ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Blade Runner: The Final Cut

    DOPO LA CELEBRAZIONE DEL 'XXV ANNIVERSARIO' DI 'BLADE RUNNER' (1982) CON 'THE FINAL CUT' (2007) TORNA DI NUOVO AL CINEMA (IL 6 e 7 MAGGIO 2015) IN ESCLUSIVA NEI CIRCUITI 'THE SPACE'. ED E' GRAN FESTA!!!

    Il 6 e il 7 MAGGIO 2015 in esclusiva nei The Space Cinema - Dalla 64a Mostra del Cinema di Venezia (In ANTEPRIMA MONDIALE)

    "Queste costruzioni (i robot) non imitano gli umani: per molti aspetti fondamentali esse in realtà sono già umane. Di questi tempi, il maggiore mutamento in atto nel mondo è probabilmente la tendenza del vivente alla reificazione e, allo stesso tempo, la reciproca compenetrazione di animato e meccanico. Non disponiamo più di una definizione pura dl vivente in quanto contrapposto al non-vivente. Forse siamo noi umani le vere macchine."
    Lo scrittore PHILIP K. DICK

    Fu una lunga storia, un percorso quasi mistico. Avevo la sensazione che ne sarebbe uscito un film unico, ma questo lo sappiamo soltanto adesso. Ricordo che quando presentammo il film alle visioni private, per capire l’eventuale futura reazione del pubblico, mi piovvero addosso reazioni negative, anche violente. Così alla fine uscì una versione ibrida, molto lontana da ciò che noi intendevamo. Ora finalmente potete vedere il film così come era nella nostra testa”.
    Il regista RIDLEY SCOTT

    (Blade Runner: The Final Cut USA 2007; noir fantascientifico cyberpunk di timbro post-moderno; 118'; Produz. Blade Runner Partnership con la co-produzione di Ladd Company; Distribuz. - Internaz.: Warner Home Video; Distribuz. - Italiana: Warner Home Video Italy)

    Locandina italiana Blade Runner: The Final Cut

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    - Blade Runner - The Final Cut - (Comment by PAOLO LOMBARDI) : Ridley Scott has presented, as world wide preview to celebrate the 25th Anniversary, the final version of the famous SCI-FI “Blade Runner” at the 64th Venice Film Festival. This version has been restored, remastered and brought to the old glory by assign just few of the deleted scenes. (Translation by MARTA SBRANA, Canada)
    Trailer

    Titolo in italiano: Blade Runner: The Final Cut

    Titolo in lingua originale: Blade Runner: The Final Cut

    Anno di produzione: 2007

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Ridley Scott

    Sceneggiatura: Hampton Fancher e David People

    Soggetto: Tratto dal romanzo: Do Androids Dream of Electric Sheep di Philip K. Dick

    Cast: Harrison Ford (Rick Deckard)
    Rutger Hauer (Roy Batty)
    Sean Young (Rachel)
    Edward James Olmos (Gaff)
    M. Emmet Walsh (Bryant)
    Daryl Hannah (Pris)
    William Sanderson (Sebastian)
    Brion James (Leon)
    Joanna Cassidy (Zhora)
    Joe Turkel (Tyrell)
    James Hong (Chew)
    Morgan Paull (Holden)
    Kevin Thompson (Bear)
    John Edward Allen (Kaiser)
    Hy Pike (Taffey Lewis)
    Cast completo

    Musica: Vangelis

    Costumi: Jean Giraud, Michael Kaplan, Charles Knode

    Scenografia: Lawrence G. Paull

    Fotografia: Jordan Cronenweth

    Scheda film aggiornata al: 07 Maggio 2015

    Sinossi:

