ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Dal 24 Aprile

    "È stato un esperimento davvero unico. Sono 10 anni di storytelling ....
    [continua]

    The Song of Names

    THE SONG OF NAMES

    New Entry - Clive Owen e Tim Roth protagonisti di una "storia poliziesca emotiva" .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > American Gangster

    DUE LUPI SOLITARI AI LATI OPPOSTI DELLA LEGGE IN MEZZO A STUOLI DI CRIMINALI COL DISTINTIVO

    "(Il racconto) ... del sogno di un americano che trova il modo di fare un accordo con degli individui nel sud est asiatico per ottenere un tipo di eroina di qualità superiore. E una volta ottenuta l'eroina riesce a fare un accordo con alcuni ufficiali dell'esercito statunitense affinché la nascondano nei sacchi con i cadaveri dei soldati americani uccisi che vengono rispediti a casa, [la cosiddetta Cadaver Connection]. Ho pensato che si trattasse di un'idea straordinaria, interessante e da non lasciarsi sfuggire".
    Il produttore Brian Grazer

    "A quei tempi, secondo quello che si racconta, l'eroina veniva venduta tra i 50.000 e i 60.000 dollari al chilo con una purezza del 50 - 60 per cento. Frank aveva trovato quella pura al cento per cento per 4.200 dollari al chilo e la vendeva sulle strade ad un prezzo inferiore a quello della concorrenza, Nonostante il maggior grado di purezza. Fate voi il calcolo. Ha fatto un'incredibile quantità di denaro che, ad un certo punto, aveva raggiunto, secondo le sue stime, il milione di dollari al giorno... (Ma) Quello che mi interessava della storia non era glorificare uno spacciatore di droga e l'ho spiegato a Frank (Lucas) quando ci siamo incontrati".
    L'attore Denzel Washington

    (American Gangster USA 2007; drammatico; 157'; Produz.: Universal Pictures/Imagine Entertainment/Relativity Media/Scott Free Productions; Distribuz.: UIP)

    Locandina italiana American Gangster

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    SHORT STORY: Drama tells the true juggernaut success story of a cult hero from the streets of 1970s Harlem in American Gangster.
    Trailer

    Titolo in italiano: American Gangster

    Titolo in lingua originale: American Gangster

    Anno di produzione: 2007

    Anno di uscita: 2007

    Regia: Ridley Scott

    Sceneggiatura: Steven Zaillian

    Soggetto: Articolo di Mark Jacobson, The Return of Superfly

    Cast: Denzel Washington (Frank Lucas)
    Russell Crowe (Detective Richie Roberts)
    Cuba Gooding Jr. (Nicky Barnes)
    Josh Brolin (Detective Trupo)
    RZA (Moses Jones)
    John Ortiz (Javier J. Rivera)
    John Hawkes (Freddie Spearman)
    Ted Levine (Lou Toback)
    Yul Vazquez (Detective Alfonso Abruzzo)
    Carla Gugino (Laurie Roberts)
    Chiwetel Ejiofor (Huey Lucas)
    Idris Elba (Tango)
    Roger Bart (Avvocato)
    Armand Assante (Dominic Cattano)
    Norman Reedus (Detective all'obitorio)

    Musica: Marc Streitenfeld

    Costumi: Janty Yates

    Scenografia: Arthur Max

    Fotografia: Harris Savides

    Scheda film aggiornata al: 04 Gennaio 2015

    Sinossi:

