meno. Come gli fanno osservare Amelia e altri, ha perso la passione, non è felice. E in aiuto agli amati personaggi del museo, con cui ora ha un legame affettivo consolidato (al punto da far scodinzolare lo scheletro di dinosauro al suo ritorno), ritrova se stesso e decide di vendere la società per tornare al Museo d’origine. E questo dopo aver trovato la soluzione vincente per evitare l’archiviazione ai canonici personaggi con l’idea

    di far spazio a soluzioni espositive tecnologicamente più avanzate. La faccenda si fa preoccupante. Tutto lascia pensare che si sia aperto il varco per Una notte al Museo 3. Forse l’idea della fuga questa volta potrebbe interessare lo spettatore. Si salvi chi può!

    Links:

    • Robin Williams

    • Ben Stiller

    • Steve Coogan

    • Mizuo Peck

    • Amy Adams

    • Owen Wilson

    • Craig Robinson

    1

    Galleria Video:

    Una notte al Museo 2 (versione originale).mov

    Dress_Broadband.wmv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il nuovo 'Diavolo veste Prada' .... [continua]

    Tutta un'altra vita

    TUTTA UN'ALTRA VITA

    Dal 12 Settembre .... [continua]

    Vox Lux

    VOX LUX

    Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Dal 12 Settembre

    "Il mio ....
    [continua]

    It - Capitolo 2

    IT - CAPITOLO 2

    RECENSIONE - Dal 5 Settembre

    "La prima volta che ho interpretato Pennywise nessuno sapeva ....
    [continua]

    Il re leone

    IL RE LEONE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Agosto

    "È una storia davvero molto amata da ....
    [continua]

    La fattoria dei nostri sogni

    LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI

    Tra i più attesi!!! - Realizzare il sogno di una vita si può? Si. .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]