ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    1917

    1917

    Tra i più attesi!!! - OSCAR 2020: 10 Nominations: 'Miglior Film' (Sam Mendes, .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea nell'ultimo film di Mattia Torre - Dal 23 Gennaio .... [continua]

    Emma

    EMMA

    New Entry - Il film segna il debutto sul grande schermo del regista Autumn .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    New Entry - Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), .... [continua]

    Ghostbusters: Legacy

    GHOSTBUSTERS: LEGACY

    New Entry - Si tratta del terzo capitolo dell'omonima saga, inaugurata nel 1984 con .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Ancora al cinema - Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è ....
    [continua]

    Cena con delitto - Knives Out

    CENA CON DELITTO - KNIVES OUT

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 37. Torino Film Festival .... [continua]

    Spie sotto copertura

    SPIE SOTTO COPERTURA

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 Dicembre .... [continua]

    Playmobil: The Movie

    PLAYMOBIL:THE MOVIE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 Dicembre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il dubbio

    IL DUBBIO: MERYL STREEP NEI PANNI DI UNA SUORA SEVERA E CONSERVATRICE ALLE PRESE CON IL DUBBIO DI PEDOFILIA A CARICO DI PADRE FLYNN/PHILIP SEYMOUR HOFFMAN

    'CELLULOID PORTRAITS' rende Omaggio alla Memoria di PHILIP SEYMOUR HOFFMAN - 5 Nomination all'OSCAR 2009: 'Miglior Attrice' (Meryl Streep), 'Miglior Attore' (Philip Seymour Hoffman, 'Miglior Attrice Non Protagonista' (Viola Davis e Amy Adams)

    "Io mi sentivo circondato da una società che sembrava sicurissima di alcune cose. Tutti avevano un’opinione precisa, ma non c’era un vero scambio e se qualcuno diceva ‘non lo so’, era come se dovesse essere mandato a morte nel Colosseo dei media. C’era questa maschera di certezza nella nostra società che io ho visto aumentare al punto di sviluppare una crepa, ossia il dubbio. Così, ho deciso di scrivere un’opera teatrale che celebrasse il fatto di non poter sapere nulla con sicurezza. Volevo esplorare l’idea che il dubbio avesse una natura infinita che permette di crescere e cambiare, mentre la sicurezza è una strada senza uscita. Quando c’è certezza, la conversazione è conclusa e io invece sono interessato a conversare, soprattutto perché un altro termine per la conversazione è ‘vita’. Dobbiamo imparare a vivere con una dose di incertezza. E’ il silenzio tra le chiacchiere della nostra epoca... Per me era sempre importante che il senso di dubbio serpeggiasse tra il pubblico. Io non dirò loro quello che è giusto e sbagliato. Io volevo soltanto far riflettere e suscitare qualcosa, piuttosto che dire quello che devono provare e sentire... Io volevo applicare la mia visione delle cose a una situazione che è decisamente complessa e apparentemente irrisolvibile e questo ha portato a un prete di una parrocchia accusato di aver approfittato di un membro della sua comunità. Io non ero molto interessato agli scandali ecclesiastici, ma cercavo una situazione in grado di dividere, in cui la maggior parte delle persone non esita minimamente a condannare una persona, per poi riproporre queste convinzioni al pubblico mettendole sotto una luce diversa... Ho la tendenza a essere d’accordo con ognuno dei miei personaggi mentre parlano. Ma è la mia esperienza di vita. Gli esseri umani sono contraddittori, paradossali e misteriosi, caratteristiche che mantengono sempre... per più di un centinaio di anni, i realizzatori hanno pronunciato una domanda e, alla fine del film, hanno fornito la risposta. Con 'IL DUBBIO', volevo che alla fine gli spettatori non avessero una risposta, ma pensassero che era stata una bellissima domanda. In questo modo, diventava la storia del pubblico".
    Lo scrittore e regista John Patrick Shanley

    (Doubt USA 2008; drammatico; 104'; Produz.: Scott Rudin Productions; Distribuz.: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia)

    Locandina italiana Il dubbio

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Il dubbio

    Titolo in lingua originale: Doubt

    Anno di produzione: 2008

    Anno di uscita: 2009

    Regia: John Patrick Shanley

    Sceneggiatura: John Patrick Shanley

    Soggetto: John Patrick Shanley porta sullo schermo la sua opera teatrale IL DUBBIO, in una storia sulla ricerca della verità, le forze del cambiamento e le devastanti conseguenze della giustizia cieca in un’epoca definita dalle condanne morali.