    All'inizio degli anni Settanta, la corruzione della polizia era in ascesa nella città di New York. La guerra del Vietnam stava costando un prezzo spaventoso sia in casa che sul posto. I soldati statunitensi tornavano a casa nei sacchi di plastica o con una seria dipendenza da un oppiaceo chiamato eroina – una condizione che condividevano con gli sperimentatori mossi dalla curiosità che diventavano immediatamente dipendenti. Con la complicità delle forze dell'ordine la mafia agiva relativamente impunita in questo mercato non competitivo, vendendo migliaia di chili di droga a questi tossicodipendenti alla disperata ricerca di una dose. Una classe privilegiata ed intoccabile di uomini bianchi sborsava centinaia di milioni a giudici, avvocati e poliziotti newyorkesi affinché tenessero la bocca chiusa riguardo a questa relazione reciprocamente benefica. Cosa Nostra e i suoi sottoposti erano imbattibili.
    Finché un imprenditore di colore di nome Frank Lucas (Washington) prese in mano la cosa.
    Nessuno si era accorto di Frank, il silenzioso apprendista di Bumpy Johnson, uno dei boss del crimine neri della zona interna della città del dopo guerra. Ma quando il suo capo muore improvvisamente, Lucas sfrutta l'apertura nella struttura del potere per costruirsi il suo impero personale e creare la sua versione privata di una storia americana di successo. Sebbene non fosse andato a scuola, Lucas poteva contare su anni di esperienza acquisita direttamente in strada. Se ne servì — insieme ad una certa ingenuità e ad un'etica del business molto rigorosa—per riuscire a governare il traffico di droga nella zona interna della città, inondando le strade di un prodotto più puro ad un prezzo migliore. Lucas scalza tutte le organizzazioni criminali e diventa non solo uno dei principali corruttori della città, ma anche parte del suo circolo di superstar urbane.
    Richie Roberts (Crowe) è un poliziotto scaltro e duro che è abbastanza vicino alla strada per avvertire un cambio ai vertici della malavita che controlla la droga. Roberts intuisce che qualcuno sta scalando i ranghi, scavalcando le famiglie mafiose locali e comincia a sospettare che un potente "giocatore" nero sia apparso dal nulla a dominare la scena. Lucas e Roberts condividono un codice etico rigoroso che li distanzia dai loro colleghi, rendendoli due lupi solitari ai lati opposti della legge. I destini di questi due uomini si intrecceranno mentre si avvicina il giorno di un incontro scontro che non solo cambierà le loro vite, ma altererà il destino di un'intera generazione nella città di New York.
    Girato a New York e in Tailandia, American Gangster si dipana nel corso degli anni in cui la guerra del Vietnam era al suo apice, 1968-1974. Gli sforzi di Lucas e Roberts nella società del dopo boom— separati e alla fine anche congiunti—avrebbero segnato l'inizio della fine di un'era di complicità nell'ignorare le leggi che avrebbero mietuto migliaia di vite. Ed in una città corrotta, durante un periodo turbolento, due uomini che vivevano ai due lati opposti del sogno americano si sarebbero trasformati da nemici giurati in riluttanti alleati dalla stessa parte della legge.

    Dal >Press-Book< di American Gangster

    SHORT STORY:

    Drama tells the true juggernaut success story of a cult hero from the streets of 1970s Harlem in American Gangster.

    Nobody used to notice Frank Lucas (Oscar winner Washington), the quiet driver to one of the inner city’s leading black crime bosses. But when his boss suddenly dies, Frank exploits the opening in the power structure to build his own empire and create his own version of the American Dream. Through ingenuity and a strict business ethic, he comes to rule the inner-city drug trade, flooding the streets with a purer product at a better price. Lucas outplays all of the leading crime syndicates and becomes not only one of the city’s mainline corrupters, but part of its circle of legit civic superstars.

    Richie Roberts (Oscar winner Crowe) is an outcast cop close enough to the streets to feel a shift of control in the drug underworld. Roberts believes someone is climbing the rungs above the known Mafia families and starts to suspect that a black power player has come from nowhere to dominate the scene. Both Lucas and Roberts share a rigorous ethical code that sets them apart from their own colleagues, making them lone figures on opposite sides of the law. The destinies of these two men will become intertwined as they approach a confrontation where only one of them can come out on top
    .

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    PRELIMINARIA:
    La leggenda dello spacciatore di eroina/uomo di famiglia/distributore di morte/leader civico Frank Lucas venne raccontata per la prima volta in un articolo del giornalista Mark Jacobson apparso sul "New York Magazine" sette anni fa. Nel 2000, il produttore esecutivo Nicholas Pileggi—co sceneggiatore di Quei bravi ragazzi e Casino insieme a Martin Scorsese—ha presentato Jacobson a Lucas, dando inizio ad un viaggio in cui Lucas ha raccontato al giornalista la sua oltraggiosa ascesa e la sua successiva caduta. Dall'aver assistito all'omicidio del cugino ad opera del KKK a La Grange, nel North Carolina, al guadagno di cifre da capogiro con lo spaccio della droga fino alla condanna all'ergastolo, la vera storia di Lucas lascia senza fiato.
    Il conseguente The Return of Superfly di Jacobson raccontava la complessa storia di un mezzadro disperatamente povero che si trasferisce ad Harlem e lentamente scavalca i boss locali della scena della droga e

