ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > I predatori dell'arca perduta

    IL I° ATTO DI UN'AVVENTURA 'SOPRANNATURALE': 'I PREDATORI DELL'ARCA PERDUTA'

    Celebrazioni 35° Anniversario - Speciale uscita il 26 e 27 APRILE 2016 nei The Space Cinema

    "... Ho sempre desiderato dare vita ad una serie che fondesse Lash La Rue, Spy Masher, Masked Marvel e Tailspin Tommy con elementi di Edgar Rice Burroughs e con la grande immaginazione di George (Lucas)... Una cosa da tenere bene in mente è che si tratta solo di un film. 'I Predatori dell'Arca Perduta' non è un'esposizione di fatti. Non è certamente un documentario storico del modo in cui andavano le cose nel 1936. Vuole essere uno spettacolo esotico che ha lo scopo di emozionare, atterrire e colpire l'attenzione degli spettatori... non è una presa in giro e non è un'imitazione di qualcosa. E' un'avventura soprannaturale - che fonde i suoi fantastici elementi in un genere che è stato tristemente in letargo per decenni nel cinema americano... 'I Predatori dell'Arca Perduta' non impiega speciali effetti tecnologici come 'Guerre stellari'. Il film ha luogo in un periodo in cui l'abilità di un eroe è opposta ad un nemico di apprezzabili classe e spirito".
    Il regista Steven Spielberg

    (Raiders of the Lost Ark USA 1981; 115'; avventura soprannaturale; Produz.: George Lucas e Howard Kazanjian della Lucasfilm per la Paramount; Distribuz.: CIC- Cinema International Corporation)

    Locandina italiana I predatori dell'arca perduta

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: I predatori dell'arca perduta

    Titolo in lingua originale: Raiders of the Lost Ark

    Anno di produzione: 1981

    Anno di uscita: 1981

    Regia: Steven Spielberg

    Sceneggiatura: Lawrence Kasdan

    Soggetto: George Lucas e Philip Kaufman

    Cast: Harrison Ford (Indiana Jones/Indy)
    Karen Allen (Marion Ravenwood)
    Wolf Kahler (Dietrich)
    Paul Freeman (Belloq)
    Ronald Lacey (Toht)
    John Rhys Davies (Sallah)
    Denholm Elliott (Marcus Brody)
    Anthony Higgins (Gobler)
    Alfred Molina (Sapito)
    Vic Tablian (Barranca)

    Musica: John Williams

    Costumi: Deborah Nadoolman

    Scenografia: Norman Reynolds

    Fotografia: Douglas Slocombe

    Scheda film aggiornata al: 03 Maggio 2016

    Sinossi:

    "E' il 1936 e Adolph Hitler sta cercando freneticamente un antico e sacro manufatto, la cosiddetta 'Arca santa' che si dice conferisca un potere invincibile al suo possessore.
    Il governo americano deve localizzare la leggendaria reliquia e recuperarla prima che gli agenti di Hitler ne vengano in possesso.
    Il Dr. Indiana Jones (Harrison Ford), professore di archeologia di un piccolo college di New England, è meglio noto all'Intelligence Service dell'Esercito come un avventuriero furbo e dai nervi d'acciaio.
    Indy Jones è il solo uomo dotato dell'abilità e della temerarietà, necessarie per portare a termine questa difficile missione per il suo paese, alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale.
    Jones è appena ritornato da una spedizione nelle giungle del Perù, che è finita con l'intrusione sgradita di Emile Belloq, uno spietato francese cacciatore di tesori.
    Inaspettatamente, Indy rincontra Marion (Karen Allen) la bella e coraggiosa figlia di un vecchio amico dal quale egli conta di avere informazioni d'importanza vitale per la sua ricerca. Ma il padre di Marion è morto, lasciandola sola e senza un soldo nell'ostile città straniera.
    Con riluttanza, la ragazza accetta di collaborare con il persuasivo e affascinante uomo, mettendo da parte gli amari ricordi della loro trascorsa relazione.
    Qualche giorno dopo, in un affollato bazaar de Il Cairo, Marion rimane vittima innocente di un tentativo, da parte degli agenti tedeschi, di disfarsi di Jones.
    Implacabilmente perseguitato dai sostenitori nazisti, Indy apprende presto che il suo vecchio rivale, Belloq, collabora con la squadra archeologica tedesca. Ora, la sola chancce di Indy di eviatre che il prezioso oggetto finisca nelle mani dei nazisti, è quella di ostacolare la loro missione nel vasto deserto egiziano, prima che il francese li conduca sul luogo dove esso è sepolto.
    Le antiche rovine brulicano di vita, mentre gli arabi lavorano febbrilmente sotto il sole cocente, con la supervisione impaziente degli ufficiali nazisti. Una volta nell'accampamento, Indy fa una scoperta molto sorprendente... Marion è viva ed è tenuta prigioniera.
    Il tempo stringe: i nazisti avanzano con un'andatura frenetica, man mano che si avvicinano alla loro mèta. Indy si addentra negli scavi, aiutato da una piccola banda di arabi fedeli, e protetto solo dall'oscurità delle notte.
    Finalmente, poco prima dell'alba essi scoprono la reliquia. Ma persino Indiana Jones, che è molto coraggioso, non è preparato alla tragica disfatta che accompagna il suo breve trionfo.
    Impadronitosi del tesoro per riportarlo al loro Fueherer a Berlino, i nazisti lasciano il temerario americano e la sua ragazza in preda a morte sicura, e si allontanano in fretta dalle rivone dissacrate.
    La coppia sconfitta riesce a sfuggire alla morte attuando una difficile fuga, giusto in tempo per inseguire la scorta che si è ritirata lungo la ripida e tortuosa strada di montagna verso Il CAiro e, in un'eroica imboscata, riesce a togliere ai tedeschi il prezioso carico.
    Tentando di portare la reliquia in salvo fuori da Il Cairo su una carretta, Indy e Marion si ritrovano nuovamente intrappolati e sono costretti a restituirla ai tedeschi.
    I tedeschi trasferiscono la reliquia in un sottomarino in attesa e, grazie alla sinistra abilità di Belloq, rapiscono MArion. Indy li segue fino alla loro base di rifornimento segreta, nascosta in una remota isola tropicale.
    Qui in clima teso e drammatico, i nazisti e l'ossessivo Belloq danno un ultimo sguardo all'ambita reliquia..."