    PRELIMINARIA:

    L’opera di Shanley, dopo la sua anteprima mondiale off-Broadway nell’autunno del 2004, è arrivata a Broadway grazie a una serie impressionante di recensioni entusiaste. Ha esordito al Walter Kerr Theater nel 2005 e ci è rimasta per 25 anteprime e 525 interpretazioni, cosa che ha portato a un lunga tournée negli Stati Uniti e a numerose produzioni internazionali.

    Cast: Meryl Streep (Sorella Aloysius)
    Philip Seymour Hoffman (Padre Flynn)
    Amy Adams (Sorella James)
    Viola Davis (Signora Muller)
    Lloyd Clay Brown (Jimmy Hurley)
    Joseph Foster (Donald Miller)
    Bridget Megan Clark (Noreen Horan)
    Lydia Jordan (Alice)
    Paulie Litt (Tommy Conroy)
    Matthew Bradley Marvin (Raymond Germain)
    Evan Lewis (Parishioner John)

    Musica: Howard Shore

    Costumi: Ann Roth

    Scenografia: David Gropman

    Fotografia: Roger Deakins

    Scheda film aggiornata al: 05 Febbraio 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    La storia - che è ambientata negli anni Sessanta in una scuola cattolica del Bronx - abbraccia un tema scottante e alquanto spinoso quale quello della pedofilia negli ambienti religiosi. Una severissima Preside suora (Streep) accusa un sacerdote che tiene lezione in alcune classi dell'istituto (Seymour Hoffman) di violenza su un ragazzino di colore.

    IN DETTAGLIO:

    E’ il 1964, a St. Nicholas nel Bronx. Un deciso e carismatico prete, Padre Flynn (Philip Seymour Hoffman), sta cercando di allentare i rigidi costumi della scuola, che vengono custoditi gelosamente da Sorella Aloysius Beauvier (Meryl Streep), la Preside con il pugno di ferro che crede nel potere della paura e della disciplina. I venti del cambiamento politico stanno soffiando all’interno della comunità e in effetti la scuola ha accettato il suo primo studente di colore, Donald Miller. Ma quando Sorella James (Amy Adams), un’innocente piena di speranza, condivide con Sorella Aloysius il suo sospetto che Padre Flynn stia prestando troppa attenzione a Donald, Sorella Aloysius è felice di iniziare una crociata sia per svelare la verità che allontanare Flynn dalla scuola. Ora, senza uno straccio di prova se non la sua sicurezza morale, Sorella Aloysius lancia una battaglia contro Padre Flynn, uno scontro che minaccia di sconvolgere la chiesa e la scuola con conseguenze devastanti.

    Dal >Press-Book< de Il dubbio

    Nota: Si ringrazia Annalisa Di Corato (Ufficio Stampa 'Walt Disney Studios Motion Pictures, Italia')

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    I primi fotogrammi aprono sull’ambiente, con edifici alquanto ‘dimessi’ e ‘malinconici’, un po’ lo specchio della gente che vi abita. Siamo nel Bronx anni Sessanta. Un dettaglio focale per capire le ragioni delle svariate problematiche illuminate da John Patrick Shanley con Il dubbio. Di lì a poco verrà fuori che la scelta di una scuola privata sotto la direzione di una gerarchia ecclesiastica di tutto rigore è stata dettata dalla necessità di evitare percosse certe al proprio figlio ad una scuola pubblica. Siamo in un’epoca e in un territorio dove le discriminazioni razziali sono nel vivo del loro massimo respiro, là dove una chance di protezione può costituire comunque la salvezza, persino la sopravvivenza. Senza questo fondamento non avremmo mai potuto comprendere fino in fondo la natura e le ragioni di un dubbio che diventa l’elettivo protagonista del film, incentrato sulle cause e gli effetti di questo, quanto sui personaggi

    di primo piano.