    "Los Angeles, 2019. Un nuovo modello di androide, denominato 'Replicante Nexus 6', si ribella ai propri 'schiavisti' creatori; sei di loro fuggono da una colonia spaziale dove svolgevano i lavori più duri e ingrati. Giunti sulla Terra, i fuggiaschi vengono braccati dalle unità 'Blade Runner' della polizia californiana. Per scoprire l'origine artificiale dei replicanti, i blade runners utilizzano un sofisticato test chiamato 'Voigt-Kampff', che individua sottili reazioni nella retina degli interrogati allo scopo di ottenere una risposta dal loro sistema neurologico.
    Due replicanti vengono eliminati appena giunti sulla Terra; un terzo, Leon, una volta scoperto spara al blade runner che lo sta esaminando. Allo scopo di dare la caccia ai 'lavori in pelle' (nome in gergo dei replicanti), viene allora richiamato in servizio l'ex poliziotto Rick Deckard, uomo solitario e cinico, esperto nel 'ritiro' degli androidi.
    Su invito di Bryant, capo della polizia locale, per prima cosa Deckard si reca nella sede della Tyrell Corporation, la società che ha immesso sul mercato androidi sempre più perfetti (più umano dell'umano era il proprio motto); lì incontra Eldon Tyrrell, l'industriale multimiliardario cha ha costituito la società. Tyrrell gli presenta Rachel, splendida donna-replicante, anch'essa modello 'Nexus 6', ignara della propria condizione. Deckard la sottopone al test 'Voigt-Kampff' e solo grazie all'intuito e all'esperienza acquisita comprende l'origine non umana della ragazza. Tyrrell si vanta del proprio successo, non immaginando che i sentimenti ormai sviluppati dalle macchine organiche potrebbero risultare fatali. Mentre Deckard prosegue le indagini grazie ad alcuni indizi tra i quali una scaglia di materiale plastico trasparente, gli altri replicanti, Roy, Leon e Pris, cercano di risalire al proprio creatore allo scopo di ottenere più vita di quella che è stata loro concessa (quattro anni).
    Dopo aver detto brutalmente a Rachel che è anche lei una replicante, dimostrandole che i suoi ricordi altro non erano che innesti artificiali della memoria di un altro, Deckard prosegue le ricerche fino alla scoperta che il materiale ritrovato appartiene a un serpente inorganico. E, di qui, il poliziotto risale ad uno dei replicanti fuggitivi, Zhora, di professione ballerina in un locale multietnico. Lo scontro tra i due è molto violento: Rick la uccide dopo un inseguimento per le vie di Los Angeles, sparandole alla schiena. I primi rimorsi si fanno sentire. Deckard è seguito passo passo da un collaboratore del dipartimento di polizia, Gaff, personaggio vischioso e ambiguo, ossessionato dagli origami.
    Dopo che il suo capo, Bryant, si è complimentato per il primo successo, Deckard viene aggredito da Leon. Sta per soccombere, sovrastato dalla forza inarrestabile del replicante, quando interviene in suo aiuto Rachel che uccide Leon con un colpo di pistola alla fronte. A casa di Rick, i due si baciano: la replicante può avere sentimenti, e Deckard si innamora dell'androide. Intanto la bella Pris e Roy, unici sopravvissuti del gruppo dei fuggitivi, trovano dimora presso l'abitazione di J. F. Sebastian, genetista e scienziato al servizio di Tyrell, abbindolato dalle richieste di soccorso di Pris, che inizialmente gli aveva celato la propria natura di androide. Sarà lui, colpito dalla sindrome di Matusalemme (e quindi simile ai replicanti in quanto a invecchiamento precoce), a scortare Roy dal proprio creatore. Il confronto tra Tyrrell e Roy è drammatico: dopo aver compreso che nemmeno il 'Padre' può far nulla per invertire il processo che determina il loro breve periodo di vita, Roy lo uccide brutalmente sfondandogli gli occhi e stritolandone la testa. Poco dopo, anche Sebastian viene eliminato.
    Deckard, intanto, scopre il palazzo dei replicanti. Giunto nell'appartamento di Sebastian, non riesce a scorgere Pris perché nascosta tra oggetti inanimati, giocattoli e manichini. Quando Deckard le si avvicina, Pris lo aggredisce, ma riesce comunque ad avere la meglio e la uccide. Solo all'ultimo momento giunge Roy, con il quale ingaggia un furibondo scontro, nel quale non sembra avere alcuna speranza.
    Appeso al cornicione dello stabile, destinato a morte certa, Rick viene sollevato di peso e salvato in extremis da Roy che, poco prima di morire, per esaurimento delle proprie funzioni vitali, decide di donare la vita a chi ha tentato di sottrargliela. Deckard comprende il dramma di quegli schiavi del nuovo millennio, corre a casa dove aveva lasciato Rachel e fugge con lei, non prima di aver raccolto sul pavimento un origami di carta a forma di unicorno confezionato da Gaff.... Un elemento non trascurabile se si guarda al sogno fatto da Deckard a casa propria, in cui proprio un unicorno bianco scorrazza nel verde".

