ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Truth

    THE TRUTH

    New Entry - Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Cats

    CATS

    New Entry - Trasposizione contemporanea del celebre musical di Broadway - Dal 25 Dicembre .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 4 Statuette: .... [continua]

    Stanlio e Ollio

    STANLIO E OLLIO

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema .... [continua]

    Ma cosa ci dice il cervello

    MA COSA CI DICE IL CERVELLO

    Cinema sotto le stelle 2019 - Nuova commedia per la coppia, di vita e .... [continua]

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 24 Aprile

    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Cinema sotto le stelle 2019 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - .... [continua]

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Cinema sotto le stelle 2019 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > The Darwin Awards. Suicidi accidentali per menti poco evolute

    MITI E LEGGENDE URBANE DEI NOSTRI TEMPI

    "Sono sempre rimasto affascinato da queste storie, non tanto dal trambusto che hanno creato piuttosto dalle ragioni che le hanno determinate… C’è qualcosa di profondamente americano in esse, qualcosa di umano, attraente e divertente, una combinazione di poesia e testosterone... Le motivazioni che spingono le persone ad agire in questi modi hanno molteplici spiegazioni. Alcuni sono spinti dalla voglia di successo, altri sono semplicemente degli spacconi, in certi casi, invece, si tratta di persone che stanno attraversando la classica crisi di mezza età... Cosa potrebbe mai indurre un uomo ad un comportamento di questo tipo? (riferito all'uomo che attacca un motore da jet alla propria auto) Beh, è la stessa ragione che ha spinto l’uomo ad andare sulla Luna. In quel caso era la scienza a giustificarne le ragioni ma alla radice di un’impresa del genere c’era anche la voglia dell’uomo di riuscire a toccare quella cosa che per migliaia di anni aveva solo potuto vedere nel cielo. In ultima analisi fu un atto poetico."
    Il regista Finn Taylor

    (The Darwin Awards USA 2006; avventurosa commedia romantica; 93'; Produzione Tavistock Films / WowFilms / Blumhouse; Distribuz.: Moviemax)

    Locandina italiana The Darwin Awards. Suicidi accidentali per menti poco evolute

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: The Darwin Awards. Suicidi accidentali per menti poco evolute

    Titolo in lingua originale: The Darwin Awards

    Anno di produzione: 2006

    Anno di uscita: 2006

    Regia: Finn Taylor

    Sceneggiatura: Finn Taylor

    Cast: Joseph Fiennes (Michael Burrows)
    Winona Ryder (Siri Tyler)
    David Arquette (Harvey Whetstone)
    Chris Penn (Tom Sparrow)
    Max Perlich (Bob)
    Brad Hunt (Stan)
    Tim Blake Nelson (Perp)
    Richmod Arquette (Mr. Perlman)
    Julianna Margulies (Carla)
    Tom Hollander (Henry)
    Juliette Lewis (Joleen Whetstone)
    Nora Dunn (Mrs. Perlman)
    Lukas Haas (Farley)
    Ty Burrell (Emile Travers)
    Judah Friendlander (Simon)
    Cast completo

    Musica: David Kitay

    Costumi: Amy Brownson

    Scenografia: Peter Jamison

    Fotografia: Hiro Narita, ASC

    Scheda film aggiornata al: 06 Gennaio 2013

    Sinossi:

    PRELIMINARIA: Cosa Sono I Darwin Awards

    Le persone hanno sempre dimostrato interesse per le storie mitologiche e le leggende urbane. Alcune
    di esse però si sono rivelate reali. Qualche anno fa una serie di queste leggende urbane cominciarono
    a diffondersi su internet: nascevano così i moderni miti dei nostri tempi, i Darwin Awards, che
    prendono il loro nome dal teorico dell’evoluzionismo Charles Darwin. I Darwin Awards sono una
    sorta di onorificenze conferite a quegli individui che causano i più sbalorditivi e sciocchi incidenti
    dell’anno, nei quali spesso rimangono loro stessi coinvolti mortalmente.

    IN BREVE:

    Michael Burrows (Joseph Fiennes) è un poliziotto che ha da poco perso il lavoro. E’ specializzato
    nello studio della personalità umana. La sua ossessione nei confronti degli Awards lo spinge a crearsi
    un hobby: stilare un profilo psicologico di questi individui vincitori dei Darwin Award. A Michael
    Burrows, che di natura è una persona avversa al rischio, viene affiancata Siri Taylor (Winona Ryder),
    un’investigatrice che lavora per un’agenzia di assicurazioni e che al contrario di lui è il tipo che non
    allaccia mai le cinture di sicurezza. I due protagonisti iniziano le loro ricerche per indagare su alcune
    di queste incredibili leggende urbane.