    Fondamento che però si mostrerà a chiare lettere un po’ più in avanti nel corso di questa storia quasi ‘neorealistica’, nello stile anglosassone alla Peter Mullan. Storia figlia di un’epoca che abbraccia più generazioni, preparandosi a raggiungerne e svelarne, ma solo in parte, cuore e anima, con una delle sue sequenze climax. Stiamo parlando del momento in cui la Preside della scuola, un conglomerato di eccessi per autoritarismo, intransigenza e intolleranza minimaliste, sull’onda lunga di un atroce sospetto, parla con la madre dell’unico ragazzo nero di tutta la sua scuola. E’ Suor Aloysius, cui dà volto e anima una Meryl Streep che, come sappiamo, non sbaglia un colpo. Ma non è lei la prima ad entrare in campo, anche se sarà lei a dominarlo di lì a poco. Lo è invece il sermone del sospettato, il carismatico e ‘progressista’ Padre Flynn (Philip Seymour Hoffman in un inedito ruolo

    che tiene ben testa alla sua ‘rivale’). Il primo suo sermone che si appunta proprio sul ‘dubbio’, quale trappola di falso conforto quanto la certezza. Uno tra i suoi sermoni successivi sarà invece sull’intolleranza, ispirato peraltro proprio dall’esasperante comportamento di Sorella Alysius. E i ruoli sono chiari fin dall’inizio, come avverte lo stesso Padre Flynn, fuori con i ragazzi prima di entrare in classe, scorgendo Sorella Aloysius riflessa al vetro della finestra al piano superiore: “Il mastino è affamato”. Se ci sono sermoni ci sono Sante Messe, se ci sono Sante Messe ci sono un prete officiante ma anche dei chierichetti. E per il ragazzo nero la fascinazione di tale ruolo accanto ad un suo compagno è implicita, talmente rassicurante da sfociare in una, forse prematura, vocazione al sacerdozio. E quando la socializzazione con i compagni, condizionati dalla mentalità imperante socialmente all’epoca, sembra al momento una conquista irraggiungibile, viene spontaneo

    cercare conforto e protezione da chi è naturalmente disponibile e versato a farlo: lo stesso Padre Flynn. L’atroce dubbio - prima insinuato un po’ subdolamente, poi apertamente e fin troppo aggressivamente dichiarato - di Sorella Aloysius riguardo ad un caso di pedofilia nella sua scuola - presunta dato che non avrà mai le prove anche se riuscirà nella punizione con l’allontanamento del sacerdote - prende spunto da circostanze ambigue e fatti che diventano facile preda di fraintendimenti.

    Come già precisato dallo stesso regista, di tutta questa ‘losca’ faccenda, perennemente in bilico tra verità e menzogna, innocenza e corruzione, nessuno alla fine avrà mai una risposta chiara. Nessuno arriverà mai a sciogliere quell’atroce dubbio che, tutt’altro che aereo eppur mai comprovato, resterà ben radicato in Sorella Aloysius, personaggio di cui Meryl Streep, non mancherà di lasciarci intravedere anche l’altra sua faccia, espressione cangiante di una certa fragilità e vulnerabilità radicate in

    un passato che l’ha vista prima sposata e poi vedova, e chissà che altro. Uno dei confronti più drammatici con Padre Flynn si muove difatti sul filo di ‘chi è senza peccato scagli la prima pietra’. E sarà comunque l’altra faccia a prendere il sopravvento con il suo disperato pianto finale, epilogo con cui si congeda, consegnandoci indirettamente un’unica verità: il dubbio, privato dell’approdo ad una verità autentica, non solo non appaga ma resta ancorato all’anima come un virus, dilaniando lentamente la propria vittima, fino a distruggere quel che resta del nostra umanità più misericordiosa.

    Commenti del regista

    "Io conoscevo queste persone. Sorella Aloysius è sicuramente basata sulle suore che ho incontrato personalmente ed è anche una persona con cui mi posso identificare. C’è una certa tristezza che condivido con lei sulle cose che stanno scomparendo nel mondo, come il silenzio, le penne a sfera e gli studenti che leggono Platone... Questa era un’epoca fondamentale per passare da una fede assoluta nell’establishment e nelle gerarchie a mettere in discussione, per esempio, l’esercito o la religione organizzata... Io volevo catturare qualcosa di questo momento perduto. Andando in giro nel Bronx nel 1964, vedevi le suore nei loro abiti e nelle cuffie, ma non sapevi che in pochi anni non li avrebbero più indossati e che quel periodo sarebbe finito per sempre. Credo anche che Padre Flynn sia decisamente un prodotto dei primi anni sessanta per come mette in discussioni le istituzioni, anche se lavora all’interno del sistema. Lui vuole rendere la chiesa che ama più adatta a un mondo in cambiamento... Quando hai soltanto uno studente di colore a scuola, inizi a notarlo e ti chiedi come si senta. Mi ha portato a vedere me stesso e il mio contesto sociale in maniera più complessa e mi ha spinto a pormi delle domande più approfondite".

