ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Eurovision

    EUROVISION

    New Entry - 2020 .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > In Bruges - La coscienza dell'assassino

    IN BRUGES - LA COSCIENZA DELL'ASSASSINO: COLIN FARRELL E RALPH FIENNES IN UNA 'DARK COMEDY' AMBIENTATA NELLA 'VENEZIA DEL NORD'

    "... quando sono stato lì per la prima volta, circa quattro anni fa, avevo delle sensazioni contrastanti sul posto. Ho iniziato a pensare a due personaggi che reagiscono a Bruges in maniera diversa e ho iniziato a metterli su carta, con dei luoghi specifici di Bruges che dovevano visitare, e con i quali dovevano interagire"
    Il regista e sceneggiatore Martin McDonagh

    (In Bruges GRAN BRETAGNA /BELGIO 2008; dark comedy; 107'; Produz.: Blueprint Pictures/Film4/Focus Features/Scion Films; Distribuz.: Focus Features/Mikado)

    Locandina italiana In Bruges - La coscienza dell'assassino

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: In Bruges - La coscienza dell'assassino

    Titolo in lingua originale: In Bruges

    Anno di produzione: 2008

    Anno di uscita: 2008

    Regia: Martin McDonagh

    Sceneggiatura: Martin McDonagh

    Cast: Colin Farrell (Ray)
    Ralph Fiennes (Harry)
    Brendan Gleeson (Ken)
    Elizabeth Berrington (Natalie)
    Clémence Poésy (Chole)
    Rudy Blomme (Venditore di biglietti)
    Olivier Bonjour (Regista cinematografico)
    Mark Donovan (Uomo sovrappeso)
    Ann Esley (Donna sovrappeso)
    Jean Mark Favorin (Poliziotto)
    Eric Godon (Yuri)

    Musica: Carter Burwell

    Costumi: Jany Temime

    Scenografia: Michael CArlin

    Fotografia: Eigil Bryld

    Scheda film aggiornata al: 24 Novembre 2015

    Sinossi:

    "In Bruges è stato girato nell’omonima cittadina belga, la località medievale meglio conservata del Paese, che è un punto di ritrovo per i viaggiatori di tutto il mondo. Ma per i killer a pagamento Ray (Colin Farrell) e Ken (Brendan Gleeson), potrebbe anche rappresentare la loro ultima meta. Un lavoro andato storto ha portato il loro boss londinese (Ralph Fiennes, due volte candidato agli Academy Award) ad ordinare ai due assassini, proprio prima del Natale, di recarsi nella storica città fiamminga per un paio di settimane ad aspettare che si calmino le acque.
    Decisamente fuori posto nell’architettura gotica, nei canali e nelle strade con i sampietrini, i due killer riempiono le giornate facendo i turisti. Ray, ancora sconvolto per il bagno di sangue a Londra, odia il luogo, mentre Ken, che mantiene uno sguardo paterno sulle azioni spesso divertenti e profane di Ray, ritiene che la sua mente e la sua anima vengano addolcite dalla bellezza e dalla serenità della città. Ma più rimangono in attesa della chiamata di Harry, più la loro esperienza diventa surreale, mentre fanno degli strani incontri con la gente locale, i turisti, la violenta arte medievale, un attore americano nano (Jordan Prentice) che gira un film d’essai europeo, delle prostitute olandesi e una potenziale storia d’amore per Ray grazie a Chloë (Clémence Poésy), una ragazza
    che sembra nascondere oscuri segreti. Quando finalmente arriva la chiamata di Harry, la vacanza di Ken e Ray diventa una lotta per la sopravvivenza degna di una dark comedy e dalle conseguenze sorprendenti dal punto di vista emotivo".

