ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Lost and Found in Paris

    LOST AND FOUND IN PARIS

    New Entry - La storia degli anni giovanili dell'attore Rupert Everett, qui in veste .... [continua]

    La fiera delle illusioni-Nightmare Alley

    LA FIERA DELLE ILLUSIONI-NIGHTMARE ALLEY

    Guillermo del Toro adatta per il grande schermo il romanzo omonimo di William Lindsay Gresham .... [continua]

    Ennio

    ENNIO

    New Entry - Dal 17 Febbraio .... [continua]

    Un'ombra sulla verità

    UN'OMBRA SULLA VERITA'

    New Entry - Da Aprile .... [continua]

    Aline-La voce dell'amore

    ALINE-LA VOCE DELL'AMORE

    New Entry - Dal Festival di Cannes 2021 - Valérie Lemercier, in veste .... [continua]

    The Tender Bar

    THE TENDER BAR

    RECENSIONE - Un romanzo di formazione prende vita in celluloide per George Clooney che dirige .... [continua]

    The King's Man - Le origini

    THE KING'S MAN - LE ORIGINI

    Prequel del film Kingsman - Secret Service - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 5 Gennaio
    [continua]

    West Side Story

    WEST SIDE STORY

    VINCITORE di 3 Golden Globes: 'Miglior film commedia o musicale'; 'Migliore attrice in un .... [continua]

    C'era una truffa ad Hollywood

    C'ERA UNA TRUFFA AD HOLLYWOOD

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Un sentiero di ritorno affollato tra Robert De Niro, Morgan Freeman, .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Breach-L'infiltrato

    LA PIU' GRANDE FUGA DI SEGRETI DELLA STORIA DELL'FBI: ED E' SUBITO THRILLER

    "Quando a tradire la nostra fiducia è proprio un agente dell’FBI, che non solo ha
    giurato di far rispettare la legge, ma soprattutto di contribuire alla sicurezza del nostro Paese, si tratta di un fatto veramente sconvolgente. Questo tipo di condotta criminale rappresenta il peggior atto di tradimento immaginabile contro una nazione fondata sul rispetto della legge. E colpisce anche al cuore di tutto
    quello che l’FBI rappresenta: l’impegno di oltre 28.000 uomini e donne onesti e
    impegnati, che lavorano scrupolosamente per meritarsi la fiducia e il rispetto del popolo americano tutti i giorni
    ".
    L’ex direttore dell’FBI Louis J. Freeh (sull’arresto di Robert Hanssen)

    (Breach, USA 2007; Thriller; 111'; Produz.: Double Agent Productions Inc./Universal pictures/Sidney Kimmel Entertainment/Intermedia/Outlaw Pictures/Outlaw Productions; Distribuz.: Mikado)

    Locandina italiana Breach-L'infiltrato

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Breach-L'infiltrato

    Titolo in lingua originale: Breach

    Anno di produzione: 2007

    Anno di uscita: 2007

    Regia: Billy Ray

    Sceneggiatura: Billy Ray, Adam Mazer e William Rotko

    Soggetto: Storia di Adam Mazer e William Rotko

    Cast: Chris Cooper (Robert Hanssen)
    Ryan Phillippe (Eric O'Neill)
    Laura Linney (Kate Burroughs)
    Dennis Haysbert (Dean Plesac)
    Caroline Dhavernas (Juliana O'Neill)
    Gary Cole (Rich Garces)
    Kathleen Quinlan (Bonnie Hanssen)