    Dal >Press-Book< de I Predatori dell'arca perduta

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    FLASH MOVIE:

    I PREDATORI DELL’ARCA PERDUTA: IL BIGLIETTO DA VISITA PER LA PRESENTAZIONE DEL PERSONAGGIO. ED E’ ANCHE LA PRIMA VOLTA, PER HARRISON FORD, NEI PANNI DI INDIANA JONES: ‘INDY’ PER GLI AFECIONADOS. LO SCENARIO DOMINANTE E’ QUELLO DICHIARATAMENTE ISPIRATO, COSI’ COME RIMARCATO DALLA FOTOGRAFIA PATINATA, AI POLVEROSI SERIALS CINEMATOGRAFICI, COSIDDETTI B-MOVIES, ANNI TRENTA. GLI INGREDIENTI CHIAVE SONO QUELLI DELLA SFIDA, IRONIA E HUMOUR, SUSPENSE E SPETTACOLARITA’ NON NECESSARIAMENTE VEROSIMILE, COSI’ COME L’AVVENTURA IN CELLULOIDE CALOROSAMENTE SUGGERISCE. E’ QUI CHE MUOVE I SUOI PRIMI PASSI IL NEONATO INDIANA JONES. COSI’, DOPO TANTO TERGIVERSARE SULLA PERSONALITA’ DELL’AVVENTUROSO ARCHEOLOGO, TRA STEVEN SPIELBERG E GEORGE LUCAS, L’IMPRINTING DEL MITICO ‘INDY’ NASCE E SI AFFERMA ALL’INSEGNA DELLA SEMPLICITA’: UN LOOK ESSENZIALE, DA COWBOY UN PO’ STROPICCIATO, CON UN FEDORA COME CAPPELLO E UNA FRUSTA COME INSEPARABILE COMPAGNA, QUANDO E’ IN AZIONE SUL CAMPO - UN CAMPO SEMPRE MINATO DA NEMICI AD OGNI ANGOLO DI STRADA,

    NEL CASO SPECIFICO I NAZISTI CON L’ARCHEOLOGO NEMESI BELLOQ. MA ALL’ARCHEOLOGO SEMPRE AL CENTRO DEL CICLONE AVVENTUROSO SI CONTRAPPONE L’ALTRA FACCIA DI INDY: QUELLA ISTITUZIONALE DEL ‘PROFESSOR’ QUANDO INSEGNA ARCHEOLOGIA AI SUOI ALLIEVI, CON IRRESISTIBILE ASCENDENTE, OVVIAMENTE, SUL GENTIL SESSO. LA TEMERARIETA’ E LA TESTARDAGGINE LO CONTRADDISTINGUERANNO, MA NON NE ANNULLERANNO VULNERABILITA’, UMANE FOBIE O CRUCCI PERSONALI DA ‘AMERICAN LOVER’, PER CASO, E PENTITO AL RICORDO DI COMPORTAMENTI NON TROPPO ORTODOSSI O, COME DIRE, NON PROPRIAMENTE NOBILI. LA MAL CAPITATA E’ LA FIGLIA DEL SUO MAESTRO, MARION RAVENWOOD, UN’INDIMENTICABILE KAREN ALLEN, CHE SEGUE LA SCIA DEL SUO ‘INDY’ MISCHIANDO ARMONIOSAMENTE LA SCORZA DELLA DURA IN SUPERFICIE, ALLA SENSIBILE E SENSUALE FEMMINILITA’ CHE NON LE FA CERTO DIFETTO. LI UNISCE E LI RENDE INSEPARABILI UNA DOTE COMUNE, L’ASTUZIA. DOTE INDISPENSABILE AD ENTRAMBI PER TOGLIERSI DA CONTINUI ED INCALZANTI PASTICCI. IL MCGUFFIN, OSSIA IL PRETESTO DI TANTO FRASTUONO, CORRE SUL FILO DEL