    IN DETTAGLIO
    Michael Burrows, giovane investigatore della squadra omicidi, ha un problema: soffre di ematofobia
    (sviene alla vista del sangue). Una notte Burrows arresta un uomo sospettato di essere un serial killer. Il sospetto oppone resistenza e Burrows è costretto a dargli un pugno sul naso; l’uomo inizia a sanguinare e il poliziotto di fronte al sangue sviene. Burrows viene sospeso dal servizio ma deve anche sopportare un’umiliazione ben più
    grave: la scena dell’arresto è stata ripresa da una videocamera. Burrows aveva infatti permesso ad uno
    studente di regia di riprenderlo durante il servizio per un documentario sulla polizia.
    Il giovane filmmaker si rifiuta di abbandonare il suo progetto ed insiste a voler seguire il poliziotto
    anche quando quest’ultimo perde il lavoro. Burrows è costretto a trovare un impiego che gli permetta
    di continuare a pagare l’affitto. Per questo motivo decide di unire il suo talento per la creazione di
    profili psicologici, all’ossessione per i Darwin Awards.
    Burrows è il tipo di persona che pensa che ogni singola cosa della vita possa essere spiegata,
    categorizzata e prevista. Sapendo che questi “casi Darwin” determinano ogni anno dei costi molto
    elevati per le agenzie assicurative, decide di accordarsi con una di esse. Deve riuscire a provare,
    grazie all’utilizzo del suo sistema di valutazione, che questi comportamenti possono essere previsti. In
    questo modo, oltre a far risparmiare alle agenzie parecchi soldi, riuscirebbe anche a salvare numerose
    vite.
    Quello che il poliziotto non prevede è che questo suo nuovo lavoro lo esporrà in prima persona, cosa
    alquanto negativa per qualcuno che non ama uscire dal proprio appartamento e ancor meno lasciare
    San Francisco. Qui entra in scena Siri Tyler, la migliore agente dell’agenzia. Siri al contrario di
    Burrows si lascia guidare dall’istinto, il caso vuole che sia anche una donna bellissima.
    I due personaggi iniziano il loro viaggio in macchina, accompagnati dal giovane filmmaker.
    Investigano sul caso di una persona scomparsa a seguito di un esperimento incredibile. L’uomo
    avrebbe attaccato un razzo sulla parte posteriore dell’auto e avrebbe raggiunto una velocità di oltre
    600 chilometri orari.
    Poi si interessano della storia dei due ragazzi che avrebbero fatto qualsiasi cosa pur di riuscire ad
    andare al concerto dei Metallica ed infine si occupano della storia di un giovane che avrebbe messo
    della dinamite in mezzo ad un lago ghiacciato per poter pescare.
    Durante le indagini i due protagonisti fanno letteralmente scintille, si scontrano continuamente a
    causa della loro diversa visione del mondo. Dopo aver soccorso Burrows, in seguito ad un infortunio,
    i due consumano la loro relazione, la mattina seguente, però, tutto torna come prima.
    Burrows riesce a decifrare i misteri che determinano ogni singolo caso e il suo capo dell’agenzia di
    assicurazioni gli offre un lavoro. Tuttavia Burrows ha imparato una cosa ben più importante: il
    comportamento umano non può essere quantificato. Egli è riuscito a trovare le motivazioni che
    determinano questi comportamenti fuori dal comune, è riuscito ad accettare la sua umanità, ed è
    pronto a vivere la propria vita nel modo più completo.
    Determinato a finire quello che aveva iniziato Burrows decide di trovare il serial killer che gli era
    sfuggito. In una emozionante sequenza di azione, il poliziotto riesce a prevalere sul criminale. Ormai
    è cambiato, si sente una persona nuova pronta a confrontarsi con il mondo insieme a Siri, che a sua
    volta, ha trovato un uomo unico, brillante, meritevole del suo amore.

    Dal >Press-Book< di The Darwin Awards. Suicidi accidentali per menti poco evolute

    Nota: Si ringrazia Marianna Giorgi (Ufficio Stampa 'Moviemax') per la sollecita collaborazione.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    FILM SPASSOSETTO, PUR SENZA PRETESE, CHE VEDE IL RITORNO SUL GRANDE SCHERMO DI UNA FRIZZANTE E DISINVOLTA WINONA RYDER, SPALLA DEL PROTAGONISTA JOSEPH FIENNES, SIMPATICO ABBASTANZA IN QUESTO SCENARIO ‘LIGHT COMIC’, MA INDUBBIAMENTE PRIVO DEL CARISMA DEL FRATELLO RALPH. SOGGETTO ORIGINALE QUELLO DEI ‘THE DARWIN AWARDS’ CON QUALCHE BATTUTA E SEQUENZA CARINE PER UNA COMMEDIOLA CHE SI DIREBBE IN STILE ‘SCHERZI A PARTE’, DOVE L’UNICA SCHEGGIA IRONICO-PUNGENTE CON UN CERTO SERIOSO MORDENTE SI APPUNTA, SATIRICAMENTE, SUL RUOLO E SUL SENSO DELLE COMPAGNIE ASSICURATIVE. LA’ DOVE VIEN DA CONCLUDERE ‘TUTTO IL MONDO E’ PAESE’.