    Musica: Michael Danna

    Costumi: Luis M. Sequeira

    Scenografia: Wynn Thomas

    Fotografia: Tak Fujimoto ASC

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    "Negli Stati Uniti, c’è un gruppo scelto di uomini e donne a cui sono affidate le sorti della nazione. Gli agenti del Federal Bureau of Investigation hanno giurato non solo di far rispettare la legge, ma anche di servire gli Stati Uniti con lo stessa dedizione che riservano alla loro famiglia. Questa è la storia di un uomo che ha tradito tutti gli americani. Ispirato a fatti realmente accaduti, Breach è un thriller ambientato nei corridoi del Bureau, il luogo in cui si proteggono i segreti più delicati e complessi della nazione. Nel febbraio del 2001, si è scoperto che lo stimato agente operativo dell’FBI Robert Hanssen era colpevole di tradimento contro l’America. Da più di due decenni,
    Hanssen vendeva sistematicamente e deliberatamente documenti fondamentali del servizio segreto nazionale all’ex Unione Sovietica. Il vincitore del Premio Oscar CHRIS COOPER (American Beauty, Il ladro di orchidee) interpreta Hanssen, una delle spie più celebri nella storia degli Stati Uniti. RYAN PHILLIPPE (Crash – contatto fisico, Flags of Our Fathers) affianca Cooper nei panni di Eric O’Neill, il giovane agente in prova, scelto dall’FBI per riuscire a smontare la copertura di Hanssen. Quando O’Neill viene promosso da un lavoro di sorveglianza di basso livello e trasferito al quartier generale dell’FBI, il suo sogno di diventare un agente a tutti gli effetti sta per diventare realtà. Cosa ancora più importante, O’Neill è stato scelto per lavorare con il rinomato agente operativo Hanssen all’interno della ‘sicurezza delle informazioni’, una nuova divisione creata per proteggere tutti i documenti considerati segreti dall’FBI. Il suo entusiasmo, tuttavia, si trasforma in nervosismo quando deve fare i conti con la vera ragione alla base della sua inaspettata promozione. Hanssen è l’unico sospettato di una lunga investigazione top-secret: si teme che possa essere una talpa ed è ritenuto molto pericoloso, anche solo per la notevole quantità di informazioni che dovrebbe proteggere. Il Bureau domanda a O’Neill di utilizzare la fiducia, sempre maggiore, di Hanssen nei suoi confronti per bruciare la copertura del traditore. Impegnato in un gioco letale di spia contro spia, O’Neill si ritrova a lottare per far cadere Hanssen prima che l’agente
    traditore e doppiogiochista possa distruggere lui, la sua famiglia e la nazione che entrambi hanno giurato di servire... Gli attori che affiancano Cooper e Phillippe per dar vita sullo schermo a questa
    analisi del tradimento sono: la candidata all’Oscar LAURA LINNEY (Kinsey, Conta su di me) nei panni dell’agente speciale Kate Burroughs, la rappresentante dell’FBI che ha la responsabilità di O’Neill; DENNIS HAYSBERT (Jarhead, Lontano dal paradiso), che interpreta l’agente speciale Dean Plesac, l’uomo che lavora con la Burroughs per far crollare Hanssen; la candidata all’Oscar KATHLEEN QUINLAN (Apollo 13, Le colline hanno gli occhi), nel ruolo della fedele moglie di Hanssen, Bonnie; GARY COLE (The Ring Two, Ricky Bobby: La storia di un uomo che sapeva contare fino a uno), che ha incarnato l’agente speciale Rich Garces; e CAROLINE DHAVERNAS nei panni di Juliana, una donna determinata, fresca sposa di O’Neill".

    Dal >Press-Book< di Breach-L'infiltrato

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    NON LASCIATEVI INGANNARE DALLE BATTUTE INIZIALI DEL FILM. NON SI TRATTA, AL DI LA’ DI PARAMETRI APPARENTEMENTE ORECCHIATI DA UNA STRADA GIA’ RICCAMENTE LASTRICATA DA ‘SPY STORY’ IN CELLULOIDE, BENSI’ DI UNA STORIA, PERALTRO ISPIRATA AD UN FATTO REALMENTE ACCADUTO, CHE VI AVVILUPPERA’ IN SPIRALI MULTIPLE DI INTROSPEZIONE PIENA, HABITAT DOVE ECCELLE UN ‘INFILTRATO’ DA OSCAR, UN CHRIS COOPER CHE NEI PANNI DI ROBERT HANSSEN SI IMPONE ALL’ATTENZIONE QUALE MAESTRO INSUPERABILE NEL PORTARE IL SUO PERSONAGGIO ALLE MASSIME VETTE DI UN’INTERIORIZZAZIONE DALLO SPESSORE SEMPRE MUTEVOLE E CANGIANTE. UN FILM DI QUELLI FATTI PER RESTARE E SOLLECITARE RIFLESSIONI A LUNGO TERMINE

    Sulle battute iniziali e oltre del film si ha come l’impressione di trovarci di fronte all’ennesima finestra aperta sull’intelligence dei servizi segreti. E la riflessione sorge spontanea. Che si tratti di CIA o di FBI o di che altro, i parametri sono in definitiva sempre gli stessi. E si ha pure

    l’impressione che lo sforzo di dare un tocco in qualche modo personalizzato sfumi sul filo della convenzione, dell’orecchiato, a partire dalla dinamica interattiva tra i personaggi protagonisti. La direzione di supercontrollo: una donna fredda e pungente, determinata e insolente, dai modi bruschi e decisi, come manifestati sulle prime dall’agente speciale Kate Burroughs (l’intensa e pur leggera Laura Linney), nei confronti del giovane ‘apprendista’, aspirante agente FBI Eric O’Neill (Ryan Phillippe), alle prese con un incarico che ha tutta l’aria di essere più grande di lui, come rischio e come gestione. Per non dire del ‘sorvegliato speciale’: l’anziano sagace ed estremamente burbero, scontroso e sospettoso, gelosissimo del proprio spazio privato anche in ufficio, che tira fuori tutta la linfa ispida di una personalità regina dell’introversione, nei confronti del giovane impiegato che deve vedersela subito con il rigoroso rispetto della gerarchia, fino al graduale ammorbidimento, con consigli paterni per quanto autorevoli e