    Dal >Press-Book< di In Bruges - La coscienza dell'assassino

    Commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    È la Bruges che sembra uscita da una fiaba ad aprire lo scenario della commedia noir, con la voce fuori campo del mandante che, in un linguaggio spiccatamente colorito, introduce la presenza dei personaggi che passano dal Regno Unito alle Fiandre e getta i protagonisti in una situazione di statica attesa.
    Da turisti visitano gallerie e chiese che suscitano in loro i macabri retroscena di un passato recente, riportano a brevi tratti un senso di colpa e di impotenza, di suggestione macabra che ritrovano nei quadri di Bruegel e Boch e in una città in cui loro sembrano i soli “Cattivi”, si apre ben presto un retroscena tutt’altro che fatato, dove dietro l’angolo, in ogni piazza, in ogni vicolo acciottolato, lungo ogni canale, si nasconde una sorpresa ed un evento inaspettato.
    Dalla ragazza che spaccia droga alle troupe che girano film in città, all’ex fidanzato skinhead, al nano xenofobo, il

    regista con irriverente sarcasmo mette in scena gli stereotipi della società moderna attraverso un gioco che ha del paradosso e che fa sembrare i due “killer” protagonisti tanto piccoli rispetto al contesto in cui sono catapultati.
    Si crea così una sorta di “teatrino noir” degli eventi concatenati e inaspettati, in cui nulla è lasciato al caso e in cui tensione e cinismo grottesco si alternano mentre la trama scorre veloce, apparentemente semplice ma infarcita da una fitta rete di eventi che attraverso lo spiccato e irriverente cinismo di ognuno dei protagonisti, si dipana secondo un ordine concentrico fino alla fine.
    Il tutto veicolato dalla sapiente scelta del regista di giocare con il campo visivo della telecamera a 360 gradi e che di volta in volta si trova a destra, a sinistra, sopra i protagonisti, ma anche in soggettive di campo e contro campo che creano un raro esempio di gioco connotativo.
    “Prima uccidi

    e poi guarda il panorama”, sembra dire la morale, perché il cattivo è dietro l’angolo.
    E così per puro paradosso Ray (Colin Farrell) diviene il “killer gentiluomo” che fa di tutto per salvare la vita dei bambini, e quando tenta di fuggire dalla vendetta del “Cattivo” per eccellenza, Harry (Ralph Fiennes), viene arrestato per aver oltraggiato il turista canadese che per caso ne ha seguito le tracce fin sul treno; poi viene salvato dalla ragazza che si è innamorata di lui mentre l’ex fidanzato skinhead si scopre essere il figlio di uno dei fornitori di armi di Harry.
    Una tragica ironia noir che porta Ken (Brenda Gleeson), che sarebbe del tutto disposto a godersi la vita nella città che a lui appare veramente di fiaba, a rimanere invischiato in vendette non del tutto sue per salvare la vita del giovane amico e collega.
    La città fantastica lo tradisce.
    Cala la nebbia che di

    fatato ora non ha più nulla, e dalla torre panoramica si perde del tutto il panorama; lui non riuscirà a salvare il compagno ed amico mentre tutto il dramma si consuma nella notte, nella piazza, tra i tavolini dei bar al lume di candela, alla fievole luce fatata dei lampioni, davanti ad una folla astante che segue la violenza in maniera passiva, come fosse normale, senza alcun intervento, come fosse all’ordine del giorno e come nelle migliori trame di Tarantino.
    Ed il giovane protagonista, Ray, corre la sua ultima corsa per le vie strette e acciottolate di quella città che non gli è mai piaciuta, lungo i canali, crivellato dai colpi del “Cattivo”, in un finale che svela con tragico sarcasmo il gioco dei ruoli.
    Chi sia il “Killer”, il vero “Colpevole”, non si sa più, perché la colpa passa da persona a persona, in una rete di equivoci, in quella città

    che di fatato non ha nulla e che trasforma il sogno in una notte che non ha nulla di diverso dal teatro di maschere di quell’ Ultimo Giudizio di Boch.

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO di IN BRUGES - LA COSCIENZA DELL ASSASSINO

    Links:

    • Colin Farrell

    • Ralph Fiennes

    • Brendan Gleeson

    • Clémence Poésy

    1

    Galleria Video:

    inbruges_US.mov

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Il signor diavolo

    IL SIGNOR DIAVOLO

    Un ritorno ai demoni del passato del regista Pupi Avati al romanzo gotico e a .... [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]