    Commento critico (a cura di PAOLO LOMBARDI)

    IN OCCASIONE DEL XXV ANNIVERSARIO DALLA PRIMA USCITA, RIDLEY SCOTT HA PRESENTATO IN ANTEPRIMA MONDIALE AL FESTIVAL DI VENEZIA LA VERSIONE FINALE DEL CELEBRE ‘CULT’ NOIR, SCI-FI BLADE RUNNER, L’ATTESA THE FINAL CUT, RESTAURATA, RIMASTERIZZATA E RIPORTATA ALL’ANTICO SPLENDORE CON L’AGGIUNTA DI BREVI SEQUENZE INEDITE.

    Sono passati 25 anni da quando (nel 1982) uscì nelle sale cinematografiche la prima versione del film, tratto dal visionario e criptico racconto di Philip Dick Do Androids Dream of Electric Sheep. Le reazioni negative del pubblico nelle visioni private, appositamente allestite per misurarne l’accoglienza, e le critiche, anche violente, manifestate nella circostanza, indussero la produzione a convincere Ridley Scott ad effettuare tagli e rimaneggiamenti; cosicché ne uscì una versione ibrida, non rispondente all’idea ed alle intenzioni originarie del regista stesso.
    La versione presentata al festival di Venezia in anteprima mondiale BLADE RUNNER: THE FINAL CUT, riporta l’originaria sceneggiatura e ci mostra l’opera così come era stata

    concepita dalla mente di Ridley Scott, priva della voce fuori campo di Deckard (Harrison Ford) e del finale bonista e romantico; di fatto il film si conclude con Deckard che entra nell’ascensore annuendo al ritrovamento dell’origami posto all’ingresso del suo appartamento da Gaff (Edward James Olmos), lasciando più mistero sull’origine di Deckard e sulla conclusione della storia.
    In effetti la versione presentata non è molto diversa dalla precedente versione, già uscita in DVD nel 1997, nota come THE DIRECTOR’S CUT, dalla quale differisce per la reintroduzione della scena in cui Roy (Rutger Hauer) nell’inseguimento di Deckard salta sul cornicione e per l’inserimento di una breve sequenza in cui Pris (Daryl Hannah) tortura il naso di Deckard quando gli è addosso nella lotta che si concluderà con la sua eliminazione. In fondo, piccoli dettagli che non modificano sostanzialmente la seconda versione, (quella, appunto, voluta dal regista) in cui l’unica cosa certa è

    che Deckard scopre di essere lui stesso un replicante (come ribadito senza esitazione dallo stesso Ridley Scott nella conferenza stampa tenutasi in occasione dell’anteprima mondiale). Senza entrare in una discussione, che continua ad appassionare i fans e tiene vivo l’interesse per il film, sulla natura umana o non umana di Deckard, un po’ controcorrente ci piace comunque sottolineare che a nostro avviso non è da meno l’originaria versione, forse meno misteriosa e più romantica, ma con un’indubbia presa emotiva per i brani di indimenticabile sceneggiatura presenti nella voce fuori campo e per lo stuzzicante interesse che desta l’amore di un uomo per una macchina (o un non-umano), sia per i risvolti etici e filosofici che ne conseguono, sia per le prospettive che un futuro, forse non troppo lontano, già da ora ci pone (la creazione della vita dalle cellule staminali docet…). E poi, se Deckard era lui stesso un replicante,

    era un modello inferiore o superiore al Nexus 6? Se era inferiore, perché lavorava nelle forze di polizia invece che nelle colonie extramondo come gli altri replicanti e perché aveva comunque un’intelligenza quantomeno non inferiore a quella dei Nexus 6? Se invece era lui stesso un modello Nexus 6, o superiore, perché eveva sempre la peggio in forza fisica negli scontri diretti con gli altri replicanti? Rimarrà un mistero!
    Tornando alla proiezione vista, ciò che tuttavia ci ha lasciato veramente scossi è stato il rivedere il capolavoro di Scott ripulito, rimasterizzato, scansionato ad una risoluzione 4K e ricondotto all’antico splendore, proiettato nella Sala Grande del Palazzo del Cinema del Lido di Venezia. Non ci sono parole adatte per descrivere l’impatto potente e l’empatia che pervade gli spettatori della sala fin dalle prime battute iniziali, con l’audio e le musiche di Vangelis rimasterizzate in digitale, amplificate dagli ampi volumi della sala, che