    arriva a dirigere l'impero dell'eroina di New York. Nonostante venda un prodotto più puro ad un prezzo più basso a migliaia di tossico dipendenti del periodo dalla guerra del Vietnam, Lucas ammassa una fortuna calcolata in decine di milioni—ma richiama anche l'attenzione della legge. Se non avesse spacciato una sostanza illegale, nuova e letale, Lucas sarebbe sicuramente stato ricordato come uno degli uomini d'affari più attenti e di successo della decade, se non del secolo, per la sua impresa a conduzione familiare.
    Cresciuto senza mezzi in una piccola città del sud degli Stati Uniti, Lucas è arrivato a New York nel 1946 come, nelle sue stesse parole, "un figlio di puttana diverso dagli altri". Per due decadi ha lavorato al fianco di Ellsworth 'Bumpy' Johnson (che ha ispirato il personaggio del 'padrino' nero nei film Shaft degli anni 70), come suo braccio destro fino alla morte di Johnson nel 1968—istruito alla

    maniera dei gangster tipo Frank Costello e Lucky Luciano. E alla morte di Johnson, Lucas ha preso in mano le redini, ha cambiato le regole del nuovo business dell'importazione dell'eroina ed ha immediatamente dato una sua impronta alla città—mettendo una pistola alla tempia di chiunque osasse contraddirlo.

    COMMENTO CRTICO:

    UN THRILLER TANTO CLASSICO QUANTO PERFETTO IN OGNI DETTAGLIO. ECCELLENTE DA OGNI PUNTO DI VISTA: REGIA, SCENEGGIATURA, MONTAGGIO E PERFORMANCES, LA’ DOVE SPICCANO I DUE PROTAGONISTI, RUSSELL CROWE - SEMPRE PIU’ SPESSO DIRETTO DA RIDLEY SCOTT - E DENZEL WASHINGTON, FORSE NEL RUOLO MIGLIORE DELL’INTERA CARRIERA. IL REGISTA RIDLEY SCOTT IN PARTICOLARE, CONFERMA QUI LA SUA FAMA DI GRANDE ‘MAESTRO DELL’ESTETICA’, MAGISTRALMENTE CALIBRATA CON I COMPLESSI UNIVERSI INTROSPETTIVI DEI PROTAGONISTI, COSI’ COME CON OGNI ALTRA COMPONENTE DEL FILM.

    Che la sceneggiatura dovesse essere eccellente ce lo potevamo anche aspettare: quando c’è Steven Zaillian (Schindler’s List, Risvegli, Gangs of New York) al timone

    della scrittura di un film, il prodotto non potrà che essere DOC, ovvero di ‘denominazione di origine controllata e garantita’. Poteva allora far difetto la regia? Ma stiamo scherzando? Se personalmente abbiamo già provveduto a rimarcare nel suo profilo introduttivo uno tra i motivi firma che lo rendono famoso quale indiscutibile ‘maestro dell’estetica’ qui, con American Gangster ne possiamo trovare una dimostrazione piu’ che concreta che lo conferma. Stiamo parlando di Ridley Scott naturalmente, e anche questo, più che sorprenderci ci appaga. Basta solo pensare come è rimasta nell’immaginario collettivo la megalopoli di Los Angeles del 2019 in Blade Runner o la Roma antica di Massimo (con tutte le licenze del caso) nel pluripremiato Il gladiatore, per apprezzare lo stile di American Gangster, reso pulsante fin nelle ricostruzioni che vanno a ricreare l’universo dei due personaggi protagonisti Richie Roberts e Frank Lucas, ad esempio nella Harlem dei primi

    anni Settanta. Ma lo stesso vale anche per le varie tappe internazionali che la storia richiede di chiamare in causa, a cominciare da Bangkok, l’oasi delle piantagioni ‘proibite’.
    Guardando ad American Gangster ci si accorgerà ben presto che si tratta semplicemente di un thriller classico, ma reso in un modo assolutamente perfetto. Ispirato, com’è ormai noto, ad una storia vera, American Gangster ripropone la drammaticità di eventi e personaggi con uno stile pulito ed elegante dal carisma unico che ne fanno un film di gran classe a tutto tondo. E non è dunque solo una questione di ambientazioni. Ogni elemento o componente, ogni dettaglio è opportuno, c’è e ci deve essere, ogni tempo è accellerato o rallentato perché così deve essere, ogni angolatura di ripresa e ogni direzione con cui la macchina da presa pedina un’azione, un pensiero, un ambiente, interno o esterno, non è abbozzata o casuale, non c’è