    SOPRANNATURALE. NEL CASO DE ‘I PREDATORI’ E’ L’ARCA DELL’ALLEANZA, UN OGGETTO SACRO PER ECCELLENZA, ANCOR PRIMA CHE REPERTO ARCHEOLOGICO DI IMPAREGGIABILE VALORE. TANTO QUANTO BASTA AD INCRINARE PERSINO LO SCETTICISMO DI INDIANA, PER SUA NATURA ALQUANTO TERRAGNO. SARA’ SAGGIO QUANTO BASTA, LEGATO ALLA SUA PREZIOSA ALLEATA, AL PALO SACRIFICALE, DA IMPORLE DI CHIUDERE GLI OCCHI, PER CREARE UNA BARRIERA SUL LIMITARE DELL’INVALICABILE CONFINE, TRA SUPREMA SACRALITA’ E UMANA CONDIZIONE, NEL BENE COSI’ COME NEL MALE.

    Commenti del regista

    Sulla genesi del film:
    "George (Lucas) si era recato nelle Hawaii per fuggire da quello che egli temeva sarebbe stato un monumentale disastro. Una sera, mentre eravamo a cena insieme, George apprese che il film ('Star Wars'/'Guerre stellari') aveva riscosso molto successo, durante la prima settimana di programmazione e ridendo di questo fatto mi raccontò la storia dei suoi progetti, una serie di film archeologici... 'le prodezze dell'avventuriero/archeologo Indiana Jones' (nel periodo dal 1930 al 1940)... Io dissi: E' una storia veramente emozionante. Ho sempre desiderato dare vita ad una serie che fondesse Lash La Rue, Spy Masher, Masked Marvel e Tailspin Tommy con elementi di Edgar Rice Burroughs e con la grande immaginazione di George (Lucas)".

    E, sulle sue caratteristiche di fondo:

    "Una cosa da tenere bene in mente è che si tratta solo di un film. 'I Predatori dell'Arca Perduta' non è un'esposizione di fatti. Non è certamente un documentario storico del modo in cui andavano le cose nel 1936. Vuole essere uno spettacolo esotico che ha lo scopo di emozionare, atterrire e colpire l'attenzione degli spettatori... non è una presa in giro e non è un'imitazione di qualcosa. E' un'avventura soprannaturale - che fonde i suoi fantastici elementi in un genere che è stato tristemente in letargo per decenni nel cinema americano... 'I Predatori dell'Arca Perduta' non impiega speciali effetti tecnologici come 'Guerre stellari'. Il film ha luogo in un periodo in cui l'abilità di un eroe è opposta ad un nemico di apprezzabili classe e spirito".

    A proposito della scelta del protagonista:

    "Stavano scadendo i termini per la scelta del protagonista ed io ero andato a vedere 'L'impero colpisce ancora'. Harrison (Ford) mi sembrò talmente idoneo ad interpretare il ruolo di Indiana Jones che, insieme a George (Lucas) lo avvicinai il giorno successivo. Harrison è una notevole combinazione dell'Errol Flynn de 'Le avventure di Don Giovanni' e di Humphrey Bogart, nel ruolo di Fred C. Dobbs, del 'Tesoro della Sierra Madre'. Egli sa di essere rude e romantico al tempo stesso".

    Commenti dei protagonisti:

    HARRISON FORD (Indiana Jones):

    "... un ottimo ruolo in quello che poteva diventare un ottimo film... (ma) ... alcuni elementi nel ruolo e nel film potevano essere simili ad Han Solo od a 'Guerre stellari'... Io credo che i due personaggi (Han Solo e Indiana Jones) siano tanto diversi l'uno dall'altro, quanto simili... Sono entrambi degli avventurieri. Sono entrambi grandi parlatori, in un certo modo dei tipi affabili. Ma Indiana Jones è un personaggio che ha altre dimensioni. Han Solo è una personalità meno complicata di Indiana, meno sofisticata. Indiana è un tipo di eroe fanfarone, ma ha delle debolezze umane, dei timori e dei problemi economici e perciò è più realistico. Egli compie azioni coraggiose, ma non lo definirei un eroe. Insegna, ma non lo definirei un intellettuale. Non possiede alcun aggieggio speciale che gli possa evitare eventuali rischi e salvarlo da situazioni pericolose".

    Altre voci dal set:

    Il produttore GEORGE LUCAS:

    "L'idea mi era venuta contemporaneamente a quella di 'Guerre stellari', ma decisi di mettere da parte 'I Predatori...' per rispolverarlo più tardi".

    Il produttore FRANK MARSHALL:

    "Era importante che ci fosse un modo in cui Indy potesse uscire sorprendentemente da tutte le situazioni difficili. Egli non avrebbe potuto sopportare il fatto che la gente potesse dire 'No, è assolutamente impossibile sopravvivere a questo'".

    Links:

    • Steven Spielberg (Regista)

    • Karen Allen

    • Harrison Ford

    • Alfred Molina

    1

    Galleria Video:

    I predatori dell'arca perduta - trailer.flv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]