    Torna sul grande schermo Winona Ryder, disinvolta e frizzante nel ruolo di Suri Taylor, investigatrice per un’agenzia assicurativa, che affianca come collega, il simpatico Joseph Fiennes, - che deve fare però ancora molta strada prima di raggiungere il carisma del fratello Ralph - qui nei panni del poliziotto Michael Burrows. Lo scenario è quello della commedia applicata a

    situazioni di per sé drammatiche, infortuni accidentali, devastanti quanto basta per dire addio alla vita: i cosiddetti ‘Darwin Awards’ (Premio equipollente al ‘mongolino d’oro’ con cui si insigniscono via internet i protagonisti dei più sciocchi incidenti dell’anno), ovvero l’ossessione di Burrows che, su quelle catastrofi, applica alla lettera la propria professionale formazione analitica degli eventi, esercitata nel corpo di polizia, finché non viene espulso per inadempienze dovute ad un problemino che si porta dietro dall’infanzia: l’emofobia. Alla vista del sangue sviene, dando tutto il tempo all’assassino di turno di squagliarsela come meglio crede. Simpatica la sequenza che ci rende partecipi del modo con cui il nostro protagonista riesce ad ottenere un nuovo impiego in una compagnia assicurativa. Grazie alla sua spiccata e naturale tendenza ad individuare specifiche connotazioni della personalità umana, Burrows riesce a mettere a nudo tratti personalissimi del suo potenziale datore di lavoro, dimostrandogli le sue particolari capacità

    e l’evidente, consequenziale vantaggio, sul piano lavorativo.
    Il personaggio di Burrows, sul piano privato, è dipinto sull’onda dell’imbranato andante, di contro alla collega piuttosto sicura di sé (almeno in copertina) nel maneggiare cadaveri da ispezionare e porgere i servigi che si aspetta la compagnia assicurativa per la quale lavora e alla quale deve render conto. L’approccio di Burrows e della Taylor nei confronti delle analisi dei singoli casi è dunque contrapposto. Gli opposti si attraggono si sa, ma qui senza troppo successo, perché tutto è diluito in un mare di ironia e senso di humour, là dove si appunta anche qualche battuta carina. Così il loro rapporto si consuma e si esaurisce, almeno così sembra anche se si intuisce che potrà esserci qualche cambiamento futuro che a noi non è dato di verificare, in una notte di sesso senza seguito affettivo degno di qualche nota. Ma la commedia di The

    Darwin Awards, alla fin fine, sembra ricalcare stile e orme di ‘scherzi a parte’ (una per tutte la sequenza del nostro protagonista nudo perché intento a farsi una doccia, agghindato di un look improbabile con tanto di esilarante imbracatura, allo scopo di evitare di scivolare: il sapone liquido è terminato e giocoforza si deve utilizzare la saponetta-killer. Ma nonostante i suoi sforzi finirà nel ridicolo di fronte alla collega e al tizio che non lo molla un minuto con la telecamera puntata, riprendendo ogni sua mossa, sempre e dovunque, allo scopo di confezionare un documentario sulla polizia, tizio che peraltro non muove un dito in caso di pericolo: filma e basta.
    Il film, nel complesso spassossetto, pur senza pretese, si articola con inserti della voce fuori campo del nostro protagonista che si racconta in prima persona, alternati a episodi esemplificativi dei fatidici infortuni accidentali per lo più mortali, là dove

    la cosa più seria si affida alla dinamica politica dell’Azienda Assicurativa per la quale lavorano i nostri due protagonisti, esplicitata in un passo della sceneggiatura da lei stessa come rara e inedita riflessione con un certo serioso mordente. Il che sentenzia, almeno sul registro delle Assicurazioni e del loro ruolo, che ‘tutto il mondo è paese’.
    Non del tutto inedita, ma ugualmente molto carina e in linea con lo spirito della storia, la presentazione finale, sui titoli di coda, di ogni personaggio, anche minore, colti uno per uno su un’azione del film, nella maggior parte dei casi accompagnata anche da una battuta dello script, e intervallati uno dall’altro con il fermo immagine. Tra questi personaggi si annovera il cameo del poeta newyorkese della beat generation Lawrence Ferlinghetti che qui interpreta se stesso.

    Links:

    • Winona Ryder

    • Joseph Fiennes

    • Lukas Haas

    • Tom Hollander

    • Juliette Lewis

    1

    Galleria Video:

    The Darwin Awards (versione originale sottotitolata).mov

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Men in Black: International

    MEN IN BLACK: INTERNATIONAL

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 luglio .... [continua]

    Spider-Man: Far from Home

    SPIDER-MAN: FAR FROM HOME

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 10 Luglio

    "Mi hanno chiesto per anni se volessi ....
    [continua]

    Roma

    ROMA

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: .... [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Cinema sotto le stelle 2019 - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) .... [continua]

    Arrivederci professore

    ARRIVEDERCI PROFESSORE

    Cinema sotto le stelle 2019 - Anteprima all'Italy Sardegna Festival (13-16 giugno) - Johnny .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Cinema sotto le stelle 2019 - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: .... [continua]

    Aladdin

    ALADDIN

    Cinema sotto le stelle 2019 - Nella versione live-action del classico Disney (1992) Will .... [continua]