    risaltano indescrivibilmente i colpi cadenzati che sottolineano l’attività delle ciminiere della Los Angeles del 2019. Le nuove tecnologie digitali hanno permesso di mettere in risalto dettagli delle scenografie del film finora mai visti in una sala cinematografica (nel 1982 la tecnologia non consentiva tanto); i toni azzurrati utilizzati, l’elevata risoluzione delle immagini e l’alto contrasto ben mettono in risalto gli sfondi bui e inquietanti degli anfratti della città. Anche se per onor di cronaca è giusto ricordare che la DIRECTOR’S CUT era già stata di recente ripulita e rimasterizzata in digitale, con l’aggiunta di ulteriori dettagli laterali nelle immagini conseguente ad una maggiore apertura del campo della ripresa, la proiezione sul grande schermo del film ci fa apprezzare ancor di più l’elevata qualità delle immagini stesse. Speriamo solo che il doppiaggio della versione italiana rimasterizzata, presente nel DVD di prossima uscita, non corrisponda alle didascalie riportate nei sottotitoli del film

    proiettato alla Mostra. Ci piace pensare che espressioni e brani celebri di sceneggiatura (ormai parte del mito BLADE RUNNER quali “ritiro” e “lavori in pelle”, utilizzati negli ambienti della polizia locale per indicare la cattura dei replicanti e la loro conseguente eliminazione, o “…se non sei della polizia non hai peso”, per dire che se uno non sta dalla parte delle forze dell'ordine non ha alcun peso nella società in cui vive, non vengano sostituiti con “pensionamento” e “…se non sei della polizia non sei nessuno”), visti nei sottotitoli, non hanno lo stesso significato, non rendono affatto la stessa idea e non ci lasciano intuire e gustare il gergo utilizzato nel film in certi ambienti.
    Per i fan e gli appassionati di science fiction (ma anche per tutti coloro che amano il buon cinema in genere), a dicembre uscirà un cofanetto con 5 DVD contenente le tre versioni del film e

    numerosi contenuti speciali. L’unica pecca è che non è prevista nessuna uscita cinematografica del film, se non a New York ed a Los Angeles, in via del tutto occasionale ed eccezionale.
    E’ un vero peccato che le produzioni cinematografiche e la distribuzione non ripropongano nelle sale periodicamente capolavori che fanno parte delle cineteche private di tutti gli amanti del buon cinema. Rivedere un film come BLADE RUNNER a casa (anche se oggi ci sono ottimi impianti per l’home theatre) non è affatto come rivederlo in una sala cinematografica. Purtroppo, come ha sostenuto anche Ridley Scott nella conferenza stampa tenuta in occasione della proiezione del film per la stampa, “Il commercio distrugge l’arte e i sogni, però la cosa più importante per il cinema oggi è il commercio, l’industria; l’arte è una cosa in più. Il mercato è più ricco, la distribuzione può arrivare in ogni angolo del mondo, il tempo libero

    a disposizione, nei Paesi più fortunati e ricchi, è aumentato: logico che per l’industria del cinema il profitto sia la cosa più importante. Questa è una società malata, c’è gente che cambia lavoro per un miliardo di dollari. Una cosa folle. Oggi si crede di trovare la soluzione con i film a domicilio, ma credo che le cose buone ormai viste in giro sono solo il 3% e le idee mancano completamente. Oggi si fanno soprattutto remake, ma questo è un modo triste di fare cinema; le citazioni sono una cosa, ma rifare un film non ha senso”. Se ciò è vero e il profitto è l’unica cosa importante e per raggiungere ciò l’industria del cinema propenda per una distribuzione capillare che porti i propri prodotti nelle mura domestiche di ognuno di noi, è anche vero che l’interesse per opere d’arte come BLADE RUNNER rimane alto in molti e rivedere

    più volte nel tempo lo stesso DVD non è affatto una rarità; ma allora perché tra tante proiezioni cinematografiche in sale pressoché vuote non vengono riproposti anche capolavori della cinematografia mondiale da tutti apprezzati e più volte rivisti in ambito familiare, con il vantaggio di poter apprezzare appieno le immagini, i suoni e le musiche che solo una sala cinematografica può riproporre? Il centinaio di spettatori rimasti fuori per esaurimento dei posti in sala nell’unica proiezione per il pubblico di BLADE RUNNER: THE FINAL CUT al Lido di Venezia, nonostante l’ora tarda (orario di inizio della proiezione: mezzanotte; erano comunque ammessi anche tutti gli accrediti), qualcosa dovrà pur significare? E’ evidente che in tale ottica occorrerebbe riaprire, in parte, le vecchie sale di una volta, più ampie ed in grado di riprodurre immagini e suoni molto meglio che una multisala, magari attrezzandole per la visione in 3-D, dotandole di occhiali