    Dal Teatro al Cinema:

    "Questa storia ha avuto inizio con i ricordi di quando crescevo nel Bronx e poi questi ricordi sono diventati un’opera teatrale, così ho sfruttato il palcoscenico e tutti i materiali che aveva da offrire per raccontare la storia in quel modo. Ora, come film, ha delle caratteristiche decisamente diverse. Il tipo di specificità che deriva dal mezzo cinematografico, dall’atmosfera, gli edifici e le cose reali che ti circondano fornisce una verità alla storia che gli attori utilizzano per trovare un livello diverso nella loro performance. Il teatro è decisamente organizzato, mentre la vita reale non lo è, quindi una parte di questo processo consisteva nel dividere la storia in vari pezzi e renderla più simile ai ricordi originali... C’era qualcosa di dissonante che sembrava avvenire per via di tutte le diverse reazioni che la gente provava contemporaneamente ogni notte a teatro e questo dava origine a un potere condiviso. Sembra che molte persone si appassionassero al tema delle certezza e alle sue conseguenze, come se fosse qualcosa di cui dovevano parlare. Ed è stato allora che ho capito che mi sarebbe piaciuto trasformarlo in un film".

    Links:

    • Meryl Streep

    • Philip Seymour Hoffman

    • Viola Davis

    • Amy Adams

    1

    Galleria Video:

    Il dubbio (Versione Italiana).mp4

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    International Press

    TODD MCCARTHY, (www.variety.com):

    "The considerable integrity and strength of John Patrick Shanley’s play prevail despite a questionable central performance in 'Doubt'. Stepping back behind the camera for the first time since his misguided 'Joe Versus the Volcano' in 1990, Shanley capably retains the power of his study of unsubstantiated moral convictions gone tragically awry, and the extensive opening up of his four-character, 90-minute 2005 Pulitzer and Tony Award winner adds in social context what it loses in sharply focused intensity. Miramax has plenty here to build this intelligent, absorbing drama into a strong B.O. performer with a discerning public looking for movies that are actually about something".

    CHARLES ISHERWOOD, ("New York Times"):

    "Avere dei dubbi non è piacevole, come può testimoniare chiunque abbia mai atteso dei risultati di laboratorio, sia stato agitato per un esame o rimasto di fronte a un telefono muto aspettando una chiamata. E’ un tormento psicologico che si vuole trasformare in certezza. Ma spesso è il primo passo in un percorso che porta a una saggezza maggiore dal punto di vista spirituale o morale, una compassione più profonda, una liberazione da dei dogmi limitanti. La crisi che Sorella Aloysius affronta negli ultimi strazianti momenti del testo teatrale è quella che tutti viviamo prima o poi: la sconfortante rivelazione che il mondo non funziona come pensiamo".

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Jojo Rabbit

    JOJO RABBIT

    RECENSIONE - Oscar 2020 - Sei Nominations tra cui 'Miglior Film' - Dal [continua]

    Piccole donne

    PICCOLE DONNE

    Tra i più attesi!!! - Nel nuovo adattamento del romanzo di Louisa May Alcott .... [continua]

    Tolo Tolo

    TOLO TOLO

    Dopo quattro anni di attesa Checco Zalone colpisce ancora, questa volta giocando al raddoppio: come .... [continua]

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    RECENSIONE - Da 72. Cannes - Dal 2 Gennaio

    "Dopo 'Io, Daniel Blake', ....
    [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni .... [continua]

    Jumanji - The Next Level

    JUMANJI - THE NEXT LEVEL

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 Dicembre .... [continua]

    Star Wars: L'ascesa di Skywalker

    STAR WARS: L'ASCESA DI SKYWALKER

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE in ANTEPRIMA - La celebre saga volge al .... [continua]