ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Dal 24 Aprile

    "È stato un esperimento davvero unico. Sono 10 anni di storytelling ....
    [continua]

    The Song of Names

    THE SONG OF NAMES

    New Entry - Clive Owen e Tim Roth protagonisti di una "storia poliziesca emotiva" .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme .... [continua]

    Home Page > Eventi

    ABITARE L’ABITO: IL SENSO DI UNA MOSTRA MIRATA ALLA DIVULGAZIONE E ALLA DIFESA DI UN ‘PATRIMONIO ARTISTICO’

    Si è inaugurata al Castello Odescalchi di Bracciano (Roma) mercoledì 13 giugno alle ore 19,30, per restare aperta fino all’11 novembre, la mostra “COSTUMI A CORTE. Le collezioni della Sartoria Farani”.

    14/06/2007 - Questa Mostra, ideata da LUIGI PICCOLO, Direttore della Sartoria Farani, a cura di ALESSANDRA TORELLA, con il contributo di un comitato scientifico composto da Roberto Valeriani, Bonizza Giordani Aragno, Matteo Basilé, Paolo Poli, Maurizio Scarparro e Claudio Strinati, si incentra su una sorta di “seconda gioventù” vissuta oggi dalla Sartoria Farani, di cui in catalogo (Electa) se ne ricostruiscono sinteticamente le principali tappe e sviluppi:
    “… Già dall’inizio degli anni 80 (Piero) Farani sceglie come suo più stretto collaboratore Giuti Piccolo che è oggi il titolare dell’azienda, e che, senza dimenticare né abbandonare lo stile proprio della sartoria, aggiunge un grande amore per il costume filologico e, nello stesso tempo, accanto ad un’organizzazione del lavoro più moderna non perde la qualità artigianale del lavoro e quel certo clima familiare.Vengono acquisiti nuovi spazi e quelli esistenti riorganizzati.
    Piccolo negli anni ha raccolto un gran numero di pezzi autentici, una collezione di circa 700 abiti che va in massima parte dall’inizio dell’Ottocento al secondo dopoguerra e che accanto ad abiti di Dior o Balmain affianca certe creazioni anonime scelte perché vi è stata vista un originalità, un taglio o un ricamo in qualche modo speciali. Una collezione che rappresenta un valido supporto per quel lavoro di ricostruzione storica che oggi si affianca al lavoro di pura invenzione.
    Accanto a costumisti affermati ed alle produzioni per i grandi teatri lirici italiani e non solo o cinematografiche, si dà spazio e fiducia a quelli che sono considerati giovani talenti, prima fra tutti Alessandra Torella, cresciuta nella sartoria ed assistente di Donati che oggi firma per il teatro lirico e per il cinema, o Alessandro Ciammarughi, prima assistente di Samaritani ed oggi richiestissimo scenografo e costumista teatrale o ancora Maria Filippi che collabora abitualmente con Carla Fracci e Beppe Menegatti, solo per citarne alcuni ; bisogna dire che spesso questa fiducia si trasforma in una specie di investimento sul futuro, infatti si decide spesso di lavorare comunque in piena libertà anche se i budget non lo permetterebbero.
    Negli ultimi anni si è deciso di aprire le porte della sartoria e, attraverso una serie di fortunate mostre di far conoscere il lavoro artigianale che c’è dietro la realizzazione di un costume.
    Spesso il cinema, il teatro e più in genere lo spettacolo, vengono molto mistificati ed è solo il lavoro di alcuni ad essere valorizzato, in realtà alla base c’è il lavoro, quell’artigianato nobile, le cosiddette arti applicate, che spesso sono il veicolo attraverso il quale viene promossa e conosciuta la creatività italiana nel mondo. Il senso di queste mostre non è dunque meramente celebrativo quanto piuttosto divulgativo e si vuole diffondere la conoscenza di un patrimonio, che non abbiamo remore a definire artistico, e difenderlo".

    Un interessante sguardo su questa preziosa occasione culturale esprime poi pubblicamente (sempre in catalogo Electa) il Vice Presidente del Consiglio e Ministro per i Beni Culturali FRANCESCO RUTELLI:

    “In più di quaranta anni di attività, i costumi prodotti dagli abili artigiani della Sartoria Farani e disegnati da grandi costumisti e artisti hanno impreziosito film che hanno segnato la storia del nostro cinema. Il valore di questo lavoro è riconosciuto a livello internazionale ed è ancora oggi un veicolo di promozione della cultura italiana e delle qualità italiane all’estero.
    Questo patrimonio rappresenta in qualche modo la storia del nostro Paese soprattutto perché gli abiti della sartoria Farani hanno vestito i sogni di grandi registi e dato vita a personaggi ed immagini che fanno parte della nostra memoria collettiva: la giacchetta di lana fuori misura del Totò di Uccellacci e Uccellini e l’abito arcaico di Silvana Mangano che interpretava la Giocasta di Edipo re - entrambi film di Pier Paolo Pasolini -, le marsine settecentesche di Donald Sutherland nel Casanova e il frac blu di Marcello Mastroianni in Intervista di Fellini, fino agli abiti medioevali di Roberto Benigni e Massimo Troisi in Non ci resta che piangere.
    Grazie al lavoro di questa sartoria, costumisti come Danilo Donati, Ezio Frigerio, Lele Luzzati hanno lasciato il loro segno.
    La Sartoria Farani, come altre storiche sartorie italiane, ha un altro merito, supportato dalla passione e dalla dedizione, che è quello di conservare e divulgare un patrimonio al quale sino ad oggi nel nostro paese, pure patria della moda, non è stata dedicata tutta l’attenzione necessaria: la collezione di abiti autentici.
    In questa mostra al Castello Odescalchi di Bracciano le collezioni esposte sono dunque quelle di abiti per lo spettacolo e di abiti d’epoca, gli uni accanto agli altri a rappresentare due mondi così importanti: lo spettacolo e la moda, caratterizzati dalla forza creativa che ha radici tanto profonde nella nostra storia”.

    Di seguito:
    ELENCO dei COSTUMI in MOSTRA (*):

    CINEMA

    La Bisbetica Domata
    Danilo Donati
    F.Zeffirelli 1967

    Barbarella
    J.Fonteray
    R.Vadim 1967

    La Vita Di Leonardo
    E.Frigerio
    R.Castellani 1971

    I Clown
    D.Donati
    F.Fellini 1970

    I Racconti Di Canterbury
    D.Donati
    P.P.Pasolini 1972

    Otello
    M.Millenotti
    F.Zeffirelli 1986

    Tosca E Altre Due
    A.Torella
    G.Ferrara 2003

    Marie Antoinette
    M.Canonero
    S.Coppola 2006


    LIRICA
    Elena Egiziaca
    S.Calì
    D.Omma
    Atene 1993
    Macbeth
    C.Diappi
    G.Cobelli
    Modena 2001
    Otello
    A.Ciammarughi
    S.Monti
    Sassari 2002
    Il Prigioniero
    A.Torella
    F.Sparvoli
    Torino 2002
    La Boheme
    A.Ciammarughi
    J.Aguni
    Tokio 2003
    Madama Butterfly
    A.Torella
    F.Sparvoli
    Valladolid 2005
    Tristano E Isotta
    F.Squarciapino
    L.Pasqual
    Napoli 2005
    L’Impresario Teatrale
    M.Filippi
    M.Carniti
    Sassari 2006

    PROSA

    La Mante Polaire
    E.Frigerio
    E.Lavelli 1976
    Amleto
    A.Viotti
    G.Lavia 1984
    Don Chisciotte
    L.Luzzati
    M.Scaparro 1984
    Rousseau Project
    A.M.Heinreich
    C.Brandauer 2001
    Kiss Me Kate
    L.Perego
    G.Sammartano 2002
    La Bottega Del Caffè
    G.Crisolini
    L.De Fusco 2003

    ABITI AUTENTICI

    1750 Abito Watteau in moirè rosa
    1908 Abito da sera in seta rosa cipria
    1908 Abito in chiffon nero con perline bianche
    1908 Tailleur in cotone bianco con ricami floreali neri
    1912 Abito da sera in seta viola con tramatura laminata JANE
    1922 Abito charleston in chiffon lilla ricamato con perline in tinta
    1925 Abito charleston in seta nera ricamato in rosso e oro
    1925 Abito charleston in chiffon nero ricamato con perline in tinta
    1922 Abito da giorno in chiffon nero ricamato con perline bianche
    1927 Abito da giorno in chiffon nero ricamato con perline bianche
    1930 Abito da sera in tulle nero ricamato con paillettes in tinta
    1938 Abito da sera in seta beige ricamato con perline rosa e bianche
    1952 Abito da sera in raso di seta celeste acqua ZECCA
    1954 Abito da sera in organza bianca ricamato a motivi floreali GALITZINE
    1955 Abito da cocktail in seta grigia GALITZINE
    1955 Abito da cocktail in taffettà bianco SCHUBERT
    1956 Abito da giorno in cotone stampato arancio
    1956 Abito da giorno in cotone stampato nero e blu
    1956 Abito da giorno in cotone stampato beige a righe rosse
    1967 Tailleur in lana giallo acido BALESTRA
    1967 Abito da giorno in lana laminata rossa BALESTRA
    1967 Abito da giorno in lana turchese BALESTRA
    1968 Abito da cocktail in taffettà celeste DIOR

    (*)La mostra fa parte del percorso museale ed è visitabile all’interno della consueta visita guidata con il seguente orario: Dal martedì la sabato 10.00-1200/15.00-18.00; domenica e festivi: 9.00-12,30/15.00-18,30; dal 1° ottobre la chiusura pomeridiana è anticipata di un’ora.

    (A cura di PATRIZIA FERETTI)

    Nota: Si ringrazia Alessandro Russo (Studio Lucherini Pignatelli Russo) per la cortese e sollecita collaborazione.


    <- Torna all'elenco degli eventi

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    RECENSIONE - Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "L’idea di ....
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]