    wireless di ultima generazione, le cui lenti si oscurano alternativamente grazie ad un dispositivo elettronico sincronizzato con il proiettore digitale; già oggi la tecnologia consente di produrre film in 3-D o di 'gonfiare' a nuova vita i classici. Ridley Scott, nella stessa conferenza stampa, ci ha assicurato che il futuro imminente del cinema è proprio questo. Jeffrey Katzenberg ha dichiarato che entro il 2009n il 20% delle sale americane sarà attrezzato per la visione 3-D, ma qui si apre un altro discorso…
    Per ora, resta il rammarico di non poter vedere nelle nostre sale la versione cinematografica del film, proiettata al Lido di Venezia. Un’esperienza irripetibile.

    Testo aggiornato il 6 settembre 2007

    Perle di sceneggiatura

    Prologo: “Agli inizi del XXI secolo, la Tyrell Corporation portava avanti l’evoluzione dei Robot nella fase ‘Nexus’ - un essere virtualmente identico all’umano - conosciuto come ‘Replicante’. I Replicanti Nexus 6 erano superiori per forza e agilità, e almeno uguali in intelligenza agli ingegneri genetici che li avevano creati. I Replicanti erano usati nelle colonie extra-mondo come schiavi di laboratorio, nella rischiosa esplorazione e colonizzazione di altri pianeti. Dopo il sanguinoso ammutinamento di una squadra da combattimento di Nexus 6 in una colonia extra-mondo, i Replicanti furono dichiarati illegali sulla terra - sotto pena di morte. Speciali squadre di polizia - Unità Blade Runner - avevano ordine di sparare, di uccidere, su rivelazione, ogni Replicante che avesse varcato il confine. Questa non era chiamata esecuzione. Era chiamata ‘ritiro’”.
    (...)
    Rachael: “Sembra che lei non consideri il nostro lavoro vantaggioso per la comunità”.
    Deckard: “I replicanti sono come ogni altra macchina, possono essere un vantaggio o un rischio. Se sono un vantaggio non sono un problema mio”.
    (...)
    Rachael: “Io non sono nel business. Io sono il business”.
    (...)
    Tyrell: “Il commercio, è il nostro fine qui alla Tyrell. Più umano dell’umano è il nostro slogan. Rachael è un esperimento, niente di più. Cominciamo a riconoscere in loro strane ossessioni, in fondo sono emotivamente senza esperienza. Hanno solo pochi anni in cui accumulare conoscenze che per noi umani sono scontate. Se noi li gratifichiamo di un passato, noi creiamo un cuscino, un supporto per le loro emozioni e di conseguenza li controlliamo meglio”.
    Deckard: “Ricordi, lei sta parlando di ricordi”.
    (...)
    Roy: “... se solo potessi vedere quello che ho visto con questi tuoi occhi”.
    (...)
    Leon: “Niente è peggiore di avere una vita che non è una vita... su, svegliati. E’ ora di morire”.
    (...)
    Roy: “Bella esperienza vivere nel terrore, vero? In questo consiste essere uno schiavo”.
    (...)
    Roy: “Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginare. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire”.

    Commenti del regista

    THE FINAL CUT è il risultato di una lavorazione intrapresa nei primi mesi del 2000 e protratta in maniera discontinua per sette anni; un periodo di intensa ricerca, meticoloso restauro, sfide tecniche, scoperte sorprendenti e nuove possibilità. Oggi posso serenamente dire che BLADE RUNNER: THE FINAL CUT è la mia versione definitiva del film”.

    Non ci sono molti film sui quali è bello ritornare, ma credo che BLADE RUNNER sia un film di classe. Conosco gente che vede il film una volta al mese".

    Oggi ci siamo abituati allo stile visivo di BLADE RUNNER, ma quando facemmo le prime proiezioni di prova penso che il pubblico fosse in qualche modo sopraffatto dalla rappresentazione scenica e non riuscisse a seguire l’evolversi della storia”.