    ridondanza così come non si trascura niente, si largheggia sui primissimi piani ma non se ne abusa, mentre si adotta, quando necessario, una sintesi spettacolare, forte di un magistrale montaggio, efficace e puntuale come il naturale sincronismo di un orologio svizzero. A questo proposito l’esempio forse più significativo è quel che Ridley Scott riesce a fare con l’intermezzo ad intreccio di fotogrammi con cui comprime ogni singola fase di distribuzione della droga, dal mittente al destinatario. E non manca certo di cogliere spaccati personali appuntati sui devastanti effetti collaterali, magari virando la fotografia dal colore al bianco e nero, o al monocromo. Un esempio per tutti la devastazione fisica di una giovane madre morta sul letto con il suo bambino che le piange accanto. Movimenti rapidi ma incisivi, magari intercalati da un primissimo piano appuntato sugli occhi del ‘leader’, o, in altra occasione, da una carrellata a scorrere sulla fatiscenza

    di un edificio condominiale, là dove la droga è di casa non solo per il consumo ma anche quale laboratorio di confezionamento. Ogni rivolo che percorre le dinamiche interattive di questo ‘infestante traffico’, inclusa la dilagante e massima corruzione della squadra narcotici, in quel preciso momento ‘storico’ coinvolta per tre quarti, trova qui il suo legittimo spazio e viene sistematicamente messo a fuoco in modo da lasciare allo spettatore l’oppotunità, imperdibile, di arrivare alla visione d’insieme di un affresco indimenticabile. Va detto che, a rendere indimenticabile questo affresco, concorrono non poco anche le straordinarie performances di Denzel Washington nei panni del boss Frank Lucas - forse il ruolo migliore di tutta la sua carriera - e di Russell Crowe - si direbbe ormai il pupillo di Ridley Scott che ricorre a lui sempre più spesso - in quelli del poliziotto Richie Roberts. Due personaggi indagati a fondo nelle rispettive vite

    personali: c’è la vita di Lucas (Washington), che dopo aver sofferto povertà, soprusi e gavetta ad Harlem, non solo riesce a riscattarsi in un modo incredibile, purtroppo nella malavita e nel traffico di droga pesante, ma coinvolge l’intera famiglia, cui peraltro è molto legato, in particolar modo alla madre, e, anche se potrà sembrare un paradosso, resta fedele alle tradizioni così come alle osservanze religiose; e c’è poi la vita di Richie (Crowe), tanto rigoroso e integerrimo nel lavoro di poliziotto e nelle amicizie quanto una frana nella vita privata degli affetti, marito e padre alquanto inadeguato per eccesso, troppo assente e troppo fedifrago.
    Come faranno i due a trovarsi alla fine sulla stessa lunghezza d’onda ve lo lasciamo scoprire da soli, invitandovi calorosamente a non mancare l’appuntamento con questo film al cinema.

    Perle di sceneggiatura

    FRANK LUCAS (DENZEL WASHINGTON): "La mia società vende un prodotto che è migliore di quello della concorrenza, ad un prezzo inferiore a quello della concorrenza".

    RICHIE ROBERTS (RUSSELL CROWE): "Giudici, avvocati, poliziotti, politici… se smettono di portare la droga in questo paese, circa 100.000 persone resteranno disoccupate".

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO di AMERICAN GANGSTER

    Links:

    • Ridley Scott (Regista)

    • Russell Crowe

    • Denzel Washington

    • Cuba Gooding Jr.

    • Chiwetel Ejiofor

    • Carla Gugino

    • Idris Elba

    • Josh Brolin

    • RZA

    • John Hawkes

    • Norman Reedus

    • Armand Assante

    • RUSSELL CROWE E DENZEL WASHINGTON IN COPPIA PER RIDLEY SCOTT IN 'AMERICAN GANGSTER (Anteprime)

    1

    Galleria Video:

    American Gangster.mov

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    RECENSIONE - Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "L’idea di ....
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]