    alquanto invadenti. Che dire? Come da copione. Poi però ad un certo punto il film vira improvvisamente tendendo sempre più la corda della suspense e - uno dei vanti del film - giocando tutto sulla complessa ambiguità di carattere del protagonista: il ‘sorvegliato speciale’, l’infiltrato Robert Hanssen, incarnato da un eccellente Chris Cooper, davvero un maestro in chiave introspettiva, tale da bucare lo schermo sul filo di un’interiorizzazione portata alle massime vette, tanto è assorbito nel calibrare il suo personaggio attraverso uno spessore sempre variabile, specchio della variegata e sfumata complessità della sua personalità in relazione alle varie circostanze in cui si trova ad agire. E’ qui che arriva un vero e proprio caleidoscopio di tocchi di personalizzazione che danno a questa vicenda una connotazione tutta sua, un genere di identità che riesce ad emergere fino a distinguersi dalla ricca cornucopia di spy story in celluloide che ben conosciamo. Così

    ci ritroviamo ben presto avviluppati nel groviglio di spirali multiple che, grazie a Dio, intelligentemente la regia si è guardata bene dal gestire sul piano dell’azione, accordando priorità assoluta all’introspezione piena. E una volta dentro ne usciamo solo con l’epilogo di una vicenda peraltro ispirata alla realtà di un episodio focale nella storia dell’FBI, in cui si è verificata, appunto, la più grande fuga di segreti sofferta dall’autorevole istituzione. L’incività e la profondità di numerosi passi della sceneggiatura, in cui trovano degno spazio la ben nota contraddizione sofferta da agenti di quel tipo tra gestione privata e dovere professionale, integrità, rinunce, scelte personali, oppure ossessioni, in particolare sul piano religioso e sessuale del protagonista, lasciano sempre il passo ad un qualcosa di ambiguo e indefinito, che permea il tutto. Una sospensione e una ambiguità che si impongono quali autentiche star del film dall’inizio alla fine, tanto da lasciare non poco

    materiale su cui riflettere una volta usciti dalla sala cinematografica. Un film questo che lascia pensare, e non soltanto sulla problematicità delle dinamiche interattive e sui meccanismi di difesa interni all’FBI, quanto su ciò, o meglio, su chi o cosa, muove l’infiltrazione, quali siano le vere ragioni che spingono in quella direzione, le effettive responsabilità in seno ad una raggiera di complicità, sul senso di fiducia, di tradimento, di appartenenza ad una squadra, sul labirinto internazionale a propulsione politico-criminale - il confine è davvero molto labile - dove individuare chi e perché comanda cosa e, non ultimo, sulle verità apparenti, sulle possibilità eventuali di discernere quando qualcuno è stato magistralmente incastrato come capro espiatorio per nascondere ben altro. Chissà! Dunque un genere di pellicola appartenente di diritto a quella sempre più rara categoria di film che lasciano qualcosa in eredità allo spettatore, qualcosa che scarta decisamente dall’effimero, qualcosa fatto per

    restare dentro ed essere rispolverato nel tempo per un altro sguardo.

    Links:

    • Laura Linney

    • Chris Cooper

    1

    Galleria Video:

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    150 milligrammi

    150 MILLIGRAMMI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - NOMINATION ai CÉSAR 2017: 'Migliore Attrice' (Sidse Babett .... [continua]

    Macbeth

    MACBETH

    Il nuovo film di Joel Coen con Frances McDormand e Denzel Washington - Dal 14 .... [continua]

    Il potere del cane

    IL POTERE DEL CANE

    VINCITORE di 3 Golden Globes 2022: 'Miglior Film Drammatico'; 'Miglior Regista (Jane Campion); 'Miglior .... [continua]

    La figlia oscura

    LA FIGLIA OSCURA

    Da Venezia 78. - Esordio alla regia di Maggie Gyllenhaal - RECENSIONE in ANTEPRIMA .... [continua]

    Above Suspicion

    ABOVE SUSPICION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 2 Novembre - (Internet) .... [continua]

    Don't Look Up

    DON'T LOOK UP

    CelluloidPortraits ha eletto Don't Look Up a FILM DELL'ANNO 2021 - RECENSIONE - .... [continua]

    Belfast

    BELFAST

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - VINCITORE di 1 Golden Globe 2022 per la 'Migliore Sceneggiatura' .... [continua]