    E’ stato un film che ha cambiato l’estetica delle cose, al cinema e nella vita, e questa versione è quella che più sento mia. Ma la cosa che più mi ha colpito è vedere i giovani che, dopo averlo visto e rivisto a casa, hanno potuto finalmente vederlo per la prima volta sul grande schermo”.

    Commenti dei protagonisti:

    HARRISON FORD (Deckard): “Ero disperatamente scontento del film. Sono stato costretto per contratto a registrare cinque o sei differenti versioni della narrazione, ognuna delle quali si è ritenuto richiedesse una voce narrante. La versione finale fu un qualcosa di cui ero completamente scontento. Il film, ovviamente, ha un forte seguito, ma avrebbe potuto essere più di un ‘cult movie’”.

    HARRISON FORD (Deckard): “Una delle qualità interiori di Deckard è il conflitto con le paure che gli provengono dal proprio lavoro, che lo obbliga ad uccidere; non gli piace sparare alla gente. Perciò anche se potrebbe essere un buon ‘blade runner’, Deckard è anche riluttante a svolgere tale compito. Questo conflitto e questa ambiguità lo rendono un personaggio interessante”.

    HARRISON FORD (Deckard): “Il problema maggiore... era... il finale... (Ridley) voleva che il pubblico scoprisse che lui (Deckard) era un replicante. Io rifiutavo questa idea: pensavo che il pubblico dovesse avere un eroe per cui fare il tifo”.

    RUTGER HAUER (Roy Batty): “Ho scelto di fare questo film dopo un colloquio di tre ore con Ridley in cui parlammo di tutto, tranne che del film. Se ogni mio personaggio è per me un giocattolo, questo è sicuramente il più bello”.

    Altre voci dal set:

    DAVID PEOPLES (co-sceneggiatore): “Harrison è proprio un attore magnifico... diventa Deckard. Voglio dire che non lo vedi recitare la parte di Deckard. E’ Deckard. Harrison è fantastico nel film e ha solo questa enorme dote... può diventare una persona diversa senza adottare uno strano accento o un costume diverso o un diverso manierismo... non ha bisogno di quella sorta di appoggio”.

    DAVID PEOPLES (co-sceneggiatore): “Ciò che io pensavo era che tutti noi siamo stati creati e tutti noi abbiamo una data di termine. Non possiamo evitarlo. E’ una delle cose in cui somigliamo ai replicanti. Non potevamo andare a cercare un Tyrell, ma lo avevamo sopra le nostre teste. Esisteva per tutti noi indistintamente...”.

    TERRY RAWLINGS (responsabile del montaggio): “Ridley stesso può aver sentito in definitiva che Deckard fosse un replicante, ciononostante, con la fine del film egli ha inteso lasciare allo spettatore la decisione se Deckard lo fosse o no”.

    Bibliografia:

    PAUL M. SAMMON, Blade Runner - Storia di un mito, Ariccia (RM) 2002, pp.396 edito da Fanucci Editore, Tascabili Immaginario.

    PAOLO CHERCHI USAI, in Segnocinema n.59, ottobre 1993.

    ROY MENARINI, Ridley Scott - Blade Runner, Torino 2000, pp.117 edito da Lindau, Universale Film.

    SCOTT BUKATMAN, Is Deckard a Replicant? in Blade Runner, London 1997, pp.80ss. edito da British Film Institute - bfi publishing; vedi anche la traduzione del paragrafo in Effetto Blade Runner: Deckard è un replicante? nella sezione Cinespigolature.

    FRANCO LA POLLA, PETER FITTING, CARLO PAGETTI, GABRIELE FRASCA, saggi in Philip K. Dick e il cinema, Ariccia (RM) 2002, pp.96 edito da Fanucci Editore, Saggi.

    Links:

    • Ridley Scott (Regista)

    • Harrison Ford

    • Rutger Hauer

    • Edward James Olmos

    1 | 2

    Galleria Video:

    Blade Runner: The Final Cut - trailer

    Blade Runner - The Final Cut - trailer (versione originale).flv

    Blade Runner - The Final Cut - clip - le scene più belle.flv

    Blade Runner - The Final Cut - clip - Tears in Rain (versione originale).flv

    Blade Runner - The Final Cut - Vangelis - clip - Blade Runner.flv

    Blade Runner - The Final Cut - Vangelis - clip - Love Theme.flv

    Blade Runner - The Final Cut - Vangelis - clip - One More Kiss.flv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]